Animal Drives: alcune note su Word Magic

Eccomi, sfogliando Holt's Animal Drives e il processo di apprendimento: An Essay Towards Radical Empiricism (1931). Il libro non è per niente perfetto. Alcune parti sono prolisse, eccessivamente preoccupate di argomentazioni emergenti che potrebbero ora sembrare datate, e il volume nel suo complesso trasuda la frustrazione di Holt con i suoi contemporanei e la direzione in cui si muovevano psicologia e filosofia. Detto questo, le parti buone trasudano ancora un'intuizione penetrante. Il primo capitolo parla di "Fisiologia contro magia verbale" e del capitolo finale su "L'organismo nel suo complesso". Ecco alcuni passaggi del primo capitolo che, anche se antiquati nel vocabolario, valgono ancora critiche alla psicologia contemporanea:

… consideriamo, come nel Settecento considerato da La Mettrie, il problema generale della pulsione animale. Cosa spinge l'uomo e altri animali coscienti all'azione? E poi, cosa renderà conto della maniera della loro azione?

La storia della psicologia rivela vari tentativi di rispondere a questa domanda. La maggior parte di questi, nei periodi precedenti, cerca di trovare la fonte dell'azione in qualche potere dell'anima, cioè in una "facoltà"; e in tali facoltà come quelle di sentimento, desiderio, appetito, ragione e altri; ma soprattutto in quella facoltà che chiaramente non è altro che un altro nome per il fenomeno da spiegare: la "facoltà di conazione o volontà". Ci sono stati sforzi per analizzare questo cono o volontà, e quasi sempre in termini strettamente "psichici". Così abbiamo teorie della volizione espresse in termini di coscienza cosciente, sentimento di innervazione, immagine motoria, piacere e dolore; e sono spesso presentati con termini rigogliosi per insinuare che i dati della fisiologia sono stati debitamente presi in considerazione. Ma in effetti, se si trattasse di uno studio competente o serio su di esso, tutte queste teorie lasciano l'organismo fisiologico, che è dopotutto l'attore, praticamente ignorato.

Attualmente tutte le "facoltà" dell'anima, se presentate in questa veste, sono considerate antiquate, e le discussioni più attive del centro di azione animale e umano ruotano intorno ad altre categorie, apparentemente diverse, come "istinto" e "scopo". 'e, si potrebbe aggiungere, Gestalt . Per esempio; l'uomo è spinto all'azione, si dice, dal suo istinto. Se va con i suoi simili, è l''istinto del branco' che lo attua; se cammina da solo, è l '"istinto anti-sociale"; se combatte, è l'istinto della "combattività"; se rinvia a un altro, è l'istinto di "auto-degradazione"; se si diverte con i pollici, è l'istinto che fa girare il pollice; se non si fa il giochino, è l'istinto che non batte la testa. Quindi tutto è spiegato con la facilità della magia della parola magica. (P. 3-4)

Certo, i tempi sono cambiati ancora una volta, dai tempi di Holt. Stiamo molto meglio ora che ai tempi di Holt: che la gente ricordi che un evento è ora spiegato dal fatto di avere "memoria", mentre un fallimento è spiegato dal fatto di avere una "funzione dimenticativa". Che le persone a volte identificano qualcosa di familiare, ma non ricordare dove l'hanno visto in precedenza è spiegato dal fatto di avere sia una facoltà che un istinto di "riconoscimento" e "richiamo". Che le persone agiscano coerentemente secondo alcuni criteri, ma non altri sono spiegati dalla loro personalità, ecc.

Oh, e nel caso che l'ultima parte non sembrasse abbastanza sfacciata, Holt continua:

In considerazione del disprezzo generale in cui si svolge la "facoltà di psicologia", è notevole che chiunque non riesca a percepire che "l'istinto" come qui impiegato è semplicemente un sinonimo di "facoltà". Eppure così grande è il potere reificante delle parole che anche in un caso così flagrante come questo, il vero nome del fenomeno è accettato da molte persone come vera causa . Si poteva sperare che Molière, nel diciassettesimo secolo, avesse dato il colpo di grazia a una simile buffonata … E all'incirca nello stesso tempo Sinoza richiamò l'attenzione su questo stesso errore nella sua critica alla "volontà" e alle altre facoltà. C'è nella mente, disse, "nessuna facoltà assoluta di comprendere, desiderare, amare, ecc. – queste e simili facoltà sono o completamente fittizie, o sono semplicemente termini astratti o generali, come siamo abituati a mettere insieme da particolari cose. "… Così ogni azione, se solo viene nominata, si spiega immediatamente.

Il caso di una psicologia di "scopo" non è diverso. Sperare di spiegare le operazioni del corpo o della mente in termini di scopo è semplicemente di aggiungere come categoria esplicativa una facoltà di proposizione. E questa denominazione non spiegherà, anche se la possessività può infatti essere correttamente predetta da molte attività umane e animali. Dal momento che questa patetica sottomissione alle parole, questo scambiandole per cause, non mostra alcun segno di diminuzione, potrebbe essere lecito qui esaminare un tale processo un po 'più esplicitamente. (P. 4-5)

Solutions Collecting From Web of "Animal Drives: alcune note su Word Magic"