Ansia delle scuole superiori e degli studenti universitari: perché l’epidemia?

Uno sguardo interiore al drastico aumento dei tassi di ansia tra gli studenti.

(c) 4774344sean/fotosesarch

Fonte: (c) 4774344sean / fotosesarch

L’epidemia di ansia nelle scuole superiori e nei campus universitari è sorprendente. Negli ultimi sette anni, l’ansia è diventata la ragione per cui gli studenti universitari cercano il counseling? [1] Lo sto vedendo nella mia pratica clinica, ne sto leggendo in articoli di notizie e ne sento parlare dai terapeuti quando faccio seminari intorno al Paese sul trattamento dell’ansia. I disturbi d’ansia colpiscono il 25% degli adolescenti, una percentuale che è aumentata costantemente negli ultimi 30 anni e non mostra segni di rallentamento [2]. Cosa sta succedendo?

Quando stavo scrivendo Prescriptions Without Pills, che offre opzioni di auto-trattamento per alleviare l’ansia, non avevo idea di come i disturbi d’ansia prevalenti stessero diventando e ancor meno consapevolezza dei tassi drammaticamente in aumento tra gli studenti delle scuole superiori e del college. Le “prescrizioni” di trattamento che suggerisco nel libro sembrano tanto più vitali ora. Gli studenti stanno meglio alleggerendo la loro ansia con tecniche che non implicano farmaci. I farmaci anti-ansia possono creare dipendenza fisica (sedativi antidepressivi) o dipendenza (benzodiazepine come il Valium).

La prevenzione quasi sempre batte il trattamento, quindi sono stato alla ricerca di modi per comprendere i fattori che hanno innescato l’aumento dell’ansia tra i giovani.

Sono quindi felice di essermi imbattuto in un’opportunità per intervistare Jake Heilbrunn, autore di 21 anni e attivista per la salute mentale. Il libro di Jake Off The Beaten Trail, il suo nuovo TEDx talk, ei suoi discorsi ai gruppi di studenti di tutto il paese mi hanno colpito.

Un’intervista con Jake Heilbrunn sull’epidemia di ansia da studente

Mille grazie a Jake per aver condiviso le sue prospettive con noi.

DrH: Jake, come sei diventato così impegnato ad aiutare gli adolescenti ansiosi?

JH: Durante il mio primo semestre di college, ho combattuto contro l’ansia paralizzante, una condizione della pelle indotta dall’ansia e depressione. Una delle poche persone che sapevano che stavo attraversando questo era un consulente di carriera. Alla fine della mia prima visita con questo consulente di carriera, che mi aveva chiesto come mi sentivo e cosa, mi misi a piangere piangendo nel suo ufficio. Dopo aver imbottigliato i miei problemi per mesi, avevo trovato un adulto che mi incoraggiava a condividere ciò che avevo in mente. Il sollievo che ho provato quel giorno è stato enorme.

DrH: Quale pensi sia una ragione chiave per cui i giovani stanno vivendo così tanto e così gravi livelli di ansia?

JH: Basandomi sulla mia esperienza personale e parlando con migliaia di studenti delle scuole superiori e dei college quando parlo nelle scuole di tutto il paese, vedo l’uso diffuso dei social media come un nuovo importante trigger di ansia.

Millennials e Gen Z’ers come me stanno crescendo in un mondo con due vite, entrambe ugualmente reali: digitali e analogici (di persona). Nelle nostre vite digitali (ovvero “social media”) cerchiamo costantemente di mantenere un’immagine . Dipingiamo le immagini delle nostre vite con le foto e le storie di noi stessi che pubblichiamo. E confrontiamo la realtà delle nostre vite con le immagini che gli altri dipingono sui social media delle loro vite, o almeno su ciò che vogliono che pensiamo che le loro vite siano tutte intorno …

DrH: Perché pensi che i social media siano un generatore di ansia più grande per i giovani che per gli anziani?

JH: quantità. I Gen Z’ers trascorrono, in media, quattro ore al giorno sui social media. [3] Immagina di spendere ¼ della tua vita da sveglio confrontandoti inconsciamente alle persone che segui su Snapchat, Instagram e Facebook.

Più tempo sui social media produce più disagio emotivo. Lo scrolling costante e il confronto sociale generano pensieri come: “Non sono abbastanza bravo, abbastanza felice, abbastanza intelligente, abbastanza bello … ecc.” Un flusso continuo di questi tipi di pensieri di confronto negativi troppo spesso culmina in sentimenti di preoccupazione travolgenti -Generazione di ansia- e di essere meno-di, che genera depressione.

In effetti, gli studi di ricerca hanno mostrato un legame diretto tra la quantità di tempo trascorso sui social media e i livelli di ansia e depressione [4].

Allo stesso tempo, i giovani più ansiosi si sentono, più tentati e persino dipendenti, possono diventare alla continua ricerca sui social media per informazioni sul loro stato sociale. Il circolo vizioso ruota.

DrH: Ci sono altri modi in cui i social media sembrano invitare l’ansia?

JH: Di sicuro. Gli studenti aprono la porta per entrare nella loro stanza del dormitorio, e invece di parlare con i loro coinquilini cosa fanno? Controllano la loro pagina di Facebook. Vogliono fare una pausa studio e cosa fanno? Lo stesso. La prima cosa quando si svegliano la mattina cosa fanno? Controlla la loro posta elettronica e le pagine di Facebook. Tutto questo controllo sui social media è il tempo che in passato avrebbe potuto passare in giro con gli amici.

Chattare di persona, a differenza della lettura di amici sui social media, crea connessioni sociali. Le connessioni sociali aumentano la fiducia in se stessi. Quindi, oltre a creare sentimenti ansiosi, il controllo dei social media riduce la quantità di buoni sentimenti indotti dall’ossitocina generati da un vero contatto amico-a-amico.

Inoltre, c’è qualcosa in telefoni cellulari e computer che li rende avvincenti. Ciò significa che gli studenti non pensano solo occasionalmente a come si accordano con gli altri. Le persone affette da dipendenza controllano e controllano speranze di un colpo di buoni sentimenti. E troppo spesso provano sentimenti ansiosi o depressi perché invece di ottenere quel colpo di sensibilità superiore, vedono qualcuno che sembra meglio di loro o qualcuno che ha detto qualcosa di ostile su di loro.

Certo, guardare gli altri per trovare indizi su come gli altri ti vedono è stato a lungo un modo adolescenziale per chiarire l’immagine di sé. Gli adolescenti hanno sempre cercato di capire chi sono e come si classificano con gli altri controllando ciò che gli altri pensano di loro. La triste svolta indotta dai social media è che gli studenti ricevono false immagini di grande felicità indotte da post di miglioramento dell’immagine. E quando i Mi piace per i loro post sostituiscono gli adolescenti divertenti usati per ottenere da interazioni sociali dirette come parlare, sorridere e “uscire” con i loro amici, la vita diventa sia più spaventosa che meno appagante.

DrH: Cos’altro può indurre così tanta ansia da studente?

JH: Ovviamente ci sono i soliti sospetti come le difficoltà delle fidanzate e dei fidanzati, lo stress da troppi compiti a casa e conflitti di compagni di stanza.

Ciò che può essere cambiato, tuttavia, è che la genitorialità dell’elicottero, con i genitori che si aggirano sempre vicino a “aiutare” piuttosto che i bambini che imparano a risolvere i problemi da soli, può lasciare gli studenti universitari meno preparati a gestire questi stress.

DrH: Che dire della realtà che più giovani adulti ora vanno al college?

JH: Anche questo è probabilmente un fattore. Nei bambini delle superiori e i loro genitori sottolineano su quale università frequenteranno. Inoltre, per molti studenti, il college è il prossimo passo automatico dopo il liceo, anche se nel loro intestino sanno che hanno solo un interesse minimo per ottenere più istruzione.

Poi, una volta arrivati ​​all’università, gli studenti ei loro genitori stanno spendendo enormi somme di denaro e potrebbero assumere enormi prestiti agli studenti. Eppure tanti bambini al college hanno ben poco senso di ciò che è prezioso in ciò che stanno comprando. Quindi il college può generare un’enorme pressione finanziaria con una piccola rivincita diversa da una divertente vita sociale, cioè feste e bevute.

DrH: Come possono i genitori e gli educatori aiutare i giovani che soffrono di ansia?

JH: Molti millennial e Gen Z’ers sentono una pressione eccessiva da parte dei genitori e della società per avere successo a scuola. Se è vero che anche i giovani delle generazioni precedenti hanno provato questo tipo di pressione, l’avvento dei social media sembra averlo notevolmente amplificato. Quando i genitori si sentono in ansia se i loro figli entreranno nel giusto college, o se andranno al college e dopo, questa pressione si moltiplica.

Quindi, per aiutare i propri figli, un posto dove i genitori devono iniziare è valutare le proprie ansie. Se i genitori possono fare un atto di fede e amare i loro figli così come sono, con o senza risultati misurabili, quell’atteggiamento più rilassato e amorevole può fare molto per facilitare il passaggio all’età adulta per i loro figli.

I genitori possono anche essere d’aiuto invitando i loro figli a dire cosa succede nelle loro teste. ” Cosa …” e ” Come …” sono le migliori parole per iniziare una domanda dato che questi antipasti senza fine invitano a risposte complete. ” Do you … ” o ” Have you … “, al contrario, invitare brevi risposte o no . Inoltre tendono a invitare risposte difensive invece di quelle premurose.

I genitori devono quindi essere disposti a rispondere con interesse, non con critiche, a prescindere dalle risposte che sentono. ” , questo ha senso perché …” Quindi, se non capiscono, possono chiedere ulteriori informazioni. Possono chiedere la domanda successiva ” Cosa …” o ” Come …”. La conversazione terminerà rapidamente se un genitore risponde con qualsiasi versione di “Non dovresti sentirti così perché …”.

Dr.H: In che modo parlare con un consulente ti aiuta ad alleviare le tue ansie?

JH: In un periodo di diversi mesi, ho visto il consulente di carriera cinque volte. Il consulente mi ha insegnato le capacità di affrontare l’ansia, principalmente incoraggiandomi a dire ad alta voce i pensieri negativi. Mettendo in parole le sensazioni ansiose che mi avevano consumato mi permise di ascoltare i miei sentimenti in modo che potessero informarmi delle mie preoccupazioni. Il consulente mi ha chiesto quali potrebbero essere i modi alternativi di rispondere a queste preoccupazioni. Ho iniziato quindi a scoprire nuove soluzioni per le situazioni difficili che stavo affrontando.

Parlare dei miei sentimenti e pensieri con un ascoltatore che ha preso sul serio le mie preoccupazioni e poi mi ha incoraggiato a cercare soluzioni mi ha insegnato a fare lo stesso. Parlare dei sentimenti offre sollievo in sé e per sé. Inoltre, con sentimenti e pensieri allo scoperto, potrei iniziare a capire cosa potrebbe aiutare.

Queste conversazioni hanno cambiato il corso della mia vita. Mi hanno insegnato che l’ansia segnala che c’è un problema che devo affrontare e risolvere. Hanno dato il via al mio viaggio che mi ha portato a superare la mia ansia invalidante.

Cos’altro hai imparato dalla tua esperienza universitaria di ansia e sollievo finale?

I genitori e gli educatori devono capire che quando i giovani sperimentano ansia e depressione, spesso ci vergogniamo. Pensiamo di essere soli. Pensiamo che nessun altro stia vivendo questi sentimenti. E non abbiamo idea di cosa fare per far sparire i sentimenti ansiosi.

Con nessuno con cui parlare, ci sentiamo isolati, senza speranza, bloccati in sentimenti che ci mettono in imbarazzo, e che girano con preoccupazioni invece di lanciarsi nel problem-solving. Questo è quando i comportamenti autolesionisti possono iniziare a sembrare allettanti.

Ora, guardando indietro, posso vederlo in questi momenti fragili:

-Prima dobbiamo essere ascoltati. Non c’è da dire che non è poi così male, ma piuttosto prendere sul serio i nostri sentimenti, come buoni dati. In questo modo possiamo iniziare a sentire e capire noi stessi.

-Poi per essere chiesto, o per chiedere a noi stessi, “Quindi cosa potresti voler fare riguardo a questa situazione? Cosa potresti fare diversamente che potrebbe essere d’aiuto? “Queste domande ci portano a iniziare a risolvere i problemi.

SH: Quali altre credenze culturalmente prevalenti possono contribuire all’ansia?

JH: Molti giovani credono di aver bisogno di essere “perfetti” per essere felici e avere successo. Ho avuto questa convinzione e mi ha spaventato molto. Continuavo a incontrare altri studenti che sembravano essere più “perfetti” e io ero terrorizzato.

Il nostro sistema educativo ha un forte focus sui voti. Gli studenti possono condividere la convinzione che buoni voti = successo e cattivi voti = fallimento. Acquistare nella convinzione che i voti siano l’unico fattore che determina il successo e la felicità nella vita promuove l’ansia. È terrificante quando crediamo che siamo un fallimento e continueremo a essere un fallimento, se non otteniamo A e stelle d’oro.

Questo non vuol dire che gli studenti non dovrebbero lavorare sodo, cercare consigli o tutoraggio e sforzarsi di imparare. Il problema arriva quando gli studenti adottano la convinzione che “i gradi sono tutto”. Questa convinzione può portare a ansia, inganni, depressione e persino a misure drastiche come il suicidio.

Cambiando le nostre convinzioni in una prospettiva che si concentra sull’apprendimento a causa dell’interesse per l’argomento, possiamo ridurre lo stress e ottenere più istruzione, dagli studi delle scuole superiori e dei college.

La gratitudine, lo sport, la scrittura in un diario, il volontariato, l’esercizio e gli hobby extracurriculari sviluppano anche le più ampie prospettive che si sono create per il vivere sia a livello professionale che sociale.

Un’altra convinzione errata per me è stata la più mortale. Credevo che i miei genitori e insegnanti fossero quelli che sapevano meglio di ciò che era buono per me. Questa convinzione ha portato all’incapacità di ascoltare il mio istinto, i miei pensieri e sentimenti. Quando ho pensato che i miei genitori volessero che andassi al college, e non volevo essere lì, ho cominciato ad annegare in un vortice d’ansia. Stavo chiudendo le voci silenziose dentro di me a favore del fare le cose a causa delle aspettative degli altri, che si sono dimostrate una via perfetta per l’ansia e la depressione sempre crescenti.

Dr. H: Quali informazioni offri a uno studente che sta lottando con l’ansia?

JH: Insegnerei loro innanzitutto che non sono soli in ciò che stanno vivendo. L’ansia è normale. Tutti lo sentono di volta in volta. È anche una sensazione utile perché li avverte quando qualcosa ha bisogno della loro attenzione.

Insegnerei anche a loro che l’angoscia è temporanea. Va via non appena si identificano e creano un piano d’azione per risolvere il problema che l’ansia sta cercando di farli vedere.

Li incoraggerei a trovare qualcuno con cui parlare. Cercare aiuto è un segno di forza, non di debolezza.

Direi loro di ascoltare i pensieri che accompagnano la loro ansia. Quindi individuare un nuovo piano d’azione per la situazione che l’ansia sta cercando di far loro prestare attenzione.

E infine, direi loro che l’ansia può essere cronica, una sensazione nauseante che sembra uscire dal nulla e dura all’infinito. Per la maggior parte degli studenti delle scuole superiori e dei college, tuttavia, l’ansia non deve essere una maledizione senza senso. Sì, può sembrare assolutamente orribile. Certamente. Allo stesso tempo, l’ansia può evidenziare preoccupazioni importanti e indicare la strada verso le soluzioni. L’ansia si trasforma quindi in una benedizione che ci aiuta a trovare la pace e lo scopo.

——-

[1] https://www.insidehighered.com/news/2017/03/29/anxiety-and-depression-ar…

[2] https://www.elementsbehavioralhealth.com/featured/teenagers-are-feeling-…

[3] https://blog.globalwebindex.net/chart-of-the-day/gen-z-now-spend-4-hours…

[4] https://www.forbes.com/sites/amitchowdhry/2016/04/30/study-links-heavy-f…

Solutions Collecting From Web of "Ansia delle scuole superiori e degli studenti universitari: perché l’epidemia?"