Animali di supporto emotivo: il dilemma del terapeuta

Found Animal Foundation/Flickr
Fonte: Found Animal Foundation / Flickr

Un paio di settimane fa, ho visto una donna che cercava di infilare il suo piccolo terrier su un aereo. Mia moglie ed io eravamo in coda alla coda dei passeggeri che si imbarcavano su un volo della United Airlines da Newark. Non stavo prestando molta attenzione alla donna davanti a me finché non ho sentito il guardiano del cancello dire "Ehi, c'è un cane in quella borsa?" La donna disse "Oh, lei è il mio animale di supporto emotivo". , "Non penso che ci siano animali di supporto emotivo approvati per questo volo. Per favore, mostrami la lettera del tuo medico. "Poi ho notato un piccolo distintivo" Emotional Support Dog "attaccato alla sua borsa. Era un trasportatore di animali da compagnia travestito da borsetta.

La donna tirò fuori un pezzo di carta dall'aspetto legale che riconobbi come proveniente da una delle tante compagnie on-line che vende certificati fasulli per gli animali di assistenza e supporto. Questi documenti sono una truffa. Negli Stati Uniti, non esiste un processo di certificazione riconosciuto a livello federale per gli animali di supporto emotivo.

Il guardiano del cancello non ha acquistato i documenti di certificazione falsi. Ha informato la donna che, secondo la politica di United Airlines (qui), i viaggiatori che chiedono il viaggio aereo gratuito per animali di supporto emotivo sono tenuti a fornire una lettera da un professionista della salute mentale che attesti che hanno bisogno dell'animale per alleviare un disturbo psichiatrico riconosciuto. Inoltre, doveva notificare la compagnia aerea 48 ore prima del volo.

Il guardiano del cancello era insistente. "Avrò bisogno di vedere la tua lettera prima che tu possa salire sull'aereo," disse. La signora falsa-sostenitrice-piagnucolò, "Ma la persona della porta della United Airlines a San Francisco ha detto che non avrei avuto problemi a portare il mio cane in questo volo." Le cose si stavano facendo tesa. Chiaramente, il guardiano del cancello sapeva che stava giocando, ma era in una situazione difficile. Tecnicamente, lei dovrebbe seguire le regole e non lasciare la donna e il suo cane sull'aereo. Tuttavia, fare scena su un grazioso cane da assistenza non sarebbe positivo per l'immagine della compagnia aerea. E l'aereo era pronto per decollare. Anche così, speravo che il guardiano del cancello avrebbe mantenuto la sua posizione e si sarebbe rifiutato di lasciare che la donna e il suo cane salissero sull'aereo.

Photo by Hal Herzog
Fonte: foto di Hal Herzog

Non è quello che è successo. L'addetto al cancello alzò gli occhi e disse alla donna di andare avanti e portare il suo cane sull'aereo. Ma lei ha avvertito: "Ora conosci le regole. Non farlo mai più. "Sicuro.

Avevo la sensazione che l'addetto al cancello avesse attraversato questa routine molte volte prima – come la donna con il cane di supporto fasullo. Ecco la foto della donna e del suo cane. L'ho scattato con il mio telefono al ritiro bagagli dopo l'atterraggio dell'aereo. Mi aspetto che questo scenario giochi ogni giorno negli aeroporti americani.

Il problema degli animali di supporto emotivo falso

Se pensi di vedere un numero crescente di animali con "cane di servizio", "cane da terapia" o "animale di supporto emotivo", hai ragione. Ricercatori dell'Università della California di Davis hanno recentemente esaminato i cambiamenti nei tipi di cani da assistenza registrati nelle strutture di controllo degli animali in California tra il 2000 e il 2002 e un decennio dopo, dal 2010 al 2012.

Graph by Hal Herzog
Fonte: grafico di Hal Herzog

Hanno scoperto che il numero di animali utilizzati per i servizi psichiatrici e il supporto emotivo era aumentato di dieci volte, molto più rapidamente dei cani di assistenza medica o addestrati alla mobilità (qui).

I regolamenti federali che disciplinano lo status legale degli "animali di supporto emotivo" sono particolarmente sciolti. A differenza di un "cane di servizio", un animale di supporto emotivo può essere un membro di qualsiasi specie, non deve essere addestrato a fare qualsiasi cosa e può essere il tuo animale domestico personale. Ma se vuoi che il tuo pappagallo o barboncino sia riconosciuto ufficialmente come un animale di supporto emotivo in modo da poter fare un giro in aereo gratuito o accedere a un alloggio senza animali, devi essere sottoposto a trattamento per un disturbo mentale. E devi ottenere una lettera da un medico o un professionista della salute mentale autorizzato che certifichi che l'animale è necessario per la tua salute mentale o per il trattamento della tua condizione psichiatrica.

Ci sono un paio di modi in cui puoi ottenere una di queste lettere. Il modo sbagliato è acquistarlo da un abito falso come CertaPet. Ho preso il loro screening iniziale gratuito che consisteva in circa 10 domande. La buona notizia è che mi è stato detto che ero un eccellente candidato per avere il mio gatto Tilly certificato come animale da supporto emotivo. La cattiva notizia era che avrei dovuto pagare $ 159 per la lettera.

Il modo giusto, d'altra parte, è ottenere una lettera animale di sostegno emotivo dal medico o terapeuta che ti sta trattando. Un recente articolo, tuttavia, nella rivista Professional Psychology: Research and Practice suggerisce che i terapeuti che forniscono lettere di supporto emotivo ai loro pazienti stiano calpestando acque torbide ed etiche. L'autore principale dell'articolo era lo psicologo dell'Università del Missouri Jeffrey Younggren, ex presidente del Comitato etico dell'American Psychological Association.

Il dilemma del terapeuta

Gli psicoterapeuti vengono sempre più chiamati dai loro clienti per le lettere che permetteranno ai loro animali domestici di accedere ai viaggi aerei e agli alloggi per animali domestici. Younggren ei suoi colleghi sostengono che queste richieste pongono problemi etici per i professionisti della salute mentale. Gli animali di supporto emotivo dovrebbero far parte di un programma di trattamento. Tuttavia, gli autori sostengono che i benefici terapeutici di questi animali non sono chiari. Nonostante i titoli dei media che esaltano i poteri curativi di delfini, cani, cavalli e porcellini d'India, ci sono poche prove dell'efficacia a lungo termine degli animali di supporto emotivo per il trattamento dei problemi mentali. In effetti, è possibile che a volte possano avere una funzione di abilitazione che prolunghi effettivamente i problemi psicologici di un individuo.

Gli autori sostengono inoltre che le richieste di lettere di supporto per le emozioni rappresentano un conflitto di interessi tra terapeuta e paziente. Younggren ei suoi colleghi ritengono che il compito di scrivere una lettera che autorizzi l'animale domestico di un paziente per un anno di viaggio aereo gratuito richieda una determinazione amministrativa che possa effettivamente interferire con il processo terapeutico.

La mia amica Helen è una psicoterapeuta che si è imbattuta in questi problemi. Uno dei suoi clienti era un business manager di 40 anni che viaggiava spesso come parte del suo lavoro. La donna aveva recentemente acquistato un cagnolino e aveva chiesto ad Helen una lettera di supporto emotivo per gli animali, in modo che il suo cane potesse accompagnarla in viaggio di lavoro. Mentre il suo cliente soffriva di ansia, Helen ha studiato i criteri legali per gli animali di supporto emotivo e per la prova che la presenza di un cane faciliterebbe il processo terapeutico. Dopo aver esaminato le linee guida federali, Helen non era convinta che portare il cane in viaggio d'affari fosse un aspetto legittimo del piano di trattamento del suo cliente. Così disse alla donna che non poteva fornire la lettera. Il cliente era abbastanza scontento della decisione. E Helen sentiva di essere stata messa in una situazione difficile che avrebbe potuto provocare gravi conflitti con la sua paziente e, forse, l'interruzione della terapia.

Al fine di evitare questi tipi di conflitti di interessi tra terapeuti e i loro clienti, Younggren suggerisce che i medici si rifiutano di scrivere lettere di supporto emozionale per gli individui sotto la loro cura diretta. Piuttosto, egli ritiene che la determinazione della necessità di un supporto emotivo debba essere effettuata da un professionista neutrale di terze parti, un altro clinico addestrato non coinvolto nel trattamento del paziente.

Nel mondo reale, le cose si complicano

Questo suona come un buon consiglio. Ma come illustrato da un altro cliente di Helen, a volte devi fare delle eccezioni. Questa cliente era una donna che stava facendo domanda per l'accettazione in un alloggio sovvenzionato dal governo. Era povera e aveva frequenti attacchi epilettici. Viveva con suo figlio gravemente disabile, era depressa e si sentiva terribilmente isolata. E il suo migliore amico era un cane. Mentre l'appartamento aveva una politica per gli animali domestici, il manager ha detto che potrebbe fare un'eccezione se il suo terapeuta fornisse una lettera in cui affermava che il suo cane era qualificato come animale di supporto emotivo. Questa volta Helen ha scritto la lettera.

Ero confuso.

"Helen," ho chiesto, "Perché hai scritto la lettera per questa donna ma non per l'uomo d'affari che trattavi per l'ansia?"

La sua risposta è stata semplice. "Scrivere la lettera era la cosa giusta da fare. Il suo cane era il suo unico legame con il mondo. Non aveva altra ragione per vivere. "

Mi sembra giusto.

Post script: nonostante il loro conflitto sulla lettera di supporto emotivo, l'executive ha continuato le sue sessioni di terapia con Helen. Helen le insegnò una serie di tecniche comportamentali tra cui allenamento di rilassamento ed esercizi di respirazione che le consentirono di superare l'ansia di volo. E alla fine la donna era contenta di non dover portare il suo cane per un sostegno emotivo ogni volta che saliva su un aereo.

* * * * *

Animali e articoli correlati:

Quanto è efficace la terapia assistita con gli animali? (Qui)

Idee sbagliate sugli animali di supporto emotivo e sugli animali di servizio. (Qui)

Hal Herzog è professore emerito di psicologia alla Western Carolina University e autore di Some We Love, Some We Hate, Some We Eat: Perché è così difficile pensare dritto agli animali.

Segui su Twitter (qui).

Solutions Collecting From Web of "Animali di supporto emotivo: il dilemma del terapeuta"