Andare al college con disturbo bipolare – Parte II

Questa è la seconda parte di un blog in due parti che presenta il capitolo del libro rivisto – "Going to College With Bipolar Disorder", incluso nel libro – Healthy Living with Bipolar Disorder, pubblicato dalla International Bipolar Foundation. La seconda edizione riveduta del libro sarà disponibile nella prima parte del 2017

Accettare la diagnosi: la sfida più difficile degli anni universitari

La maggior parte degli studenti con disturbo bipolare non lo vogliono. Questo non vuol dire che non apprezzano la loro esperienza di lieve ipomania in cui si sentono eccitati, ottimisti e cognitivamente accesi. Pensaci; c'è molta creazione geniale che è avvenuta nel corso della storia in funzione dell'elevazione dell'umore bipolare. Ma il quadro completo non è così desiderabile. La depressione è deprimente. L'umore imprevedibile crea una realtà da montagne russe. E la mania completa di solito provoca il caos. Ancora una volta, molti studenti non lo vogliono.

Ma non è così per le molte cose difficili e dolorose della vita? Immagina di aver ricevuto una diagnosi di diabete di tipo I in cui il monitoraggio giornaliero del livello ematico e le scatti di insulina sono parte integrante del mantenimento di un funzionamento sano. Gli studenti universitari diabetici di solito non accolgono questo regime quotidiano; tuttavia, sono generalmente conformi perché l'alternativa è troppo dannosa per il loro benessere.

Allo stesso modo, quando il genitore di uno studente muore di cancro durante il primo anno di scuola dello studente, l'evento di solito ha un enorme costo emotivo. Nessuno è veramente disposto a perdere un genitore all'età di 18 o 19 anni. Ma la vita dello studente non si esaurisce a causa della perdita dei genitori. Lo studente di solito subisce un doloroso periodo di lutto. È anche probabile che lo studente prosegua con successo una volta capito come vivere con la nuova realtà di avere un genitore deceduto.

Sia che stiamo considerando la perdita di una salute fisica ottimale o la perdita di una persona cara, generalmente troviamo modi per adattarci e andare avanti, ma non senza perdita e adattamento. Per molti aspetti, questo è il tema della maturazione.

La tarda adolescenza è un momento di impegno verso obiettivi e ideali. Andare in una buona scuola, trovare un maggiore soddisfacente, esplorare l'intimità emotiva e fisica, sviluppare opzioni per un impiego gratificante e gratificante sono temi dominanti per l'adolescente e il giovane adulto. Mentre progrediamo nel ciclo di vita, tutti dobbiamo accettare alcune modifiche delle nostre speranze e dei nostri sogni. Una vita ideale esiste nelle fiabe e nei film. Non esiste nelle nostre realtà vissute. Per la maggior parte, queste modificazioni di speranze e sogni si verificano in genere un po 'più avanti nella vita, quando diventa gradualmente chiaro che le fantasie e le realtà adulte degli adolescenti non sono una corrispondenza ravvicinata.

Lo studente universitario con disturbo bipolare deve adeguare le aspettative in età precoce. Le norme di vita predominanti della vita universitaria non funzioneranno per lo studente bipolare. In effetti, sono una ricetta per l'instabilità. Per lavorare con questo, lo studente bipolare deve cercare di abbracciare la sua diagnosi; non perché sia ​​desiderabile, ma perché è reale e in una certa misura immutabile. La negazione non lo farà andare via. La negazione del disturbo bipolare consentirà temporaneamente agli studenti di fare ciò che vogliono. Ma quando tali scelte ignorano gli aspetti della stabilità bipolare, allora c'è l'inevitabile prezzo da pagare per brevi incursioni nella negazione e nella realizzazione temporanea di desideri.

L'aggiustamento psicologico necessario per lo studente bipolare implica lasciar andare il proprio sé ideale – quella persona che lo studente si sforzava di diventare – e accettare la realtà di vivere con la diagnosi bipolare. Questo aggiustamento è doloroso e in genere non viene raggiunto rapidamente. Proprio come con il processo del dolore, ha bisogno di essere rivisitato ancora e ancora, al fine di essere gradualmente sostituito con un profondo senso di accettazione. In realtà è un processo di dolore: lutto per la perdita di quella persona che si vuole essere.

Quindi come si presenta in pratica? Forse significa lavorare duramente per trovare altri il cui stile di vita ruota attorno alle attività ricreative diverse dal bere e dalle feste. Forse significa ottenere una lettera da un medico che documenta la necessità di un singolo dormitorio per avere più controllo sul tempo di "luci spente". Forse significa anche ottenere un aiuto aggiuntivo o un coaching di abilità di studio per sviluppare buone abitudini di studio e distribuire efficacemente il carico accademico durante la durata del semestre. Questi sono tutti approcci pragmatici importanti.

Al di là del pragmatismo, il vero lavoro alla base di tutto ciò comporta il processo emotivo di venire a patti con la diagnosi. Questo è anche il luogo in cui alcune buone psicoterapie possono essere molto utili. Alla fine, una volta che la realtà di "essere bipolare" si integra in modo confortevole nella propria identità, i pezzi pragmatici andranno a posto senza molte difficoltà.

Sfortunatamente, la maggior parte degli studenti non è pronta per questo tipo di accettazione durante la tarda adolescenza. In effetti, per alcuni la realtà del disturbo bipolare non è così ciò che vogliono, che cercano intenzionalmente di rifiutare l'intera sfera di cera. Non è raro che qualcuno dica – "" Affronterò tutto questo una volta che sarò fuori dal college! "Beh, sì, potrebbero doverlo fare, ma qual è il prezzo che avranno pagato per il loro rinvio?

La ricerca neuroscientifica che coinvolge il decorso a lungo termine del disturbo bipolare indica un fenomeno in cui la prognosi a lungo termine per il decorso del disturbo bipolare è un riflesso del grado di instabilità che si verifica all'inizio del disturbo. In altre parole, l'instabilità precoce non è stata trattata = difficoltà a lungo termine con instabilità continua, mentre l'instabilità precoce che è contenuta con successo = migliori possibilità di stabilità a lungo termine. Questo è indicato come effetto di kindling (Post, 2007).

Pensa a una distorsione alla caviglia. Una volta che una caviglia è gravemente slogata, rende la caviglia più suscettibile alle distorsioni future. Ogni distorsione successiva abbassa la soglia per i tipi di stress fisici che porteranno a distorsioni successive. Il cervello non è poi così diverso. Le vulnerabilità verso l'instabilità bipolare, specialmente quando vengono ignorate e semplicemente lasciate che si verifichino, abbassano effettivamente la soglia per futuri episodi di instabilità. Ciò significa che le strategie di coloro che vogliono attendere fino a più tardi, prima che si occupino seriamente del loro disturbo, sono significativamente difettose. Una volta che i circuiti neurali del cervello sono innescati per instabilità a lungo termine, l'individuo non può tornare alla tarda adolescenza per una ripetizione.

L'impatto dell'effetto kindling è ulteriormente illustrato dai risultati di un articolo di giornale del 2016 (Joyce, K., Thompson, A. e Marwaha, S., 2016). L'articolo esamina 10 diversi studi sull'esito del trattamento bipolare. Gli autori concludono "C'era una scoperta coerente che suggeriva che il trattamento nella fase precoce della malattia portava risultati migliori in termini di risposta, tasso di recidiva, tempo di recidiva, recupero sintomatico, remissione, funzionamento psicosociale e occupazione"

Quindi accettare la propria diagnosi e adeguarsi di conseguenza è un grosso problema! L'intento qui non è quello di dipingere un'immagine di tristezza o di tristezza o di spaventare uno verso una posizione preventiva, ma più per attirare l'attenzione su ciò che è veramente in gioco. Quando gli studenti sono nel bel mezzo della loro vita universitaria non è facile mantenere una prospettiva sana sul quadro generale. Per gli studenti universitari con disturbo bipolare, questa stessa prospettiva può essere essenziale per vivere una vita ben radicata nella stabilità, nel funzionamento efficace e nella realizzazione.

L'uso appropriato del paracadute accademico s

Un paracadute accademico si riferisce a quei processi di supporto che possono essere messi in atto per assistere uno studente durante i periodi di difficoltà funzionale. Se usato in modo appropriato, un paracadute efficace aiuterà anche uno studente ad atterrare sui propri piedi evitando la realtà di un atterraggio di emergenza più devastante.

Uno degli aspetti frustranti del vivere con il disturbo bipolare è la sua imprevedibilità. Anche con la giusta combinazione di farmaci e modificazione dello stile di vita, uno studente può scoprire che lo stress degli studi universitari e della vita universitaria può ancora capovolgere le cose. Dato questo potenziale, è prudente per gli studenti bipolari sapere quali tipi di paracadute sono disponibili per loro.

La legge sugli americani con disabilità richiede che gli istituti di istruzione superiore forniscano assistenza e sistemazioni necessarie agli studenti con disabilità diagnosticate. In funzione di questo requisito, quasi tutte le università hanno un ufficio che serve agli studenti con disabilità fisiche, psichiatriche e di apprendimento. In genere questo ufficio è denominato Disability Support Services. Chiaramente nessuno studente universitario vuole considerarsi come se avesse una "disabilità psichiatrica", ma ci sono momenti in cui i sintomi bipolari possono essere altrettanto invalidanti come qualsiasi altra condizione.

Se uno studente era su una sedia a rotelle a causa di una paralisi cerebrale, non ci sarebbe molto da chiedersi se sarebbe necessaria un'assistenza speciale per lo studente. Le sue aule avrebbero bisogno di essere accessibili ai disabili. Se le braccia di uno studente fossero influenzate, avrebbe anche senso che gli studenti ricevessero copie di note di classe complete. In altre parole, alcune sistemazioni dovrebbero essere fatte per aiutare lo studente a partecipare equamente al processo educativo insieme ad altri studenti non disabili. Perché il disturbo bipolare dovrebbe essere visto in modo diverso?

I forti sintomi di depressione e / o ipomania possono assolutamente compromettere la produttività del lavoro. I diversi farmaci usati per aiutare a stabilizzare uno studente possono anche avere effetti collaterali indesiderati come sonnolenza, ridotta attenzione e concentrazione o persino l'intensificazione dell'agitazione. Il processo di cercare di tornare a uno stato d'animo di medio livello stabile dopo un periodo di depressione o ipomania non è sempre semplice. Qui è dove una buona connessione con Disability Support Services di un college, così come il proprio Dean accademico, può fare una differenza importante.

Attraverso questi servizi è generalmente possibile per gli studenti con disturbo bipolare ricevere alloggi come: requisiti flessibili di frequenza in classe, termini di presentazione del lavoro prolungati e ricezione di note di classe quando uno studente non è in grado di frequentare la classe. Di solito, l'ostacolo principale a ricevere questo aiuto non è il sistema istituzionale stesso. Più spesso che non gli studenti sono riluttanti a ingoiare il loro orgoglio e chiedere aiuto. Chiaramente questa è un'eco del tipo di questioni sollevate nella discussione sull'accettare la propria diagnosi.

Il preside accademico di uno studente può anche essere un difensore efficace quando comunica con i professori sulle questioni relative alle difficoltà legate alle prestazioni legate alla disabilità. Un buon esempio riguarda le gocce di fine corso dispensate dal punto di vista medico. La maggior parte delle scuole ha un periodo iniziale di tempo ogni semestre in cui gli studenti possono aggiungere o abbandonare corsi senza conseguenze. Occasionalmente uno studente può riconoscere che la sua performance in un particolare corso è influenzata negativamente rispetto alla performance in altri corsi. A volte questo non diventerà evidente allo studente fino a dopo la data di aggiunta / rilascio. In questi casi, se accompagnati da un'adeguata documentazione medica, i presidi accademici possono talvolta svolgere un ruolo importante nel facilitare le eccezioni alle politiche di abbandono dei corsi standard.

Oltre agli utili ruoli di sostegno forniti da altri, una delle migliori strategie è che uno studente possa incontrarsi con i professori e condividere la realtà della sua condizione bipolare. È ancora più utile quando questo viene fatto in modo proattivo, all'inizio del semestre, piuttosto che aspettare fino al punto in cui sembra che il semestre sia una causa persa. Nella maggior parte dei casi, i professori universitari sono più che disposti a essere flessibili e di supporto agli studenti, purché percepiscano la sincerità dello studente e tutte le affermazioni siano supportate da un'adeguata documentazione.

C'è anche il risultato occasionale in cui il semestre diventa una causa persa. Si verifica un ricovero di dieci giorni e lo studente non ritorna ad un funzionamento stabile efficace fino a un mese dopo. Un alto ipomanico deraglia la produttività di uno studente per l'intera prima metà del semestre. Quando le cose si sono appianate, la possibilità di recuperare il lavoro mancato è irrealistica. Uno studente entra al college alla fine di agosto e fa abbastanza bene, ma colpisce un muro di depressione entro la metà di novembre. L'energia, la motivazione e la capacità di concentrazione dello studente sono notevolmente ridotte e le difficoltà legate al completamento del semestre non fanno che aggravare i sintomi depressivi. In casi come questi un ritiro medico completo dall'iscrizione può essere una decisione saggia.

La notazione ufficiale sulla propria trascrizione è semplicemente "Ritiro" o qualcosa di molto simile. Non c'è nulla in una trascrizione accademica che reciti "Ritiro dovuto all'instabilità psichiatrica". Prendendo questa linea di condotta, uno studente è anche in grado di proteggersi contro il forte impatto negativo di Ds e Fs sul loro punteggio complessivo. Questo può essere particolarmente importante se gli obiettivi a lungo termine sono di accedere a una scuola di specializzazione o ad un altro programma professionale post-diploma.

Non è raro che quando si discutono di queste scelte con gli studenti, la loro risposta sia qualcosa di simile, "ma questo mi metterà dietro il resto della mia classe!" Beh, potrebbe. Ma c'è sempre il potenziale di creare corsi durante la scuola estiva o di fare i tipi di corsi intensivi di due settimane che alcune università offrono solo dopo la pausa invernale.

È importante riconoscere che ottenere un'istruzione non è una corsa verso il traguardo. Alcuni arriveranno prima degli altri mentre altri impiegheranno più tempo. Questa è la vita dentro e fuori dal college. Non esiste una formula ufficiale ufficiale per il successo nell'istruzione superiore. È anche un dato di fatto che quando gli studenti raggiungono la mezza età, non guarderanno indietro ai loro anni di college e pensano che le cose sarebbero andate molto meglio se solo si fossero diplomati un semestre prima!

Conclusione

Abbiamo spesso sentito la frase pronunciata dagli adulti: "I miei anni di college sono stati i migliori anni della mia vita!" Tipicamente quando questo è espresso stiamo vedendo una certa distorsione retrospettiva. Senza dubbio, gli anni del college coinvolgono alcune esperienze meravigliose. Ma se la verità viene detta, sono anche anni di grande stress e alta complessità. Anche per quelli senza diagnosi psichiatrica, il passaggio dalla tarda adolescenza alla prima età adulta non è una passeggiata nel parco. Per coloro che transitano in questa fase di sviluppo mentre cercano di gestire il loro disturbo bipolare, l'esperienza è più simile a un trekking attraverso le vette himalayane. Ci sono incredibili alti e pericolosi precipizi. Il viaggio richiede una buona preparazione, un condizionamento eccellente, equipaggiamento extra e abilità ben sviluppate. È anche il momento di connettersi con le migliori guide che puoi ottenere. Ci saranno battute d'arresto. Ci saranno anche momenti in cui le condizioni avverse sembrano schiaccianti. Tuttavia, se lo studente bipolare è in grado di impegnarsi con successo nel viaggio e accumulare molte nuove abilità di vita nel processo, l'esperienza aggiungerà alle fondamenta della stabilità necessaria per vivere bene con il disturbo bipolare.

Riferimenti

Joyce, K, Thompson, A e Marwaha, S. 2016. Il trattamento del disturbo bipolare è più efficace nel decorso della malattia? Una revisione completa della letteratura. International Journal of Bipolar Disorders. 04:19.

Post, R. 2007. Accensione e sensibilizzazione come modelli per la ricorrenza degli episodi affettivi, ciclicità e fenomeni di tolleranza. Neuroscienze e recensioni bio-comportamentali. 31: 6. 858-873

Baethge, C., Hennen, J, Khalsa, HK, Salvatore, P, Mauricio, T. e Baldessarini, RJ 2008. Sequenziamento dell'uso di sostanze e morbilità affettiva in 166 pazienti con disturbo bipolare di I-primo episodio. Disturbi bipolari. 10: 6. 738-741

Copyright – Russ Federman, 2016

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

Russ Federman, Ph.D., ABPP è uno studio privato a Charlottesville, VA ( www.RussFederman.com ). È coautore di Facing Bipolar: la guida del giovane adulto alla gestione del disturbo bipolare (New Harbinger Publications).

Solutions Collecting From Web of "Andare al college con disturbo bipolare – Parte II"