Armi di distrazione di massa

Domenica scorsa ho letto un articolo del New York Times intitolato "Imparare a lasciar andare: in primo luogo, spegnere il telefono". Come qualcuno che studia l'impatto della tecnologia, in particolare l'impatto sulla nostra psicologia personale, ero interessato a vedere cosa Andy Isaacson, l'autore dell'articolo, ha dovuto dire su cosa ci stanno facendo i nostri telefoni onnipresenti.

Devo dire che sono stato sia incoraggiato che scoraggiato. Tra gli aspetti positivi, l'articolo ha affrontato quello che ritengo sia un problema importante nel nostro mondo inondato di smartphone: il fatto che negli ultimi cinque anni abbiamo iniziato a portarci dietro in tasca o a borseggiare un dispositivo mobile wireless che pretende di essere un telefono ma, in realtà, è davvero più un computer. Quello che era un acronimo affascinante, e in qualche modo divertente, WMD, che si distingue per i dispositivi mobili wireless e non le armi di distruzione di massa, è ora trasformato in un tipo completamente diverso di armi di distruzione di massa che io chiamo armi di distrazione di massa . Secondo il recente rapporto del 30 novembre 2012 del Pew Internet & American Life Project, il 67% dei proprietari di telefoni cellulari si trova a controllare il proprio telefono per messaggi, avvisi o chiamate anche quando non si accorgono che il telefono squilla o vibra. Quasi la metà dorme con il telefono vicino al letto perché vuole "assicurarsi di non aver perso nessuna chiamata, messaggi di testo o altri aggiornamenti durante la notte". Si potrebbe pensare da queste statistiche sconcertanti che Pew ha studiato un campione di adolescenti o giovani adulti. Infatti, hanno esaminato 1.954 proprietari di cellulari americani adulti diffusi in modo abbastanza uniforme tra i giovani adulti (18-29 anni), gli adulti giovani di età media (30-49 anni), gli anziani (50-64 anni) e gli anziani (65 anni e più vecchio).

Nella mia ricerca ho visto una tendenza simile, compresi i dati riportati nelle seguenti tabelle. Il primo grafico suddivide un ampio campione di membri di quattro generazioni, approssimativamente in parallelo con i dati Pew con iGeneration nati negli anni Novanta del Novecento, la Net Generation nata negli anni '80, Generation nata tra il 1965 e il 1979 e la Baby Boomer Generation nata nel 1946 e nel 1964. In questo particolare studio abbiamo osservato quanto spesso le persone di diverse generazioni hanno controllato vari strumenti di comunicazione tecnologica. Come è ovvio, le generazioni più giovani sono più ossessionate dai loro messaggi di testo e meno dalle loro telefonate e Facebook (anche se ancora circa 4 su 10 controllano ogni 15 minuti o meno). I gen Xers sono un po 'meno ossessionati e i baby boomer hanno meno probabilità di controllare costantemente i loro telefoni.

Il secondo grafico (in basso) è tratto dallo stesso studio in cui abbiamo chiesto: "Quanto sei ansioso se non riesci a controllare con ogni tecnologia tutte le volte che vuoi?" Come puoi vedere, metà delle due generazioni più giovani arriva da moderatamente a molto ansioso se non riescono a controllare i loro testi e un po 'meno diventano ansiosi se non riescono a controllare le chiamate cellulari o Facebook. Molto meno i Gen Xers sono ansiosi e sembra che i Baby Boom siano solo ansiosi se non riescono a controllare la posta vocale (forse dal loro lavoro o dalla loro famiglia).

Come ancora più corroborazione di queste tendenze ossessive, il dottor Michael Rothberg e i suoi colleghi del Baystate Medical Center di Springfield, Massachusetts e la dottoressa Michelle Drouin e i suoi colleghi dell'Università Indiana-Purdue University di Fort Wayne, hanno studiato "sindrome da vibrazione fantasma" o percepito vibrazioni da un dispositivo che non è realmente vibrante .

Entrambi hanno scoperto che quasi tutti i soggetti campionati hanno sperimentato queste strane vibrazioni e lo hanno fatto almeno una volta ogni due settimane in media, con molti che lo sperimentano quotidianamente. Dovrai essere il giudice delle tue esperienze personali con questa afflizione dei giorni moderni, ma posso dirti che sento la mia tasca vibrare spesso senza che sia il telefono e notare che gli altri fanno lo stesso. Quando sono fuori con gli amici, invariabilmente qualcuno estrae il telefono dalla tasca o dalla borsa, lo guarda con aria interrogativa e lo rimette a posto (a meno che, ovviamente, il disegno per sbirciare su Facebook o Twitter o su qualsiasi altro sito di social media sia troppo forte ). Prima degli smartphone, se sentivamo una sensazione di formicolio nella nostra parte superiore della gamba, diciamo solo sotto la nostra tasca, avremmo raggiunto e graffiato un evidente prurito. Ora abbiamo completamente cambiato il modo in cui percepiamo questo stimolo neurologico e la nostra ansia ci ha convinto che deve essere un segnale che qualcuno sta cercando di comunicare con noi e dobbiamo verificare chi è e cosa vogliono … e dobbiamo farlo immediatamente . MTV la chiamava FOMO-paura di perdere, ma io la chiamo un comportamento ossessivo.

I media mi chiedono spesso se siamo diventati "dipendenti" dai nostri dispositivi e, per la maggior parte, con l'ovvia eccezione dei dispositivi di gioco, credo che non siamo affatto dipendenti, ma piuttosto siamo ossessionati.

Biochimicamente, queste due risposte psicologiche emergono da due diversi stati della chimica del cervello. Anche se questo semplifica una complessa reazione biochimica, la dipendenza deriva dalla necessità di aumentare i neurotrasmettitori come la dopamina e le endorfine (tra gli altri) nel nostro cervello mentre l'ossessione nasce dalla necessità di diminuire i neurotrasmettitori correlati all'ansia (sebbene le ossessioni aumentino anche altre neurotrasmettitori che bloccano stati d'animo positivi e elevati e producono ansia). È piuttosto complesso e io non sono un neuroscienziato, quindi non sono completamente immerso nell'impatto dei media sui neurotrasmettitori. Tuttavia, so che quello che stiamo vedendo è come guardare Jack Nicholson combattere il suo OCD e continuare a bloccare e sbloccare la sua porta e lavarsi e risciacquare le mani nel film As Good As Gets . Il personaggio di Jack, Melvin, stava cercando di ridurre l'ansia che provava quando lasciava la sua porta aperta e afflitta da germi invisibili. Purtroppo, non lo vedo come molto diverso da quelle persone che controllano costantemente i loro telefoni anche quando non sono stati avvisati di una comunicazione in arrivo.

Tornando all'articolo di Isaacson, ci parla di un salone di San Francisco che ha un cartello che dice "Stai entrando in una zona senza tecnologia e senza dispositivo. Si prega di astenersi dall'utilizzare il cellulare all'interno di questo spazio. L'uso di WMD (dispositivi mobili wireless) non è permesso. " Parla di come il salone abbia lanciato una festa per i dispositivi Device Free per" godersi qualche ora fuori dalla griglia "e come reagivano le diverse persone. Ciò che mi ha rattristato è che quei mecenati citati da Isaacson per lo più parlavano di quanto fosse difficile lasciare andare i loro dispositivi e si doveva tornare di soppiatto alla "sala controllo dispositivi" per chiamare qualcuno e notare con stupore che era durata un'ora. Altri si sono dilettati nell'arte disegnata ma hanno progettato di caricarlo su Instagram non appena sono usciti dalla sala.

La serata è stata organizzata da un tecnico in recupero che gestisce i programmi Digital Detox, che sono ritiri di quattro giorni durante i quali le persone rinunciano a tutta la tecnologia e imparano una varietà di abilità, progettate per aiutare a rilassarsi e ridurre l'ansia. Ho scritto per la prima volta di tentativi di vivere per periodi di tempo senza dispositivi più di due anni fa in un post sul blog di Psychology Today intitolato "Prendere una pausa (virtuale): puoi sopravvivere senza la tua tecnologia per 24 ore? Lo dubito! "In questo post del blog ho descritto due esperimenti falliti per eliminare la tecnologia per un breve periodo e le reazioni delle persone che ci hanno provato. Uno dei partecipanti ha riassunto la sua reazione all'esperimento dicendo: "Mi sento davvero ansioso perché non so se mi manca qualcosa di importante. Continuo a pensare che non posso aspettare che questo finisca perché ho bisogno di controllare la mia e-mail. Quante notifiche su Facebook avrò dopo? "

L'articolo mi ha anche rattristato perché ha sottolineato qualcosa che ho notato come ho studiato l'evoluzione delle nostre reazioni psicologiche alla tecnologia negli ultimi 30 anni. Per qualche ragione ci siamo convinti che l'unico modo per combattere l'ansia che guida la nostra ossessione per lo smartphone (sentirsi liberi di sostituire qualsiasi altra attività tecnologica qui per la propria ossessione personale) è rinunciare a grandi quantità di tempo. Non sono convinto che sia anche una strategia ragionevole e sono più convinto che mai che non funzionerà.

Il nocciolo della questione è che abbiamo perso la nostra capacità di partecipare e concentrarci. Certo, possiamo concentrarci se davvero ci proviamo ma quando leggi un libro o una rivista non senti la tua mente vagare dopo solo pochi minuti? Mi piaceva leggere articoli lunghi del New York e ora mi trovo con impazienza a guardare avanti per decidere se posso leggere fino alla fine prima di passare a fare qualcos'altro. La rivista Week, insieme alla maggior parte delle altre riviste e ai notiziari televisivi, distillano il nostro mondo in brevi byte, così da non rimanere prigionieri per troppo tempo. La ricerca fuori dal mio laboratorio e altri mostrano che studenti, programmatori di computer e persino studenti di medicina sono in grado di concentrarsi solo per 3-5 minuti prima di essere distratti. Indovina qual è la più grande distrazione: la tecnologia! Nel mio studio si trattava di smartphone e Facebook, mentre altri hanno riscontrato che l'e-mail era estremamente fastidiosa nell'ambiente di lavoro. In uno studio sul ruolo della tecnologia nell'ottenere una buona notte di sonno, i membri del mio laboratorio di ricerca hanno scoperto che l'uso dello smartphone nell'ultima ora prima che il sonno e lo smartphone interrompessero il sonno erano i principali colpevoli.

Riteniamo, credo, in un momento critico, forse tanto importante quanto un cambiamento di paradigma, nel modo in cui ci rapportiamo alle persone con cui comunichiamo attraverso le nostre tecnologie mobili a spese di quegli esseri umani che sono fisicamente presenti nel nostro mondo. Mi vergogno un po 'quando vedo giovani adulti in un ristorante e li guardo prendere i loro telefoni (posizionati vicino al piatto della cena), toccare alcuni tasti e provare a riprendere una conversazione. Capisco che i giovani adulti hanno un nuovo gioco in cui tutti mettono il telefono in silenzio e li impilano tutti in mezzo al tavolo. Il primo a soccombere e prendere un telefono deve pagare l'intero conto. Dopo aver visto la gente controllare furtivamente il proprio telefono nel bel mezzo di un film e anche durante un volo in aereo (sì, ho visto persone farlo contro tutti gli avvertimenti della FAA), non penso che questo gioco farà altro che aumentare l'ansia onnipresente .

Quindi, qual è la soluzione a questo problema? Credo che sia giunto il momento di rinnovare noi stessi che non moriremo o di essere lasciati fuori da qualcosa di vitale importanza se non controlliamo i nostri smartphone tutto il giorno e la notte. Nel mio libro, iDisorder: Capire la nostra ossessione per la tecnologia e superare la sua presa su di noi , fornisco una miriade di strategie per fare piccole pause dalla tecnologia, andando fuori e guardando alla natura, esercitando, ascoltando la musica (non mentre il multitasking!), Parlando con qualcuno al telefono e guardando l'arte. La mia raccomandazione è che alla fine ti alleni a prendere una di queste pause ogni ora o così. Innanzitutto, iniziare con una pausa di 10 minuti ogni due ore di inondazione dalla tecnologia e quindi ridurre il tempo tra le pause lentamente da due ore a un'ora e, se è possibile farlo, aumentare il tempo di interruzione da 10 minuti a 15 minuti o -aspetto ancora più lungo. Questo istruirà il tuo cervello ad eliminare lentamente i neurotrasmettitori che segnalano che sei ansioso e ti permettono di lavorare in modo più efficace durante il periodo in cui utilizzi la tecnologia. Se il tuo cervello è pieno di preoccupazioni per ciò che potresti perdere, è doppiamente difficile focalizzare la tua attenzione su un compito a portata di mano. Questo ti aiuterà anche ad aumentare il tempo che ti concentri su una singola attività poiché stai rimuovendo le continue interruzioni dalla tecnologia. Si noti che all'inizio, quando si lavora tra interruzioni non tecnologiche, potrebbe essere necessario chiudere la posta elettronica e attivare lo smartphone in modalità silenziosa per evitare interruzioni. Se stai usando un'ora come tempo di messa a fuoco, questo ti renderà nervoso, quindi prova a concederti il ​​permesso di fare il check-in con il tuo telefono silenziato, diciamo una volta ogni 15 minuti per un minuto o due e poi silenziandolo di nuovo. Nel tempo scoprirete che non è necessario effettuare il check-in così spesso e forse una volta nel mezzo del tempo di messa a fuoco sarà tutto ciò di cui avete bisogno.

La linea di fondo è che abbiamo perso la capacità di concentrarci e occuparci del nostro lavoro e del nostro immediato social network (il nostro vero social network faccia a faccia, non i nostri virtuali). Abbiamo bisogno di riqualificare il nostro cervello per scoprire che non abbiamo bisogno di essere ansiosi e controllare con la nostra tecnologia tutto il giorno e la notte. Abbiamo solo bisogno di un allenamento del cervello

Solutions Collecting From Web of "Armi di distrazione di massa"