Annullare la legge contro annullare la giuria

Un giudice federale di New York ha recentemente respinto le accuse contro Julian P. Heicklen, che era stato accusato di manomissione della giuria. Manomissione della giuria? Chi non ha familiarità con il caso potrebbe presumere che Mr. Heicklen deve essere una figura di massa che ha commesso un atto egregio come corrompere o minacciare i giurati per ottenere un verdetto favorevole a se stesso o ad un associato. Infatti, il signor Heicklen, un professore di chimica in pensione di ottant'anni, sembra il più lontano possibile da un mafioso; e le sue azioni erano molto più benevoli. Tutto ciò che fece fu di stare fuori dal tribunale federale di Manhattan con un cartello "Jury Info" e distribuire opuscoli che sostenevano la giuria della nullità. Gli opuscoli avevano una foto della Statua della Libertà sulla copertina e il titolo "I tuoi diritti di giuria: Vero o Falso ?”

Allora perché le sue azioni erano così pericolose e, secondo i procuratori federali, criminali? La nullità della giuria è la disobbedienza intenzionale di una giuria nel non rispettare la legge; annullando, la giuria può respingere le leggi che considera ingiuste. È stato invocato per spiegare l'incapacità delle giurie di condannare gli imputati, nonostante le prove schiaccianti della loro colpevolezza, in casi che vanno dai reati di droga alla bozza di schivare l'eutanasia e alle vittime maltrattate che uccidono i loro violentatori. È stato anche usato per spiegare il fallimento delle giurie di tutti i bianchi, durante il diciannovesimo secolo e gran parte del ventesimo secolo e specialmente nel sud americano, per condannare i difensori bianchi dei crimini contro i neri (ad esempio il linciaggio). Secondo la maggior parte del sistema di giustizia penale, l'annullamento svaluta la legge ed è un invito all'anarchia; mentre altri (una minoranza) lo vedono come un modo per i giurati di adempiere al loro ruolo di "coscienza della comunità". Così, si riduce a se le giurie dovrebbero essere in grado di annullare la legge, o i tribunali dovrebbero annullare questa componente del la notevole potenza e discrezione della giuria.

La risposta delle corti alla controversia sull'annullamento è stata generalmente quella di affermare il potere della giuria di annullare la legge, trattenendola come un diritto esplicito. In pratica, ciò significa che i giudici non diranno quasi mai alla giuria di essere liberi di ignorare la legge; ma se la giuria ignora la legge di propria iniziativa, allora il verdetto è valido (importante, questo è vero solo se la giuria assolve quando le prove favoriscono chiaramente la condanna, a causa della disposizione costituzionale contro il doppio rischio, se la giuria recluta quando le prove chiaramente favorisce l'assoluzione, quindi il giudice può, e dovrebbe, respingere il verdetto e assolvere).

Ci sono due domande empiriche critiche in tutto questo: quanto spesso le giurie annullano? E le giurie annullerebbero più spesso quando gli viene detto esplicitamente che possono? La prima domanda è quasi impossibile da affrontare. Anche se ci sono numerosi casi in cui gli imputati sono stati assolto di fronte a prove apparentemente convincenti contro di loro, è possibile che i giurati in quei casi abbiano frainteso la legge o abbiano trovato la prova meno convincente di altri osservatori. Nella nostra ricerca (non pubblicata), usando un caso di eutanasia, abbiamo scoperto che nessun finto giurato ha assolto l'imputato, un medico incaricato di somministrare deliberatamente un'overdose a un malato terminale, che ha ammesso di aver fatto, quando ha capito la legge e credeva che l'accusa avesse provato ogni elemento del crimine oltre ogni ragionevole dubbio. Al contrario, molti finti giurati hanno assolto l'imputato, ma così facendo hanno frainteso la legge o scoperto che le prove non erano abbastanza forti da sostenere un verdetto di colpevolezza. Questo risultato suggerisce che un'autentica annullazione – cioè, trascurando in modo flagrante la legge, nonostante la comprensione e il raggiungimento di un verdetto contrario alla propria valutazione delle prove – è un evento di bassa frequenza.

In questo stesso studio, abbiamo anche scoperto che istruire esplicitamente i giurati sul loro diritto all'annullamento non li rendeva più propensi a farlo. Altre ricerche, tuttavia, hanno scoperto che i falsi giurati istruiti sull'annullamento sono più propensi ad assolvere, discutibilmente – sebbene non necessariamente – perché non rispettano la legge. Se un'istruzione di annullamento incide sui verdetti delle giurie – se davvero li induce a ignorare la legge, o semplicemente li rende meno probabili ai condannati – allora i tribunali hanno ragione di essere diffidenti nei confronti dell'annullamento. Tuttavia, se, come suggerisce la nostra ricerca, raramente si verifica l'annullamento, allora potrebbe essere molto rumore per nulla. Se il signor Heicklen vuole trascorrere i suoi giorni reclamando la nullità della giuria, ha più potere per lui.

[Sono grato a Joe Hamm per i suoi contributi alla ricerca sopra descritta e ai suoi approfonditi riflessi sull'argomento.]

Lettura consigliata

Horrowitz, IA, Kerr, NL, & Niedermeier, KE (2001) Nullazione della giuria: prospettive legali e psicologiche. Brooklyn Law Review, 66, 1207-1249.

Scheflin, AW (1972). Annullamento della giuria: il diritto di dire no. California Law Review, 45, 168 – 226.

Weiser, B. (2011, 25 febbraio). L'avvocato di annullamento della giuria è incriminato. New York Times. Disponibile all'indirizzo http://www.nytimes.com/2011/02/26/nyregion/26jury.html?ref=nyregion.

Weiser, B. (2012, 19 aprile). Statua della giuria non violata dal manifestante, regole del giudice. New York Times. Disponibile all'indirizzo http://www.nytimes.com/2012/04/20/nyregion/indictment-against-julian-hei….

Solutions Collecting From Web of "Annullare la legge contro annullare la giuria"