Anoressia e il mondo di oggi

Ho trascorso due settimane su un'isola greca il mese scorso con il mio ragazzo, e mentre ero lì sentivo una splendida semplicità: le routine di colazione sulla terrazza con il sole già caldo, facendo un po 'di lavoro accademico, andando in bicicletta in spiaggia per una nuotata , pranzo all'ombra, un pisolino sul divano nella veranda fresca, un'altra nuotata prima del tramonto, e la cena sulla terrazza affacciata sul mare, ha reso la vita sembra inimmaginabilmente calma e bella. Camminando per metà nudo, mangiando prodotti locali e intrattenendomi con Joseph Conrad e la bellezza del paesaggio, rimasi particolarmente colpita dalla distanza che sentivo da tutte le ansie che la società moderna induce. In parte quella era solo la solitudine: passare tutto il giorno solo con la persona amata crea una grande soddisfazione. Ma era anche la libertà dalla pubblicità, dai supermercati sovraffollati, dalle persone affaticate, da una palestra affollata che alimentava le ossessioni degli esercizi, dalla vita moderna.

Riflettendo sulla società moderna da una certa distanza

In generale io vivo abbastanza isolato, non guardando la televisione (tranne il dramma della HBO occasionale) o leggendo riviste o esponendomi a gran parte della frenesia che spesso passa per l'intrattenimento, ma comunque ho sentito una grande differenza, esserci. Mi ha fatto riflettere sulla natura di questo mondo che è cresciuto intorno a noi nel modo in cui lo ha fatto, e sul traghetto di ritorno da Naxos alla Grecia continentale, in mezzo a un gioco di navi da battaglia che si protrae per un lungo periodo e un pranzo molto Hamburger e patatine greche, ho avuto alcune riflessioni sulla società occidentale e sulla sua relazione con l'anoressia, e su disturbi alimentari e disturbi mentali ossessivi in ​​generale.

La prima cosa che mi ha colpito sono state le molte opposizioni inconciliabili che strutturano i nostri ideali di corpo e quindi di sé. Sia per gli uomini che per le donne, ci sono due estremi di perfezione fisica che ci vengono promossi come desiderabili: per le donne, l'ideale della "moda" rispetto all'ideale "soft porn", cioè la magrezza del bastone contro le curve procace; per gli uomini, l'ideale della "moda" rispetto a quello del bodybuilding (vedi Polly Vernon su come gli uomini sono "soggetti a nozioni sempre più proscrittive ed esagerate sull'ideale fisico"). In ogni caso, l'ideale dominante nella moda è storicamente molto più recente, ma ha una crescente influenza sull'altro. La figura a clessidra della donna e la build del macho dell'uomo sono ancora modelli potenti, ma l'emaciazione androgina sembra essere un modello sempre più influente. La maggior parte degli esseri umani, naturalmente, cade naturalmente da qualche parte tra questi due tipi di "perfezione": una donna può avere seni sinuosi, ma anche i fianchi larghi che vanno con loro; un uomo può avere pettorali increspati ma anche un po 'di grasso intorno alla vita.

Passerelle e modelli glamour: cosa c'è in mezzo?

Lo scopo principale della maggior parte delle immagini del corpo umano che vediamo pubblicate su riviste e cartelloni pubblicitari è quello di indurre un misto di aspirazione e disgusto verso la perfezione imposta al modello reale dal trucco, dagli angoli della macchina da presa e dall'aerografia (vedi l'editore GQ Dylan Jones sull'ubiquità di queste procedure, con riferimento alle cosce di Kate Winslet). Gli stessi contorni di cosce impossibilmente snelle o una pancia piatta sono pensati per farci sognare e disperare allo stesso tempo e aumentare l'impossibilità perché è quello che siamo arrivati ​​a credere di desiderare. La dismorfia corporea è, naturalmente, resa più prevalente da tali tecniche, che creano un divario enorme tra le persone che vediamo nelle fotografie e quelle che vediamo e siamo nel mondo reale.

Così insistenti e insidiosi sono gli ideali pubblicizzati che è quasi impossibile accettare, al giorno d'oggi, che il proprio corpo sia semplicemente una certa forma e rimanga così – e questo è OK. Naturalmente, l'auto-miglioramento fisico ha una lunga storia, dalla corsetteria e parrucche per portare sbiancanti della pelle e legatura del piede cinese, ma i metodi disponibili stanno diventando più sofisticati e profondamente efficaci. I principi consumistici già dettano come vediamo le nostre carriere e le nostre relazioni (vedere Hara Estroff Marano su come "crediamo fermamente che la libertà di scelta porterà alla realizzazione" e su come "i valori del libero mercato" si infiltrino nelle nostre vite private "). In sostanza, se non mi soddisfa completamente, ho il diritto di scambiarlo con uno nuovo. E questo modello si estende anche ai nostri atteggiamenti nei confronti della nostra stessa carne e sangue: se il mio seno è troppo piccolo oi miei fianchi troppo grandi, li farò alterare per adattarlo al mio ideale attuale – o quello che la società mi ha imposto (anche se questo avvertimento di solito non viene riconosciuto).

La natura patologica di tutti questi impulsi alla scelta e alla scelta fisica è che i nostri corpi non devono più fare nulla. C'era una volta, gli uomini dovevano essere forti per provvedere alle loro donne, e le donne dovevano avere seni e fianchi per dare alla luce e nutrire la loro prole, ma oggi possiamo evitare il dolore del parto con sezioni C elettive e passeggiare per il negozio d'angolo ogni volta che ci sentiamo affamati. Ora i corpi devono solo guardare in un certo modo, piuttosto che dover svolgere qualsiasi funzione fisica. Il mio ragazzo mi ha incoraggiato a sollevare pesi, e ieri in palestra ho avuto il brivido di accovacciare 55 kg; ma era un risultato essenzialmente superfluo, qualcosa che una volta sarebbe stato utile ma ora è solo una fonte di piacere.

A volte provo un leggero desiderio di vedere la società respinta in uno stato in cui il problema è trovare cibo a sufficienza piuttosto che resistere a mangiare troppo; dove lavoro significa coltivare e mungere le mucche piuttosto che crollare su un PC con Facebook nella prossima scheda di Firefox. So che la nostalgia è una specie di illusione perniciosa, e che un'apocalisse indotta dal riscaldamento globale non porterebbe semplicemente il meglio nelle persone, ma credo che eliminerebbe una grande quantità di malattie mentali che sono così diffuse questi giorni. Ricordo di aver visto Al Gore's An Inconvenient Truth al cinema con mia madre, quando ero molto malato, e di essere immerso in un grande e duraturo terrore del disastro globale che presentava come inevitabile, e piangendo a dormire al solo pensiero di quanto sarei stato in grado di affrontare una volta che la società si fosse guastata. A mia madre è sempre piaciuto il pensiero apocalittico – ha fatto scatole di provviste in cantina in preparazione del bug del Millennio che avrebbe dovuto far crollare l'Occidente; poi i negozi del Millennio si trasformarono in negozi di influenza aviaria e poi nei negozi di riscaldamento globale. Ha sempre detto che avrei fatto bene in una crisi su larga scala, perché ero così abituato alla fame e alla mia assenza – ma sapevo che la mia fame era possibile solo per me, perché era una scelta, solo perché era la eccezione, solo perché potrei porre fine ad esso in qualsiasi momento che ho scelto, ma mai scelto.

Sapevo che se il mondo come lo sapevamo finisse e io ero ancora anoressico, sarei paralizzato dalla rabbia verso me stesso, dal rimpianto e dalla più profonda tristezza immaginabile che avevo insistito nel rifiutare di mangiare quando ce n'era abbastanza. Quando poi ho ricominciato a mangiare di nuovo di più, un paio di anni dopo, ho pianto anch'io, perché mi sentivo così bello e così terribile che ogni cibo che volevo era lì, ad aspettarmi, e che potevo scegliere qualsiasi cosa volessi fare di nuovo meglio: un sacrilego privilegio, dire no al cibo per tanti anni, e poi avere tutto ciò che c'è da fare non appena ho superato quella perversione nata, almeno in parte, da un eccesso di privilegio.

Tuttavia, non tutti si rivolgono all'anoressia per perfezionare il proprio corpo – anzi, di solito l'anoressia riguarda anche altre cose: il controllo, la sedazione emotiva o altre cose a cui l'immagine corporea è solo un ovvio punto focale. La maggior parte delle persone risponde all'eccesso di cibo economico, facilmente disponibile con ansia e dieta, o con la chirurgia plastica. La chirurgia plastica è l'ovvia soluzione rapida alle ansie del corpo, ma non tutti (ancora) hanno il coraggio o il denaro per intraprenderlo. Le opzioni meno care, più lente, più sicure se meno drammatiche sono l'esercizio fisico e la dieta – quest'ultimo in particolare un paradiso commerciale: le stime delle entrate annuali statunitensi dall'industria di dieta variano tra $ 40 miliardi e $ 100 miliardi (vedi Laura Cummings su come tutti i prodotti dietetici sono previsto per il loro fallimento). La dieta è un modo molto più efficace, a breve termine, di perdere grasso corporeo rispetto all'esercizio da solo: puoi mangiare in due minuti un muffin ai mirtilli che impiegherà 35 minuti per "bruciare". Il problema è che la dieta non funziona mai a lungo termine: l'auto-privazione induce il desiderio, il che rende la "recidiva" sempre più probabile; e ogni volta che si verifica un aumento di peso, la perdita e il guadagno diventano più facili – ogni volta, l'instabilità aumenta e la causa dell'iperalimentazione iniziale può naturalmente non essere mai stata affrontata, e se non lo sarà sicuramente persisterà.

L'enorme numero di persone che seguono diete e "fallendo" significa che coloro che sono percepiti come "riusciti" raggiungono uno status quasi mitico: possono resistere nonostante (in molti casi a causa di) l'eccesso in tutto; i loro corpi testimoniano la loro perfetta resistenza. L'esempio apparentemente più chiaro di queste persone sono le anoressiche. Ma mentre l'anoressia può sembrare l'epitome della dieta di successo, è in realtà l'antitesi della dieta: il punto diventa il processo non il punto finale; infrangere le regole non è proibito, ma impossibile (altrimenti diventa un disturbo alimentare diverso: binge-eating o bulimia); l'approvazione della società è meno significativa della costrizione interna. La grande sanzione di tutte le ossessioni, la salute (notare l'aumento della "ortopessia alimentare sana") non è più rilevante e la malattia diventa innegabile.

Non sono del tutto sicuro se i non anoressici siano in generale veramente inorriditi dalla vista di un anoressico di successo, e quanto questo orrore sia solitamente mescolato a un fascino misto più o meno all'invidia. Penso che, specialmente tra le donne, ci sia quasi sempre qualche gelosia nata dall'insicurezza. Quando ero malato, sapevo di aver reso le persone imbarazzanti, mi è stato detto di molte istanze di ospiti che scrivevano a mia madre dopo che se ne erano andati e dicevano quanto fossi malato e chiedendole, inutilmente, se non fosse terribilmente preoccupata ; ma ricordo anche come al culmine della mia emaciazione (vedi la foto "prima" di me qui), quando mia madre e il suo compagno tenevano una festa di 'house-cooling' nella casa della mia adolescenza, un amico loro, un pittore, mi hanno detto che aspetto mi ha colpito, e come le piacerebbe dipingere il mio ritratto prima o poi. Era magrissima e strana, e non ne era mai uscita nulla, ma comunque, durante tutto questo c'erano abbastanza esempi di ammirazione per rendere quelli di semplice orrore lontani dalla regola. Mia madre ha parlato durante l'intervista radiofonica che abbiamo recentemente fatto per andare a fare shopping con me, e come nonostante disapprovasse e temesse razionalmente la mia eccessiva magrezza, non ha potuto fare a meno di pensare e dire, quando abbiamo provato cose simili, quanto meglio mi hanno guardato. Gli abiti alla moda sono pensati per le persone molto magre e la differenza dalla norma è sempre allettante.

Questo non è del tutto vero, però: l'evidentemente anormale in altri modi – l'albino, il cieco, la donna che non può camminare – raramente è considerato attraente. Ma il grasso è diventato molto più offensivo per le persone che l'estrema magrezza, sia che scaturisca da malattie, sia mentali o fisici (il Daily Mail, che copre la storia della malaria di Cheryl Cole, include una foto incredibilmente affascinante intitolata "Perdita di peso: la signora Cole sembrava incredibilmente magro ai Glamour Women of the Year Awards l'8 giugno '). La magrezza è buona perché il grasso porta con sé numerosi giudizi morali e caratteriali riguardo all'avidità, alla gola e alla mancanza di autocontrollo, e la magrezza significa il contrario di tutti questi, per quanto superficialmente.

Certo, non tutte le persone molto magre sono anoressiche, ma oggi, in Occidente, non c'è bisogno di essere malnutriti in un modo che si traduca in magrezza. Il cibo altamente calorico è più economico del cibo "più sano", quindi i poveri occidentali odierni sono spesso i più grassi: mentre un sondaggio Gallup per il primo trimestre del 2010 mostra il 26,7% degli adulti americani ad essere obesi, la differenza tra i più alti guadagni e il reddito più basso le parentesi nei tassi di obesità sono precisamente del 10%. E non è il più ricco che è più grasso: i più bassi guadagni in media il 31,7% di obesità e i più alti guadagni il 21,7%. Tutto è diventato sottosopra.

Seduto su un divano nel salone del traghetto, mi sono interrogato anche sullo stile di vita anoressico e sulla vita moderna. La solitudine, la segretezza, la routine immobile, sono sempre più invalidi modi di vivere in molte sfere: la farfalla sociale, perennemente connessa, è sia il luogo comune che l'ideale – da qui l'aumento, suppongo, dei siti web "pro-ana" e l'ascesa di gli aspetti competitivi dell'anoressia a una componente conclamata di alcune forme della malattia. Ciò significa che ciò che ho detto sull'approvazione esterna non importa tanto all'anoressia che alla compulsione interna? La malattia stessa risponde alle influenze culturali, non solo nella sua prevalenza ma nella sua stessa essenza? Forse nelle prime fasi: condividere consigli, confrontare peso e forma, può essere fondamentale, tanto per cominciare. Ma alla fine, la fame prende il sopravvento. All'insorgere di una malnutrizione grave e prolungata, tutto il resto diventa meno rilevante: si è intrappolati con i mantra mentali solitari del cibo mangiato e da mangiare, intrappolati con la debolezza, il freddo, il controllo ossessivo e il comportamento pesato, intrappolati nella depressione, all'interno malattia.

È interessante notare che la maggior parte degli uomini non trova l'anoressico – come comunemente pubblicizzato nella forma del modello della passerella – terribilmente attraente: gli uomini vedono (anche se non lo descrivono a loro stessi) magrezza come una malattia di qualche tipo, e quindi come assenza di disponibilità sessuale o potenziale in termini evolutivi per un partner sessuale riproduttivo. Una donna viene rapidamente valutata come "f *** capace" o meno – e queste creature androgine non lo sono. Sono un po 'spaventosi, apparentemente disumani, certamente poco femminili. Il "modello glamour", d'altra parte, incarna il femminile, il fertile, il sessualmente disponibile. Le parti di lei che lo rappresentano – seno, culo, fianchi, labbra – sono accentuate (vedi un altro blogger di PT sull'appello dei seni); il resto – i fianchi, le caviglie, i polsi, ecc. – sono diminuiti per accentuare ulteriormente il primo. Anche qui l'ideale diventa impossibile: le donne magre iniettate con il seno in silicone sono ormai comuni. Eppure quei pochi geneticamente dotati che raggiungono l'ideale naturalmente sono desiderati dagli uomini e ammirati / invidiati dalle donne in un modo più semplice (ed evolutivamente più diretto) di quanto lo siano le donne molto magre. Le donne sanno, dopo tutto, che cosa significa sottigliezza estrema, quanta distruzione di vita comporta e la maggior parte, attraverso la forza o la debolezza della volontà, decide di "scegliere la vita".

Quindi sembra che né la maggior parte degli uomini né la maggior parte delle donne trovino la magrezza bella o attraente in un modo diretto ed estetico. Per gli uomini può rappresentare indirettamente il proprio status, attraverso la rarità e il prestigio sociale della magrezza femminile; per le donne può rappresentare qualcosa di invidiabile: il diverso e l'autocontrollo. Ma è abbastanza per sostenere a lungo un ideale fisico? Il fascino oscuro e uno status symbol sembrano una base piuttosto fragile per una vera ossessione culturale e fisica.
Ma l'anoressica cura di tutto ciò? Vede qualcosa di affascinante in quelli più magri o più magri di lei; lei restringe lo sguardo ai singoli tratti che la ossessionano di più (pancia, braccia, cosce, qualunque cosa); trova gli obiettivi da puntare sugli zigomi delle passerelle e sui mezzi per ottenerli in informazioni nutrizionali impaccate; una volta che lei inizia a provare a riprendersi, le infinite immagini di stinchi sporgenti e occhi infossati sulle donne più apprezzate della società non rendono più facile. Ma mentre la società può quindi approvare certe abitudini anoressiche, e facilitare gli altri, e fornire, almeno nelle fasi iniziali, un feedback positivo sui risultati, gli aspetti fisiologici dell'auto-fame restano immutati dai modelli sociali. Sebbene i tassi di incidenza dell'anoressia siano più bassi nei paesi del terzo mondo, non è affatto assente e sembra in forte aumento (si veda, ad esempio, Makino et al., 2004). Nondimeno, quando vedo un'immagine di, diciamo, Keira Knightley con un abito succinto, mi sento male e confuso che dovrebbe essere celebrata per il suo aspetto, mentre donne affamate in nazioni meno ammalate ucciderebbero per tutto il cibo che lei rifiuta, e che la lodiamo per aver rifiutato.

Qual è l'attrazione qui?

Ma è impossibile dire alla famiglia che si guadagna da vivere da un campo infestato dalla siccità, non siamo più felici di te (anche se è vero: Geoffrey Miller suggerisce che "tutte le pubblicità di beni non essenziali dovrebbero essere obbligate a portare l'avvertimento : "Attenzione: la ricerca scientifica dimostra che questo prodotto aumenterà il tuo benessere soggettivo solo a breve termine, se non del tutto, e non aumenterà il tuo set-point di felicità" "); è impossibile smorzare l'ambizione umana di progresso, facilità, scelta. E più ci avviciniamo alla facilità totale, alla scelta infinita e alla completa 'modernità', più diventerà lampante il suo lato negativo: l'obesità, l'anoressia, la malattia mentale. Ed è ironico che i milioni di persone a dieta dell'Occidente stiano reagendo contro la tendenza generale verso l'obesità, e che il numero minore ma crescente di anoressiche manifesti sia questa reazione contro l'eccesso e il grasso, sia la malattia mentale che ha invaso ogni sorta di sfere della vita , dall'OCD alla fobia sociale.

L'anoressia è una conseguenza necessaria di una società troppo sviluppata come la dieta è: combina il tabù della malattia mentale con il premio più alto della società, e quindi induce una sorta di leggera schizofrenia nel resto della società, che la condanna con un respiro e vorrei che potessero emularlo con il prossimo.

Solutions Collecting From Web of "Anoressia e il mondo di oggi"