Anticipare i propri problemi: i vantaggi elusivi delle aspettative negative

"Colui che soffre prima di esso è necessario soffre più del necessario" (Seneca, saggista romana, filosofo, drammaturgo, C. 4 AC- AD65) Un recente studio sulla rivista Emotion fornisce supporto per il costo di anticipare i propri problemi. È un costo e un tipo di procrastinatori sofferenti che sanno fin troppo bene.

"Non riuscirò mai a fare questo." "Sto fallendo così." Anticipare questi potenziali risultati negativi potrebbe avere dei benefici, no? L'anticipazione degli esiti negativi potrebbe servire ad attenuare (o diminuire) le emozioni negative quando finalmente arriva l'esito negativo. Non è una sorta di strano modo di "pagare in anticipo?"

Questa nozione di anticipazione di futuri eventi negativi ha il vantaggio post-evento dell'attenuazione. Al contrario, si sostiene che l'anticipazione negativa potrebbe ripagare il post-evento se il risultato è inaspettatamente positivo, in quanto sperimenteremo l'amplificazione delle emozioni positive del successo. Non aspettarsi il successo porta ancora più gioia in questo caso. Sfortunatamente, un recente studio di Sarit Golub (Hunter College, CUNY), Daniel Gilbert (Harvard) e Timothy Wilson (Università della Virginia) indica che le aspettative hanno avuto conseguenze affettive nel periodo pre-evento, ma non nel periodo post-periodico. Lasciatemi spiegare brevemente la loro ricerca e poi discuterne in relazione alla procrastinazione.

La loro ricerca
In tre brevi studi, Golub, Gilbert e Wilson hanno esaminato se le aspettative negative producono benefici post-evento che potrebbero giustificare i loro ovvi costi pre-evento. I primi due studi erano esperimenti tradizionali, mentre il terzo era uno studio di autovalutazione nel "setting sul campo" degli studenti in attesa dei risultati degli esami.

Gli studi avevano un design comune: 1) test di qualche tipo, 2) periodo di attesa per i risultati, 3) manipolazione o misurazione dei risultati previsti e 4) rilascio dei risultati del test. Durante il periodo di attesa e di nuovo dopo aver ricevuto i risultati, i ricercatori hanno misurato gli stati affettivi dei partecipanti (come si sentivano).

Essi "si aspettavano di scoprire che i costi pre-evento delle aspettative negative sarebbero stati osservati più facilmente dei benefici post-evento" (p. 278).

Mi concentrerò in modo specifico sul loro primo studio in modo un po 'più dettagliato. Questo esperimento di laboratorio comprendeva 36 studenti di Harvard che hanno completato un test di personalità computerizzato (descritto come attendibile e valido per i partecipanti), in base al quale potevano essere assegnati a uno dei tre "tipi" – A, B o C. I partecipanti leggevano i riassunti di ciascun tipo e hanno imparato che A era il migliore e C peggio (con B da qualche parte nel mezzo). Per l'esperimento è stata creata una storia di copertura in cui i ricercatori hanno spiegato che uno psicologo nella stanza accanto avrebbe valutato a mano i risultati come parte del loro sviluppo di una chiave di valutazione computerizzata. Mentre i partecipanti aspettavano, potevano ottenere i risultati dal programma di punteggio computerizzato per avere un'idea di come.

La manipolazione sperimentale qui era le aspettative dei partecipanti. Usando un compito casuale, alcuni partecipanti hanno visto la loro classificazione come A, B o C con la seguente probabilità: 91%, 9% o 1% rispettivamente. Questa era la condizione di aspettativa positiva. La condizione di aspettativa negativa ha semplicemente invertito le probabilità, cosicché i partecipanti a questo gruppo si aspettavano che fossero di personalità di tipo C. (Si noti che la condizione di controllo era che i partecipanti non avevano l'opportunità di vedere le previsioni del computer, aspettavano semplicemente i risultati).

Cinque minuti dopo aver appreso la previsione del computer, i partecipanti hanno indicato quanto si sentivano felici e delusi, e cinque minuti dopo hanno ottenuto quello che pensavano fosse il punteggio "vero". Nel caso del primo studio, questo era che erano di tipo C – il tipo di personalità più negativo. Alla fine, 2 minuti dopo aver ricevuto questo risultato, gli è stato chiesto nuovamente quanto fossero felici e delusi.

I loro risultati
I partecipanti si sono sentiti peggio 5 minuti prima dell'evento quando hanno avuto aspettative negative piuttosto che positive. Sorprendentemente, l'esperienza post-evento non differiva in base alle aspettative. Indipendentemente dall'avere aspettative negative o positive, entrambi i gruppi si sono sentiti ugualmente male 2 minuti dopo aver ricevuto i loro "veri" punteggi di personalità. Come riassumono gli autori, "In breve, le aspettative negative hanno avuto costi pre-evento ma nessun beneficio post-intervento" (p. 279).

Per completezza, voglio aggiungere altri due punti.

  1. Nell'esperimento 2 che ha comportato un feedback positivo sulla misura della personalità, i risultati hanno indicato i benefici pre-evento ma nessun costo post-evento quando hanno ricevuto il feedback fasullo di avere il "peggior tipo di personalità".
  2. Nel 3 ° esperimento in aula basato sull'anticipazione dei risultati a medio termine, "i partecipanti con aspettative positive si sentivano meglio 3 giorni prima di ricevere i loro voti ma non si sentivano peggio un giorno dopo averli ricevuti, mentre i partecipanti con aspettative negative si sentivano peggiori 3 giorni prima ricevendo i loro voti ma non si sentivano meglio un giorno dopo averli ricevuti "(pagina 280).

Insomma, gli autori scrivono: "Anche se aspettarsi il peggio può a volte far sentire meglio le persone nel periodo post -ventuale e può a volte indurle a lavorare di più nel periodo pre-evento [qualcosa definito da Norem & Cantor come pessimismo difensivo], i nostri studi suggerire che i benefici affettivi delle aspettative negative possono essere più elusivi dei loro costi "(p.280).

Implicazioni e pensieri conclusivi
È interessante notare che quando gli autori spiegano i loro risultati offrono una risposta a questa domanda: "Se le aspettative negative fanno poco per attenuare le conseguenze affettive del ricevere un punteggio insufficiente o un feedback della personalità poco lusinghiero, allora la maggior parte delle persone sembra avere alcune intuizioni convincenti per il contrario? "(pagina 280).

La loro risposta dipende dalla nozione dei tempi delle conseguenze immaginarie. La ricerca ha dimostrato che quando pensiamo a eventi che si estendono nel tempo, tendiamo a pensare ai primi momenti del periodo post-evento. Ad esempio, se immaginiamo di diventare paraplegici, immaginiamo i momenti immediatamente successivi alla ferita, non il millesimo giorno dopo, e tipicamente sovrastimiamo quanto male sarà (un esempio delle nostre scarse previsioni affettive). Alla fine, lo sostengono

"Le aspettative possono avere solo conseguenze brevi, ma poiché le persone che pensano a un evento futuro tendono a immaginare i momenti in cui tali conseguenze sono più probabili da realizzare, possono sopravvalutare i benefici – e sottovalutare i costi – di aspettarsi il peggiore "(Pagina 280).

Mentre ti siedi a pensare al "temuto compito" che incombe e che hai rimandato a domani, vale la pena pensare alla nostra tendenza a pensare ai primi momenti del compito (e ai sentimenti negativi che potrebbero portare) in contrapposizione al lavoro sul compito stesso e ai buoni sentimenti che potresti provare mentre progredisci. In ogni caso, tutta l'emozione investita nell'anticipare quell'esito negativo ti renderà solo infelice ora. C'è poco beneficio, se non del tutto, nell'anticipare i propri problemi, anche se sembra che lo facciamo fin troppo spesso.

Come scrive Dan Ariely, siamo prevedibilmente irrazionali.

Riferimento
Golub, SA, Gilbert, DT, & Wilson, TD (2009). Anticipare i propri problemi: i costi e i benefici delle aspettative negative. Emozione, 9 , 277-281

Blogger's Note: Le mie scuse di nuovo per la mia lunga assenza dal blog. La primavera ha portato un eccesso di viaggi per conferenze e conferenze, così come la fine di un periodo impegnativo nel campus. Prevedo che il mio prossimo anno sabbatico porterà più tempo e una rinnovata concentrazione sulla mia scrittura. Sai, la speranza nasce eterna che posso "farlo domani!" ☺

Solutions Collecting From Web of "Anticipare i propri problemi: i vantaggi elusivi delle aspettative negative"