Animali e automobili: un milione di animali vengono uccisi sulle nostre strade ogni giorno

In The Grapes of Wrath John Steinbeck condivide un racconto straziante della lotta di una tartaruga per arrampicarsi su un argine verso un'autostrada, solo per essere evitato da una donna compassionevole e successivamente colpito intenzionalmente da un automobilista aggravato. La tartaruga è fuggita con la sua vita ma questo scenario è molto diverso da quello in cui la fauna vive oggi. Incontrando habitat frammentato, inquinamento acustico, territorio ridotto e compresso e dimensioni della casa, e sempre più distratti automobilisti, la vita selvaggia che vive vicino e usa le strade sta perdendo la loro lotta per la sopravvivenza. Per il secolo scorso, le automobili e le strade di cui hanno bisogno sono state la forza dominante che ha modellato il panorama americano moderno. Ci sono più macchine pro capite negli Stati Uniti che in qualsiasi altra nazione del mondo.

Mentre l'attività umana aumenta con la crescente sovrappopolazione e un numero crescente di veicoli, più di un milione di animali muoiono ogni giorno sulle strade degli Stati Uniti. La mortalità stradale è la principale causa di morte di vertebrati negli Stati Uniti, superando la caccia negli ultimi trenta anni. (Guarda anche)

Quando consideriamo l'enorme numero di animali che muoiono sulle strade, dobbiamo considerare seriamente come influenziamo così facilmente e regolarmente la vita degli altri animali e perché dobbiamo portare più compassione al mondo. Operando ogni giorno circa 200 milioni di veicoli sulle nostre strade, la nostra cultura industriale isolata ci tiene scollegati dalla vita oltre i nostri parabrezza. Le automobili sono uno "sviluppo della coscienza oculare piuttosto che della coscienza del piede" secondo James Hillman (nel suo libro A Blue Fire ) . Comprendendo ciò possiamo tornare a un senso di consapevolezza del piede , allineandoci con il ritmo e la velocità con cui la fauna selvatica viaggia rallentando e prestando attenzione alle nostre abitudini di guida senza alcun costo per noi stessi.

I motivi per cui abbiamo bisogno di cambiare il nostro comportamento sono semplici. Gli attuali tassi di mortalità per strada selvaggia non sono né sostenibili per la biodiversità né un sano riflesso delle nostre interazioni con l'ambiente e gli animali che cercano di convivere con noi. Le nostre abitudini di guida dimostrano lo stato inconscio prevalente in cui ci muoviamo. Guidare irrispettosamente e ignorare i corpi senza vita sulle strade diminuisce la nostra umanità e si presta a una cultura dell'indifferenza.

Gli Stati Uniti occidentali, ricchi di paesaggi abbondanti, ecosistemi sani e una ricca biodiversità, sono altamente vulnerabili agli impatti umani. Nel nostro stato natio del Colorado, ad esempio, la mortalità stradale è insostenibile: la migrazione delle morti delle antilopi pronghorn aumenta con lo sviluppo stradale, circa 3000 cervi vengono uccisi ogni anno (Jeff Peterson, Dipartimento dei Trasporti del Colorado, comunicazioni personali) e gli alci migratori, gli orsi neri i puma, i coyote e le volpi mostrano perdite crescenti. L'impatto negativo delle strade sulle popolazioni di fauna selvatica del Colorado è stato documentato da Kevin Crooks e dai suoi colleghi che hanno notato che ogni anno decine di milioni di vertebrati vengono uccisi sulle strade, compresi da 0,5 a 1,5 milioni di cervi solo negli Stati Uniti. Le percentuali di uccisioni stradali per determinate specie possono superare le cause naturali di mortalità dovute alla predazione e alla malattia.

Dobbiamo anche prestare attenzione alle nostre abitudini di guida perché le collisioni tra animali e veicoli influenzano la sicurezza umana. Crooks e i suoi colleghi riferiscono che a livello nazionale, ogni anno si registrano circa 29.000 feriti e 200 decessi, con costi associati a circa 1 miliardo di dollari di danni alla proprietà. Defenders of Wildlife ha riferito che il numero di collisioni tra veicoli animali in Colorado è più che raddoppiato tra il 1998 e il 2004, facendo particolare attenzione a quelli che si verificano a Durango.

Nel giugno 2010 gli sforzi di mitigazione intrapresi in Colorado per ridurre la mortalità su strada selvaggia hanno portato all'approvazione di una legge denominata Legge sulla sicurezza del traffico delle zone di attraversamento della fauna selvatica , Sezione 42-4-118, CRS Questa legge richiede che il Dipartimento dei trasporti del Colorado collabori con la Divisione di fauna selvatica per identificare le "zone di incrocio della fauna selvatica" in cui saranno affissi cartelli, compresi i costi delle multe per l'eccesso di velocità nelle aree identificate. Tuttavia, le misure legali non dovrebbero essere l'unico mezzo con cui affrontiamo le nostre abitudini di guida. Dovremmo preoccuparci del danno che facciamo perché ignorare l'enorme numero di vite perse sulle nostre strade aumenta l'indifferenza sociale e ci umilia come specie.

Dovremmo anche considerare di espandere la nostra impronta di compassione per includere animali non umani con i quali conviviamo e nel cui vivere ci siamo mossi mentre noi ridecorammo la natura. Non c'è nessun costo personale per farlo. Indipendentemente dalla motivazione, dall'appartenenza religiosa, dall'etica o dalla sensibilità, gli animali che usano le strade non sono intrusioni né dovrebbero essere considerate sorprese. Infatti, loro abitano al nostro fianco e dovrebbero anche avere un posto nel nostro cuore. Aumentare la nostra compassione ed espandere la nostra consapevolezza della loro presenza può essere compiuta con mezzi semplici. Non solo la fauna selvatica ne trarrà beneficio, ma potremmo anche migliorare il nostro benessere perché la compassione genera compassione. Aumentando la compassione per gli altri e per noi stessi, potremmo anche migliorare il nostro apprezzamento per l'interconnessione di magnifiche e fragili reti di vita. Mentre ci comportiamo nella sfera pubblica possiamo persino diventare " Compassionagents ", individui con consapevolezza espansa che agiscono a nome degli animali nella comunità veicolare, suscitando più attenzione per gli animali con pochissimo sforzo.

Le soluzioni semplici sono prontamente disponibili. Questi includono la rimozione di un animale colpito e la richiesta di cure veterinarie o la rimozione di una carcassa per prevenire lesioni o morte a specie opportunistiche che cercano di nutrirsi, avvisando gli altri conducenti della presenza di incidenti stradali e guidando in modo più consapevole – rallentando e "odorando" le rose. "Ognuno di noi può agire individualmente per ridurre le perdite evitabili sulla strada. Partecipare a pratiche per migliorare la consapevolezza tra cui meditare, rallentare intenzionalmente, ridurre le distrazioni dietro la ruota, espandere la visione periferica, migliorare la nostra conoscenza della fauna selvatica locale e i loro schemi di movimento stagionale, diurno e notturno contribuirà a ridurre le morti della fauna selvatica sulle strade. Ciò che è richiesto a ciascuno di noi è la comprensione che i confini cinetici che servono a delineare la vita umana e non umana devono essere trascesi per comprendere il rispetto per tutti gli esseri.

Diversi fattori influenzano i nostri atteggiamenti, valori e credenze. L'esperienza diretta, l'educazione della prima infanzia, l'ethos culturale e l'educazione influenzano tutti i rapporti complicati e sfidanti che abbiamo con animali non umani. Il biologo EO Wilson ha offerto la nozione di "biofilia", la nostra "affiliazione emotiva intrinseca dell'umano ad altri organismi viventi". In breve, la nostra connessione con la natura, secondo Wilson, è ancestrale e psicologica. Apprezzare questa prospettiva dà origine alla sensazione di interconnessione che ci dà un profondo senso di sofferenza animale.

Riconoscere che un milione di animali muoiono ogni giorno sulle strade può portare a sentimenti di impotenza. Molte persone si sentono esasperate, creando un atteggiamento " Why care?" . Sommersi dall'indifferenza o dalla mancanza di speranza, molti si allontanano dalla loro capacità di incidere positivamente sull'ambiente e sugli animali residenti. Per chi è sopraffatto, per chi non è interessato, per chi è privo di potere o per chi non è convinto, apprezzare che ognuno di noi può fare una differenza positiva nella vita degli altri può rivelarsi un concetto non plausibile alla luce delle nostre attuali condizioni ambientali. Ma possiamo fare la differenza con semplici atti di gentilezza e maggiore empatia e compassione.

Alterare le nostre abitudini di guida in modo da prestare maggiore attenzione a ciò che stiamo facendo aumenterà la visione periferica e aumenterà la nostra consapevolezza. Migliorare la nostra conoscenza del comportamento degli animali compresi i loro schemi di movimento o semplicemente rallentare per diminuire le distanze di arresto è spesso sufficiente per ottenere un risultato diverso in presenza di un galoppo coyote, un cervo serpeggiante, un falco ferruginoso svettante o un serpente o tartaruga che si muove lentamente . Capire che un coyote, una volpe, un falco o una gazza opportunisti raccoglieranno la strada per uccidere la strada e ignorare che i veicoli in avvicinamento possono anche salvare vite umane. Anche gli animali andranno occasionalmente in una strada e tenteranno di spostare la carcassa di un amico del membro del gruppo. Il buonsenso e l'attenzione alla storia naturale degli animali con cui condividiamo lo spazio contribuiranno a ridurre la mortalità facilmente evitabile sulle strade. Facilitare l'attraversamento degli anfibi accoppiamento, scortare le creature del bambino attraverso le strade rurali, erigere descansos (segnaletica stradale di eventi fatali, spagnolo per "luogo di riposo") per riconoscere le morti animali, contribuirà a sensibilizzare e incoraggiare le persone a guidare con la fauna selvatica in mente .

Il nostro sentito senso di sofferenza animale può essere coltivato ulteriormente attraverso pratiche specifiche suggerite dagli ecopsicologi che si basano su un riconoscimento e una comprensione della nostra interconnessione con una moltitudine di reti di vita. Centrale a questo ethos sta superando la disconnessione uomo / natura inerente alla cultura moderna. Questo approccio è semplice e prevede di fornire agli individui esperienze dirette che coltivano empatia e compassione per la fauna selvatica, compresi quelli che attraversano le strade. Le pratiche includono osservare i cani della prateria che vivono vicino a un'autostrada per comprendere le sfide di vivere accanto a un paesaggio asfaltato frequentato da auto e camion che viaggiano a velocità superiori a 70 miglia all'ora e seduti accanto a una strada di montagna al crepuscolo per capire che una bevanda di acqua da un il torrente richiede acuità visiva e acustica intensificata per essere consapevole di una moto in accelerazione. Collocando noi stessi dove risiedono potenziali vittime e dove i corpi senza vita tipicamente ignorati ci aiuta a comprendere le sfide cognitive, comportamentali ed emotive della fauna selvatica.

Infine, consideriamo i giovani ansiosi di mettersi al volante. Come parte dell'educazione del conducente, oltre a insegnare che i veicoli a motore possono essere armi di distruzione di massa e che devono guidare consapevolmente, i giovani dovrebbero essere istruiti sulla natura selvaggia che incontreranno sulle strade. Possono essere insegnati che i procioni sono molto curiosi e non esperti di strada e molto probabilmente si incontreranno al tramonto. Possiamo anche insegnare loro il rituale raccolto autunnale di cibo e materiali di nidificazione da scoiattoli marroni di Abert, Grey ed europeo, o far loro sapere che la presenza di un cervo significa un piccolo allevamento vicino e che una carcassa sulla strada sarà probabilmente il pasto di un altro Diventando più biologicamente e ambientalmente sofisticati il ​​risultato di cui i giovani conosceranno gli ecosistemi in cui vivono e le altre specie che risiedono lì, stimoleranno la consapevolezza di quando è necessario, quando sono al volante.

La fauna selvatica si muove al proprio ritmo e non è all'altezza della velocità dei nostri veicoli e della mancanza di mente e disattenzione con cui guidiamo. Qualunque sia il nostro approccio, trovare i modi per raggiungere l'interno in modo da sentire l'esperienza di un animale migliorerà la nostra comprensione di chi siano questi animali e aumentiamo la nostra consapevolezza delle sfide che affrontano mentre cercano di adattarsi ai diversi paesaggi.

Alcuni consigli semplici: rallentare per la fauna selvatica, rallentare per tutti noi.

Questo saggio è stato scritto con Denise Boehler, che può essere contattata all'indirizzo beingbo@gmail.com

Solutions Collecting From Web of "Animali e automobili: un milione di animali vengono uccisi sulle nostre strade ogni giorno"