Anche le tecniche di tortura della CIA interferiscono con gli interrogatori

KamrenB Photography on flickr
Fonte: KamrenB Photography su flickr

Nel dicembre del 2014, il Comitato di Intelligence del Senato degli Stati Uniti ha pubblicato un rapporto generale sulla detenzione della CIA (Central Intelligence Agency) e sugli interrogatori di sospetti terroristi, concludendo che le "tecniche avanzate di interrogatorio" utilizzate erano molto meno efficaci ed etiche di quanto si pensasse in precedenza.

Sotto la supervisione del personale medico, i detenuti sono stati privati ​​del sonno per tutta la settimana, confinati all'interno di scatole a forma di bara per diversi giorni, a bordo dell'acqua più volte al giorno e anche sottoposti a "alimentazione rettale" o "rettale" non necessari dal punto di vista medico idratazione "nel tentativo di affermare" il controllo totale sul detenuto ".

Il rapporto mostra che, per ottenere informazioni, i funzionari della CIA intimidivano i detenuti con minacce di danneggiare le loro famiglie, tra cui "minacce di danno ai bambini di un detenuto, minacce di abusare sessualmente della madre di un detenuto e minacce di tagliare la gola alla madre di un detenuto. "Questi individui sono stati anche portati a credere che non avrebbero mai potuto lasciare in vita la custodia della CIA.

Secondo Mark Costanzo, professore del Claremont McKenna College, la tortura usata come dispositivo di interrogatorio può avere effetti gravi e duraturi sulla salute fisica e mentale.

Nel rapporto del Senato, un detenuto, Abd al-Rahim al-Nashiri, è stato inizialmente giudicato conforme, collaborativo e veritiero da alcuni interrogatori della CIA. Tuttavia, dopo anni di intensi interrogatori, è stato diagnosticato con ansia e disturbo depressivo maggiore e in seguito è stato descritto come un "detenuto difficile e non cooperativo, che si è impegnato in ripetuti atti belligeranti, che comprendevano tentativi di aggressione al personale della CIA e sforzi per danneggiare oggetti nella sua cella “.

Al-Nashiri ha accusato lo staff della CIA di "aver drogato o avvelenato il cibo, e si è lamentato del dolore fisico e dell'insonnia".

Tuttavia, il rapporto non è riuscito a indagare a fondo sulle conseguenze psicologiche a lungo termine che tali tecniche potrebbero infliggere non solo ai detenuti, ma anche agli interrogatori.

Anche il personale della CIA coinvolto negli interrogatori ha vissuto un disagio psicologico. Alcuni addirittura hanno scelto di essere trasferiti fuori dai siti degli interrogatori fino a quando la CIA ha smesso di usare la tortura come forma di interrogatorio.

Costanzo osserva che la ricerca sulle conseguenze psicologiche della partecipazione alla tortura è limitata. La maggior parte degli studi ha analizzato professionisti del settore medico che hanno precedentemente supervisionato la tortura per identificare le conseguenze psicologiche.

Nel 1986, lo psichiatra Robert Jay Lifton intervistò medici nazisti che parteciparono alla sperimentazione umana e alle uccisioni di massa. Lifton ha concluso che dopo anni di esposizione, molti dei medici hanno subito danni psicologici di intensità simile a quella delle loro vittime. L'ansia, i ricordi traumatici intrusivi e il funzionamento cognitivo e sociale compromesso erano tutte conseguenze comuni.

Costanzo crede che gli interrogatori che usano le tecniche di tortura possano avere esperienze simili. Nel febbraio 2007, Eric Fair, un interrogatore americano che era di stanza nel carcere di Abu Ghraib in Iraq, ha confessato di aver partecipato e supervisionato la tortura dei detenuti iracheni. Nel suo libro di memorie, Consequences , Fair discute come continuano a perseguitarli quegli eventi, portando a problemi marziali, a ricorrenti terrori notturni e insonnia, abuso di sostanze e depressione.

Il pubblico americano sembra diviso sulla questione dell'uso della tortura, e molti credono che le tecniche avanzate di interrogatorio siano giustificate se aiutano a prevenire futuri attacchi terroristici. Alcuni giorni dopo che il Senato Intelligence Committee ha pubblicato il rapporto, il Pew Research Center ha intervistato 1.000 americani e scoperto che il 51% riteneva che le tecniche di interrogatorio della CIA fossero giustificate.

Ma secondo Costanzo, molti sopravvissuti alla tortura rivelano informazioni false per placare il torturatore e fermare il dolore. Il Comitato di Intelligence del Senato ha supportato questa scoperta quando ha scoperto che nessuno dei 39 detenuti sottoposti alle tecniche di interrogatorio avanzate ha prodotto informazioni utili.

La senatrice Dianne Feinstein della California, a capo del Senato Intelligence Committee, sostiene inoltre che le tecniche della CIA sono amoral:

"Tale pressione, paura e aspettativa di ulteriori complotti terroristici non giustificano, temperano o scusano le azioni improprie intraprese da individui o organizzazioni in nome della sicurezza nazionale".

Feinstein sta ora proponendo una legge per riformare le pratiche di interrogatorio negli Stati Uniti. Il disegno di legge suggerisce l'uso di tecniche progettate dal Gruppo di interrogatori dei detenuti di alto valore, che si basano sul rapporto costruttivo e sull'empatia piuttosto che sulla pressione fisica e psicologica. Questo modello ha riscontrato un grande successo sia nelle forze dell'ordine che nella raccolta di informazioni in paesi come la Norvegia e il Regno Unito. Feinstein spiega:

"È mia sincera e profonda speranza che, attraverso il rilascio di queste conclusioni e conclusioni, la politica americana non consentirà mai più una detenzione indefinita e segreta e l'uso di interrogatori coercitivi".

-Alessandro Perri, scrittore collaboratore, rapporto traumi e salute mentale

-Editor dei bambini: Robert T. Muller, The Trauma and Mental Health Report

Copyright Robert T. Muller

Solutions Collecting From Web of "Anche le tecniche di tortura della CIA interferiscono con gli interrogatori"