Amy Bishop e il Trauma of Tenure Denial

Le sparatorie sul posto di lavoro da parte delle donne sono estremamente rare e, fino ad ora, apparentemente inesistenti. Lo stesso vale per le sparatorie di studenti laureati dei loro professori che hanno negato loro la laurea. Poiché gli uomini sono così identificati con il lavoro e anche più inclini alla violenza, sono quasi singolarmente gli autori di questo tipo di esplosioni. Ma ora una donna professoressa è stata arrestata per le uccisioni di massa dei suoi colleghi in un campus universitario, e abbiamo bisogno di trovare qualche spiegazione.

Due elementi spiccano in questo caso che possono aiutarci a dare un senso a questa tragedia. Uno è il fattore personalità, e c'è molto su Amy Bishop che colpisce e indica una propensione alla violenza. L'altro fattore, che per me è più significativo, è il doloroso dolore emotivo che è spesso associato alle decisioni sul possesso universitario.

I fatti che stanno emergendo sulla vita personale e sul comportamento di Amy Bishop sono che lei è una donna molto dotata, estremamente laboriosa che ha sopportato il senso di colpa da quando aveva 20 anni di essere stata l'assassina di suo fratello. Sebbene i rapporti provenienti dai rapporti di polizia siano confusi, i fatti della situazione – che tre colpi sono stati sparati sono più indicativi di intenzioni intenzionali che di un accidentale fuoco dell'arma nel petto di suo fratello, come è stato affermato. Un'altra accusa contro questa donna è stata che da studente ha mandato un ordigno esplosivo a casa di un professore che stava causando i suoi problemi. La polizia l'ha interrogata, ma non sono state presentate accuse. Il fatto che il vescovo sia stato accusato due volte di infliggere violenze ora ha improvvisamente un significato speciale alla luce delle sparatorie collettive di Bishop dei suoi colleghi all'Università di Alabama-Huntsville.

Secondo un rapporto di un amico, Bishop portava un profondo senso di colpa per la morte di suo fratello e pensava di rimediare diventando uno scienziato di primo piano. Questo fatto è significativo per due ragioni: (1) è una che non si può dire che sia anti-sociale o psicopatica nella misura in cui è stata ossessionata da ciò che aveva fatto e (2), si sentiva in dovere di provare a compensare un atto con cui pochi potrebbero vivere. Il lavoro per lei era quindi primario nella sua vita.

Nonostante il peso pesante di questo passato, vi è ogni indicazione che il professor Bishop è stato raggiunto con successo in classe e come studioso. La mia analisi delle sue risposte "Vota il mio professore" indica che molti studenti hanno apprezzato i suoi sforzi in classe e il suo genio. Uno studente ha commentato che era destinata a vincere un premio Nobel. In effetti, ogni indicazione indica che questo scienziato istruito ad Harvard era dotato e innovativo nel suo lavoro. Alcuni dei suoi colleghi hanno descritto la sua personalità come imbarazzante e hanno dichiarato che non andava d'accordo con la gente. Si considerava superiore ai suoi colleghi.

Proprio come le sparatorie a scuola avvenute negli ultimi dieci anni hanno rivolto la nostra attenzione al bullismo scolastico e alle sparatorie come uccisioni per vendetta, questo massacro nel campus universitario dovrebbe indurci a riflettere sulla natura volatile del processo di possesso stesso, un processo che a volte tira fuori il peggio nelle persone da tutte le parti. Il processo di possesso è crudele perché c'è così tanto in gioco, e il potere di decidere il proprio futuro è investito nei propri pari, compresi amici e nemici. Interi reparti sono spesso lacerati dalle decisioni di rendita che sono divise con alcune votazioni e alcune contro. Il conferimento di un mandato significa un lavoro sicuro per la vita e la libertà di parlare nella propria mente; negazione significa la fine della strada. Per apprezzare l'entità di tale negazione, si consideri le parole di Cary Nelson, presidente dell'Associazione Americana dei professori universitari, come citato in The Huntsville Times, "Il risultato più probabile di essere negato possesso in questo mercato del lavoro inesistente è che non sarà in grado di continuare ad insegnare. … Probabilmente non puoi ottenere un altro lavoro. "

Come uno che è stato negato il possesso in una precedente università, vorrei descrivere la negazione del possesso come una fine alla propria carriera, al sostentamento, senso di disonore personale, perdita di casa, amicizie e comunità. Soprattutto se il tuo rendimento scolastico è stato degno di nota, essere negato, in effetti, licenziato dai tuoi pari è il rifiuto ultimo della persona. Unicamente, nel mondo accademico, il professore licenziato rimane per un anno "terminale", partecipando a riunioni di facoltà con le stesse persone che hanno colpito questi colpi finali. Se ci sono processi di appello come era vero nel mio caso, come nel caso di Bishop, le relazioni sono estremamente contraddittorie.

Un altro fatto sul processo di possesso è che viene dopo cinque anni di recensioni apparentemente di successo del proprio lavoro. Gli investimenti personali nel lavoro e le amicizie che si sono sviluppati, quindi, sono abbastanza forti. Considerate anche il fatto che gli accademici sono di solito altamente specializzati e qualificati solo per l'insegnamento e la ricerca universitari. A causa dello stigma di essere terminato da un lavoro accademico, i docenti che non prevedono di essere in possesso di un mandato di solito lasciano dopo diversi anni. In questo momento, possono ancora ottenere buoni riferimenti e partire senza rancore. Coloro che si aspettano di ottenere il mandato come ho fatto devono sopportare un processo estenuante che include la presentazione di lunghi documenti tra cui valutazioni degli studenti, prova del servizio universitario e risultati della ricerca. Quindi, a porte chiuse, i colleghi di ruolo, che spesso hanno meno qualifiche da soli in quanto erano di ruolo quando gli standard erano più bassi, decidono se accettare o meno il candidato all'adesione.

Sebbene fosse un pacifista, quando ho sentito la notizia delle sparatorie, ho istintivamente afferrato il dolore che aveva spinto questa donna apparentemente violenta a prendersi la sua vendetta. Potevo immaginare come si sentiva seduta nelle riunioni mentre i suoi colleghi elaboravano i piani per i futuri incarichi di insegnamento. Una recente intervista a una delle vittime conferma che la discussione che ha portato alle sparatorie ha riguardato in realtà i piani dipartimentali per il prossimo anno. Posso identificarmi con la rabbia e il senso di rifiuto che consumerebbe qualcuno il cui futuro è stato così metodicamente portato via. Nel mio caso, ho tolto la mia rabbia facendo tutto ciò che mi è stato consigliato di non fare: presentare denunce formali, organizzare studenti e andare alla stampa. Alla fine, quando ogni via fu chiusa, tornai alla scuola di specializzazione e ricominciai con una disciplina correlata.

Date le forti emozioni legate alla negazione del possesso, una domanda è: perché porta all'omicidio così raramente? (Conosco diversi casi di aggressione.) Forse la ragione per cui le sparatorie sul posto di lavoro tra i docenti sono così rare è perché le facoltà accademiche tendono ad essere persone ben controllate, introverse e disciplinate. I tipi più impulsivi sarebbero stati eliminati nel lungo processo educativo necessario per ottenere un dottorato di ricerca. Inoltre, la necessità di ottenere eccellenti valutazioni degli studenti elimina molti altri con problemi di personalità lungo la strada. L'unico caso in cui sono riuscito a individuare un omicidio per una controversia di possesso si è verificato nel 1992, quando un membro di facoltà della Concordia University di Montreal ha ucciso quattro dei suoi colleghi per una disputa. Altre situazioni piuttosto simili riguardavano studenti laureati con difficoltà accademiche che uccisero i loro professori.

Vi è ogni probabilità che Amy Bishop, se giudicata colpevole di questi orribili crimini, si troverà ad affrontare la possibilità della pena di morte. Potrebbe anche essere sufficientemente suicida da voler essere giustiziata. La mia speranza è che quelli che decidono il suo destino prenderanno in considerazione le circostanze e cercheranno di capire cosa l'abbia fatta crollare.

Solutions Collecting From Web of "Amy Bishop e il Trauma of Tenure Denial"