Applicazioni etiche in consulenza eccellente

Mentre mi sedevo per scrivere il mio post questa settimana, ero diretto a qualcosa di veramente attuale, come le tattiche di campagna, su come John Boehner guiderà in modo diverso rispetto a Nancy Pelosi, o l'immacolato lavoro di Keith Olbermann. Poi (per il mio amore per tutto ciò che riguarda l'insegnamento e la psicologia e per procrastinare senza sentirsi in colpa), ho letto il meraviglioso post di Dana Dunn, "L'altra parte della scelta dello studente: consigliare". Mi ha colpito il fatto che io abbia Da sette mesi ero un blogger e non avevo nemmeno pensato di scrivere sull'etica del consiglio. Credo che possa essere caduto nelle trappole gemelle di (a) non prendere sul serio questo consiglio, e (b) non pensare esplicitamente a come consigliare è ancora un'altra arena in cui possiamo soddisfare i nostri ideali etici (e, naturalmente, entrare in guaio). Vai a leggere il post di Dunn; Aspetterò qui fino al tuo ritorno.

È facile svalutare la consulenza; i professori spesso non ricevono un riconoscimento esplicito, né tanto meno una compensazione, per consigliare gli studenti. Molte scuole considerano di consigliare un'attività di "servizio", che di solito è il terzo in ordine di importanza dietro alla ricerca (leggi: assicurare i soldi delle sovvenzioni) e l'insegnamento (leggi: assicurare buone valutazioni dei corsi degli studenti). Quando si tratta di revisioni annuali, aumenti salariali e promozioni, le attività di servizio sono spesso come la ciliegina sulla bistecca (che non è un refuso).

Pertanto, i professori possono considerare di consigliare di avere un impatto minimo sulla propria carriera e sulla vita degli studenti. Ma nella mia esperienza (e potrei dare la caccia ad alcuni dati empirici se vuoi che lo faccia), le interazioni più importanti che molti studenti hanno con i professori sono al di fuori della classe e possono benissimo essere durante le riunioni di consulenza. Durante questi appuntamenti di routine, conversazioni banali su requisiti importanti a volte si evolvono in esplorazioni significative di come considerare più di voti e programmi, come essere un buon studente di college e / o come vivere in modo auto-riflessivo e istruito.

Il post di Dunn ci ricorda quanto possano essere importanti i consigli e dimostra alcune pratiche eticamente eccellenti. Le storie che racconta mostrano che non sta solo cercando di stare fuori dai guai; piuttosto, sta prendendo sul serio le sue responsabilità e si concentra su un'ampia definizione di benessere degli studenti. Diamo un'occhiata ad alcuni dei principi etici positivi coinvolti.

Advising Formula

Il primo problema è competenza . Abbastanza interessante, i programmi di laurea non in genere addestrano futuri professori a consigliare. Si presume, immagino, che sappiamo naturalmente come farlo. Ma consigliare è più che dire agli studenti di seguire i corsi che abbiamo seguito o di applicare ai programmi di specializzazione ai quali ci siamo rivolti. Per me era chiaro che Dunn lavora con principi chiari e conoscenze empiricamente derivate oltre alla sua (vasta) esperienza. Sembra anche aperto agli studenti su cosa consigliare, su cosa sia il college e cosa possono aspettarsi gli studenti. La sua franchezza e sincerità modella una buona comunicazione ed esemplifica il principio del consenso informato .

Essere in prima fila con gli studenti è una componente importante del principio del rispetto dell'autonomia . In psicoterapia, medicina, pianificazione finanziaria, insegnamento dello sci e quasi ogni altra attività professionale, fare delle scelte è uno sforzo collaborativo in cui il paziente / cliente / studente è un partner.

Tuttavia, rispettare la scelta dello studente non significa, come dice Dunn, essere un "timbro di gomma" che approva allegramente e ciecamente tutte le scelte degli studenti. Ci ricorda che gli studenti non sono sempre bravi nel prendere decisioni: questa è una delle ragioni per cui vanno al college, no? Quindi, come in molte situazioni eticamente cariche, l'autonomia si scontra con il principio di beneficenza : fare il bene. Eccellenti consulenti come Dunn non stanno solo facendo rispettare le regole universitarie e dicendo agli studenti i corsi giusti da seguire. Prendono in considerazione gli obiettivi, i punti di vista e i sogni degli studenti. Ma stanno anche insegnando agli studenti come prendere decisioni corrette e informate, presentando informazioni, fornendo feedback e impegnandosi in un processo attivo e ponderato. Queste abilità che i consulenti stanno insegnando dureranno per tutta la vita degli studenti, ben oltre la loro conoscenza delle statistiche della psicologia sociale, della storia e, oserei dire, anche delle statistiche. Consulenti eccellenti stanno anche modellando le competenze etiche, compresa la capacità di bilanciare l'attuazione dell'autonomia e della beneficenza.

Un altro atto di bilanciamento riguarda il principio di giustizia , che può essere definito come "il trattamento equivale equamente e disuguale in modo non equo ma in proporzione alle loro differenze rilevanti" (Kitchener, 1984. p.49). Dunn ha scritto eloquentemente su come gli studenti con background diversi possano scegliere diversamente. Quindi, un elemento basilare di consulenza competente è conoscere gli studenti come individui con storie di vita che sono altrettanto importanti per loro come i nostri per noi. Allo stesso tempo, dobbiamo applicare le regole e le politiche in modo equo. Alcuni di voi riconosceranno gli echi in questa discussione sulla classica questione in psicologia relativa allo studio delle persone da un approccio nomotetico a idiografico.

Quando sono in cima al mio gioco come consulente principale, farò domande agli studenti come "Che cosa è importante per te?" E "In dieci anni quando ti alzi e vai al lavoro, dove vai, chi fa lavori con te e cosa fai? "Questi tipi di domande mi aiutano a capire gli studenti in modo ideografico. Mentre gli studenti riflettono su queste domande stimolanti, ampliano le loro prospettive e lavorano per integrare i propri valori con le richieste del curriculum universitario.

Naturalmente, quando non sono in cima al mio gioco, penso a come vedere i miei consiglieri adattarsi al mio programma, un po 'come il modo in cui gli studenti pensano a come i corsi si adattano ai loro programmi …

Se hai avuto consigli o consigli particolarmente buoni al college, mi piacerebbe saperlo.

Riferimento:

Kitchener, KS (1984). Intuizione, valutazione critica e principi etici: la base per le decisioni etiche nella psicologia del counseling. Psicologo Counselling, 12 (3), 43-55.

———————-

Mitch Handelsman è professore di psicologia all'Università del Colorado Denver e coautore (con Sharon Anderson) di Etica per psicoterapeuti e consulenti: un approccio proattivo (Wiley-Blackwell, 2010).

Crediti immagine:

"Lavagna": http://www.texasprecollegeadvisors.com/
"Intervista": http://www.bls.gov/oco/ocos021.htm

Solutions Collecting From Web of "Applicazioni etiche in consulenza eccellente"