Animali e detenuti: la scienza dietro le sbarre

Per dieci anni ho insegnato comportamento animale e biologia della conservazione nella prigione della contea di Boulder (Colorado) come parte del programma Roots & Shoots di Jane Goodall Institute. Il corso è uno dei più popolari nel carcere. Gli studenti devono guadagnarsi il diritto di iscriversi e lavorano sodo per entrarci.

Mentre c'è il turnover degli studenti, siamo tutti piacevolmente sorpresi di come la scienza colleghi i detenuti a vari aspetti della natura e che molti trovino più facile connettersi con gli animali che con le persone. Gli animali non li giudicano e molti dei detenuti vivevano con cani, gatti e altri compagni che erano i loro migliori amici. Si fidano ed empatizzano con gli animali in modi che non fanno con gli umani.

Nondimeno, rimane una visione distorta di come gli animali si trattano l'un l'altro. In uno dei primi incontri qualcuno stava parlando a turni mentre stavo preparando il curriculum. Uno dei ragazzi ha urlato: "Ehi, stai zitto, ti stai comportando come un asino. Questo tizio è qui per aiutarci. "Ho risposto," Gli hai appena dato un complemento. "Ho spiegato che gli animali potevano essere gentili ed empatici. Mentre c'è competizione e aggressività c'è anche molta cooperazione, empatia e reciprocità. Ho spiegato che questi comportamenti sono esempi di "giustizia selvaggia" e questa idea li ha fatti ripensare a ciò che significa essere un animale. Ne hanno abbastanza di natura rossa in denti e artigli e molti si lamentano: "Guarda dove mi sto comportando come una scusa per animali".

Gli argomenti di cui discutiamo attivamente comprendono aspetti generali del comportamento animale, l'evoluzione del comportamento sociale, l'evoluzione e il creazionismo, la biologia e la religione, la sostenibilità, l'estinzione, la protezione degli animali e l'etica ambientale, eugenetica, l'arricchimento ambientale, l'equilibrio nella natura, le reti complesse della natura, culturale vedute di animali e chi siamo nel grande schema delle cose – influenze antropocentriche sugli animali e sull'ambiente. I nostri scambi rivaleggiano con quelli che ho avuto alle lezioni universitarie.

Molti studenti vedono la classe come una comunità che costruisce con gli animali e con le persone. Desiderano costruire relazioni sane. Uso esempi del comportamento sociale degli animali che vivono in gruppo come i lupi come modello per lo sviluppo e il mantenimento di amicizie a lungo termine tra individui che devono lavorare insieme non solo per il loro bene ma anche per il bene del gruppo.

Di tanto in tanto chiedo ai detenuti cosa ottengono della classe. Ecco alcune risposte:

-Il corso è di guarigione.

-Ho imparato molto a capire e ad apprezzare gli animali come individui.

-La classe equilibra il rigore scientifico con la coscienza sociale.

-La classe ci dà un senso di connessione alle reti della vita.

-Che io faccio conta. Ora ho una visione per il futuro.

-La classe modella modi prosociali di vita e di lavoro nel mondo.

-La classe mi fa sentire meglio con me stesso.  

È chiaro che la scienza ispira gli studenti e dà loro speranza. Mi è stato detto che a causa della lezione alcuni dei loro figli hanno più probabilità di dedicarsi alla scienza. So che alcuni studenti sono tornati a scuola mentre altri hanno contribuito in termini di tempo e denaro alle organizzazioni di conservazione. Alcuni sono andati a lavorare per società umane. Uno studente ha poi conseguito un master in natura.

La scienza e l'educazione umana hanno aiutato i detenuti a connettersi con valori che altrimenti non avrebbero fatto. La scienza apre le porte alla comprensione, alla fiducia, alla cooperazione, alla comunità e alla speranza. Esiste una vasta popolazione di individui non ancora sfruttati a cui la scienza significa molto, ma che non hanno avuto l'esposizione necessaria per migliorare la propria istruzione. A proposito, continuo ad ottenere tanto dalla classe quanto gli studenti e mi rende un insegnante migliore all'esterno.

Solutions Collecting From Web of "Animali e detenuti: la scienza dietro le sbarre"