Antidepressivi: la droga sbagliata per il problema?

Le persone che hanno perdita dell'udito spesso hanno anche depressione. Quello che non è altrettanto noto è che le persone depresse a volte hanno la perdita dell'udito non diagnosticata.

Il collegamento tra perdita dell'udito e depressione, in particolare la perdita dell'udito non trattata, è stato riconfermato la scorsa primavera da uno studio epidemiologico su larga scala, basato sul National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) 2005-2010. Ha trovato una correlazione significativa tra ipoacusia e depressione e ha aggiunto alcune importanti informazioni su esattamente chi è stato colpito.

La cosa più interessante era che il collegamento era stato trovato solo in alcune popolazioni. Non c'era alcuna relazione tra perdita dell'udito e depressione in coloro che erano culturalmente o funzionalmente sordi. Non c'era alcuna relazione negli adulti di 70 e più anziani che hanno riferito di aver perso l'udito. In altre parole, gli anziani che hanno accettato la perdita dell'udito non hanno sperimentato livelli più elevati di depressione. Quindi chi è stato?

Lo studio ha trovato un collegamento "significativo" nelle donne oltre i 70 anni con perdita dell'udito non dichiarata, oltre a un legame minore negli uomini con perdita dell'udito non dichiarata. (I test dell'udito sono stati dati a tutti i partecipanti sopra i 70 anni.) Il legame era forte anche tra i giovani adulti, tra i 18 e i 69 anni. Nel gruppo più giovane, la perdita uditiva era auto-riferita (questo gruppo non era stato sottoposto a test dell'udito). Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che i giovani con ipoacusia adulta, anche se lo ammettono da soli, spesso hanno difficoltà a gestirlo pubblicamente.

Consideriamo ora questi fattori: una grande maggioranza dei 48 milioni di americani con problemi di udito non ne sono consapevoli o ne sono contrari. Due terzi di questi 75 e oltre hanno la perdita dell'udito, molti dei quali non diagnosticati e non trattati. Sappiamo che gli antidepressivi sono sovra-prescritti e spesso senza la supervisione di uno psichiatra. La settimana scorsa uno studio GAO ha confermato che sono anche ampiamente abusati di anziani. Queste sono le stesse persone che hanno maggiori probabilità di avere la perdita dell'udito.

Lunedì l'Ufficio per la responsabilità governativa del governo federale ha pubblicato risultati che mostrano l'uso diffuso di farmaci psichiatrici da parte di anziani americani affetti da demenza. I farmaci includevano l'uso "inappropriato" di Abilify, Risperdal, Zyprexa e clozapina. Abilify, un antipsicotico inteso per il trattamento della schizofrenia e disturbo bipolare, così come il disturbo depressivo maggiore in connessione con altri farmaci, è il venditore numero 1 tra tutti i farmaci da prescrizione in questo paese. Le vendite tra aprile 2013 e marzo 2014 ($ 6,9 miliardi) sono ammontate a più di tutti gli altri antidepressivi combinati.

Sono un sacco di persone schizofreniche, bipolari e depresse. Chiaramente Abilify è stato prescritto anche per la depressione di routine. Molte demenze sono diagnosticabili, ma altre no. A volte queste risultano essere la perdita dell'udito. A volte si rivelano addirittura degli apparecchi acustici fuori posto, soprattutto quando una persona anziana viene portata al pronto soccorso. È solo quando il custode o un familiare adulto arriva e chiede dove sono gli apparecchi acustici della mamma che diventa chiaro che quella che sembrava una demenza è in realtà una perdita dell'udito. Data la preponderanza degli antipsicotici riportati dallo studio GAO, potremmo chiederci se anche questi potenti farmaci vengano usati dove il problema è in realtà la perdita dell'udito. Abilify, Risperdal, Zyprexa e clozapina? Sembra più un reparto mentale che una struttura di vita assistita.

E se facessimo un test dell'udito prima di prescrivere quegli antidepressivi?

La dott.ssa Barbara Weinstein, direttore esecutivo fondatore del programma di dottorato in audiologia presso il CUNY Graduate Center, sostiene che riconoscere la relazione tra perdita dell'udito e depressione è essenziale. "Quando i medici controllano la depressione usando un test somministrato per via orale," mi ha detto, "raramente controllano la perdita dell'udito. Sono convinto che la validità dei punteggi non sia influenzata dal fatto che i pazienti non possano ascoltare le domande ".

Una versione di questo post è stata pubblicata per la prima volta in AARP HealthTalk: http://aarp.org/2015/03/04/are-we-treating-depression-when-we-should-be-…

Solutions Collecting From Web of "Antidepressivi: la droga sbagliata per il problema?"