Ansia medicazione: come posso decidere?

La mia paziente di 24 anni, l'argomento dei miei blog più recenti, si è lamentata del fatto che fosse spaventato di notte quando era solo nel suo appartamento. In un post precedente, ho commentato che ai vecchi tempi, la sua paura lo avrebbe spinto a chiedermi di prescrivere farmaci. Ho continuato dicendo che ero felice che non ci fosse andato. Questa narrazione fa sorgere la domanda sul perché, come psichiatra, sarei felice quando un paziente NON mi sta chiedendo farmaci.

Come medico, il mio primo lavoro è diagnosticare il problema. Nel mio campo, come per altri campi della medicina, diagnosticare significa indovinare. A questo punto, sento i miei critici che inviano questo blog attraverso internet dicendo "Dr. Vollmer dice che la psichiatria è una congettura ". La diagnosi clinica è il linguaggio tecnico per descrivere ciò che sto chiamando speculazione. In altre parole, non ci sono test medici per confermare una diagnosi. Tuttavia, anni di formazione costituiscono le basi per indovinare istruiti. Parte di questa formazione implica imparare come tollerare l'ambiguità e l'incertezza. Per me, questo è uno degli aspetti più impegnativi del mio campo.

I miei insegnanti della facoltà di medicina hanno ripetuto più e più volte che l'80% della diagnosi si basa sulla storia del paziente e il 20% si basa sull'esame fisico e sui test di laboratorio. So che con la tecnologia moderna questa equazione è cambiata in molti campi della medicina. In psichiatria, però, la storia, insieme alle mie impressioni cliniche, è tutto ciò su cui devo lavorare. In futuro, pubblicherò un blog sull'arte della storia perduta che si occupa di educazione medica, ma per ora tornerò a pensare di valutare questo particolare paziente.

Nel pensare a un paziente che si presenta con dolore, fisico o mentale, ho bisogno di pensare a certe dimensioni del problema presentato. Cioè, ho bisogno di pensare alla durata, all'intensità, all'ambientazione in cui il dolore ha luogo, a cosa lo rende migliore, a cosa lo rende peggiore, a quali interventi precedenti sono stati provati e quali conseguenze ha avuto sulla sua vita questo dolore. Ho anche bisogno di esplorare la storia della famiglia per cercare un legame genetico.

Mentre penso a questo giovane gentiluomo, sono consapevole di quanto è lontano. Le sue capacità di coping sono migliorate enormemente. Di fronte all'incertezza, ha imparato come risolvere i problemi. Di fronte alla solitudine, ha imparato come raggiungerlo. Di fronte al dolore e alla delusione, ha imparato come elaborare i suoi sentimenti e affrontare la tristezza e la disperazione. Aspetta il suo futuro e ha relazioni sane. Tuttavia, c'è del lavoro da fare. Ha episodi di angoscia schiacciante. È arrabbiato per il divorzio dei suoi genitori. A volte, procrastina così tanto che riesce a malapena a superare la scuola.

Con questo paziente, vedo il movimento e vedo la crescita. Come tale, una notte di travolgente solitudine e disperazione non indica il bisogno di farmaci. Ancora più importante, questo cliente non mi stava chiedendo farmaci per curare la sua ansia. Ero entusiasta di questo, poiché ho capito che era motivato a riflettere sui suoi sentimenti in modo che potesse affrontare meglio in futuro. Questa era un'ulteriore prova della sua maturità. L'obiettivo del mio lavoro è rafforzare le persone internamente. I farmaci sono sempre l'ultima risorsa. Detto questo, vedere le persone rispondere ai farmaci psicotropi è eccitante. Vedere le persone rispondere a se stesse in modo sano è ancora più elettrizzante. E 'stata una buona giornata.

http://blog.shirahvollmermd.com/

Solutions Collecting From Web of "Ansia medicazione: come posso decidere?"