Animal Heartbreak: i sentimenti di ogni individuo sono importanti per loro

La prima cosa che le persone fraintendono sugli animali è che i sentimenti e le emozioni di ognuno sono importanti per loro e dovrebbero essere importanti per noi

Recentemente ho fatto un'intervista con Sid Feddema, Associate Editor Flaunt Magazine, sul crepacuore animale. Abbiamo coperto molte aree diverse sulle emozioni degli animali e cosa significa quando ci rendiamo conto che gli animali non umani (animali) hanno una vita emotiva ricca e profonda. Una cosa importante da ricordare è che i sentimenti di ogni individuo sono ugualmente importanti per loro e un altro è che gli umani non dovrebbero essere il modello contro cui vengono misurati gli animali non umani. Abbiamo anche discusso di quello che Jessica Pierce e io definiamo il "gap di traduzione delle conoscenze" nel nostro libro The Animals 'Agenda: Libertà, Compassione e Convivenza nell'età umana in cui sosteniamo che la scienza del benessere degli animali deve essere sostituita dalla scienza di benessere animale in cui conta la vita di ogni individuo (per ulteriori discussioni si prega di vedere "Gli animali hanno bisogno di più libertà e Chiaramente facci sapere questo è così" e link in esso). Il "divario" si riferisce al fallimento degli scienziati e degli altri utenti di usare ciò che conosciamo per conto di altri animali (per ulteriori discussioni si veda "La legge sul benessere degli animali afferma che i ratti ei topi non sono animali" e i collegamenti ivi contenuti).

Sto postando la nostra intervista qui con il permesso di Flaunt, e ho aggiunto alcuni riferimenti aggiuntivi tra parentesi per coloro che vogliono maggiori informazioni.

CHE COSA LE PERSONE PIU 'COMUNI SONO PIÙ COMUNI SULLE VITE EMOTIVE DI ANIMALI?

La prima cosa che la gente fraintende sugli animali è che i sentimenti e le emozioni di ogni individuo sono ugualmente importanti per loro. Gli esseri umani non dovrebbero essere il modello contro cui vengono misurati gli animali non umani. La gente a volte mi dice: "Sicuramente il dolore del cane o il dolore allo scimpanzé o la gioia dell'elefante non sono la stessa cosa del nostro dolore o della nostra gioia", e ovviamente non lo sono. La mia esperienza di gioia o dolore è probabilmente molto diversa dalla tua, ma non significa che io viva la "vera" gioia e dolore e tu no, o viceversa.

Un altro fraintendimento è che le persone pensano che gli animali più intelligenti – qualunque cosa significhi – soffrano più degli animali meno intelligenti. [Per ulteriori discussioni per favore vedi "Do" Smarter "I cani realmente soffrono più dei" topi "più stupidi?" E link in esso.] Sentiamo molto parlare di cani e scimpanzé e delfini e grandi scimmie, e molti credono che siano più intelligenti e quindi soffrono più di topi o pesci o uccelli. Ma non c'è assolutamente alcuna correlazione che conosciamo tra quanto è intelligente un individuo e quanto ne soffrono. Ancora una volta, puoi guardare gli umani. Non c'è motivo di pensare che un individuo meno brillante subirà meno di un essere umano più luminoso.

PUOI CITTARE ALCUNI ESEMPI CHE SONO ILLUSTRATIVO DELLE MODALITÀ CHE GLI ANIMALI ESPRIMONO HEARTBREAK?

Molte persone che condividono le loro case con i cani hanno familiarità con il modo in cui i cani rispondono quando il loro amico cane muore. Il cane sopravvissuto potrebbe non sapere "realmente" che il suo amico è morto, ma il loro comportamento cambia. Si accarezzano, mostrano una perdita di appetito, giocano meno – si comportano esattamente come fanno molti umani quando perdono un amico o un familiare, e lo si può rilevare nel loro comportamento.

Ho due grandi storie dalla mia esperienza personale. Un pomeriggio stavo andando in bici con la mia bici in città e siamo arrivati ​​dietro l'angolo, e c'era una gazza morta in mezzo alla strada circondata da altre quattro o cinque persone. Quindi ci siamo fermati e abbiamo guardato ogni volta che ciascuna gazza ha esaminato il cadavere. Ne sono rimasto ipnotizzato. Volarono via, uno per uno, e riportarono alcuni aghi e rametti di pino e li posero sul corpo e attorno al cadavere, e poi, quasi impercettibilmente, gli uccelli sembrarono annuire con la testa in avanti, e poi volarono via. Ero sbalordito e ho chiesto al mio amico Rod: "Abbiamo davvero visto quello che abbiamo appena visto?" E lui ha risposto di sì. Era sbalordito quanto me. Questa è un'osservazione molto interessante del dolore in un animale che molti non si aspetterebbero di mostrare dolore. [Si prega di vedere anche "Animali in lutto: dire addio agli amici e alla famiglia" e link in esso.] Ci sono innumerevoli storie là fuori dove corvi, corvi, gazze e persino passeri mostrano dolore per la perdita di un membro del gruppo.

Un altro esempio è arrivato il primo giorno in cui sono entrato in campo, nella riserva del Samburu del Kenya settentrionale. Ero con un esperto di elefanti di nome Iain Douglas Hamilton. Ci siamo avvicinati a un gruppo di elefanti, e ho potuto provare un profondo senso di dolore – stavano girando con la testa e la coda in basso. Così chiesi a Iain: "Che cosa è successo? C'è qualcosa di sbagliato qui. "E disse che la matriarca, la donna più anziana del gruppo, era morta da poco. Gli elefanti erano in lutto. Non c'è altra parola per questo. La donna più anziana in un gruppo di elefanti è un leader. Mantiene insieme gli individui – Mi piace pensare che lei faccia da "collante sociale" – e ha una grande conoscenza tradizionale del gruppo. Erano in lutto per quella perdita.

VEDETE QUALSIASI PROBLEMA CON ANIMALI ANTROPOMORFICI?

Non mi preoccupo dell'antropomorfizzazione. Dobbiamo usare il linguaggio umano per spiegare e interpretare ciò che vediamo. Ma dobbiamo farlo con attenzione, ovviamente. Ho sviluppato questa idea che chiamo antropomorfismo biocentrico, che in pratica significa mettersi nei panni – o forse nelle zampe – di un altro animale, e osservarli attentamente. Significa che quando prendiamo il punto di vista dell'individuo prestiamo molta attenzione a ciò che stanno facendo e al contesto in cui lo stanno facendo. In questo modo le loro emozioni e comportamenti diventano più accessibili per noi.

Quello che mi preoccupa molto di più è che le persone potrebbero prendere una visione più meccanicistica del comportamento animale e rifiutarsi di usare le parole perché sono così resistenti all'antropomorfizzazione, quindi dicono cose come "Quell'elefante è 'citare' in amore, o ' citare "addolorato" o "citare" imbarazzato. "Non so cosa significino quelle citazioni. Dicono anche cose come: "Il cane recita" come se "fosse felice o triste". Il disclaimer "come se" ha la stessa funzione delle virgolette, il che significa che il cane non prova nulla ma assomiglia a lei è. Questa prospettiva non ci dice assolutamente nulla su ciò che il cane sente davvero. [Per ulteriori discussioni, vedi "Doppio dialogo antropomorfo: gli animali possono essere felici ma non infelici? No! "E collegamenti in esso.]

Per gli elefanti, le gazze e i cani con cui ho vissuto – è facile vedere un cambiamento radicale nel loro comportamento associato a una perdita, e quindi mi sento molto a mio agio nel chiamare quel dolore. C'è il dolore del cane, il dolore della gazza, il dolore degli elefanti e il dolore umano. Gli individui soffrono in modi diversi, ma stanno ancora vivendo il dolore.

COSA RIGUARDA LE PROVE NON ANEDDOTE PER L'EMOZIONE ANIMALE?

Nei casi in cui sono stati condotti studi neurobiologici o ormonali, anche con le fMRI, si vedono modelli molto simili nei cervelli e nei corpi di non umani come si fa negli umani. E questo ha senso – siamo discesi da questi animali o condividiamo discendenti comuni con questi animali, quindi ovviamente ci aspetteremmo di vedere delle somiglianze. [Per ulteriori discussioni sulle emozioni degli animali in una grande varietà di animali, fare clic qui.]

PERCHÉ DOVREBBERO ESSERE PIÙ INTERESSATI GLI UMANI CON LA GAMMA DI EMOZIONI ANIMALI DI QUANTO SONO?

Innanzitutto, da un punto di vista scientifico, ci aiuterà ad apprezzare altri animali come gli esseri che sono, non necessariamente in confronto tra loro o rispetto agli umani, ma biologicamente ed evolutivamente. È davvero interessante porsi queste domande: cosa pensano gli animali? Cosa provano? Perché queste emozioni si sono evolute? Ci sono molte domande per le quali non abbiamo risposte in questo momento, e imparare queste cose ci insegnerà di più non solo sugli animali, ma anche su noi stessi.

In secondo luogo, quando apprendiamo che gli animali sono esseri senzienti e coscienti, non possiamo sfuggire alla conclusione che dobbiamo trattarli molto meglio di noi. Scoprire che gli animali sentono dolore, gioia e altre emozioni significa che dobbiamo considerare la loro prospettiva, e non maltrattarli come spesso accade.

Nel nostro nuovo libro, intitolato The Animals 'Agenda, parliamo di ciò che chiamiamo il' gap di conoscenza '. I regolamenti e le leggi per il modo in cui trattiamo gli animali non umani sono molto indietro rispetto alla scienza. Sappiamo che topi e ratti mostrano empatia, ma secondo il Federal Animal Welfare Act (AWA), topi e ratti da laboratorio non sono animali, e sono esclusi dalle protezioni che l'AWA estende ad altri animali. Questo è un fatto.

Per fondare una conversazione sull'abuso di animali mi viene spesso posta la domanda: lo faresti al tuo cane? Le persone si sentono molto offese (come dovrebbero) quando i cani vengono trattati in un certo modo, ma non sbattono le palpebre quando mucche e maiali o scimmie da laboratorio o topi o ratti vengono trattati in modo orribile. [Per ulteriori discussioni su come portare i cani nella discussione e "portare la discussione a casa", vedere "Caccia ricreativa: uccideresti il ​​tuo cane per divertimento?" E "I pesci conoscono, senti e cura: una rivoluzione umana in corso" e collegamenti in esso.] Col passare del tempo siamo obbligati ad applicare ciò che sappiamo e utilizzare queste informazioni a nome degli animali.

NON SEMBRA A ME CHE IL NOSTRO COMPORTAMENTO POSSA ESSERE ATTRIBUITO ALL'IGNORANZA IN QUALSIASI MOMENTO. STIAMO SCELTA DI IGNORARE LE PROVE DISPONIBILI PERCHÉ È INCONVENIENTE PER NOI?

Ho scritto un documento non molto tempo fa facendo questa domanda. Dove sono tutti gli scienziati che sanno che i ratti e i topi sono davvero animali? Il fatto è che non dicono nulla in modo che possano continuare sulla loro strada allegra, e ci sono molti soldi coinvolti nell'industria di allevamento degli animali da laboratorio. Ignorando il fatto che i topi ei topi di laboratorio sono davvero animali li serve bene perché quindi i topi ei ratti non sono coperti dall'AWA, quindi possono fare qualsiasi cosa vogliano a loro. So che la gente dirà che esistono regolamenti umani, ma credetemi: gli animali da laboratorio possono essere torturati volontariamente, voglio dire brutalmente trattati, ei ricercatori non hanno alcuna responsabilità o obbligo di trattarli meglio.

Ecco perché faccio quello che faccio. Abbiamo scritto The Animals 'Agenda per ottenere la parola. Una buona analogia è il cambiamento climatico. Avete tutti questi dati, e poi avete i negazionisti del cambiamento climatico che guardano i dati e loro negano o ignorano ciò che sappiamo. C'è una situazione parallela con lo studio delle emozioni e della sensibilità degli animali e la loro capacità di provare dolore. Questa è una delle mie grandi missioni: metterla in campo e dire alla gente esattamente cosa stiamo imparando e perché questa informazione deve essere usata per conto degli animali.

QUALI SPIEGAZIONI EVOLUZIONARIE PER IL CUOREBREBRE O IL GREGGIO, TROVI DI ESSERE IL PIÙ CONVINCENTE?

Una spiegazione è che il dolore unisce gli animali, rafforzando i legami sociali in un momento in cui sono sottoposti a grande stress. Quando un leader o un compagno di un gruppo muore, le relazioni sociali tra gli individui sopravvissuti vengono ristrutturate e il dolore può aiutare a rinforzare, mantenere e sviluppare nuovi legami sociali. Potrebbe anche essere il loro modo di dire agli altri che andrà tutto bene – "Ci manca mamma, ci manca il patriarca, ci manca un particolare membro del gruppo, ma è molto importante per noi stare insieme e mantenere il nostro legami o ristabilire nuovi legami. "Una cosa che la gente ignora è che negli esseri umani, quando un membro di una famiglia scompare, le cose cambiano. Perdi un vincitore del pane, perdi una persona che ha avuto un ruolo importante e devi riformare le relazioni tra i sopravvissuti. Bene, anche i non umani.

Ho scritto un articolo che raccontava di quando ho visto una volpe femmina seppellire il suo compagno ["Una volpe, un puma e un funerale"]. Ho notato che aveva bambini in giro, e stava seppellendo suo marito con molta attenzione, toccando il terreno e mettendo aghi di pino vicino al suo cadavere. Poi salì sulla collina e interagì con i suoi figli. Ora, non so per certo perché lo stesse facendo, ma non c'è motivo di pensare che gli animali non umani non abbiano alcuna nozione di rispetto o di onorare i loro morti. Sicuramente non dovremmo ignorarlo.

Spesso pensiamo alle nostre emozioni come qualcosa che ci separa dagli altri animali, dimenticando che sono originari di strutture che siamo stati ereditati dai nostri follower evolutivi. PUOI ESPANDERE SU QUESTO BIT?

Non c'è dubbio che ci sono dei precursori evolutivi per ciò che chiamiamo le nostre emozioni. Queste caratteristiche o adattamenti biologici, tra cui includerei le nostre emozioni, non sono apparsi solo de novo, in un certo senso. Se credi nella biologia e nell'evoluzione, non puoi contestarlo. Non si può semplicemente dire che all'improvviso – poof – gli umani hanno provato gioia e nessun altro animale ha fatto o gli umani hanno provato dolore e nessun altro animale ha fatto. È semplicemente sbagliato.

Ecco perché sono molto attento a dire che le nostre vite emotive non sono necessariamente più profonde e più ricche di quelle degli altri animali. In effetti, alcune persone hanno sostenuto che gli animali non umani mostrano le loro emozioni molto più liberamente e in una forma molto più ricca di noi, perché non sono costretti a preoccuparsi se stanno soffrendo troppo o se si stanno troppo divertendo, o qualcosa del genere quella.

Ora, non lo sappiamo davvero, ma penso che sia una buona contro-argomentazione alla gente che dice "Oh no, le nostre vite emotive significano più per noi, sperimentiamo una gioia più profonda o un dolore più profondo." Non è affatto così . C'è una frase in uno dei miei libri [Le vite emozionali degli animali], "Le emozioni sono doni dei nostri antenati". Le nostre risposte emotive sono radicate in milioni di anni di sentimenti di animali, e quelle strutture sono ancora con noi. Ecco perché quando faccio questa domanda, non è se gli animali hanno emozioni, ma perché gli animali hanno emozioni, e in effetti perché abbiamo emozioni.

Gli ultimi libri di Marc Bekoff sono Jasper's Story: Saving Moon Bears (con Jill Robinson); Ignorando la natura non di più: il caso di conservazione compassionevole; Perché i cani e le api si deprimono: l'affascinante scienza dell'intelligenza, delle emozioni, dell'amicizia e della conservazione degli animali; Rinnegare i nostri cuori: costruire percorsi di compassione e convivenza; The Jane Effect: Celebrando Jane Goodall (edita con Dale Peterson); e The Animals 'Agenda: libertà, compassione e convivenza nell'era umana (con Jessica Pierce). Canine Confidential: Perché i cani fanno ciò che fanno saranno pubblicati all'inizio del 2018. Ulteriori informazioni su marcbekoff.com.

Solutions Collecting From Web of "Animal Heartbreak: i sentimenti di ogni individuo sono importanti per loro"