Anatomia della malinconia: può la depressione essere buona per te?

[Articolo aggiornato il 6 settembre 2017]

Oggi la tristezza, in particolare se intensa o prolungata, è tipicamente pensata in termini di depressione, cioè una malattia biologica del cervello. Qui sostengo, come in The Meaning of Madness, che il concetto di depressione come disturbo mentale è stato eccessivamente estasiato per includere ogni tipo di sofferenza umana e, più controverso, che la "depressione" può effettivamente essere buona per noi.

Cominciamo col pensare molto in generale al concetto di depressione. Esistono importanti variazioni geografiche nella prevalenza della depressione, che possono essere in gran parte spiegate da fattori socio-culturali piuttosto che biologici. Nelle società tradizionali, il disagio emotivo ha più probabilità di essere interpretato come un indicatore della necessità di affrontare importanti problemi di vita piuttosto che come un disturbo mentale che richiede un trattamento professionale, e quindi una diagnosi di depressione è corrispondentemente meno comune. Alcune comunità linguistiche non hanno nemmeno una parola per "depressione" e molte persone delle società tradizionali con ciò che può essere interpretato come depressione presentano invece lamentele fisiche come stanchezza, mal di testa o dolore al petto. Le donne punjabi che sono emigrate di recente nel Regno Unito e partorite trovano sconcertante che un visitatore della salute debba schiudersi per chiedere loro se sono depressi, non ultimo perché non avevano mai pensato che il parto potesse essere qualcosa di diverso da un evento gioioso.

Nelle società moderne come il Regno Unito e gli Stati Uniti, le persone sono incoraggiate a parlare di depressione e farlo in modo più semplice e facile. Di conseguenza, hanno maggiori probabilità di interpretare il loro disagio in termini di depressione e di cercare una diagnosi della malattia. Allo stesso tempo, i gruppi con interessi acquisiti come le compagnie farmaceutiche e i cosiddetti esperti di salute mentale promuovono attivamente la nozione di felicità saccarina come stato naturale, di default, e di sofferenza umana come disturbo mentale. Il concetto di depressione come disturbo mentale può essere utile per i casi più gravi e intrattabili trattati dagli psichiatri ospedalieri, ma non per la maggior parte dei casi, che, per la maggior parte, sono lievi e di breve durata e facilmente interpretabili in termini di circostanze di vita, natura umana o condizione umana.

Un'altra spiegazione non mutuamente esclusiva per le importanti variazioni geografiche nella prevalenza della depressione potrebbe risiedere nella natura delle società moderne, che sono diventate sempre più individualiste e divorziate dai valori tradizionali. Per molte persone che vivono nella nostra società, la vita può sembrare soffocante e lontana, solitaria anche e soprattutto tra le moltitudini, e non solo priva di significato ma assurda. Codificando il loro disagio nei termini di un disturbo mentale, la nostra società sta sottilmente sottintendendo che il problema non sta con se stesso, ma con loro, individui fragili e in mancanza di ciò che sono. Certo, molte persone preferiscono acquistare questa spiegazione riduttiva piuttosto che affrontare la loro angoscia esistenziale. Ma pensare all'infelicità in termini di malattia o squilibrio chimico può essere controproducente perché ci può impedire di identificare e affrontare gli importanti problemi psicologici o di vita che sono alla base della nostra sofferenza.

Tutto questo non vuol dire che il concetto di depressione come disturbo mentale sia fasullo, ma semplicemente che la diagnosi di depressione è stata eccessivamente estesa per includere molto più della semplice depressione del disturbo mentale. Se, come la maggior parte delle condizioni mediche, la depressione potrebbe essere definita e diagnosticata in base alla sua eziologia o patologia – cioè, secondo la sua causa o effetto fisico – tale stato di cose non potrebbe mai essere sorto. Sfortunatamente, la depressione non può ancora essere definita in base alla sua eziologia o patologia, ma solo in base alle sue manifestazioni e sintomi clinici. Ciò significa che un medico non può basare una diagnosi di depressione su alcun criterio oggettivo come un esame del sangue o una scansione del cervello, ma solo sulla sua interpretazione soggettiva della natura e della gravità dei sintomi del paziente. Se alcuni di questi sintomi sembrano corrispondere ai criteri diagnostici molto vaghi per la depressione, allora il medico è in grado di giustificare una diagnosi di depressione.

Un problema importante qui è che la definizione di "depressione" è circolare: il concetto di depressione è definito in base ai sintomi della depressione, che sono a loro volta definiti secondo il concetto di depressione. Per questo motivo, è impossibile essere certi che il concetto di depressione sia associato a qualsiasi entità distinta della malattia, in particolare dal momento che una diagnosi di depressione può applicarsi a qualsiasi cosa, da lieve depressione a psicosi depressiva e stupore depressivo, e si sovrappongono a diverse altre categorie di disturbo tra cui distimia, disturbi dell'adattamento e disturbi d'ansia. Una delle conseguenze del nostro approccio 'menu dei sintomi' alla diagnosi della depressione è che due persone che non hanno assolutamente sintomi in comune possono entrambi finire con la stessa diagnosi di blocco della depressione. Per questo motivo, in particolare, il concetto di depressione come disturbo mentale è stato accusato di essere poco più di una pattumiera socialmente costruita per tutti i tipi di sofferenza umana.

Ammettiamo, come dice l'ortodossia, che ogni persona erediti un certo complemento di geni che lo rende più o meno vulnerabile a entrare in uno stato che potrebbe essere diagnosticato come depressione (e ci riferiamo anche a questo stato come "la posizione depressiva"). 'includere l'intero continuum dell'umore depresso, incluso ma non limitato alla depressione clinica). Una persona entra nella posizione depressiva se la quantità di stress a cui viene sottoposto è maggiore della quantità di stress che può tollerare dato il complemento di geni che ha ereditato. I geni per i disturbi potenzialmente debilitanti gradualmente passano nel tempo da una popolazione perché le persone colpite hanno, in media, meno figli o meno bambini sani rispetto alle persone non colpite. Ma il fatto che ciò non sia accaduto per la depressione suggerisce che i geni responsabili vengano mantenuti nonostante i loro effetti potenzialmente debilitanti su una parte significativa della popolazione, e quindi che stiano conferendo un importante vantaggio adattativo.

Esistono altri casi di geni che predispongono entrambi a una malattia e conferiscono un importante vantaggio adattativo. Nell'anemia falciforme, ad esempio, i globuli rossi assumono una forma a falce rigida che limita il loro passaggio attraverso minuscoli vasi sanguigni. Ciò porta a una serie di gravi complicazioni fisiche e, in assenza della medicina moderna, a una aspettativa di vita radicalmente ridotta. Allo stesso tempo, il trasporto di un solo allele del gene falciforme ("tratto falciforme") rende impossibile la riproduzione dei parassiti della malaria all'interno dei globuli rossi e conferisce quindi l'immunità alla malaria. Il fatto che il gene per l'anemia falciforme sia più comune nelle popolazioni delle regioni malariche suggerisce che, almeno in termini evolutivi, una malattia debilitante in pochi può essere un prezzo che vale la pena pagare per un vantaggio importante in molti.

Quale importante vantaggio adattativo potrebbe conferire la posizione depressiva? Proprio come il dolore fisico si è evoluto per segnalare lesioni e prevenire ulteriori lesioni, così la posizione depressiva si è evoluta per rimuoverci da situazioni dolorose, dannose o futili. Il tempo e lo spazio e la solitudine che la posizione depressiva ci impedisce di prendere decisioni avventate, ci permettono di riconnetterci con il quadro più ampio e ci incoraggiano a rivedere le nostre relazioni sociali, a pensare a quelli che contano di più a noi e ad affrontarli di più significativamente e con maggiore compassione. In altre parole, la posizione depressiva si è evoluta come un segnale che qualcosa è seriamente sbagliato e ha bisogno di elaborare e modificare o, per lo meno, elaborare e comprendere.

A volte possiamo diventare così immersi nella monotona vita quotidiana che non abbiamo più tempo per pensare e sentire di noi stessi, e quindi perdere di vista il nostro quadro più ampio. L'adozione della posizione depressiva può costringerci a scacciare l'ottimismo polisano e gli occhiali rosa che ci proteggono dalla realtà, allontanarsi a distanza, rivalutare e dare priorità ai nostri bisogni e formulare un piano modesto ma realistico per soddisfarli .

Ad un livello ancora più profondo, l'adozione della posizione depressiva può portarci a sviluppare una prospettiva più raffinata e una più profonda comprensione di noi stessi, delle nostre vite e della vita in generale. Da un punto di vista esistenziale, l'adozione della posizione depressiva ci obbliga a prendere coscienza della nostra mortalità e della nostra libertà e ci sfida ad esercitare quest'ultimo nel quadro del primo. Incontrando questa difficile sfida, siamo in grado di rompere gli schemi che ci sono stati imposti, scoprire chi siamo veramente e, così facendo, iniziare a dare un significato profondo alle nostre vite.

Molte delle persone più creative e perspicaci della società hanno sofferto di depressione o di uno stato che potrebbe essere diagnosticato come depressione. Includono i politici Winston Churchill e Abraham Lincoln; i poeti Charles Baudelaire, Elizabeth Bishop, Hart Crane, Emily Dickinson, Sylvia Plath e Rainer Maria Rilke; i pensatori Michel Foucault, William James, John Stuart Mill, Isaac Newton, Friedrich Nietzsche e Arthur Schopenhauer; e gli scrittori Agatha Christie, Charles Dickens, William Faulkner, Graham Greene, Leo Tolstoy, Evelyn Waugh e Tennessee Williams – tra molti, molti altri. Per citare Marcel Proust, che ha sofferto di depressione, "La felicità è un bene per il corpo, ma è il dolore che sviluppa i punti di forza della mente".

Le persone nella posizione depressiva sono spesso stigmatizzate come "fallimenti" o "perdenti". Naturalmente, nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Se queste persone sono nella posizione depressiva, è molto probabilmente perché hanno provato troppo duro o assunto troppo, così difficile e così tanto che si sono resi "malati di depressione". Vale a dire, se queste persone sono nella posizione depressiva, è perché il loro mondo non era semplicemente abbastanza buono per loro. Volevano di più, volevano di più e volevano diversi, non solo per loro stessi, ma per tutti quelli che li circondavano. Quindi, se sono falliti o perdenti, questo è solo perché mettono la barra troppo in alto. Avrebbero potuto spazzare tutto sotto il tappeto e far finta, come fanno molte persone, che tutto sia per il meglio nel migliore dei mondi possibili. Ma a differenza di molte persone, avevano l'onestà e la forza di ammettere che qualcosa non andava, che qualcosa non andava del tutto bene. Invece di essere dei falliti o dei perdenti, sono esattamente l'opposto: sono ambiziosi, sono veritieri e coraggiosi. Ed è proprio per questo che si sono ammalati.

Far credere loro di soffrire di uno squilibrio chimico nel cervello e che la loro guarigione dipende esclusivamente o anche solo parzialmente dalle pillole schiumogene è fare loro un grande sfavore: è negare loro la preziosa opportunità non solo di identificare e affrontare importanti problemi di vita, ma anche per sviluppare un apprezzamento più profondo e più raffinato di se stessi e del mondo che li circonda, e quindi di negare loro l'opportunità di realizzare il loro più alto potenziale di esseri umani.

Neel Burton è autore di Growing from Depression, The Meaning of Madness e altri libri.

Trova Neel Burton su Twitter e Facebook

Neel Burton
Fonte: Neel Burton

Solutions Collecting From Web of "Anatomia della malinconia: può la depressione essere buona per te?"