Analista junghiana Marion Woodman sulla Psiche americana

Inner City Books, used with permission
Fonte: Inner City Books, usato con permesso

Ventitré anni fa, ho iniziato a intervistare psicologi e psicoanalisti per le loro intuizioni sulla psiche americana, un progetto culminato nella pubblicazione di America sul divano: Prospettive psicologiche sulla politica e la cultura americana. Recentemente, mentre mi preparavo per iniziare a lavorare sul secondo volume di America on the Couch , mi sono imbattuto in un'intervista inedita con Marion Woodman, il noto analista junghiano canadese e amato autore, docente e capo laboratorio sulla psicologia dei disordini alimentari e la repressione dei principi femminili della saggezza, della relazione e della profondità del corpo nella nostra cultura occidentale guidata dai risultati. Attualmente in pensione, il lavoro di Woodman continua a toccare un accordo, ei suoi libri hanno venduto oltre 200.000 copie in tutto il mondo, con quindici edizioni in sette lingue.

Condotto nel 1994, il mio dialogo con Woodman approfondì questioni che erano sorprendentemente rilevanti nella nuova era di Trump. Con le proposte del presidente di eliminare i finanziamenti federali per programmi come il National Endowment for the Arts, il National Endowment for the Humanities e il CPP (Corporation for Public Programs), le prospettive di Woodman sull'importanza delle arti per la salute di una cultura assumere un significato aggiunto. Così, anche le sue intuizioni percettive sul materialismo americano, il significato della nostra società multiculturale e il suo ruolo nell'ascesa di una "nuova cultura globale", le differenze psicologiche tra americani e canadesi e il modo in cui il nostro background rivoluzionario ha ispirato il carattere nazionale dell'America – nel bene e nel male.

La seguente intervista è stata modificata per chiarezza e lunghezza.

Pythia Peay : Vorrei iniziare chiedendoti di commentare uno dei principi fondamentali dell'America: il "mito del progresso" o l'idea del miglioramento continuo.

Marion Woodman : Se stiamo parlando di ciò che è fondamentalmente sbagliato nella cultura, allora per me l'intera idea di progresso a livello materiale è falsa. Credo che se una cultura è estranea all'arte e al teatro, e la musica e la danza non funzionano più nel contesto dell'anima nella cultura, allora non succede nulla. È vuoto: tintinnio di ottoni e suoni di piatti. E storicamente, quello è quando una cultura diventa decadente e inizia a marcire dall'interno.

PP : E stai dicendo che questo è dovuto all'enfasi americana sul benessere materiale come espressione primaria del nostro mito del progresso?

MW : Sì. Inoltre, la ricerca dell'America di diventare la società "ideale" e i salvatori del mondo separa anche la sua cultura dalla creatività e dall'immaginazione. Questa è un'inflazione lorda, e deriva in parte dalla mancanza di coraggio dell'America per accettare il suo lato oscuro.

PP : quale è?

MW : Il che significa che le persone di altri paesi guardano l'America e la vedono totalmente assorbita nel proprio conforto e sedotta dai propri ideali perfezionisti, che non hanno nulla a che fare con la realtà.

PP : Ci sono differenze psicologiche tra canadesi e americani?

MW : Direi che le questioni fondamentali sono molto simili. Ma ci sono alcune differenze importanti. I canadesi sono più introversi e meno sicuri di se stessi. Inoltre non hanno un enorme interesse nell'essere i salvatori del mondo. Ma hanno una sorta di integrità centrale, centrale. Con ciò intendo che i canadesi credono nel proprio paese e, se fossero messi alla prova, penso che la loro forza si manifesterebbe.

Ma la differenza fondamentale tra i due paesi è che i canadesi sono i "bravi bambini" che "sono rimasti con la madre". E gli americani sono i ribelli. Così noi canadesi ci sediamo su questo lato del confine guardando i nostri fratelli ribelli.

PP : Quando dici che i canadesi sono i "bravi figli" che "sono rimasti con la madre", intendi che sono rimasti con l'Inghilterra?

MW : Sì, e questo fa una differenza fondamentale in una cultura. I tuoi antenati attraversarono l'angoscia di rompere con la loro madrepatria [la Gran Bretagna], combattendo e uccidendo persino i soldati della "madre". Mentre i nostri antenati persero contro quei ribelli, poi fuggirono in Canada, dove il governo rimase sotto il dominio di la regina. Di conseguenza, la personalità canadese non ha quello spirito "ce l'abbiamo fatta!": L'eroe! In una personalità canadese, siamo semplicemente chi siamo. Troppo è dato per scontato nel nostro paese; attraverso la nostra "sonnolenza", molto potrebbe essere perso.

PP : Ma rompere con la madrepatria in modo così violento deve essere stato anche un trauma psicologico per i rivoluzionari americani.

MW : Sono stato di recente a Williamsburg, in Virginia. Nel documentario [Williamsburg-Story of a Patriot] * hanno ritratto tutti i giovani ribelli mentre attraversavano una vera agonia di spirito sull'opportunità o meno di combattere l'Inghilterra. E questo mi ha dato un enorme risveglio per quanto riguarda il rituale che attraversa per crescere. Si potrebbe dire, per esempio, che era la maturità [per i rivoluzionari americani] a ribellarsi, e l'immaturità per loro di non ribellarsi.

PP : Quindi stai dicendo che, in un certo senso, il Canada non ha sofferto attraverso il proprio processo di individuazione separandosi dall'Inghilterra, come ha fatto l'America?

MW : Sì. Ma penso anche che la cultura americana sia rimasta bloccata nella sua individuazione nella fase degli eroi ribelli. Potete vedere quell'archetipo mitico che si gioca nei film, come i western, e in altre forme di espressione violenta nei media.

PP : Quindi, se l'America rimane bloccata nel mito dell'adolescente "ribelle", quale sarebbe la prossima fase del processo di sviluppo psicologico della nostra cultura?

MW : Questo mi porterebbe a ciò che ho detto all'inizio della nostra intervista: quando una cultura non lascia spazio a rituali e immaginazione, e se i valori spirituali vengono portati fuori dal centro della cultura, allora cosa rimane? E se non c'è vera sofferenza che si svolge a livello di anima [della cultura], allora la musica non è nuova; il balletto non è nuovo; il teatro non è nuovo.

E se non c'è nessun rituale in cui la gente creda – e il rituale in questo contesto significa subire una morte [psicologica o spirituale], un periodo di essere nell'oscuro buco del caos, seguito da una rinascita – allora le persone non crescono veramente . In una società rituale, ad esempio, i giovani credono davvero che durante i riti di formazione della loro cultura, possano morire. Attraverso questi rituali devono dimostrare di essere abbastanza forti e abbastanza maturi per entrare nel mondo degli adulti, il che significa anche che devono conoscere e comprendere la cultura in cui si stanno trasferendo. Le persone anziane li educano sulla loro cultura raccontando loro storie. Bene, chi è interessato alle storie nella nostra cultura? Quindi vedi, la cultura stessa, dal mio punto di vista, non è più organica. E una volta che la cultura fallisce, la civiltà fallisce.

Ma credo anche che venga lanciata una nuova cultura globale, e questo significa che ogni paese dovrà arrendersi al proprio nazionalismo egoista e aprirsi a una comunità globale. La terra si è spostata da una tribù all'altra in un paese e poi alle leggi del commercio internazionale e alla connessione internazionale, e ora anche questi sistemi sono troppo piccoli. Ci stiamo muovendo verso la comunità globale, e nel processo le stringenti [nazionalistiche] lealtà dovranno essere arrese al tutto.

PP : La storia del multiculturalismo in America e i suoi sforzi in atto per contenere entro i suoi confini etnie e nazionalità diverse, forniscono un modello per ciò che il resto del mondo sta iniziando a sperimentare?

MW : Penso di sì. Imparare a valorizzarsi a vicenda nonostante le differenze culturali e linguistiche è una realtà enorme – e uso la parola realtà, perché tutti possono dire di credere nel multiculturalismo – ma è un'altra cosa andare d'accordo con la persona della porta accanto. E non vedo come ciò possa accadere senza amore. Ma se l'amore non è radicato nella sofferenza, è solo la pelle profonda. Solo quando una persona ha sofferto attraverso il riconoscimento dei propri limiti, debolezze e tendenze violente, e sa veramente chi sono, può davvero amare qualcun altro e accettare la totalità delle forze e delle debolezze di quell'altra persona.

PP : I tuoi approfondimenti sono preziosi perché molti cercano una comprensione psicologica più profonda dell'America. Gli individui hanno svolto un lavoro interiore intorno alla comprensione di se stessi in termini di madri e padri personali, ma ora molti stanno anche iniziando a riflettere sulle influenze della madre e del padre "culturali".

MW : Non esiste una madre culturale! Questo è il problema più grande. È un'enorme ironia perché il mondo materiale è la dea della cultura. Eppure Mater , importa, significa anche Madre, e senza di essa non c'è alcun senso profondo nel corpo di amare, amare e nutrire il corpo, perché abbiamo una cultura che condanna l'amore per il corpo. Questa è una delle ombre più grandi della cultura. Qual è il punto di vivere se tutte le gioie dei sensi sono smorzate? Senza immaginazione o libertà di espressione attraverso il corpo, allora qual è il punto di vivere? Tanto vale prendere il Prozac e rimanere intorpiditi dal dolore.

PP : Quindi quando dici che ci manca una "madre culturale", mi chiedo se questo legame con il nostro rapporto con l'Inghilterra. C'è un collegamento lì nel senso che, poiché abbiamo respinto la madrepatria,

MW : I [America] non ha bisogno di madre-

PP : Io [l'America] mi sono separato in modo violento e traumatico e io [l'America] sono ancora bloccato in questo.

MW : E il risarcimento per quella mancanza di Madre nella cultura è di trasformare tutta quell'energia in sicurezza a livello materiale.

PP : E perché non abbiamo una connessione con quello spirito interiore e nutriente della Madre. . .

MW : Quindi quindi possiamo stuprare la terra. Possiamo coprirla con cemento e uccidere animali in nome del denaro. E questo rifiuto della natura si manifesta anche nel rifiuto dei nostri stessi corpi. La cultura occidentale ha avuto secoli di esperienza del corpo come fondamentalmente cattiva, come la tentazione di Adamo ed Eva nel giardino dell'Eden.

PP : Quindi, come sarebbe la nostra cultura, come sarebbe diversa se avessimo una connessione più profonda con quell'archetipo più nutrente della Madre che stai descrivendo. Saremmo così motivati?

MW : Saremmo in grado di rilassarci in noi stessi. Saremmo in grado di rilassarci nei nostri corpi. Non dovremmo giustificare la nostra esistenza. Non dovremmo lavorare così tanto per essere qualcuno, perché siamo già qualcuno. Ma quante persone lo credono onestamente?

PP : Quasi nessuno che conosca.

MW : Inoltre non troveremmo parole come arrendersi o recettive pericolose.

PP : O dipendenza.

MW : Queste parole non sarebbero considerate pericolose. Il fatto è che tutti noi dobbiamo vivere una vita arresa, nel senso che dipendiamo l'uno dall'altro e dalla natura; siamo vittime di inondazioni, trombe d'aria e vulcani: tutte queste cose sono fuori dal nostro controllo. E se pensiamo di poter conquistare Dio, sia nella natura o dentro di noi, abbiamo un'altra cosa in arrivo. Ma vedo il "Femminile", la Madre, come la manifestazione di Dio nella natura e nei nostri corpi. Dobbiamo semplicemente riconoscere che invece di pensare a questo glorioso futuro che avremo – se riusciremo a ottenere abbastanza soldi o successo – tutto quello che abbiamo veramente è il momento presente. Il femminile vive nel presente. Il corpo vive nel presente.

PP : Ciò che ti viene in mente mentre ti ascolto è la rottura collettiva che la cultura sta attraversando in termini di valori. Perché la maggior parte delle persone non sa più quali siano realmente i loro valori.

MW : E non c'è modo di scoprire quali sono i tuoi valori se non puoi girare dentro e andare dentro. In questo paese c'è un'enorme stravolgimento: qualcuno là fuori mi sta ascoltando e mi dice quali sono i miei valori. E questo è semplicemente evidente. È molto difficile trovare i tuoi valori. C'è una tale enfasi sull'individualità nella cultura, eppure le persone sono intrappolate nel collettivo. Ciò che il collettivo pensa è ciò che fa la maggior parte delle persone.

PP : Molte persone trovano sicurezza e sicurezza nel pensare e fare ciò che gli altri stanno pensando e facendo.

MW : Non vogliono uscire da ciò che è familiare ed essere diversi. E a sua volta è perché non sanno come entrare e trovare la persona reale, o come connettersi con le loro emozioni reali: Sono arrabbiato? Sono triste? Sono capace di amare? Ho qualche idea nel mio corpo di cosa sia l'amore? Senza quella capacità di sentire cosa sta succedendo nel corpo, come possiamo davvero conoscere noi stessi?

PP : Quindi, in base a ciò che hai detto, il corpo è il percorso verso il modo in cui ci sentiamo davvero. Ad esempio, recentemente ho avuto un'infezione all'orecchio; Ero stato estremamente occupato e stava succedendo molto. Quando mi sono ammalato, ho letto psicologicamente il sintomo fisico: non potevo più "sentire" dall'esterno. Non potrei sopportare altro. Quindi sapevo che dovevo essere tranquillo e andare dentro. È un esempio di ciò di cui stai parlando?

MW : Esattamente. Troppa stimolazione esterna può lasciare l'interno vuoto. Ma alla fine il corpo si ribella.

PP : Quindi il corpo può chiamarci, e in un certo senso essere una specie di portavoce della psiche?

MW : Questo è quello che penso. Di solito è il Femminile attraverso il corpo che alza i grandi segnali di allarme, e questo ci avvisa di rallentare, aprire, smettere di fare e solo essere.

PP : Credi che la terapia e la psicoanalisi siano una tendenza di guarigione nella cultura, così come una nuova forma di rituale?

MW : lo faccio. Perché come può qualcuno fermare modelli ripetitivi se non hanno idea di cosa sta succedendo nel loro inconscio? Non c'è altro modo. Puoi usare la forza di volontà per cercare di fermarla, ma la forza, come sa ogni alcolizzato, si abbatterà. Inconscio significa "non sapere" e "non essere consapevole di". Quindi ci possono essere forze enormi che operano in una persona di cui sono totalmente inconsapevoli. E poi arrivano in un sogno – e la persona che ha fatto il sogno si chiede, "Cosa diavolo ha a che fare con qualcosa – che è totalmente bizzarro!" O forse una persona fa qualcosa di strano come colpire qualcuno, e poi si chiede " Da dove viene? Come potrei aver fatto una cosa del genere? "

Comprendo le critiche secondo cui le persone non hanno i soldi per fare analisi. Ma se tutti facessero qualche tentativo di connettersi con l'inconscio, e se un numero sufficiente di persone cominciasse a farsi un'idea di se stessi, ciò potrebbe anche cambiare radicalmente la cultura: far cadere un sasso nella piscina e le increspature uscire. Perché è l'inconscio che è così malato nella nostra cultura. La maggior parte di noi non sa letteralmente cosa sta succedendo lì dentro.

PP : Quindi ignoriamo queste forze inconsce a nostro rischio e pericolo.

MW : Questo è esattamente quello di cui sto parlando. Se una persona non si sente sicura all'interno, allora deve possederlo; devono possedere; devono controllare. Ma in realtà ciò nasce da un senso interiore di impotenza.

PP : Tornando in America, come hai sottolineato all'inizio della nostra intervista, la nostra grande inflazione è che ci consideriamo la nazione del "salvatore" e la "speranza del mondo".

MW : esce dalla tua rivoluzione.

PP : Ma allo stesso tempo, fa parte della nostra storia. Le persone di tutto il mondo proiettano anche su di noi l'immagine idealizzata e il sogno della "Terra Promessa": gli immigrati per la maggior parte vogliono venire in America.

Ad esempio, ero in un hotel l'altro giorno a bere qualcosa con un amico. La nostra cameriera era una giovane donna proveniente dall'Etiopia. La maggior parte della sua famiglia era ancora in Etiopia, anche se ne aveva persi molti e sua madre era costretta a letto. Tutti e tre siamo entrati in una conversazione sull'America e ad un certo punto è esplosa: "Hai un paese meraviglioso! Dio ama il tuo paese. Gli americani hanno un tale cuore. "Sono stato commosso fino alle lacrime dalle sue parole.

MW : C'è un'enorme generosità di spirito [in America]. Sono d'accordo. Quello di cui sto parlando è l'equilibrio: essere in grado di mantenere entrambi i lati di una polarità nella propria coscienza. Le culture più vecchie sono in grado di vedere i due lati di una situazione come complementari, e naturalmente appartenenti l'uno all'altro, mentre le culture più giovani come l'America tendono a rendere una parte buona e l'altra parte cattiva. Nella vita, tuttavia, appartengono insieme, e sia un individuo che una cultura devono essere in grado di tenerli entrambi e mantenere l'equilibrio. E se puoi farlo, allora si crea una terza dimensione che li unisce.

PP : E nella nostra cultura queste due parti sarebbero?

MW : Il sogno, la speranza e gli ideali perfezionisti da un lato. E dall'altra parte ci sarebbero disperazione, mancanza di fede e assenza di sogni e desideri – imperfezione e caos. L'ethos del lavoro è anche nel tuo background [dell'America]. Ma l'egoismo e la pigrizia fanno parte della natura umana.

Quindi da una parte c'è il cosmo e dall'altra parte c'è il caos. E se spingete queste polarità al loro estremo, avete Dio da una parte e l'essere umano dall'altra: la perfezione contro l'imperfezione.

PP : E per noi Dio significa perfezione. Dio non è nell'imperfezione.

MW : Ed è qui che cade il Femminile, perché nella Dea c'è l'imperfezione. Ti guardi intorno e ogni possibile tipo di essere umano va in giro. E li ama tutti? Sì. La natura accetta quanto è bello tutto. Tutto ha il diritto di vivere.

Pythia Peay è l' autore di America on the Couch: Prospettive psicologiche per la politica e la cultura americana e Icaro americano: Una memoria di padre e paese (Lantern Books, 2015).