Aristotele e l'adolescente che ha iniziato a Wildfire

Un escursionista ha recentemente rilasciato una vivida intervista sul suo incontro con adolescenti che ha assistito all'avvio di un grande incendio boschivo in Oregon.

Seguì una protesta pubblica per la punizione del ragazzo visto mentre lanciava una bomba fumogena in una gola secca. I funzionari non hanno ancora deciso se arresteranno qualcuno, e se lo faranno, se le persone in questione dovranno affrontare accuse come giovani o come adulti. Una discussione molto utile sulle opzioni legali disponibili per Oregon può essere trovata qui.

In risposta alle richieste del pubblico, c'è stato qualche sforzo per puntare a nuove ricerche sullo sviluppo del cervello, che suggerisce che lo sviluppo del nostro cervello richiede molto più tempo di quanto credessimo in precedenza. Per un esempio, vedi qui.

Eppure, se iniziamo a citare studi sul cervello come un modo per evitare di tenere gli adolescenti responsabili delle conseguenze delle loro azioni, immagina l'incentivo che questo creerebbe per gli adolescenti proprio come quelli di questa storia. Sarebbero consapevoli, sapevano e capivano che non sarebbero stati ritenuti pienamente responsabili per aver lanciato petardi nei boschi estremamente secchi.

Questo non sembra ideale. Eppure non sembra nemmeno giusto considerare i quindicenni come responsabili di un adulto.

La tendenza dei tribunali a concentrarsi sul fatto che l'incendio sia stato avviato intenzionalmente o meno sembra anche mancare sia di ciò che il pubblico è preoccupato. Nessuno sembra presumere che si trattasse di un comportamento intenzionale.

Aristotele ci offre un modo per pensare al lancio dei fuochi d'artificio che non è complicato ma anche non molto comunemente suggerito oggi. Aristotele suggerisce che i giovani agiscano sempre volontariamente. Dopo tutto, sono quelli che fanno i movimenti, ordinando alle loro membra di muoversi.

I giovani, tuttavia, non agiscono sempre con "conoscenza".

I giovani adolescenti operano in un qualche tipo di "ignoranza".

Ora, come sottolineato, anche dal testimone, è quasi impossibile immaginare che un adolescente che accende un fuoco d'artificio non si renda conto che il fuoco può diffondersi. Ma questo non è l'unico tipo di ignoranza a cui si riferisce Aristotele. Riconosce anche la propria incapacità di apprezzare le conseguenze delle proprie azioni. (Questo è certamente un ritornello popolare sugli adolescenti, quindi forse Aristotele è a qualcosa!)

Eppure questo da solo non è sufficiente per risolvere le responsabilità. Aristotele invoca un criterio per quelli di noi che agiscono "nell'ignoranza" a causa della nostra gioventù o situazione. Quanto ci sentiamo contriti?

Se non siamo pentiti, poiché il testimone è stato in grado di osservare gli adolescenti intelligenti e ridacchianti, allora Aristotele suggerisce che diventeremo responsabili.

In altre parole, solo se siamo veramente sconvolti dal danno che siamo sorpresi abbiamo causato che "agire nell'ignoranza" diventa significativo.

Questo insieme di distinzioni sembra utile qui, dove le reazioni insensibili di questi ragazzi particolari sono così sorprendenti.

Solutions Collecting From Web of "Aristotele e l'adolescente che ha iniziato a Wildfire"