Appeso duro

Eva stava avendo dei crolli durante le lezioni e trascorse la maggior parte del tempo nell'ufficio del consulente di orientamento in lacrime. Sua madre aveva la schizofrenia ed era stata recentemente decompensata, quindi Eva era al di sopra di ogni preoccupazione. Ho iniziato a lavorare con Eva quando il consulente di orientamento non è riuscito a riportarla in classe e avevano raggiunto un'impasse.

Così, quando ho affrontato l'idea di iscrivere Eva in un laboratorio di memorie, un luogo in cui è incoraggiata la condivisione di storie e la comunità è incoraggiata, sono rimasto sorpreso quando ha detto di sì.

Passarono i mesi, e fui invitato alla lettura della classe dove ascoltai la storia di Eva di essere stata lasciata in un centro commerciale quando lei aveva solo quattro anni e suo fratello ne aveva sei. Quel giorno sua madre era confusa mentre era psicotica, e Eva spiegò come lei e suo fratello camminarono lungo l'autostrada, nel buio, verso casa. La polizia stava aspettando quando arrivarono e, come Eva descrisse in modo devastante, "Fu allora che mia madre perse la custodia di noi".

Lavorando con studenti stimolanti o traumatizzati come Eva, gli educatori hanno un'incredibile opportunità di fornire impalcature e di aiutare i bambini a costruire una narrativa significativa. Spostare il paradigma lontano dal punire questi studenti sfidanti quando vacillano, agiscono o provocano interruzioni a favore della compassione e dell'impegno incrollabile sfida anche gli studenti più difficili a crescere dal loro comportamento.

Questa idea molto semplice, ma efficace, è stata coniata "appesa a" da Jeffrey Benson, consulente scolastico e coach e autore del nuovo libro Hanging In: Strategies for Teaching the Students Who Challenger Many Most. Attaccare può fare del bene, insiste, dove la punizione non lo fa.

Il rovescio della medaglia? Richiede tempo. Ci vuole lavoro. Ma funziona.

"Ogni bambino è veramente unico e non possiamo" aggiustarlo "immediatamente", ha spiegato Benson. "Gli studenti possono abbandonare comportamenti disadattivi per quelli migliori, ma non durante la notte. Questi studenti ci ricordano che gli umani non cambiano tanto quanto crescono. Cresciamo attraverso il supporto, feedback utili, fiducia, sicurezza e tempo. Non vi è alcuna garanzia che qualsiasi intervento funzioni, e non ci sono garanzie che la crescita avverrà entro un determinato periodo di tempo. "

Si stima che il 6% dei bambini soffra di disturbi da stress post-traumatico, e il National Survey of Children's Exposure to Violence riferisce che un bambino su dieci subisce una sorta di maltrattamento.

Nel comprendere gli studenti traumatizzati, un educatore deve prima capire in che modo l'abuso prolungato, l'abbandono e il trauma possono sottoporre il cervello del bambino a un'esposizione prolungata al cortisolo, l'ormone dello stress, che può danneggiare l'amigdala e l'ippocampo, le regioni associate alla memoria, all'apprendimento e alle emozioni in lavorazione.

Oltre alla depressione e ai disturbi comportamentali, il trauma può anche causare cambiamenti nel comportamento e nelle relazioni della classe. I bambini che hanno subito un trauma hanno bisogno di essere istruiti su come leggere segnali emotivi poiché spesso prendono un segno neutro e lo percepiscono come ostile. Il mio libro, The Behavior Code , scritto in collaborazione con Jessica Minahan, è incentrato su come il comportamento di uno studente è un sintomo e un tentativo di comunicazione, e tale comprensione è imperativa negli sforzi degli educatori per aiutarli ad andare avanti.

"Può essere difficile vedere come vedono un compito – accademico o fisico o sociale – e per prevedere cosa li farà scattare. Prima che tu possa realizzarlo, possono essere sovrastimolati da un compito semplice, inondati da ricordi di fallimento. Ma quell'alluvione emotiva può sembrare non conformità o evitamento ", ha detto Benson. "Sarebbe molto facile se uno studente ti dicesse: 'Questo compito mi fa ricordare tutti i modi in cui non mi piaccio e quanto sono spaventato dal futuro'. Invece, devi valutare la situazione e provare altri approcci ".

Mentre le scuole sono notoriamente a corto di denaro, Benson ha detto che le risorse necessarie per aiutare gli studenti includono impegno, flessibilità e un piano di gioco. Tutto ciò che è gratuito.

"A volte è sufficiente fornire stabilità, permettere agli studenti di commettere errori in un ambiente in cui non saranno dannati per quegli errori, ma possono costruire capacità e mantenere relazioni", ha detto.

Benson aggiunse: "Gli studenti hanno bisogno di un posto sicuro per ritirarsi temporaneamente dalla confusione di una scuola piena di gente, e non deve essere l'ufficio dell'infermiera, che è dove un sacco di studenti traumatizzati imparano ad andare. Hanno bisogno di semplici piani su come possono autoregolarsi, sia in classe che in quel luogo sicuro per un determinato periodo di tempo, ad esempio cuffie che riducono il rumore, un cuscino, un libro di foto naturalistiche, un diario. Hanno bisogno di una persona affidabile o di due che riescano a vederli al loro peggio. Hanno bisogno di un piano per tornare in classe e recuperare senza attirare molta attenzione, quindi il ritorno in classe non è di per sé un problema ".

Il libro puntuale di Benson si basa su un recente articolo di New York Times di David Bornstein sulla prevalenza del trauma e sulla necessità per tutti i dipendenti della scuola di capirne i segni distintivi e gli effetti. In effetti, lo slancio sta costruendo per le scuole a livello nazionale l'adattamento di strategie non punitive che supportino gli studenti con comportamenti disordinati e consentano loro il margine di manovra per autoregolarsi, far fronte e riprendere.

E, come nel caso di Eva, "Gli studenti sono spesso pronti a rinunciare a se stessi molto prima di quanto tu sia pronto a rinunciare a loro. Devi tenere la speranza per loro quando non riescono a trovarla ", ha detto Benson. "Devi trovare quella parte di un compito a cui attingere."

Solutions Collecting From Web of "Appeso duro"