Ansia e vergogna: una lezione di coraggio

Trovare la tua voce in una disposizione di potere ineguale – specialmente quando la persona più potente (un insegnante, un medico, un capo) ti sta facendo vergognare – prende una grande quantità di coraggio.

Considera il mio cliente di terapia Margot, che ho incontrato per la prima volta quando era una studentessa delle superiori, piena di talento ed energia e un enorme dono per l'empatia e la connessione. Era anche vulnerabile alla depressione profonda e in seguito sarebbe stata diagnosticata una malattia maniaco-depressiva. Durante il suo primo anno di college, ha fatto un tentativo di suicidio dopo che un fidanzato l'ha lasciata. Inutile dire che fu l'anno dell'inferno per Margot e terrificante per la sua famiglia che l'amava.

Quando Margot tornò a casa durante le vacanze di primavera, visitò la sua insegnante preferita al liceo, un uomo che l'aveva guidata e creduto nella sua promessa. Dopo alcune conversazioni, l'insegnante ha detto: "Mi è dispiaciuto molto sentire il tuo tentativo di suicidio, Margot. Ad essere sinceri, mi sono sentito molto deluso. Non ti vedevo come il tipo di persona che farebbe una cosa del genere. " Quando si separarono, l'insegnante le diede una pacca cordiale sulla spalla e disse: " Mi manca la vecchia Margot. So che quella ragazza forte è ancora lì da qualche parte! "

Margot aveva sofferto abbastanza e stava lottando potentemente nella sua breve terapia con me per tenere sotto controllo la sua competenza e i suoi punti di forza. Si sentiva appiattita da quelle parole di un'insegnante che una volta le aveva mostrato la massima attenzione e rispetto. Ora, mentre la svergognava per la sua apparente "debolezza", invitò Margot a considerarsi "il tipo di persona che farebbe una cosa del genere". Che tipo di persona è? E cosa intendeva con "una cosa del genere"? Inoltre, non c'era nessun "vecchio" o "nuovo" Margot. C'era solo Margot. Si sentiva come se un camion l'avesse colpita.

Questa ragazza di 18 anni, la cui autostima era già gravemente ferita, ha scritto a questo insegnante una nota che gli ha fatto capire quanto questa interazione avesse lasciato la sua sensazione. La sua prima stesura fu una lunga sfuriata in cui sfogò la sua rabbia e citò ampi risultati dalla letteratura di ricerca sul suicidio. Se l'intenzione di Margot fosse solo quella di mostrare al suo insegnante tutta la forza dei suoi sentimenti – e di vergognarlo a sua volta – questa lettera avrebbe fatto il lavoro.

Ma mentre interrogavo Margot in terapia, lei ha chiarito che la sua intenzione principale era quella di far capire all'insegnante che non aveva il diritto di parlarle in modo così doloroso e insensibile.

Certo, non possiamo "far sì che le altre persone capiscano qualcosa o si sentano male per i loro misfatti". Ma data l'intenzione di Margot, questa lettera lunga, emotivamente intensa avrebbe semplicemente lasciato l'insegnante fuori dai guai. A meno che non fosse una persona molto evoluta, avrebbe sicuramente reagito con la difensiva.

Quando incolpiamo il colpevole (o la vergogna della sciamana), quella persona si avvolgerà in una coperta di razionalizzazione e negazione ed eviterà di sentirsi responsabile. Inoltre, le persone sulla difensiva leggono raramente lettere lunghe e critiche, quindi alleno spesso le persone per "dirlo più brevemente". Dubitavo che l'insegnante di Margot avrebbe fatto un occhio di riguardo per una critica così dettagliata.
Margot prese una via più coraggiosa mandandogli una lettera di tre paragrafi che non poteva facilmente squalificare o mettere da parte.

Lei scrisse:
Sei stato una persona così importante nella mia vita. Sono tornato per vedere che hai bisogno del tuo sostegno. Mi fa male sapere che ti ho deluso, come se fossi una specie di fallimento. Ho lasciato il tuo ufficio sentendomi una persona più piccola, che non era all'altezza dei tuoi standard. Forse è quello che credi, ma non mi ha aiutato a sentirlo. Devo anche dirti che non credo di essere una persona inferiore a causa del mio tentativo di suicidio.

In questa audace nota, Margot ha offerto al suo insegnante l'opportunità di considerare il suo comportamento, assumersene la responsabilità e scusarsi. Lasciò aperta la possibilità di guarire la disconnessione tra di loro, il che aveva senso considerando quanto fosse stato importante per lei. Al suo attivo, chiamò Margot a casa e si scusò, spiegando che la sua insensibilità derivava dalla sua ansia di perderla e dal fatto che diversi anni prima, un altro studente si era suicidato durante il suo primo anno di college.

Che questa insegnante sia stata all'altezza della situazione è molto meno importante di quella scritta da Margot. Che incredibile coraggio per una giovane donna appena uscita dal liceo, che si sta riprendendo da una grave depressione e dalla quasi perdita della sua vita, per parlare con un'autorità così importante – per fargli sapere che non accetterebbe il suo invito a vedere il suo suicidio tentativo e vulnerabilità alla grave depressione come vergognosi, minori, deboli o sbagliati.

Il coraggio non è saltare in aria o incolpare l'altra persona, tagliandola o paracadutarsi da lontano per uno scontro drammatico e scioccante. Proprio l'opposto.

Il vero coraggio sta pianificando attentamente come invitare la persona che ti ha fatto del male nella conversazione, in modo che voi due abbiate le migliori possibilità di parlare insieme nel tempo in un modo reale.

Questa è la via difficile che Margot ha intrapreso, il percorso che evoca molta più angoscia che sfogare le emozioni in modo non censurato e reattivo.

Solutions Collecting From Web of "Ansia e vergogna: una lezione di coraggio"