Anche i ratti empatici e amanti del divertimento sognano un futuro migliore

Le persone che hanno la fortuna di condividere le loro case con i cani spesso ridono quando vedono i loro compagni canini contrarsi, spesso piagnucolando e facendo qualcosa che descrivono come inseguire un altro animale nel sonno. Sogniamo, e non c'è motivo per non pensare che anche molti animali non umani (animali) sognino. Tuttavia, un'altra questione è capire che cosa gli animali potrebbero sognare perché non possono dirci in alcun modo che possiamo facilmente capire.

I ricercatori che studiano il sogno devono ricorrere a procedure estremamente invasive che coinvolgono l'impianto di elettrodi nel cervello degli animali e poi ucciderli per conoscere il possibile contenuto dei sogni degli animali e dove si svolge nel cervello. E stanno scoprendo fatti molto interessanti su ciò che gli altri animali sognano. Ad esempio, un nuovo studio pubblicato in eLife da un team di ricercatori all'University College di Londra con il pesante titolo "Le cellule del luogo ippocampale costruiscono sequenze correlate alla ricompensa attraverso spazi inesplorati", ha dimostrato che sognare dai ratti potrebbe "supportare la preparazione per le future esperienze in nuovi ambienti. "

Il documento di ricerca originale, che è altamente matematico e tecnico, non è una lettura facile e una buona recensione di Jessica Mendoza intitolata "Daydream believer: i ratti sognano un futuro migliore" fa un buon lavoro per rendere i risultati comprensibili ai non ricercatori. Comincia, "Sembra che gli umani non siano soli quando si tratta di sognare una vita migliore per se stessi: a quanto pare, anche i topi lo fanno. Quando a riposo, ratti e topi conducono prove mentali di viaggi verso un futuro desiderato, come un trattamento gustoso, i ricercatori dell'University College di Londra (UCL) hanno scoperto. "Inoltre, i ricercatori hanno usato gli elettrodi per monitorare l'attività cerebrale degli animali in tre diverse situazioni: in primo luogo, poiché ai ratti veniva mostrato cibo a cui non potevano accedere, quindi mentre si riposavano in un'area separata, e infine, mentre camminavano verso il cibo. Hanno scoperto che le cellule cerebrali coinvolte nella navigazione hanno mostrato un'attività simile quando i ratti erano a riposo e quando stavano camminando da e verso il cibo, indicando che il cervello stava simulando o preparando percorsi futuri che portavano a un obiettivo desiderato. "

Ciò a cui tutto questo si riduce è che la capacità di immaginare eventi futuri potrebbe non essere unica per l'uomo. Uno dei ricercatori osserva: "Ciò che sorprende è che vediamo l'ippocampo che pianifica il futuro, in realtà prova i viaggi totalmente nuovi che gli animali devono prendere per raggiungere il cibo".

Conoscere questi risultati è importante per un pubblico generale perché sempre più ricerche sulle vite cognitive ed emotive degli animali stanno dimostrando chiaramente che non siamo soli nel riuscire a svolgere compiti complessi, a risolvere problemi difficili o a sperimentare una gamma di emozioni . I ratti, per esempio, sono noti per mostrare empatia, per leggere il dolore di fronte agli altri ratti, per divertirsi con il solletico, per divertirsi a giocare e per provare rimpianti (per favore vedi anche e).

Si potrebbe pensare sulla base di questi risultati di ricerca, che sono stati pubblicati su prestigiose riviste peer-reviewed, che la legge federale sul benessere degli animali degli Stati Uniti avrebbe concesso almeno ai ratti una certa protezione. Nondimeno, la legge federale sul benessere degli animali non protegge i ratti (o milioni di altri animali) ei ratti non sono nemmeno considerati "animali". Mi rendo conto che alcuni potrebbero essere increduli nell'apprendere che i ratti non sono animali ma una citazione da il registro federale legge infatti "Stiamo modificando le norme dell'Agenzia per il benessere degli animali (AWA) per riflettere un emendamento alla definizione della legge del termine animale. La legge sulla sicurezza delle fattorie e sugli investimenti rurali del 2002 ha modificato la definizione di animale per escludere specificamente uccelli, ratti del genere Rattus e topi del genere Mus , allevati per essere utilizzati nella ricerca "(Vol. 69, No. 108, 4 giugno 2004 ).

Ora sappiamo abbastanza per smettere di usare i ratti per la ricerca invasiva. I legislatori e i ricercatori stessi dovrebbero radunarsi per smettere di nuocere e uccidere questi roditori affascinanti, intelligenti e senzienti. Molti ricercatori arrivano a conoscere i ratti da vicino e personalmente – alcuni addirittura li nominano – e si penserebbe che sarebbero le persone più propense a dire qualcosa del tipo, "Ok, basta abbastanza, non possiamo continuare ad usare e abusare di questi stupefacenti animali quindi smettiamola di farlo ".

Gli stessi ricercatori stanno alzando la posta in quanto dimostrano continuamente quanto ratti ed animali siano realmente intelligenti ed emotivi. Si potrebbe immaginare che ci sia semplicemente un conflitto mentre continuano a condurre ricerche invasive che provocano una buona dose di dolore, sofferenza e morte. Come Alka Chandna scrive in un eccellente saggio pubblicato nel Forum di Hastings Bioethics chiamato "I ratti hanno empatia, ma che dire degli scienziati che li sperimentano?" "Almeno uno di questi sperimentatori ha recentemente riconosciuto il conflitto intrinseco:" Più facciamo esperimenti come questo, più ci chiediamo se dovremmo fare esperimenti come questo ". Lo stesso ricercatore osserva anche che" se vogliamo studiare i trattamenti del dolore e del dolore "non c'è alternativa. Le colture di tessuti e le simulazioni al computer non funzioneranno. Dobbiamo fare esperimenti sugli animali, poiché non otterremo mai l'approvazione etica per fare questi test sugli umani. "" Naturalmente esistono numerose alternative non animali che sono estremamente affidabili, ma lui e altri semplicemente scelgono di non usarli. È ora che lo facciano.

Gli ultimi libri di Marc Bekoff sono la storia di Jasper: salvare gli orsi della luna (con Jill Robinson), ignorare la natura non di più: il caso della conservazione compassionevole , perché i cani gobba e le api si deprimono e risveglia i nostri cuori: costruire percorsi di compassione e convivenza . L'effetto Jane: la celebrazione di Jane Goodall (edita con Dale Peterson) è stata recentemente pubblicata. (marcbekoff.com; @MarcBekoff)

Solutions Collecting From Web of "Anche i ratti empatici e amanti del divertimento sognano un futuro migliore"