Anthony Bourdain e Talking to My Young Kid sul suicidio

Proteggere i nostri bambini dal pensare a temi oscuri non li protegge.

Pixabay

Fonte: Pixabay

Quando mi svegliai per le notizie sulla morte di Anthony Bourdain per suicidio venerdì mattina, ero visibilmente turbato. Il mio bambino di 10 anni mi ha chiesto cosa fosse successo. Gli dissi che Bourdain si era ucciso. Ha chiesto cosa chiediamo tutti quando qualcuno si toglie la vita. Ha detto “perché”, “è ricco e famoso e sembrava così felice”?

Non sono sicuro che avrei usato la parola “felice” per descrivere Bourdain, ma quello che immagino che mio figlio stava indicando è quanto fosse pieno di vita, avventuroso e curioso Bourdain. Abbiamo guardato video di Bourdain negli ultimi anni perché mio figlio è interessato alla cucina e ai viaggi, e perché mi piace mostrargli la vita di persone, famose o meno, che hanno lavorato duramente per costruire e creare una vita fantastica per loro stessi. Bourdain è stato un esempio glorioso, con un inizio emotivo ruvido, anni combattendo la sua oscurità con una dipendenza dall’eroina, entrando nel suo settore come una lavastoviglie, rischiando come la sua sottomissione di articoli non richiesti al New Yorker , prendendo l’apertura che lo ha fornito e correndo con e, in definitiva, usando il suo accesso acquisito per aiutare a costruire un mondo migliore.

E poi si è tolto la vita.

Alcuni genitori, forse la maggior parte, non avrebbero accennato al figlio la causa della morte. Ma ho iniziato a parlare con mio figlio del suicidio circa un anno fa. È stato allo stesso modo dopo una notizia, a proposito di un bambino di 10 anni che si era suicidato.

suicidalità

Non sono estraneo al suicidio. Anche se non mi sono mai sentito a rischio di suicidio, ho lavorato con molti clienti nel corso degli anni che hanno lottato a vari livelli con il suicidio. Più vicino a casa, uno dei miei migliori amici si uccise quando avevamo circa venticinque anni, così come una zia che lottava con un disordine bipolare male medicato, e alla fine mia madre scelse la morte in un lento suicidio, all’apice di compiere settanta anni prima smettere di mangiare e bere liquidi diversi dall’alcol, dato che semplicemente non sopporta più la vita.

Ma in verità, la mia familiarità con il suicidio è la mia stessa oscurità interiore. Non sono estraneo all’oscurità, al mio o agli altri. Non sono estraneo all’autodistruzione, al mio o agli altri. Non sono estraneo alla distruzione delle cose buone, delle cose che affermano la vita, da parte mia e di coloro che amo. Conosco bene la mia oscurità, perché devo affrontarla regolarmente: alzarmi dal letto, vedere i miei amici, fare cose che amo.

Ma se mi conoscessi, sapresti anche che sono pieno di vita e di vivacità, passione, coraggio e generosità. Riesco a ridere finché non faccio la pipì e faccio fare agli altri lo stesso. Sono grato per una vita incredibilmente meravigliosa e benedetta e posso prendere le esperienze più traumatiche delle mie vite e spremere loro verità e rivelazioni.

Death Drive

La polarità della vita di Anthony Bourdain, e della mia, fu descritta da Sigmund Freud, come la battaglia tra le pulsioni di vita e di morte (spesso malamente tradotte come istinti). So che molti sono desiderosi di dissipare le teorie di Freud, nonostante il suo linguaggio sia usato universalmente per fare riferimento alle comprensioni fondamentali del funzionamento umano, come inconscio, rifiuto, repressione, superego, proiezione, eccetera. Le pulsioni di vita e di morte sono troppo importanti in una società piena di comportamenti di autodistruzione da buttare fuori con l’acqua del bagno.

Un modo per comprendere la dipendenza, ad esempio, i disordini alimentari, l’automutilazione, i comportamenti auto-sabotanti e il fumo di sigaretta, è la pulsione di morte. La pulsione della morte non significa un desiderio cosciente di uccidersi o persino di essere morti. È una spinta verso la distruzione. È un tentativo di abbattere le cose piuttosto che costruire cose. È l’arrendersi, in contrapposizione alla falsificazione in avanti. Nella mia vita spesso mi riferisco ad essa come a f * ck-it.

Il f * ck è quando voltiamo le spalle alla cosa giusta. La cosa giusta che significa la cosa che ci spinge avanti nella vita, si basa su movimenti passati. La cosa giusta sono i nostri valori e le cose che desideriamo ardentemente raggiungere. Il f * ck è quando mangiamo il fast food anche se ci siamo fatti un ottimo pasto nutriente a casa perché stiamo cercando di mangiare più sano per vivere più a lungo. I f-ck sono quando facciamo saltare l’esercizio, o la meditazione, o una passeggiata nel bosco, o la scrittura di un diario, o qualche altra cosa sulla quale ci sentiamo bene e vogliamo impegnarci a prenderci cura di se stessi. I momenti tra questi tipi di decisioni sono la battaglia tra le parti di noi che vogliono vivere, e vivono bene, e le parti di noi che resistono a quella spinta verso la vita e la vivacità. In un modo piccolo e inconsapevole, quei momenti contengono la battaglia tra la vita e la morte.

A volte le persone sono suicide e in genere capiamo perché. Guardiamo le loro vite, o il trauma che hanno sopportato, e possiamo immaginare di voler sfuggire a quella vita. In queste persone vediamo spesso una suicidalità di basso livello ma cronica, che potrebbe benissimo prendere le loro vite un giorno. Le persone possono essere devastate dal loro suicidio, ma non particolarmente sorprese. Potremmo descrivere questa persona con una pulsione bassa per la vita, oltre a ciò che mai la forza della loro pulsione di morte. Come terapeuta vorrei descrivere il mio lavoro con questi clienti come aiutarli a crescere e creare una vita degna di essere vissuta. Una vita buona ha più probabilità di essere combattuta di una vita piena di delusioni.

A volte però, persone che combattono con il suicidio, sono in una battaglia di vita o di morte con due pulsioni molto forti, che possono trascinarle avanti e indietro tra il profondo apprezzamento della vita, ed essere così sopraffatti dalla vita che non sanno come sopportare un altro minuto. Non sto parlando di persone con disturbo bipolare, anche se ho il sospetto che sia quasi sempre vero anche per loro. Inoltre non sto parlando esclusivamente di depressione, anche se sospetto che la maggior parte delle persone con una forte pulsione di morte abbia anche una diagnosi di depressione. Sto parlando di Anthony Bourdain. E sto parlando di me stesso.

Anthony Bourdain amava chiaramente la vita. Con entusiasmo ha afferrato la vita per le corna e l’ha guidato forte. Cercò di assaggiare il maggior numero di meraviglie della vita che poteva, nel cibo di sicuro, ma in relazione, connessione, meraviglia e meraviglia. Altrettanto chiaramente, sin dalla sua prima giovinezza dipendente dall’eroina e dalla sconsideratezza, e dalla sua descrizione di quegli anni che voleva essere “il tizio più cattivo nella stanza”, insieme alla sua persona smunta e dura, la sua pulsione di morte era contendere con.

Un momento di disperazione

Molte persone che si suicidano con successo sono sopravvissute a dozzine se non centinaia di momenti di simile disperazione, disperazione e oscurità senza uccidersi. E nel momento del suicidio, la loro pulsione di morte ha vinto.

Quindi torna da mio figlio e perché parliamo di cose oscure come il suicidio. Tutti noi lottiamo con un po ‘di oscurità interiore. Abbiamo tutti momenti in cui non siamo all’altezza del lavoro della vita, e costruire sulle cose buone diventa troppo forte e ci scagliamo con la distruzione. Se sei un genitore sei ben consapevole della torre che il bambino costruisce eccitato fino a quando parte di esso cade e il resto viene abbattuto dalla rabbia: morte (distruzione). Da adulti, indipendentemente da quanto possiamo essere caritatevoli, nella crescita e nel cambiamento, nel costruire le nostre carriere, o relazioni, o comunità, sappiamo bene che è più difficile alcuni giorni spingerci verso quelle attività che affermano la vita, azioni che costruite l’un l’altro, quasi come se un’altra forza ci trattiene: la pulsione della morte. I nostri bambini; hanno anche delle pulsioni di morte.

Quando i bambini sono inghiottiti dall’oscurità, a cosa devono confrontarsi? Oltre ad avere un così piccolo controllo degli impulsi, non hanno ancora una prospettiva realistica in tempo (“siamo ancora lì” ogni 5 minuti), non hanno ancora perso il loro senso di onnipotenza (pensano che non rimarranno incinta o che l’HIV o l’incidente la loro auto quando sono ubriachi) non hanno avuto la possibilità di trovare ciò che è normativo (i bambini abusati spesso immaginano la stessa cosa succede nelle case di tutti) e non hanno ancora avuto la possibilità di vedere che tipo di vita possono fare . La bellezza della campagna ” It Get Better ” per ridurre il rischio di suicidio per queer e transessuali è che di solito è così. Se le circostanze esterne durante l’infanzia sono scarse, l’età adulta fornirà diverse opzioni di vita.

Quindi, quando un bambino di 8, 10, 12 anni o un adolescente viene inghiottito dall’oscurità, non ha abbastanza esperienza di vita per conoscere i molti modi in cui potrebbero sopravvivere in quel momento. Potrebbero aver lottato con le tenebre per anni, o mesi, o settimane, o anche solo giorni. La loro oscurità potrebbe sembrare che sia accaduta “per sempre” e non cambierà mai, e loro non hanno cognitivamente modo di capire veramente che il morto è morto, né il controllo degli impulsi per contenere se stessi, anche se lo fanno.

Anche i bambini hanno l’oscurità

E se mio figlio, o tuo figlio, fosse nato con una forte pulsione di morte? E se succedesse qualcosa di orribile a tuo figlio, di cui sei a conoscenza, o che non conosci, come uno stupro o vittima di bullismo? Che cosa succede se il tuo bambino sa dentro di sé qualcosa che temono di sapere, come se fossero strani, o trans e ha paura di come verrà ricevuto? Cosa succede se sono completamente inondati di disperazione? Sapranno di cosa si tratta? Sapranno che è improbabile che duri? Sanno che la vita è intervallata da momenti terribilmente dolorosi, terribili e gioiosi e gloriosi? Sanno cose che possono fare quando soffrono che lo aiuteranno a migliorare? Sanno che la morte è per sempre? Sanno che ci sono altri modi per far sapere alla gente che stanno soffrendo?

Capisco perché alcuni adulti finiscono la propria vita. So che alcuni bambini vivono con una sorta di orrore quotidiano che merita la contemplazione del suicidio, come i bambini che vivono con incesto in atto. Ma quando sento parlare di un bambino di 8 anni, un bambino di 10 anni, di 12 anni, che si uccide, temo che possano essere annegati in un orribile pozzo di oscurità che potrebbe essersi dissipato un’ora dopo, da una situazione che potrebbe si sono risolti una settimana dopo, o almeno un anno dopo.

Non sono sicuro di quanto sia forte o non sia la pulsione di morte di mio figlio, sarà o non sarà, e quanto vita dovrà affrontare per contrastarlo. So che ha già pensieri, sentimenti ed esperienze che sceglie di mantenere privato, o almeno sceglie quando è o non ha intenzione di rivelarmeli. E come tutti noi, a volte è così sopraffatto da un momento di delusione, o un’umiliazione sociale, che vuole smettere di esistere. E come tutti noi, a volte è così sicuro che nessuno capisce o apprezza la sua sofferenza, che vuole ferire me o gli altri con la sua verità.

Voglio che sappia della disperazione e di cosa si tratti meno di un giorno si troverà di fronte a una dose potenzialmente letale. Voglio che abbia linguaggio e comprensione dei concetti che circondano il dolore interno, quindi potrebbe esserne meno spaventato. Voglio che sappia che non è il solo ad avere pensieri oscuri, odiosi, morbosi e terrificanti.

Mentre io spero per lui, e cerco di aiutarlo a costruire un mondo per proteggerlo dalla sofferenza, so che né lui né io siamo onnipotenti. Quindi voglio la prossima cosa migliore. Voglio per lui la stessa cosa che voglio per me stesso, i miei amici e i miei clienti, che è quella di espandere la sua capacità di sopportare la sofferenza, in modo che possa sempre sopravvivere.

Solutions Collecting From Web of "Anthony Bourdain e Talking to My Young Kid sul suicidio"