Amore nello spazio esterno o semplicemente nella tua testa?

By NASA Ames/JPL-Caltech - http://www.nasa.gov/mission_pages/kepler/news/kepler-62-kepler-69.html, Public Domain, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=25666606
Il diagramma confronta i pianeti del sistema solare interno con Kepler-62
Fonte: Dalla NASA Ames / JPL-Caltech – http://www.nasa.gov/mission_pages/kepler/news/kepler-62-kepler-69.html, dominio pubblico, https://commons.wikimedia.org/w /index.php?curid=25666606

Nelle galassie abbastanza vicine alla nostra ci potrebbero essere dozzine di pianeti simili alla terra. Tra questi esopianeti esistono almeno due "pianeti oceanici". Prende il nome dalla navicella Kepler che li ha individuati per la prima volta Kepler-62e e Kepler-62f in orbita attorno alla stella Kepler-62 ogni 122 e 267 ore. Keplero-62, che è più piccolo e più fresco del nostro sole, mantiene questi due pianeti nella sua "zona abitabile". In questa posizione essi possono ricevere abbastanza luce e calore perché il liquido in movimento sia presente sulla loro superficie. Una ricerca pubblicata dall'Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics (CfA) suggerisce che entrambi i pianeti possono avere superfici totalmente coperte dall'oceano.

Stanislaw Lem avrebbe potuto pensare di aver ragione, se questi mondi dell'acqua fossero spuntati mentre era vivo. Nel suo romanzo di fantascienza del 1962, Solaris , Lem immaginò un esopianeta che chiamò Solaris. Se hai visto le versioni cinematografiche del suo libro, saprai che Solaris, che orbita "due soli, uno rosso e uno blu", era completamente coperto da un oceano gelatinoso, un sincizio che lui chiama, e era un "pianeta oceanico" proprio come Kepler-62e e Kepler-62f. Ma nell'universo immaginato di Lem, Solaris non era rivestito con la solita salamoia salata. Era stratificato con un organismo vivente e pensante che avvolgeva pensosamente il pianeta. Potresti immaginare la birra appiccicosa di Solaris come un mare di materia grigia intelligente. Questo organismo liquido è capace di pensare e di volere. Stanislaw Lem era abbastanza sicuro che esistessero mondi acquatici vivi come Solaris e che alla fine sarebbero stati scoperti. È divertente da immaginare. Il prolifico romanziere e filosofo di fantascienza Lem è morto a Cracovia, in Polonia, nel 2006, all'età di 84 anni.

//en.wikipedia.org/w/index.php?curid=20699697
Stanislaw Lem, "Solaris". Copertina dell'artista KM Sopoćko
Fonte: Per fonte, Uso corretto, https://en.wikipedia.org/w/index.php?curid=20699697

Una stazione spaziale dalla terra orbita attorno al pianeta oceanico, Solaris, nel romanzo di Lem. Il suo compito principale, oltre a registrare e ricercare la natura dell'organismo che abbraccia il pianeta, è di entrare in contatto con qualunque forma di vita si trovi all'interno. La squadra di ricerca non fa un ottimo lavoro e il futuro supporto da parte della Terra per la stazione appare desolante. Frustrati dal silenzio acquoso del pianeta, i tre scienziati rimasti sulla stazione fatiscente provocano Solaris facendolo esplodere con "una radiazione X estremamente dura". Questo accade poco prima dell'arrivo di uno psicologo specializzato in allucinazioni, il dott. Kris Kelvin (George Clooney nel 2002). È stato inviato per giudicare il futuro della stazione Solaris. Il pianeta acqua intelligente non era entusiasta del bombardamento e si riprende cercando di controllare i pensieri dell'equipaggio sulla stazione. L'oceano è in grado di leggere le menti dei tre scienziati rimasti. Usando i loro "punti soppressi, murati e doloranti della memoria", lancia "ospiti" o raddoppia quelli che appaiono ai membri dell'equipaggio a bordo della stazione come "proiezioni materializzate di ciò che il nostro cervello contiene riguardo a una particolare persona." Kelvin è di fronte al doppio amorevole della sua defunta moglie, la Harey suicida. Kelvin è convinto che lasciando Harey anni prima l'abbia uccisa.

La possibilità di un "contatto di civiltà" tra i viaggiatori spaziali dalla Terra e la mente aliena di Solaris è ciò che guida Stanislaw Lem. Il contatto è fatto con Solaris, ma non è il tipo che i viaggiatori spaziali dalla Terra capiscono o si aspettano. Il mondo dell'acqua invia il suo doppio neutrino per punire i ricercatori. Solaris è arrabbiato con i viaggiatori dello spazio non solo per la loro radiazione X, ma anche per i loro tentativi di colonizzare e annettere lo spazio ei suoi pianeti. Il dottor Snaut, uno degli ultimi tre ricercatori rimasti sulla stazione, spiega amaramente a Kelvin: "non stiamo cercando di conquistare l'universo; tutto ciò che vogliamo è espandere la Terra fino ai suoi limiti … Siamo umanitari e siamo nobili, non abbiamo intenzione di soggiogare altre razze, vogliamo solo trasmettere i nostri valori a loro, e in cambio di appropriarsi della loro eredità. Ci vediamo come Cavalieri del Sacro Contatto. "

Lwów, la Polonia era il luogo di nascita di Stanislaw Lem. Nel 1945, dopo la fine del nazismo

//commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=915059
Stanislaw Lem
Fonte: Per gentile concessione della segretaria di Lem, Wojciech Zemek. Ridimensionamento e elaborazione digitale di Masur. – Stanislaw Lem 2.jpg, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=915059

occupazione della regione intorno a Lwów, e dopo la successiva annessione della sua città natale nell'Ucraina sovietica, Lem e la sua famiglia ebraica sopravvissuta furono trasferiti dalla sua città natale, ora conosciuta come Leopoli, a Cracovia. È rimasto a Cracovia fino alla sua morte di malattia cardiaca nel 2006. Ciò è avvenuto ad eccezione del periodo 1982-1988, quando la legge marziale e la continua influenza sovietica in Polonia lo costrinsero a vivere lontano. La sua vita fu colorata dalla colonizzazione e dall'annessione, prima dai nazisti e poi dai sovietici. È facile sentire la voce di Lem nell'amara lamentela del dottor Snaut. Ed è facile vedere gli esploratori della Terra con il loro obiettivo di colonizzare e annettere come nella sua mente, come i nazisti e poi i sovietici. Cosa fa Solaris? Rende la mente arrabbiata e imperscrutabile del pianeta oceano uno specchio delle ambizioni della vita di Lem. Vorrebbe colpire anche lui. Il romanzo Solaris è fantascientifico ma è anche un prodotto di protesta della Guerra Fredda.

Andrei Tarkovsky (morto in esilio dalla Russia in Francia nel 1986 a 54 anni) pubblicò la sua versione della vita sopra il mondo dell'acqua dieci anni dopo Lem. Il remake del 1972 di Solaris funziona in bianco e nero ea colori per una sfregatura della testa di 166 minuti.

//www.flickr.com/photos/mcatarifa/8033226904/, CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=27530993
Andrei Tarkovsky
Fonte: dal Festival de Cine Africano di Córdoba – http://www.flickr.com/photos/mcatarifa/8033226904/, CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid = 27530993

Lem odiava la versione di Tarkovsy. Lo ha ribattezzato "Love in Outer Space". Il russo Solaris si concentra sul ritratto di un matrimonio rovinato dall'ambizione personale dell'uomo e dallo spiacevole stato psicologico della moglie. L'Hari di Tarkovskij (Harey nel romanzo di Lew) sembra aver sofferto di depressione piuttosto grave. Alla fine si inietta con alcuni veleni da laboratorio di Kelvin. L'aveva lasciata. Hari non è l'unico depresso nel film. Il Gibarian suicida, il mentore di Kelvin, lo scienziato che ha fatto esplodere Solaris con le radiazioni X, ne ha sofferto. Il pilota dell'elicottero Burton (forse intitolato a Robert Burton l'autore di The Anatomy of Melancholy ) è accusato di averlo sofferto dopo la relazione del suo aviatore sul paesaggio marino da incubo su Solaris. I suoi superiori decidono che sta soffrendo "un complesso allucinatorio", uno "provocato dall'atmosfera del pianeta, così come i sintomi della depressione, esacerbati dalla zona associativa della corteccia cerebrale". Ma sappiamo che Solaris può rendere chiunque depresso . Lo stesso Kelvin sembra accelerare la malattia dopo che il doppio di Hari appare scomparendo definitivamente. Nel finale del film Dr Kelvin è intrappolato sul pianeta acquatico come un "ospite" malinconico e permanente.

È un'enorme incarnazione celeste della depressione. Questo è il modo più semplice per capire il pianeta oceanico di Tarkovskij, Solaris. Come può essere? Sospetto, Tarkovskij ha in mente la lunga tradizione storica di associare pianeti a stati emotivi e stati d'animo. Il grande pianeta Saturno è stato collegato regolarmente con la melanconia, il termine greco per la depressione. Mi sembra che debba essere stato Saturno che Tarkovskij aveva nel fondo della sua mente quando ha creato Solaris .

Jacques de Gheyn (o Zacharias Dolendo (?) Dopo Jacob de Gheyn II), Saturno come Melancholy, 1595/6
Fonte: http://www.spamula.net/blog/2006/05/de_gheyn.html

Il legame di Saturno con la depressione è molto comune nella letteratura europea, in particolare durante il Medioevo e durante il Rinascimento. Ho già riprodotto questa illustrazione, ma rende molto chiara la connessione tra il pianeta Saturno e la depressione. Vale la pena dare una seconda occhiata. (Puoi trovare altre versioni simili sul mio sito web.) L'astronomo depressivo (la cui postura allontana il gioco) siede su un globo o pianeta e tiene una bussola nella mano destra. Il globo su cui è disteso è probabilmente il pianeta Saturno. Tarkovsy conosce la tradizione e usa il malinconico pianeta Solaris per rispecchiare la sofferenza della vita di Kris Kelvin. Solaris è un film sulla depressione ma fa anche parte di una lunga serie di pensieri europei riguardanti la malattia che risale agli antichi greci. La depressione è il cambiamento che Tarkovsky fa per Lew "Knights if the Holy Contact".

Il legame tra Solaris, Saturno e depressione è reso molto chiaro in Melancholia . Nel film d'essai del 2002 di Lars von Trier, il futuro della terra è minacciato da un vasto pianeta chiamato, sì, Melancholia. L'enorme globo, le dimensioni di Saturno, oscilla gradualmente oltre la terra.

//en.wikipedia.org/w/index.php?curid=31549217
Justine come la sposa in "Melancholia"
Fonte: Per fonte, Fair use, https://en.wikipedia.org/w/index.php?curid=31549217

Manca la nostra casa planetaria, ma torna indietro per spazzarci via tutti. La terra è inghiottita dalla Depressione in Melancholia . Ma, come un depressivo confessato, potrebbe sembrare al malinconico Dane, Lars von Trier, che siamo tutti nella stessa cupa barca di lui. Il pianeta è un simbolo per la sua psicologia. La sposa Justine, il personaggio principale del film, è caratterizzata come selvaggiamente depressiva. È il tipico essere umano di Lars von Tier? Sembra così. È anche affascinante vedere che von Trier usa deliberatamente i motivi di Solaris di Tarkovsky (il film di Pieter Bruegel the Elder Hunters in the Snow è prominente in entrambi i film, così come la visione di un cavallo sofferente e disturbato). Ciò rende difficile la connessione tra Solaris e la malinconia di von Trier, pianeta e film.

E alla fine incontriamo George Clooney. Suona perfettamente lo psicologo Dott. Chris Kelvin (Chris ora, non Kris) nell'esplicito remake del 2002 di Stanislaw Lem di Steven Soderbergh sulla mente vendicativa del mondo dell'acqua. Il film di Soderbergh differisce dagli originali polacchi e russi ignorando il legame tra Solaris e

//en.wikipedia.org/w/index.php?curid=10088814
George Clooney e Rheya – per sempre felici e contenti?
Fonte: Per fonte, Fair use, https://en.wikipedia.org/w/index.php?curid=10088814

depressione, e quindi dando a Rheya (Hari è ribattezzato Rheya in questa versione) una mente molto più disturbata. È depressa o è ancora peggio? Sembra peggio. Soderbergh si concentra molto sulle cause dell'instabilità mentale di Rheya. Rende questo un approccio molto moderno alla mente turbata. Per Soderbergh i problemi di Rheya sono nei suoi geni, nella sua educazione e nell'instabilità della sua famiglia. Rheya teme la maternità con Kelvin e abortisce il loro bambino. Kelvin esplode violentemente e se ne va. Rheya si suicida per la disperazione. Impariamo tutto questo attraverso il flashback mentre il suo doppio appare amorosamente alla stazione. Solaris di Soderbergh si concentra su un uomo in lutto e in colpa che spera che la sua defunta moglie sia davvero tornata e non sia solo un "ospite", un doppio neutrino. Alla fine del film c'è qualche soluzione. Chris Kelvin sembra essere morto, distrutto insieme alla stazione spaziale (un altro cambio di Soderbergh lo fa), ed ora è lui stesso un "ospite". Dopo la ricomparsa di Rheya, tutto sembra perdonato e Chris vive felice e contento, ci auguriamo, con la sua "ospite" moglie. È un lieto fine o è solo il sogno di un doppio?

La mente del pianeta oceanico diventa una pietra di paragone emotiva per Lem, Tarkovsky, von Trier e Soderbergh. I quattro artisti offrono una mini prospettiva su come le emozioni e gli stati d'animo possono cambiare nel tempo e come possono essere collegati con le cose più strane: qui un cinematico Kepler-62e o -62f. Per Stanislaw Lem la mente del mondo dell'acqua era un simbolo per la resistenza del popolo polacco e ucraino alla Russia sovietica colonizzatrice. Per Tarkovsky e per Lars von Trier il pianeta gigante è un simbolo per la depressione, un Saturno, un modo molto vecchio ed europeo di guardare alle cose. Per l'agile Steven Soderbergh Solaris diventa un luogo per l'amore perduto e l'amore trovato, ma un amore che si perde attraverso gli effetti negativi dell'instabilità mentale. George Clooney e Rheya, il doppio di sua moglie proiettati dal brillante Solaris, finiscono per vivere felici e contenti sul pianeta alla fine del film. L'amore è reale, o è tutto nella testa di Clooney?

Solutions Collecting From Web of "Amore nello spazio esterno o semplicemente nella tua testa?"