Ansia pre-volo: cosa lo causa, cosa lo ferma

L’impegno ferma l’ansia. Per una persona che siede sul recinto, l’ansia persiste.

Recentemente, qualcuno ha inviato un’email sull’ansia anticipatoria pre-volo. Mentre iniziavo a pensare a cosa dire alla persona, i miei pensieri risalivano a nove anni. Ogni estate nella Carolina del Nord, veniva richiesta una febbre tifoide. Un giorno ogni settimana, il dottore della contea, il dottor Bullah e la sua infermiera, misero su un marciapiede sul marciapiede il negozio di droga di Nowell, a un isolato dalla mia casa di Wendell.

All’inizio dell’estate, avevo programmato di camminare giù per il blocco e ottenere lo scatto in modo che fosse finito e finito. Ma quando ho visto il numero di persone in fila, la mia risoluzione si è sciolta. Dovrei stare in fila tutto il tempo a pensare all’ago. Ho salvato.

Sono tornato la prossima settimana. La stessa cosa è successa. Questo è andato avanti per tutta l’estate. L’impegno non è il forte di nove anni. L’estate è stata in parte rovinata dall’ansia anticipatoria. Finalmente, l’ultimo giorno in cui il dottor Bullah sarebbe stato lì, ho avuto il colpo. Perché? Perché la regola era, se ti sei perso un colpo, la prossima estate dovevi ottenere tre colpi. L’ansia per tre colpi la prossima estate ha annullato l’ansia per aver sparato a quell’ultima opportunità quest’estate.

Ricordando quanto sia difficile per un bambino affrontare l’ansia anticipatoria, mi chiedevo se ci fosse una lezione sul volo. Penso che sia così. L’ansia anticipatrice costruisce mentre aspetta di salire a bordo di un aereo come se fosse in attesa di una vaccinazione. Un’alternativa peggiore può aiutare una persona a distinguerla. Per un bambino, tre colpi l’anno prossimo era un’alternativa abbastanza peggiore per fare il trucco. Tre colpi contro uno possono spingere anche un bambino di nove anni in impegno.

Esiste un’alternativa abbastanza pessima che può aiutare quando si sale su un volo? Se si salva, si ottiene un sollievo immediato. Il sollievo dura un paio di minuti. Quando svanisce, è sostituito dal senso di colpa e dalla vergogna che dura da mesi. Quando pensate al sollievo immediato, lanciate i sentimenti duraturi nel calcolo.

Si ritiene comunemente che il controllo tenga a bada l’ansia. Questo non è necessariamente così. Se hai il controllo ma non puoi impegnarti in un piano, l’ansia continua senza sosta. Quando la funzione esecutiva (il pensiero di alto livello responsabile per il nostro processo decisionale) si impegna in un piano, termina l’ansia segnalando all’amigdala di porre fine al rilascio di ormoni dello stress. Il temerario aviatore è in grado di determinare quello che fanno, ma finché si siedono sulla recinzione, soffrono di ansia a causa della mancanza di impegno.

Se siamo fortunati, siamo automaticamente calmati dalle risorse interne. Se non disponiamo di adeguate risorse interne, potremmo rivolgerci agli altri per calmarci. O, come detto, la Funzione Esecutiva può controllare il rilascio degli ormoni dello stress attraverso l’impegno. Altrimenti, la persona – o il suo delegato – deve controllare la situazione in modo che non accada nulla di sconvolgente. Questo non funziona nell’aria. La turbolenza fa sì che i volantini ansiosi pensino che l’aereo sia fuori controllo o che possa andare fuori controllo. Il fatto che i piloti non possano sempre prevedere ed evitare turbolenze è altamente preoccupante.

Una nuova app può aiutarti. SOAR In-Flight consente a un utente ansioso di inserire i propri dati di volo. L’app quindi ricerca la traiettoria di volo e determina dove è prevista la turbolenza. Mentre il volo procede, l’app consente all’utente di sapere quando si verifica la turbolenza, quanto sarà forte e quanto durerà. L’app è disponibile per iPhone a questo link e per Android qui.

Ma per quanto riguarda l’ansia durante il volo? Dal momento che l’emozione non può essere controllata dal controllo o dalla fuga, che cosa può aiutare?

  • Uno, inibire l’up-regulation. Il sistema nervoso simpatico si regola in alto quando si producono gli ormoni dello stress. L’ossitocina inibisce il rilascio degli ormoni dello stress. Prima di volare, una memoria che produce ossitocina è collegata agli eventi che si svolgeranno sul volo. Mentre gli eventi hanno luogo, l’ossitocina viene prodotta per associazione.
  • Due, attivare il down-regulation. Il sistema nervoso parasimpatico si regola in basso quando viene stimolato il nervo vago. Prima di volare, una memoria di stimolazione del vago è collegata agli eventi che si svolgeranno sul volo. Il nervo vago è stimolato dal viso, dalla voce e dal tocco di un amico in sintonia e non giudicante.

Una volta che questi collegamenti sono stati stabiliti per inibire l’up-regulation e attivare la down-regulation, l’eccitazione viene controllata automaticamente durante il volo.

Quando lavoro con un cliente sulla paura di volare, mi assicuro che questi collegamenti siano stabiliti. So che il cliente starà bene sull’aereo. Ma, dal loro punto di vista, questa nuova capacità di autoregolarsi automaticamente sul volo non è stata testata e non dimostrata. Se, invece di impegnarsi a volare, si siedono sulla recinzione, provano ansia anticipatoria. I volatori ansiosi sono abituati a controllare i sentimenti controllando le situazioni a cui partecipano e riuscendo a sfuggire a situazioni in cui il controllo non è assicurato. Prendere un volo richiede mettere da parte il controllo e fuggire, le due cose che hanno imparato da cui possono dipendere. Prendere un volo significa provare a controllare i sentimenti con risorse interne di nuova costituzione. Sanno che se questo funziona, aprirà loro tutto il mondo. Ma, se hanno provato altri metodi e non hanno ottenuto buoni risultati, naturalmente avranno dei dubbi sul fatto che ciò che ho insegnato loro funzionerà.

Invece di dipendere dal controllo e dalla fuga per controllare i sentimenti, alcuni clienti dipendono dagli altri per calmarli. Una persona che deve volare da sola ha un’ansia anticipatoria per un’altra ragione. Il Dott. James Masterson ha scoperto che le persone che dipendono dagli altri per calmare hanno difficoltà ad agire nel loro stesso interesse. Nel linguaggio tecnico, Masterson ha detto: “(1.) l’auto-attivazione (2.) porta a un effetto disforico che (3.) porta alla difesa”.

In parole povere, la persona emotivamente dipendente si mette nei guai quando (1.) decide di agire in modo indipendente. Quando iniziano l’azione indipendente, (2) la separazione dalle persone da cui dipendono li fa sentire soli. Quando l’ansia alta, o il panico, risulta, essi (3.) si tirano indietro per ottenere sollievo.
L’impegno, l’unica cosa che pone fine all’ansia anticipatoria, è difficile da fare. Richiede di andare avanti con un piano, invece di sedersi sul recinto pensando “e se”.

Masterson lo ha chiarito chiaramente. Si è assicurato che i clienti vedessero l’intero quadro e ne capissero le implicazioni: impegnarsi è scoprire la soddisfazione di dirigere il corso della propria vita piuttosto che essere vittima delle circostanze.

Masterson ha detto che le persone che evitano l’impegno sono come marinai che, invece di guidare la loro barca, lasciano che sia soffiato dai venti e dalle correnti. Poi, quando non gli piace dove finiscono, danno la colpa alle condizioni – piuttosto che alla loro incapacità di dirigere la barca – per dove sono.

L’ansia di volo può essere controllata inibendo la regolazione e stimolando la regolazione verso il basso. L’ansia anticipatrice può essere eliminata con l’impegno.

Solutions Collecting From Web of "Ansia pre-volo: cosa lo causa, cosa lo ferma"