Andiamo a perdere

È tornato a scuola. Sto entrando nel mio ultimo trimestre di scuola, il che significa che sono in panico: classi travolgenti, progetti finali incombenti, 6 mattine, ricerca di lavoro, networking sycophantic e, naturalmente, capire cosa farò a gennaio , quando sarò ufficialmente terminato con la mia carriera accademica!

È per questo che la mia amica Connie e io abbiamo deciso di guidare Route 66 durante la pausa estiva. In una settimana, abbiamo attraversato otto stati: Illinois, Missouri, Kansas (per 13 miglia gloriose), Oklahoma, Texas, New Mexico, Arizona e infine, California.

In totale, abbiamo coperto circa 2400 miglia del paese, incontrato dozzine di personaggi interessanti, versato qualche lacrima, inviato circa un miliardo di cartoline, dormito in alcuni dei peggiori motel in America, visitato un vortice o due e mangiato troppa bistecca in Texas.

Abbiamo iniziato il viaggio sperando di scrivere un libro sui nostri viaggi, ma ho capito che si trattava di un debole tentativo, considerando quante persone ci avevano battuto su questa strada.
Migliaia di persone, flotte di motociclisti, paraplegici, ciclisti e appassionati di musica americana percorrono ogni anno la "Main Street of America".

Quando abbiamo cenato all'Ariston Café di Litchfield, Illinois, noto anche come il ristorante più vecchio sulla rotta, abbiamo firmato il libro degli ospiti del viaggiatore, una tradizione per tutti i visitatori che si fermavano a Santa Monica. Il delizioso proprietario ci mostrò tonnellate di libri, album e cimeli raccolti negli anni dai viaggiatori con cui aveva stretto amicizia.

È stata una cosa incredibile, sentirsi come se stessimo vivendo la storia.

La Route 66, fondata nel 1926, rappresentava un viaggio pionieristico nell'Ovest americano. Fu l'idea romanzesca di due uomini d'affari, Cyrus Avery e John Woodruff, di forgiare un collegamento economico e industriale da Chicago a Los Angeles, ma fu il romanzo del 1939, Grapes of Wrath di John Steinbeck, a trasformare questa "superstrada" in un'icona culturale.

Sembrava arte imitata dalla vita, quando poco dopo la pubblicazione del libro e del film, più di 200.000 persone seguirono le orme della famiglia Joad e fuggirono dalla ciotola di polvere del Midwest, migrando verso la terra di tempo e spiagge perfetti. Da allora, il percorso è stato associato a un certo spirito indipendente e opportunità – una mancanza di paura e un abbraccio dell'ignoto.

Abbiamo sentito questo spirito mentre stavamo guidando attraverso le baraccopoli del Missouri, oltre i campi verdi del Kansas, e correndo illegalmente i caselli dell'Oklahoma senza nulla davanti a noi se non per miglia e miglia di cieli blu e nuvole mozzafiato (Nuovo Messico!)

La cosa divertente era che non avevamo programmato il viaggio. Oltre a un libro di mappe che non abbiamo mai imparato a leggere e un libro di Route 66 che si è rivelato inutile, non avevamo idea di dove o cosa avremmo fatto ogni giorno. L'unica cosa di cui eravamo certi era che l'auto a noleggio doveva essere restituita a Hertz entro mezzogiorno, otto giorni dopo.

Connie e io non avevamo mai intrapreso un simile viaggio prima – entrambi abbiamo ammesso che eravamo abbastanza sicuri che stavamo per rinunciare o fallire … ottenere una gomma a terra, uccidere qualcuno in un colpo e scappare, farsi ammalare, ecc … c'erano una miriade di scenari peggiori che per fortuna non sono mai stati realizzati.

Abbiamo riso per ore, a volte per giorni alla volta, per cose che non ricordo più, ma passerò il resto della mia vita a tentare di farlo. Settimane dopo, ci ricordiamo del nostro viaggio e pensiamo a come la paura dell'ignoto abbia reso l'avventura. Il fatto che non sapessimo che lo avremmo fatto ha reso il viaggio molto più attraente. Eravamo, come dice Aerosmith , "vivere ai margini".

Allora perché viaggiamo?

In un saggio di viaggio, scrive Amr El Beleidy,

"Più viaggiamo, più siamo incerti. Ma è proprio questa incertezza che può mostrarci ciò di cui siamo certi. Ed è questo nucleo di certezza che ci rende chi siamo … Quando viaggiamo, siamo costretti a lasciare alcune cose. Ma non possiamo sapere che cosa resterà e che cosa porteremo per l'eternità. E così partiamo per scoprire cosa non possiamo lasciare indietro. "

Adoro questa idea . Non sono sicuro che le sue parole si adattino alla psicologia del viaggio tradizionale, ma penso che il viaggio ci costringa a lasciare le cose – a sfidare noi stessi a continuare a funzionare, prosperare e godersi la vita senza conforti familiari o le nostre abitudini quotidiane.

Il viaggio ti insegna su te stesso e sui tuoi compagni nei modi più straordinari. Per esempio, la soggettività di "sgrossarlo", l'impossibilità di non perdersi ogni ora, e l'arte di svegliare Connie senza che lei mi urlasse.

Quando viaggi, non smetti mai di imparare.

In sette giorni, abbiamo imparato a navigare in un maniaco temporale nel Missouri, come essere trascinati da un poliziotto in Oklahoma City senza commettere un crimine, come fare un arresto cardiaco vicino mentre proviamo a mangiare un 18 once. bistecca in Texas, come povertà e razzismo si scontrano di prima mano in Gallup e come catturare il colore delle nostre aure a Sedona.

Forse, la mia istruzione terminerà quest'inverno, ma sono grato che la mia educazione non lo farà mai.

Seguimi su Twitter: ThisJenKim

Solutions Collecting From Web of "Andiamo a perdere"