Antidepressivi: un aggiornamento di ricerca e un esempio di caso

Quali esperienze hanno le persone se prendono antidepressivi?

(c) monkeybusiness/fotosearch

La depressione crea sentimenti di ripugnanza e sentimenti senza speranza.

Fonte: (c) monkeybusiness / fotosearch

Questo post riassume brevemente ciò che i ricercatori hanno scoperto sull’efficacia e anche gli aspetti negativi dei farmaci antidepressivi: Zoloft, Prozac e simili. Il post aggiunge quindi un affascinante esempio di caso, una descrizione che mi è stata presentata da un lettore che ha sperimentato sia gli alti che i bassi delle droghe antidepressive. Prima, però, una parola sul mio pregiudizio personale: le pillole antidepressive aiutano sicuramente alcune persone. Allo stesso tempo, li considero ampiamente sovra-prescritti per la depressione da lieve a moderata e anche per l’ansia. Altre strategie di trattamento per queste situazioni possono essere uguali o più efficaci e senza gli svantaggi. Nel mio discorso TEDx sul sollevamento della depressione, ad esempio, mostro un esercizio di visualizzazione antidepressivo che ho usato efficacemente nella mia pratica clinica da decenni. Vedi anche le tecniche qui.

Che cosa suggerisce l’ultima ricerca sull’opportunità di assumere farmaci antidepressivi?

Per una revisione particolarmente completa dei rischi medici stabiliti degli antidepressivi, questo articolo della Harvard Medical School è particolarmente informativo. Puoi trovare molti articoli simili con una ricerca sul web dei rischi antidepressivi.

Inoltre, un recente articolo completo di 522 studi clinici e oltre 116.000 pazienti – una meta-analisi che combina i risultati di tutti gli studi disponibili – riportava i risultati relativi a 21 farmaci antidepressivi. Questa recensione è stata descritta come l’analisi più completa delle prove mai intraprese. The Lancet Psychiatry , che riportò lo studio, pubblicò anche un’ulteriore analisi da parte degli autori dello studio. Ecco le loro conclusioni:

  • Gli antidepressivi possono essere, in media, un trattamento efficace per gli adulti con depressione maggiore da moderata a grave nella fase acuta della malattia.
  • Efficace come definito in questo studio significa che c’era una riduzione del 50% o più dei sintomi depressivi per un periodo di otto settimane. “Efficace” non implicava la completa remissione (rimozione) della depressione.
  • Alcuni pazienti hanno avuto un grande beneficio dal farmaco; altri hanno guadagnato poco o nessun beneficio. In generale, più grave è la depressione, maggiori sono i benefici dell’antidepressivo.
  • La risposta media a un placebo (una pillola di zucchero mascherata da farmaci) era del 35%. La risposta media agli antidepressivi variava tra il 42% (reboxetina) e il 53% (amitriptilina).
  • Tra il 47 e il 58% dei soggetti, a seconda del farmaco specifico, il farmaco non era efficace. Cioè, non hanno sperimentato almeno una riduzione del 50 per cento dei loro sintomi di depressione.

Si noti che i pazienti depressi che hanno ricevuto sollievo dall’assunzione di un farmaco antidepressivo si sono sentiti decisamente meglio – e tuttavia non necessariamente completamente guariti. Di nuovo, “efficace” è definito come un miglioramento del 50 percento dei sintomi. Questa definizione solleva una serie di domande:

  • E i restanti effetti della depressione, se solo il 50 percento dei sintomi è stato alleviato dal farmaco?
  • I farmaci antidepressivi sono appropriati per prescrivere una depressione lieve? Oppure le tecniche di terapia non farmacologica sono altrettanto o più efficaci? La ricerca riguarda solo la depressione da moderata a grave. Eppure la maggior parte delle prescrizioni per gli antidepressivi sono date per reazioni depressive da lievi a moderate.
  • Studi precedenti hanno concluso che la combinazione di entrambi i farmaci e la psicoterapia ha il più alto tasso di risposta. Entrambi mostrano la stessa efficacia da soli, tranne che la psicoterapia ha impatti positivi più duraturi, perché insegna capacità e intese che hanno benefici a lungo termine. E che dire della ricerca europea che ha scoperto che dopo che le persone hanno assunto un antidepressivo, hanno maggiori probabilità di avere successivi episodi depressivi?
  • A causa del potenziale di dipendenza dei farmaci anti-ansia, come Xanax e Librium (xxx), gli antidepressivi con sedativi profili di effetto collaterale ora vengono prescritti per tenere a bada l’ansia. Quali sono i tassi di efficacia degli antidepressivi per il trattamento dell’ansia?
  • E gli effetti collaterali negativi degli antidepressivi? L’articolo di sintesi di Lancet Psychiatry non dice nulla su questi, il più significativo dei quali è la tossicodipendenza. La dipendenza da droghe significa che una volta che le persone hanno assunto un antidepressivo per un periodo di tempo significativo, il loro corpo inizia a dipendere da esso. Il risultato è che quando cercano di interrompere l’assunzione del farmaco, il loro corpo ha una reazione di rimbalzo della depressione. Quella depressione non significa che hanno sempre avuto bisogno dell’antidepressivo. Significa solo che il farmaco ha causato il loro corpo a non produrre più la chimica del benessere da solo.

Un esempio di caso di farmaci: disperazione, piacere, disastro e altro

Mille grazie a LC, per aver condiviso le sue esperienze antidepressive.

LC: Tutto è iniziato nel tardo pomeriggio. Ero nella mia auto con mio figlio di un bambino, guidando verso casa attraverso il tipico traffico del tardo pomeriggio.

All’improvviso sentii l’odore distinto della combustione. Davanti a me, a sole cinque macchine di distanza, un pennacchio di fuoco arancione neon stava salendo sempre più in alto. Era così fuori luogo e così improvviso che non mi sentivo in preda al panico o alla paura, fissavo solo alcuni secondi, con la bocca spalancata, il mio cervello che calibrava il fuoco sull’autostrada.

Poi ho visto le persone iniziare a correre. E il panico si è diffuso. Le persone intorno a me stavano saltando fuori dalle loro macchine e correndo lungo l’autostrada, lontano dal camion a gas che era letteralmente in fiamme davanti a noi. Il camion era ancora per lo più intatto e mi venne in mente tutto d’un tratto che un’esplosione più ampia poteva essere imminente.

Saltai fuori dalla macchina, aprii le cinghie del seggiolino dell’auto, e poi, gettando mio figlio sopra la mia spalla, corsi per allontanarmi il più possibile dal camion della benzina. C’era un suono BOOM, ma non guardai indietro. Ho continuato a correre e dicendo: “Va tutto bene. Abbiamo solo bisogno di allontanarci dal fuoco “, sia per mio figlio, sia per me stesso.

Le sirene iniziarono. La polizia, i camion dei pompieri e le ambulanze si fecero strada in qualche modo attraverso il labirinto di macchine ferme.

Una tragica perdita di gas aveva ucciso l’autista del camion. Ho mandato un messaggio a mio marito. Ho telefonato e mi sono scusato profusamente con la mia baby-sitter di un anno per essere così in ritardo.

Tre ore dopo, stavo tornando a casa. Ho dovuto correre al negozio di alimentari, prendere il mio bambino di 4 anni dalla scuola materna e preparare la cena. Con tre bambini piccoli, non ho avuto il tempo di farsi prendere dal panico, elaborare o recuperare. Dovevo solo andare avanti.

Fu solo più tardi quella sera, dopo le 23:00, che sentii gli effetti di quell’esperienza. Mio marito ha cercato di calmarmi. Ero inconsolabile Volevo urlare, piangere o scappare, ma ero paralizzato e terrorizzato.

Il giorno dopo, non ho potuto fare nulla. La mia ansia mi stava dicendo che ero in pericolo. Non ero, ma il panico era ancora lì. Temevo di provare a dormire di nuovo.

Mia sorella mi ha detto di andare immediatamente da uno psichiatra. L’ho fatto. La psichiatra mi ha parlato per circa 1 minuto e poi mi ha passato uno Xanax (una pillola anti-ansia) e una tazza d’acqua: “Stai avendo un attacco di panico, e ci sei dentro da quasi 24 ore. Abbiamo bisogno di farti calmare. ”

Avendo un dottore in mano, qualcosa che potrei ingoiare mi calmò immediatamente. Riuscii finalmente a parlare abbastanza per dire allo psichiatra che avevo visto un incidente terrificante e che non avevo mai sofferto prima di ansia o attacchi di panico. L’ho pregata di far smettere l’ansia per favore.

Lo psichiatra prescrisse Xanax per un paio di settimane e poi Cipralex, un antidepressivo SSRI comunemente usato che tratta sia la depressione che l’ansia, da assumere a lungo termine. Ha anche detto che era fondamentale trovare un terapeuta ed esplorare cosa stesse succedendo nella mia mente. Immagino che abbia supposto che il grilletto fosse più profondo del semplice vedere un furgone della benzina in fiamme.

Dr. Heitler: Gli eventi traumatici possono scatenare il panico intenso durante o ad un certo punto dopo la conclusione dell’evento pericoloso. Alla fine, specialmente con la possibilità di parlare di quello che è successo, l’ansia si calma. Nel caso di LC, tuttavia, il sistema nervoso parasimpatico, il cui compito è calmare i sentimenti di paura, non funzionava.

Fortunatamente, la pillola anti-ansia, Xanax, è ad azione rapida ed efficace.

Fortunatamente anche lo psichiatra aveva suggerito che Lia parlasse con un terapeuta di conversazione. Parlare dei pensieri che la ostacolavano avrebbe permesso a Lia di digerire i suoi pensieri e sentimenti, sia dal recente trauma che da precedenti eventi che l’avevano turbata per qualche tempo.

Sfortunatamente, lo psichiatra non offriva opzioni senza pillola per calmare l’intensa reazione d’ansia. Come dice il proverbio, per un uomo con un martello, il mondo è un chiodo.

In questo caso, il martello era effettivamente efficace. Xanax ha portato a Lia un sollievo immediato. Ci sono, tuttavia, opzioni non pillola che possono produrre lo stesso effetto calmante immediato. Entrambi i tapping acupoint e una visualizzazione chiamata tecnica di rotazione probabilmente avrebbero svolto egualmente bene il lavoro. Inoltre, Lia potrebbe facilmente imparare a fare queste tecniche da sola a casa nel caso in cui l’ansia ritorni.

LC: Il fatto è . . Sapevo che avevo bisogno di una terapia. Era passato molto tempo. Un trauma inespresso del passato stava venendo fuori, mi visitava nei sogni e violava i momenti casuali della mia vita. Stavo facendo del mio meglio per zittirlo, mettendolo a tacere disperatamente, sperando che se ne andasse. Così ho iniziato la terapia. E ho iniziato i farmaci antidepressivi. E io ero in grado di respirare. Per un po.

La terapia mi ha aperto la mente. L’avevo chiuso anni prima. Riaprirlo fu come se una porta fosse stata buttata giù. Le sale e le stanze della mia mente mi stavano invitando a esplorare, a vagare ea riacquisire il mio mondo interiore.

Anche l’SSRI sembrava funzionare. Ero più calmo Ero più a mio agio. Non stavo abbaiando a mio marito a proposito di briciole sul bancone o strofinando giocattoli con candeggina ogni notte. Stavo ridendo un po ‘di più, urlando un po’ meno, più equilibrato.

Che cosa era dalla terapia e cosa era dell’SSRI? Non mi importava. Ero solo sollevato di respirare normalmente.

Dott. Heitler: Studi multipli sul trattamento del grave disagio emotivo concludono che la combinazione di farmaci e psicoterapia è più potente di entrambi. Il caso di Lia esemplifica questo principio. Le pillole e la terapia verbale possono potenziarsi l’un l’altro, cioè, l’una per l’altra per essere più efficaci di quanto potrebbe essere una terapia sola.

Allo stesso tempo, nuove tecniche terapeutiche, come il Codice corporeo e il Codice delle emozioni, consentono al terapeuta di abbreviare radicalmente il tempo e l’intensità della terapia verbale. All’interno di una sessione o più, un terapeuta di Emotion Code può individuare il problema precedente e rilasciare immediatamente le emozioni negative intrappolate in modo che cessino di avere un impatto. Con la primavera sotterranea che aveva alimentato sentimenti ansiosi, arrabbiati e / o depressi, i sentimenti di vitalità e benessere che chiamiamo salute mentale possono emergere.

Anche la terapia del matrimonio avrebbe potuto aiutare Lia. La mia politica è quando qualcuno che è sposato cerca una terapia con me, li incoraggio a portare il loro coniuge. In quasi tutti i casi, le questioni coniugali sottostanti hanno alimentato le fiamme delle emozioni negative.

Il coniuge può anche avere un ruolo significativo nel favorire un ritorno alla salute mentale. Per esempio, una persona ansiosa o depressa può avere l’impulso di trascorrere le sue serate isolando e rimuginando, dicendo pensieri preoccupanti all’infinito. La ruminazione esaspera l’ansia e la depressione. Se marito e moglie si godono le attività insieme la sera, è probabile che siano in grado di sostituire la ruminazione con interazioni piacevoli.

LC: Non mi pento di aver iniziato l’antidepressivo, il Cipralex. Mi sento davvero come se quel farmaco mi abbia salvato la mente. Probabilmente ha anche tenuto insieme il mio matrimonio per molti altri anni. Ma un anno dopo, capii che qualcosa non andava. Sapevo che era il farmaco.

Dr. Heitler: un antidepressivo, specialmente in combinazione con una buona terapia verbale, può fare miracoli nel permettere alle persone di tornare a funzionare in una normale zona emotiva. Le difficoltà tendono ad arrivare con la durata dell’uso.

Prescrivendo un farmaco antidepressivo e poi tenendolo su di esso per più di un paio di mesi iniziali, lo psichiatra di LC aveva involontariamente invitato effetti collaterali sempre più negativi. Gli effetti collaterali negativi che erano iniziati mentre Lia prendeva le pillole peggiorarono ulteriormente quando lei cercò di togliersi le pillole.

LC: A circa un anno, ho iniziato a sentirmi confuso, intorpidito e distaccato. Avrei episodi di diversi minuti di non sapere cosa stavo facendo o come ci sono arrivato. Allora la confusione si dissiperebbe, e sarei rimasto a pensare che lo stavo solo immaginando. Ma succederebbe ancora. Fugace, ma tangibile. Quasi lasciando un sapore in bocca.

Ho condiviso questo con mio marito, ma era preoccupato per l’ansia di ritorno se avessi incasinato le mie medicine. Ho aspettato.

Dr. Heitler: le preoccupazioni del marito di LC avevano una vera validità. La difficoltà è che dopo un anno di assunzione di antidepressivi, chiunque tenti di smettere di prenderli deve terminare il loro uso molto lentamente. Altrimenti, la rimozione dei farmaci può provocare una grave depressione e / o ansia.

Non è che queste emozioni siano state in agguato lì da sempre. Piuttosto, gli antidepressivi creano dipendenza dalle droghe. Il corpo dimentica come produrre le sostanze chimiche che sostengono il benessere quando vengono fornite artificialmente dalle pillole.

LC: gli effetti collaterali sono peggiorati. Non ho avuto alcun desiderio sessuale. Ho smesso di sentirmi motivato a uscire con gli amici. Ho smesso di preoccuparmi di come guardavo o cosa stavo indossando. Stavo affondando. Ero stato salvato dall’ansia e ora scivolavo nella depressione.

Ho preso una decisione unilaterale di abbandonare le mie medicine. Non era saggio. Guardando indietro, vedo che è stato un disperato schieramento contro i molti fattori della mia vita di cui non ero padrone – la mia devastazione per il mio matrimonio che stava lentamente ma rapidamente finendo, la mia perdita di concentrazione sulle mie passioni e hobby , il mio corpo sovrappeso ed esausto, troppo severo nella mia vita religiosa. . . la lista continua.

Sostenere semplicemente che gli SSRI stavano rovinando la mia vita sarebbe miope e molto probabilmente sbagliato. Stavo rovinando la mia vita. Ma ero assolutamente chiaro che la droga che stavo mettendo nel mio corpo ogni giorno mi stava trascinando giù e rendendo molto più difficile andare avanti. Mi sono sentito molto solo – e per la prima volta in un momento, molto chiaro nella mia missione.

Dr. Heitler: Oltre a creare dipendenza da droghe quando vengono utilizzati per più di diversi mesi, gli antidepressivi possono produrre una serie di ulteriori effetti collaterali negativi. L’aumento di peso, la perdita di sentimenti sessuali, l’intorpidimento emotivo e lo “zapping cerebrale” sono tra i più comuni. LC li ha vissuti e altro ancora.

LC: Uscire dal freddo-turchia degli SSRI non è altro che un viaggio attraverso l’inferno. Gli effetti fisici ed emotivi di improvvisamente privare il cervello di serotonina sono orribili.

Ero tormentato dall’ansia. Ho avvertito impulsi elettrici che iniziavano nella mia testa e viaggiavano lungo tutto il mio corpo. Mi sono trovato in lacrime su tutto. Ho avuto così tanta colpa per la decisione. Ma non potevo rimettermi quella pillola in bocca.

Ho spinto. Era crudo senza la droga. Io e mio marito ci siamo separati. Ho salutato Dio su una panchina del parco e ho salutato me stesso. Ho sabotato un’amicizia – non qualcosa di cui sono orgoglioso. Ho perso 35 sterline. Ho iniziato a cantare ad alta voce. Ho iniziato a correre.

Ho detto allo psichiatra cosa avevo fatto. Anche se molte cose erano migliori, ero sull’orlo di un’altra crisi, e non sapevo cosa fare.

Lo psichiatra ha prescritto un farmaco diverso, questa volta uno SNRI (due sostanze chimiche per il posto “felice” del cervello anziché uno). Ha spiegato che da quando ero nel mezzo di un divorzio – una grave crisi di vita per chiunque – probabilmente non era il momento migliore per andare fuori di droga psichiatrica.

Quella notte mi sono seduto con la nuova pillola in mano. C’è voluto un serio discorso per ingoiarlo, ma l’ho fatto. Mi sentivo come se avessi bisogno di tutto l’aiuto che potevo ottenere. Avevo tre bambini piccoli che dipendevano da me per tenerlo insieme, e non potevo permettermi di lasciare che le emozioni mi distruggessero. Mi ero dilungato molto nel mio passato e finalmente avevo messo a riposo il trauma in agguato in precedenza. Mi dissi che avrei preso la droga, e quando la vita si calmava, scendevo.

Avanti veloce un anno e mezzo. Ne è seguito un ciclo molto simile. All’inizio lo SNRI mi ha riempito di rinnovata calma. Era come una tinta rosata sulla vita era solo una pillola di distanza. E poi . . . la nebbia tramontò. Di nuovo, circa un anno dopo, sentii quel familiare distacco. Ho smesso di preoccuparmi delle piccole cose. Ho iniziato a sentirmi intorpidito. Come se fossi sott’acqua. Guardare il mondo dal basso, troppo lento per rimanere attivamente coinvolto nella mia stessa vita. Il mio desiderio sessuale iniziò a morire, e con ciò il mio desiderio di vita si deteriorò.

Con questa nuova e più potente droga, ho nuovamente iniziato a provare effetti collaterali fisici. Se prendessi la pillola un paio d’ore più tardi del solito, diventerei estremamente nauseabondo. Ma se lo prendessi la mattina, anch’io mi farei venire la nausea e vomitare. Sul farmaco, ero più incline alle emicranie, sono svenuto più volte quell’anno e ho iniziato ad aumentare di peso abbastanza rapidamente, nonostante il mio stile di vita rigorosamente sano.

Questa volta, ero determinato a scendere dalla droga in modo sicuro. Ho fatto il check-in con un dottore. Ho iniziato togliendo solo un quarto della dose e l’ho fatto ogni quattro settimane, permettendo al mio cervello di adattarsi di volta in volta.

Ciò nonostante, ancora era duro, persino doloroso. Ogni volta che ho svezzato una dose, ho avuto una settimana di orribili zapping cerebrali. Peggio ancora, ero molto più reattivo e impaziente con i miei figli. Il processo di svezzamento è durato quattro mesi.

Allo stesso tempo, mi sento davvero come se questa volta abbia vissuto una bellissima e stimolante rinascita di me stesso. I miei sensi si sentono intensificati. Le mie esperienze sono completamente mie di nuovo.

Dr. Heitler: Paradossalmente, la fine del suo uso di antidepressivi si è rivelata per LC la cura definitiva. Con le pillole che non compromettono più la chimica del suo corpo, alla fine la vitalità naturale di LC è tornata. Così anche le sue sensazioni sessuali, la capacità di perdere peso, l’eventuale perdita dello zapping cerebrale e il ritorno del suo ex buonumore.

Conclusioni di LC: sto ancora formando un’opinione obiettiva sull’uso degli SSRI. Il potere di questi farmaci, nel bene e nel male, è qualcosa che non dovrebbe essere preso alla leggera. Fuori di loro ora però, per me, andando via dagli antidepressivi si sta dirigendo nella giusta direzione.

Conclusioni del Dr. Heitler: Ancora una volta, come ho detto all’inizio, per un episodio depressivo grave o suicida, i farmaci antidepressivi possono alleviare l’intensità dei pensieri oscuri e dei sentimenti disperati.

Allo stesso tempo, il caso di Lia illustra bene che gli antidepressivi possono:

  • Hanno un’efficacia limitata o nulla per quasi la metà degli utenti
  • Aiuta un po ‘, mentre rimangono molti aspetti della depressione
  • Produrre effetti collaterali problematici, come aumento di peso, diminuzione dei sentimenti sessuali, zapping cerebrale, nausea, pensiero annebbiato e intorpidimento dei sentimenti di gioia e delle emozioni negative
  • Crea dipendenza da droghe se usato per un periodo più lungo di alcuni mesi, e quindi sintomi di astinenza difficili, compresa la depressione indotta da astinenza
  • Essere prescritto per usi per i quali non sono previsti (cioè, reazioni depressive lievi e ansia) e per i quali le opzioni non farmacologiche possono essere ugualmente efficaci
  • Essere prescritto a lungo, per anni anziché per mesi, aumentando le difficoltà di un eventuale ritiro

  • Getta via la tua tavola visione - Parte 2
  • "Se avessi un cervello migliore!"
  • Demon Victory: quando vincere non è l'unica cosa
  • Perché ripetiamo il passato nelle nostre relazioni?
  • Il tempo è denaro ... ma non come pensi tu
  • Sensibilità sensoriale e comportamento problema
  • Ridding Happiness Contaminants 7: Procrastination
  • Una semplice tecnica di meditazione
  • Quattro strategie per ridurre l'ansia nei bambini
  • Suggerimenti per rendere le vostre risoluzioni bastone del nuovo anno
  • The Road to Wellness: un viaggio attraverso la psicologia del design
  • Cercatori spirituali: il retroscena
  • Come far fronte alle cattive notizie
  • Sei una persona pigra?
  • Le sopracciglia stanno ricrescendo?
  • Procrastinazione e densità del recettore della dopamina
  • Il potere delle immagini
  • Alla scoperta della pace interiore
  • Serenity: 6 passi per la pace in mezzo al cambiamento
  • Trovare una base sicura e risistemare la tua personalità
  • "I suoni del silenzio"
  • Relazioni sane trascurate nella ricerca di una soluzione rapida
  • La crescita eccessiva del cervello precoce è indicativa dell'autismo come previsto
  • Suggerimenti per rendere le vostre risoluzioni bastone del nuovo anno
  • Guarda: Nessun cervello maschile estremo in autistica maschio!
  • Puoi goderti l'essere vivo (più di quanto pensi)
  • Le tecniche di visualizzazione possono trattare le malattie gravi?
  • The Road from Hell non usa EZ Pass
  • I suggerimenti del sonno del dottore addormentato dalle migliori storie di sonno del 2010 (parte I)
  • La verità sulla legge dell'attrazione
  • 5 tecniche di protezione per persone sensibili
  • Self-Sabotage e Your Outer Child (Pt 4 di 5)
  • Hai smesso di usare, quindi perché il tuo cervello ha ancora voglia?
  • 7 modi per addolcire la mente-corpo-spirito questa primavera
  • Perfeziona lo sviluppo della lettura e della matematica di tuo figlio con i modelli
  • La crescita eccessiva del cervello precoce è indicativa dell'autismo come previsto