Apprendimento dell'altruismo: i soccorritori ebrei nell'Europa nazista

Nello studio dei soccorritori ebrei nell'Europa nazista, Samuel e Pearl Oliner concludono che i soccorritori erano persone che credevano di poter influenzare gli eventi. In termini psicologici, possedevano un luogo di controllo interno. Si consideravano persone che avevano una certa influenza nel corso della loro vita. Mentre non potevano controllare completamente i loro destini, non erano nemmeno pedine nelle mani del destino.

Molti altri tedeschi si consideravano vittime, soggette alle ferite psichiche della sconfitta dopo la prima guerra mondiale e al conseguente caos economico. Gli psicologi si riferiscono all'attribuzione di eventi al di là della capacità di influenzarli come luogo esterno di controllo.

Inoltre, gli Oliners scrivono: "Un esame delle prime vite familiari e delle caratteristiche della personalità di entrambi i soccorritori e non-soccorritori suggerisce che il loro comportamento in tempo di guerra è cresciuto fuori dai loro schemi generali di relazione con gli altri".

Molti dei non-soccorritori tedeschi che stavano in piedi mentre gli ebrei morivano non restavano necessariamente passivi perché rifiutavano apertamente o odiavano gli ebrei o altri estranei. La loro accettazione della tirannia era principalmente un aspetto della loro personalità. I non-soccorritori erano persone che prendevano le distanze da ogni rapporto che consideravano gravoso. I non-soccorritori avevano ristretto le personalità, mentre le personalità dei soccorritori erano vaste. I non-soccorritori si accovacciarono e chiusero; i soccorritori hanno aperto le braccia e hanno portato gli altri dentro

Ma come hanno fatto i soccorritori ad essere le persone che erano? Perché qualcuno si assume dei rischi per conto degli altri? A volte, quando ci confrontiamo con atti di altruismo, rimaniamo con meno di sprechi per aiutarci a capire il contesto in cui sono nati.

Fortunatamente, la ricerca ha aiutato a chiarire parte del mistero studiando i soccorritori onorati a Yad Veshem. Gli Oliners sono stati in grado di interrogare centinaia di soccorritori ebrei in Germania per ottenere maggiori informazioni sulle radici dell'altruismo. Scoprirono che una delle chiavi per comprendere i soccorritori era il metodo di disciplina dei genitori dei soccorritori. I genitori dei soccorritori si affidavano alla ragione e alla spiegazione. Quando il loro bambino ne ha ferito un altro, hanno suggerito modi per rimediare al dolore. La punizione fisica è stata usata con parsimonia. Invece hanno fatto un grande uso di persuasione e consigli.

La lezione principale della ricerca di Fogelman e degli Oliners è che l'altruismo può essere imparato. La moralità non emerge dal vuoto. Ciò che i bambini hanno imparato ogni giorno dai loro genitori attraverso atti di gentilezza e tolleranza e attraverso l'incoraggiamento al pensiero indipendente aiuta a spiegare perché sono diventati soccorritori. Questi valori sono diventati radicati e abituali. Il comportamento altruistico era stato così instillato in loro che il rischio personale non era una considerazione. Dovevano fare quello che hanno fatto per essere fedeli a se stessi. Essere un soccorritore era quasi un risultato naturale della loro educazione.

Il dottor Fogelman dice: "In un momento di sconvolgimenti mondiali, quando le norme civilizzate si tenevano in sospensione, alcune persone si tenevano svelte ai propri standard. Non erano santi. Né erano particolarmente eroici o spesso eccezionali. Erano semplicemente persone normali che facevano quello che sentivano doveva essere fatto in quel momento. "

Le implicazioni delle scoperte dell'Olocausto possono istruire i genitori che cercano di allevare figli morali. Possiamo aiutare i nostri figli ad essere brave persone. Insegniamo loro ogni giorno con le parole e con l'esempio. Quando assistiamo gli altri, aiutiamo i nostri figli a prendersi cura di loro. Quando vediamo le persone come individui, insegniamo il rispetto per le differenze. Quando incoraggiamo il pensiero indipendente, aiutiamo a impedire che vengano influenzati dalla folla.

Questi sono valori che vale la pena di trasmettere ai nostri figli in qualsiasi momento. Come Eva Fogelman conclude nel suo libro, "È interessante contemplare un giorno in cui coloro che cercano eroi morali hanno solo bisogno di guardare fino al loro specchio".

Solutions Collecting From Web of "Apprendimento dell'altruismo: i soccorritori ebrei nell'Europa nazista"