Anatomia di una campagna di smear, rata n. 2

Melinda Henneberger è andata troppo oltre. Per la parte migliore di due anni, l'editorialista del Washington Post ha intrapreso una campagna diffamatoria di allusioni e distorsioni contro l'Università di Notre Dame. In breve, incolpa la scuola per il tragico suicidio di una ragazza di 19 anni che ha avuto una spiacevole interazione con uno dei nostri studenti. Il passato più lungo:

Il 1 ° settembre 2010, una studentessa del St. Mary's College dell'Indiana, Elizabeth Seeberg, ha riferito alla polizia di sicurezza della vicina Università di Notre Dame di essere stata vittima di "violenza sessuale" in un dormitorio nel secondo campus la notte prima. La signorina Seeberg, che a quel tempo veniva curata con droghe per problemi psicologici, è morta per overdose il 10 settembre 2010. La morte è stata dichiarata suicida. In seguito, il procuratore locale della contea ha deciso di non accusare lo studente accusato di Notre Dame. Poi, nei successivi 18 mesi, il Chicago Tribune e il National Catholic Reporter hanno pubblicato una serie sensazionalistica di articoli sulla tragedia. (La NCR pubblicò un articolo della signora Henneberger). A questo corpus di commenti è stato aggiunto l'articolo di Henneberger Post del 5 dicembre 2012.

Un articolo che riporta in dettaglio la segnalazione fuorviante di Henneberger sulla questione, che dovrebbe essere sufficiente per screditare il suo ultimo articolo, è reperibile nel mio precedente articolo sul sito di Psychology Today . Punti salienti, interamente sollevati dalle informazioni pubblicamente disponibili e espressi nel modo più delicato possibile: (1) La ragazza di Seeberg era consensualmente sola nella stanza del dormitorio di un giocatore di football a tarda notte. (1a) Secondo la Tribune del 16 dicembre 2010, è rimasta lì nella stanza in un campus non suo, di nuovo volutamente, per qualche tempo dopo il presunto incidente avvenuto. (2) Anche se Elizabeth Seeberg fosse vissuta, probabilmente non ci sarebbero stati procedimenti penali perché la questione sarebbe stata solo la parola di una persona contro un'altra. (3) Sostenere il punto precedente, significativamente, è che l'accusatore in questo caso aveva una storia di problemi psichiatrici, in realtà tra i più gravi possibili, come confermato dalla sua successiva scomparsa. (4) È molto chiaro che il pubblico ministero locale abbia abbandonato questo caso in breve tempo, dichiarando che i fatti hanno sostenuto l'imputato. In definitiva, è diventato solo un caso di "toccare il punto vita", contrariamente alle immagini che i lettori potrebbero aver ricevuto dal giornalista Henneberger. (Se non ti piace questa recitazione, quindi incolpare il Chicago Tribune , la mia fonte primaria.)

Per ora, la decostruzione specifica del testo di Henneberger del 5 dicembre dovrebbe decisamente minare la sua credibilità e rassicurare il pubblico che Notre Dame non è colpevole nell'incidente come asserito. Offro il seguente contrappunto come alunno di Notre Dame, membro della facoltà e ammiratore.

• Notate come Melinda Henneberger è circospetta con le sue insinuazioni e le sue accuse del 5 dicembre, basandosi su locuzioni come "credi come faccio io" e "ciò in cui credo"? C'è una ragione legale per quella tattica. Fintanto che Henneberger gira intorno a un'accusa definita (e falsa), lasciandola un'espressione di credenza o opinione, è protetta dalla responsabilità per diffamazione. Tuttavia, lascia abilmente i lettori non iniziati con l'impressione di uno stato accusatorio più definito e crea un'atmosfera carica.

• Una tendenza correlata esposta nell'ultima colonna di Henneberger è il suo uso di dispositivi retorici più illegittimi. Uno, riferendosi ai "predatori" di Notre Dame, è un esempio dell'errore logico di elemosinare la domanda perché quella premessa non solo non è stata stabilita, ma probabilmente non può mai essere in questo caso. Allo stesso modo, riferimento a "funzionari scolastici che hanno sussurrato in modo fuorviante. . . sbavare "è anche un'asserzione non supportata, e persino insopportabile, a meno che Henneberger (e il resto di noi) non possa avere una conoscenza completa del presunto incidente.

• Quando il contenuto letterale della verità della prosa di Henneberger viene distillato, emerge un quadro più chiaro. Ecco le basi indiscusse:

"[Seeberg] soffriva di depressione." "Né l'uomo sarà mai riconosciuto colpevole in tribunale. . . . Nessuno dei due è stato accusato di un crimine. "" Nessuna denuncia penale è mai stata presentata. "(Sì, Henneberger solleva vecchie accuse contro un secondo studente di Notre Dame.)

Questi sono tra i pochi fatti accertati, secondo la stessa Henneberger, che sono noti sulla questione in questione. Melinda Henneberger ha fatto una cosa giusta segnalandoli, però. Tratto in rilievo, danno un'impressione contraria a quella che l'articolista crea in generale intrecciando con la sua soggettività e insinuazioni. Raccogliamo cosa sta succedendo qui?

• Henneberger ripete la sua lacuna etica costruendo una cronologia fuorviante, sostenendo che Notre Dame Security ha commesso un ritardo eccessivo di dieci o 15 giorni tra il rapporto della polizia della ragazza deceduta del 1 ° settembre 2010 e il loro seguito insinuante che la lentezza ha contribuito a il suicidio. Tuttavia, la cronologia di Henneberger è che il rapporto finale, formale e revisionato di Miss Seeberg non è stato depositato fino al 6 settembre, mentre la polizia del campus ha iniziato a intervistare gli imputati il ​​9 settembre. Ma, ovviamente, un intervallo di tre giorni (in realtà circa 2 giorni e ½ prima dell'intervento, basato sul record riportato, non è una buona storia di lavoro di ascia da dieci o 15 giorni. In sostanza, un motivo legittimo per un ritardo maggiore da parte di ND Security che può sembrare naturale per il profano è la riconciliazione delle discrepanze tra le due dichiarazioni presentate dall'accusatore. Un altro: l'ufficio del pubblico ministero locale ha imposto il ritardo.

Vedi cosa intendo della discutibile strategia compositiva di Henneberger? Questo è stato un esempio del contenuto ingannevole dello scrittore. Un altro sciopero rivelatore contro di lei, forse notato dai lettori di Post , è come lei sogghigna, stampata, al livello di "innocente fino a prova contraria".

• In generale, considera nuovamente le parole di Henneberger. C'era "un'indagine di sette mesi" da parte del Dipartimento dell'Istruzione degli Stati Uniti, la Sicurezza di Notre Dame "indagò [Seeberg] stessa abbastanza completamente", "Notre Dame ha convocato un'audizione disciplinare a porte chiuse", l'imputato "è stato trovato" non responsabile , "E infine" nessun reclamo penale ".

Inoltre, pensaci. Per quanto severo come Notre Dame è noto per essere disciplinato, spesso criticato per essere troppo severo, l'account di Melinda Henneberger suona vero? Tutto quello che sai della scuola è il contrario. Henneberger dice che non credono ai tuoi occhi bugiardi, le credono – nonostante le prove frammentarie, presentate in modo subdolo.

E chi sono io per sapere qualcosa su questo? Nessuno in particolare. Ho semplicemente seguito la triste storia nei media pubblici e riportato il contenuto in modo pulito e prosaico, in contrasto con l'approccio di Henneberger. "Solo i fatti" qui, cioè, e il fatto fondamentale è che non conosciamo molti fatti sul caso di Seeberg, nonostante tutta la verbosità di Henneberger. Certamente non pretendo di sapere cosa è successo alla povera signorina Seeberg. Posso solo dimostrare che Melinda Henneberger non lo fa e che il suo "rapporto" non può essere accreditato a ragione.

Per una volta, la mia stessa soggettività: Henneberger sembra, sulla base di tutte le prove, di sviluppare un'ossessione simile al Capitan Ahab (o Queeg), un pregiudizio che interferisce con la sua equità, per usare un eufemismo. Una sfida per i lettori di Post e PT : dopo aver digerito questo scambio, cosa possiamo dire che Melinda Henneberger sia realmente a conoscenza dell'incidente in questione? Cosa ne sanno tutti noi? Dall'ispezione di tutta la sua copia, sembra essere molto poco. Eppure Henneberger lavora sodo per portarti a una visione contraria, vero? Perché? A questo punto, quindi, ho molte più basi per citarla per aver ingaggiato un assassinio di carattere diffamatorio e istituzionale per far progredire la sua carriera rispetto a quella che ha per le sue affermazioni non uniformi contro una rinomata università. Se esistono prove a sostegno, non è stato fornito. Quindi, il mio tentativo di far luce tra il caldo di Henneberger.

Solutions Collecting From Web of "Anatomia di una campagna di smear, rata n. 2"