Andare al college con disturbo bipolare – Parte I

Nel 2011, l'International Bipolar Foundation Foundation ha pubblicato il libro online: Healthy Living with Bipolar Foundation . A quel tempo, ho contribuito al capitolo "Going to College With Bipolar Disorder". IBPF sta attualmente pubblicando una seconda edizione del libro on-line. Dovrebbe essere disponibile sul loro sito Web all'inizio del 2017.

A questo punto, nel tardo autunno, la maggior parte degli studenti delle scuole superiori è in procinto di presentare domande per l'iscrizione al college 2017-18. Sembrava così opportuno offrire la versione rivista del capitolo del libro IBPF attraverso questo blog. Per coloro che hanno seguito i miei scritti sul blog, non c'è molto nel materiale che non è stato affrontato altrove in questo blog, ma per i nuovi lettori, rappresenta un consolidamento di molte delle questioni relative all'esperienza di università e college studenti con disturbo bipolare.

Il capitolo è stato diviso in Parte I e Parte II ed è stato ristampato di seguito con il permesso dell'International Bipolar Foundation.

Il desiderio di lasciare la diagnosi dietro

Il passaggio dalla scuola superiore all'università è un momento emozionante. Per molti, è il loro primo tempo prolungato lontano da casa; così, il primo grande passo verso l'identità degli adulti, dove uno è meno definito come il figlio di Mr. e Mrs. Parent. Questo è un momento di intenso impegno verso l'autonomia e l'individualità. È anche il momento di modificare le identificazioni esistenti in base ai nuovi allegati e alle affiliazioni di gruppo.

Questi nuovi inizi danno anche speranza a nuovi risultati. Non è infrequente che un dirigente di scuola superiore voglia di lasciare indietro le sue difficoltà a metà adolescente mentre sta ricominciando un nuovo college. Alcune di queste intenzioni sono garantite. Dopotutto, il college è uno dei "nuovi inizi" più sorprendenti che la maggior parte incontra nella tarda adolescenza. Tuttavia, la grande delusione è che lo stesso tipo di nuovo inizio non si applica al disturbo bipolare.

Mentre è vero che gli studenti universitari si sistemeranno gradualmente nella loro nuova identità di studenti universitari, è anche vero che la realtà bipolare degli studenti li accompagnerà nel loro ambiente universitario. Non è qualcosa che si lasciano alle spalle. Un nuovo inizio con il disturbo bipolare significa davvero rivisitare il proprio approccio al trattamento e decidere cosa è più appropriato per il prossimo stadio di sviluppo.

Considerando le migliori scelte per un college o università

È importante notare che gli istituti di istruzione superiore più piccoli, in particolare quelli senza programmi di laurea, sono spesso indicati come "college", mentre le grandi istituzioni con una gamma più ampia di programmi accademici e scuole di specializzazione sono generalmente denominate "università". vedi che questi termini diversi sono usati anche in modo intercambiabile. Per semplicità, il resto di questo capitolo si riferirà al termine generico "college". Si dovrebbe anche notare che, riferendosi ad un'università o ad un ambiente universitario, il consiglio relativo all'istruzione superiore con disturbo bipolare si applica ugualmente ad entrambi.

Per gli studenti delle scuole superiori a cui è stato diagnosticato un disturbo bipolare, selezionare l'università giusta non è una questione semplice. La scelta non riflette solo la forza della reputazione del college, le sue uniche aree di studio, o anche se la scuola fornisce adeguati sussidi agli studenti e borse di studio. Altrettanto importante, se non di più, è trovare un ambiente che sia ottimale per il mantenimento della stabilità emotiva e psicologica.

Vicino a casa o una scuola più lontana?

Quando decidiamo vicino o lontano, guardiamo alla recente storia di stabilità dello studente come indicatore del tipo di rete di supporto che sarà necessaria al college. Se relativamente stabile per l'ultimo anno o due senza ricoveri o frequenti cambi di farmaci, allora forse essere vicino a casa non è altrettanto importante. Con un buon track record di stabilità sostenuta, frequentare scuole che sono poche ore o anche pochi stati lontani da casa sono opzioni ragionevoli. Detto questo, il disturbo bipolare è anche caratterizzato dall'imprevedibilità. Si può avere un periodo di stabilità prolungato e anche scoprire che le cose vanno fuori dai binari senza preavviso. Pertanto, ovunque si vada a scuola dovrebbe essere sempre presente un "piano di supporto per la risposta rapida" che coinvolga la famiglia.

Se la gestione più recente dei sintomi bipolari è stata difficile e lo studente è alle prese con l'instabilità mentre si iscrive al college, allora forse una scuola universitaria o una scuola quadriennale abbastanza vicina a casa sarebbe una scelta migliore. Il vero problema qui è la misura in cui si può aver bisogno di fare affidamento sul supporto familiare come parte della sua rete di supporto essenziale. Se la scelta migliore-casa o fuori-non è chiara, non c'è motivo per cui non si possa iniziare a frequentare un college della comunità e poi passare a scuola lontano da casa una volta dimostrata la stabilità. Inoltre, trasferire l'accettazione a una scuola di quattro anni diventa più facile quando si è dimostrato un anno o due di forte prestazione a livello di comunità universitaria.

Salute mentale e risorse psichiatriche presso le università di oggi

In questi giorni, la maggior parte delle università fornisce servizi di consulenza e servizi psichiatrici agli studenti iscritti. Più comunemente, questi servizi sono forniti all'interno dello stesso dipartimento, di solito chiamato qualcosa come Counseling e servizi psicologici. In alcune università la consulenza e la salute mentale possono essere suddivise in diverse unità di servizio. Ci può essere un centro di consulenza universitaria e un'unità separata come la salute degli studenti, i servizi di salute mentale in cui viene fornito un trattamento orientato psichiatricamente. Tuttavia, quest'ultima configurazione non è in genere la norma.

Indipendentemente da ciò che vengono chiamati i servizi, sarà importante indagare su ciò che viene offerto e dove sarà trovato. Ai fini di questa discussione continuata, la frase generica, "centro di consulenza universitaria", verrà indicata come se si trattasse di un contesto di trattamento completo.

Per qualsiasi studente la scelta di dove andare al college è fondamentale. Per gli studenti con disturbo bipolare, è imperativo indagare l'ambito dei servizi disponibili attraverso un centro di consulenza del college prima di prendere qualsiasi impegno a partecipare. Se quelle risorse sono minime o senza una chiara componente psichiatrica, allora si dovrebbe anche assicurarsi che i buoni servizi psichiatrici siano accessibili nella comunità vicina.

Questo non vuol dire che le risorse per il trattamento della salute mentale dovrebbero essere il criterio principale per la selezione del college; ma per gli studenti bipolari, dovrebbe essere in cima alla lista delle priorità. Chiaramente una cattiva scelta sarebbe quella di frequentare un college in cui l'accesso ai servizi psichiatrici era limitato, sia al college che nella comunità professionale locale. Le risorse di trattamento eccellenti dovrebbero essere sempre facilmente accessibili per le persone con disturbo bipolare.

Un avvertimento: i centri di consulenza universitaria sono solitamente confrontati con la domanda di servizi agli studenti più elevata di quella che sono facilmente in grado di fornire. Pertanto, è comune che i centri di consulenza universitaria forniscano principalmente consulenza a breve termine incentrata sulla stabilizzazione e il riferimento della comunità per un aiuto a lungo termine, se necessario. Poiché il disturbo bipolare è in genere una condizione in corso, gli studenti non dovrebbero essere sorpresi se i professionisti del centro di consulenza desiderano sottoporli alla comunità locale per un trattamento a lungo termine. Queste pratiche variano da una scuola all'altra, ma se i professionisti del centro di consulenza parlano di un rinvio, questo non deve essere considerato un rifiuto. È semplicemente la realtà delle risorse limitate che molti centri di consulenza stanno affrontando oggi. C'è anche un vantaggio intrinseco per un referral privato. Dato il breve focus di trattamento di molti centri di consulenza universitaria, uno studente bipolare potrebbe non essere in grado di vedere lo stesso fornitore per un lungo periodo di tempo. Se si è fortunati ad ottenere un buon psichiatra e psicoterapeuta nella comunità locale, allora questo gruppo di trattamento può essere presente per tutta la durata dell'iscrizione al college. La continuità del trattamento è una buona cosa.

Importanti passi preparatori prima di arrivare a scuola

Una volta che un college è stato selezionato ci sono ancora alcuni passi che lo studente bipolare dovrebbe prendere per assicurare una transizione senza intoppi. Innanzitutto, si consiglia allo studente di contattare il centro di consulenza dell'università prima di arrivare al campus o poco dopo e di fissare un appuntamento iniziale per consultare un consulente, anche se le cose stanno andando bene. Un'altra buona strategia è quella di organizzare un incontro durante l'orientamento estivo prima del primo anno di iscrizione. In tal modo, lo studente è in grado di stabilire una connessione personale con un professionista della salute mentale che consentirà un rapido accesso all'aiuto, se necessario, per i futuri periodi di instabilità. È anche molto più facile arrivare all'inizio del semestre a due terzi del semestre, quando i centri di consulenza sono diventati piuttosto impegnati a rispondere all'alto volume di altri studenti in cerca di aiuto.

Quando trasferisce il trattamento, lo studente deve anche firmare una liberatoria che permetta al suo precedente psichiatra curante di inoltrare copie delle cartelle cliniche al centro di consulenza, al nuovo psichiatra o al professionista della salute mentale basato sulla comunità. Con queste informazioni in mano, ogni nuovo psichiatra o psicoterapeuta può facilmente rivedere la precedente storia di trattamento al fine di servire meglio lo studente nella nuova posizione.

Gli studenti devono essere consapevoli che le loro cartelle cliniche appartengono a loro e hanno il diritto di ricevere copie in qualsiasi momento. Durante la tarda adolescenza e la giovane età adulta, quando è probabile che gli studenti siano in movimento, è consigliabile che mantengano un quaderno delle cartelle cliniche in modo che siano in grado di portare con sé copie dei documenti durante la transizione al college, scuola di specializzazione, un primo lavoro, il trasferimento del lavoro, o qualsiasi altra cosa possa venire dopo.

Mantenere lo stress gestibile: non assumere troppo troppo rapidamente

A volte la gamma di offerte all'inizio del college può essere come una cornucopia di nuove possibilità. Corsi affascinanti, club sociali e organizzazioni, sport, governo studentesco, nuove opzioni ricreative, musica e teatro … la lista continua. La noia non sarà probabilmente una parte dell'esperienza universitaria.

Considerando tutte queste scelte, i forti sentimenti di anticipazione ed eccitazione sono perfettamente normali. Perché non immergerti e immergerti completamente? Semplice: così facendo si attiva molta intensità. E mentre l'intensità può essere piacevole, è comunque stressante. Per gli studenti con disturbo bipolare, lo stress di un intenso impegno non è necessariamente il loro amico. In effetti, lo stress è spesso il fattore scatenante più comune per la destabilizzazione dell'umore.

Gli studenti bipolari del primo anno sono caldamente consigliati di fare un passo indietro e selezionare dalla cornucopia con un senso di moderazione. Come appare la moderazione? Forse sta firmando per 12 crediti invece di 15 a 18. Forse le scelte di attività extrascolastiche sono ritardate di un semestre o almeno non prese con impegni concomitanti multipli. E quando un viaggio su strada è suggerito impulsivamente dai partecipanti al secondo fine settimana del semestre … speriamo che lo studente bipolare scelga saggiamente di rimanere nel campus e rimanere concentrato sulla costruzione di una base stabile.

Tieni a mente che l'inizio dell'università è un momento importante in cui si verificano contemporaneamente molti aspetti del cambiamento. Dire no ad alcune cose all'inizio della scuola non significa che non rimarranno disponibili come scelte future.

Avvicinarsi gradualmente alle cose non equivale a rimanere indietro. Per lo studente bipolare, capire che la moderazione è di gran lunga preferibile che assumere troppe cose troppo presto, essere sopraffatti e doverli salvare prematuramente.

Le potenziali insidie ​​della vita universitaria

Se i sintomi del disturbo bipolare non sono emersi fino a circa 35 anni, la gestione efficace dei sintomi da lievi a moderati sarebbe un'impresa molto più facile. Considera la realtà che per mezzo della mezza età, importanti aggiustamenti di maturità come affidarsi a routine quotidiane strutturate, impiegare una buona igiene del sonno, limitare significativamente l'uso di droghe e alcol e, più in generale, astenersi dal comportamento impulsivo e rischioso, sono tutte scelte che si sono valutate nel più ampio contesto di uno stile di vita stabile.

Ma l'esordio di mezza età dei sintomi bipolari è per lo più fantasia. La realtà è, per molti con disturbo bipolare, la loro piena presentazione dei sintomi emerge in genere tra metà dell'adolescenza e metà degli anni venti. E invece dell'equilibrio tanto necessario, la maturazione della struttura, la routine sana e la sobrietà tendono a essere ritardate a causa delle norme comportamentali della tarda adolescenza.

Per molti che stanno iniziando un college di quattro anni, gran parte della loro precedente esperienza di vita è stata definita dalle norme e dai regolamenti dei genitori. E mentre i ruoli genitoriali tendono ad alleggerirsi man mano che si invecchia, è ancora il caso che alla fine della scuola superiore, gli studenti stiano di solito mordicchiando un po 'per avere un assaggio di libertà. Al college, non viene più detto a che ora andare a letto, a che ora hanno bisogno di essere a casa o anche cosa possono o non possono fare quando sono in giro. Molte di queste scelte di vita diventano proprie e ha assolutamente senso che gli studenti universitari vogliano assaporare questa libertà e buttare via limitazioni che possono sembrare "genitori".

Le conseguenze naturali di questa progressione sono che durante gli anni dell'università, di solito vediamo che 1) buona igiene del sonno viene scartata, 2) la sperimentazione con sostanze psicoattive è comune e 3) le strategie per gestire un alto volume di lavoro sono lontane dall'essere senza stress. La buona notizia è che per la maggior parte nella tarda adolescenza e nei primi anni '20, i loro approcci al lavoro e al gioco subiranno modifiche significative nei prossimi 10-15 anni. Ma se sei bipolare e vai al college, o anche se incontri il tuo disturbo mentre stai già frequentando la scuola, non hai quel tipo di tempo per fare gli aggiustamenti necessari.

Perchè no? Per l'individuo con disturbo bipolare, un buon sonno stabile può essere altrettanto efficace (se non di più) del farmaco prescritto. È spesso il caso che sonno inadeguato e / o modelli di sonno inconsistenti siano alcuni dei precipitati più comuni della destabilizzazione bipolare dell'umore. Allo stesso modo, la ricerca dimostra che l'uso frequente ed eccessivo di sostanze psicoattive è una potente influenza destabilizzante per chi soffre di disturbo bipolare (Baethge, C., Hennen, J, Khalsa, HK, Salvatore, P., Mauricio, T. e Baldessarini, RJ , 2008). Se è vero, è abbastanza comune che la maggior parte degli studenti universitari con disturbo bipolare riferisca che l'uso di sostanze è qualcosa con cui hanno lottato.

La terza parte della terribile triade è lo stress. Lo stress di solito peggiora i disturbi psichiatrici. Lo stress fa sentire le persone peggio anche quando sono prive di diagnosi psichiatriche. Per quelli con disturbo bipolare la combinazione di stress elevato, uso di sostanze e cattive abitudini di sonno è semplicemente come introdurre un fiammifero acceso alla benzina. Il risultato non è buono.

Quindi ha senso che la libertà e le opportunità della vita del college presentino lo studente bipolare con enormi sfide. La soluzione è semplice: dormire bene, stare lontano dalle sostanze e diventare magistrale nel gestire lo stress della vita del college. Ah, se solo fosse così semplice! Vedi, c'è qualcos'altro, abbastanza significativo, che è incuneato tra le insidie ​​della vita del college e soluzioni efficaci.

Continua in – Andando al college con disturbo bipolare, parte II

Copyright – Russ Federman, 2016

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

Russ Federman, Ph.D., ABPP è uno studio privato a Charlottesville, VA (www.RussFederman.com). È coautore di Facing Bipolar: la guida del giovane adulto alla gestione del disturbo bipolare (New Harbinger Publications).

Solutions Collecting From Web of "Andare al college con disturbo bipolare – Parte I"