Appetito per il rischio

Laura Weis, used with permission
Fonte: Laura Weis, usata con il permesso

Le persone si differenziano per il loro appetito per il rischio. Ci sono quelli che vengono chiamati "drogati di adrenalina", che sembrano dipendenti da comportamenti estremi legati al rischio, così come il "super cauto" riluttante sembra prendere qualsiasi, anche rischi minori nella loro vita.

L'assunzione di rischi è pensata, in quantità moderate, per essere evolutivamente sana e benefica. Le persone troppo sicure minimizzano le numerose minacce poste dai rischi, mentre le persone poco sicure fanno il contrario. L'idea di divertimento di una persona è un'altra fonte di terrore. In effetti essere troppo cauti è una delle posizioni più rischiose che si possano prendere. Dobbiamo prendere decisioni su base giornaliera.

Ci sono vari gruppi che hanno tentato di elaborare questionari semplici, ma affidabili e validi per valutare il rischio. Conosciamo varie cose importanti sul rischio:

Primo, le persone alle due estremità del continuum sono spesso cattive notizie. Sia gli avventurieri super spensierati che quelli spensierati hanno abitudini e atteggiamenti che non vanno bene per la loro salute mentale e fisica o per il loro comportamento sul lavoro. Uno sembra paralizzato; l'altro senza scrupoli.

In secondo luogo , mentre possiamo esaminare il rischio in vari settori, come i rischi etici, finanziari, sanitari e ricreativi che la gente assume, sembra che ci sia più coerenza che incoerenza. Cioè, ci sono tipi avversi al rischio e che abbracciano il rischio. Viviamo come guidiamo mentre investiamo. Le persone che corrono rischi in un ambiente fanno lo stesso negli altri.

In terzo luogo, l' attitudine al rischio è chiaramente correlata a quelle tre variabili classiche: età, sesso e classe. I giovani, in particolare gli adolescenti, tendono a correre rischi maggiori rispetto agli anziani. I maschi sono sempre più rischiosi delle femmine. Gli affari, come la vita, sono rischiosi. In generale, le persone della classe media più istruite prendono meno rischi, almeno con la loro salute.

In quarto luogo, i fattori di personalità giocano un ruolo importante. Essi determinano in che modo le situazioni di rischio vengono percepite e valutate e in sostanza la loro propensione a correre dei rischi. Così, mentre i fattori situazionali, sociali e culturali giocano un ruolo nel gusto di una persona per il rischio, la loro personalità influenza quanto questi fattori siano influenti.

In sostanza, la propensione al rischio di una persona è determinata dalla sua percezione della situazione, dall'esperienza passata in situazioni simili e dalla sua personalità. Gli esperti di sicurezza e di rischio osservano che molti tentativi di minimizzare il comportamento a rischio spesso non tengono conto di questi importanti fattori.

Tipi rischiosi

Un gruppo di psicologi britannici guidati da Geoff Trickey al PCL ha identificato otto tipi in base alla loro tolleranza al rischio.

In fondo ci sono i cauti, pessimisti e vigili tipi cauti che sembrano terrorizzati dal fallimento. A loro non piace il cambiamento e favoriscono le convenzioni e le tradizioni. Sono diffidenti nei confronti di tutti i cambiamenti, di tutte le innovazioni e di tutto ciò che è nuovo.

Successivamente, sono i Prudent, che valutano la prevedibilità e la continuità delle cose nuove e diverse. Sono prudenti, convenzionali e conservatori nella loro prospettiva.

Un altro tipo di tolleranza a basso rischio si chiama Intense ; sono generosi e appassionati, entusiasti e coinvolti ma molto autocritici e quindi meno a rischio.

Il richiedente medio del rischio si chiama Deliberato. Sono equilibrati, sicuri di sé e ben preparati; persone della testa. La loro attitudine al rischio è governata più dalla testa che dal cuore. A loro piace che le cose siano equilibrate, sensibili e sistematiche. Non sono snervate da idee e proposte radicali.

Poi c'è il tipo spontaneo , che è nella media nella loro tolleranza al rischio, ma tendono ad essere emotivamente più reattivi ed espressivi; persone del cuore. Possono essere eccitabili e inclini agli alti e bassi di grandi speranze e molte delusioni.

Primo, c'è il tipo Composto che sembra positivo, elastico e ha poche difficoltà a rimanere "on-task". Di solito non sono considerati spericolati e possono mantenere la calma quando richiesto.

Ma c'è anche il tipo Carefree che è un pensatore libero, che valuta la sua autonomia e indipendenza. Affrontano bene le situazioni in rapido movimento e sono stabilizzati dal loro chiaro senso dell'orientamento. Si divertono a sfidare lo status quo e aprire nuovi orizzonti.

Infine il gruppo di tolleranza al rischio molto alto: i più avventurosi. Positivo, ottimista e fresco; possono anche essere visti come una ricerca mal organizzata, impulsiva ed eccitante. Credono e agiscono come se il destino favorisse gli audaci. E sono felici di andare audacemente dove gli altri non osano.

Cosa mostrano i loro dati? Primo, le donne sono meno rischiose e più caute degli uomini. Ci sono molti altri tipi diffidenti e molti meno avventurosi. Varie spiegazioni sono possibili (forse evolutive); uomo il cacciatore, donna il padrone di casa; alle ragazze viene insegnato di essere più cauti e meno "mettersi in mostra" a rischio per buone ragioni. Forse è per questo che i pericolosi sport e posti di lavoro sono dominati dagli uomini. Successivamente, i baby boomer sono più cauti della generazione X o Y. O semplicemente è semplicemente l'età? Infatti, i dati mostrano che i baby boomer in pensione sono piuttosto spontanei.

Che dire del background lavorativo: pubblico rispetto al settore privato? Molti nel settore pubblico sono classificati come deliberati, che è la media piuttosto che la tolleranza al rischio. Pochissimi sono spensierati e molto prudenti. Le persone del settore privato sono distribuite in modo abbastanza uniforme. La risposta senza dubbio sta nel preciso lavoro che svolgono. Il team PCL ha studiato quattro posti di lavoro: hanno scoperto che la maggior parte dei professionisti IT erano avventurosi o spensierati; la maggior parte degli ingegneri composti o deliberati; la maggior parte dei reclutatori spensierata; e la maggior parte dei revisori ha deliberato.

Il problema con i tipi è che perdono troppe informazioni. È molto più efficiente misurare su semplici dimensioni e avere almeno due misure per verificare l'affidabilità. Questo è ciò che stiamo per suggerire.

Misurare il rischio

Sembra che ci siano essenzialmente due approcci per misurare il rischio.

Il primo è misurare gli atteggiamenti e l'esperienza del rischio in diverse situazioni. Questo di solito comporta chiedere alle persone i loro comportamenti in una serie di situazioni di assunzione di rischi. La teoria è essenzialmente che il passato predice il futuro: più lo hanno fatto in passato, e più lo hanno trovato eccitante e piacevole, più è probabile che lo facciano in futuro.

Il secondo è misurare una variabile di personalità che è stata dimostrata essere correlata al rischio. Questo può essere estroversione o necessità di successo o qualche altra variabile più specialistica. Il più ben studiato in quest'area è probabilmente una variabile chiamata ricerca di sensazioni

Un investitore avverso al rischio è un investitore che preferisce rendimenti più bassi con rischi noti piuttosto che rendimenti più elevati con rischi sconosciuti. Un investitore avverso al rischio è un investitore che preferisce rendimenti più bassi con rischi noti piuttosto che rendimenti più elevati con rischi sconosciuti.
Un investitore avverso al rischio evita i rischi. Sta lontano da investimenti ad alto rischio e preferisce investimenti che forniscono un ritorno sicuro. A tali investitori piace investire in titoli di stato, obbligazioni e fondi indicizzati.

Teoria del potenziale

Mentre molti economisti rimasero nei limiti convenzionali della razionalità e tentarono di modificare i modelli per renderli conformi più strettamente alla realtà, Kahneman e Tversky proposero una sfida più frontale alla teoria dell'utilità attesa. [1] Come psicologi, hanno portato una sensibilità molto diversa all'argomento e basato la loro teoria (che chiamavano teoria prospettica) su alcune deviazioni ben osservate dalla razionalità, tra cui le seguenti:

un. Framing: le decisioni sembrano spesso influenzate da come vengono inquadrate le scelte, piuttosto che dalle scelte stesse. Quindi, se acquistiamo più di un prodotto quando viene venduto al 20% di sconto su un prezzo di listino di $ 2,50 rispetto a quando viene venduto per un prezzo di listino di $ 2,00, siamo suscettibili all'inquadratura. Un individuo può accettare la stessa scommessa che aveva respinto in precedenza, se la scommessa è inquadrata in modo diverso.

b. Preferenze non lineari : se un individuo preferisce A a B, da B a C e poi da C a A, sta violando uno degli assiomi chiave della teoria delle preferenze standard (transitività). Nel mondo reale, ci sono prove che questo tipo di comportamento non è raro.

c. Avversione al rischio e ricerca del rischio: gli individui spesso mostrano contemporaneamente avversione al rischio in alcune delle loro azioni, mentre cercano il rischio in altri.

d. Fonte: il meccanismo attraverso il quale le informazioni vengono fornite può essere rilevante, anche se il prodotto o il servizio è identico. Ad esempio, le persone pagheranno di più per un bene, in base a come è confezionato, che per un bene identico, anche se hanno in programma di scartare la confezione immediatamente dopo l'acquisto.

e. Perdita dell'avversione: gli individui sembrano soffrire più per le perdite che per i guadagni equivalenti. Osservano che le persone saranno spesso disposte ad accettare una scommessa con incertezza e una perdita prevista di una perdita garantita dello stesso importo, in chiara violazione dei principi di base dell'avversione al rischio.

Solutions Collecting From Web of "Appetito per il rischio"