Amicizia: il tempo conta!

Due amici maschi stretti con una lunga storia si allontanano

DOMANDA

Cara Irene,

Io e il mio amico siamo diventati amici quando la sua famiglia si è trasferita nel mio quartiere quando eravamo entrambi bambini. Il mio amico era un emarginato e molto diverso dagli altri bambini in tenera età. I genitori hanno messo in discussione la sua sessualità presto e non in senso positivo. Amava la pulizia, le cose delle ragazze, vestite in modo diverso, parlava diversamente e aveva manierismi femminili.

Un sacco di genitori nel mio quartiere hanno chiesto ai miei genitori se fosse una buona idea per lui e me passare del tempo insieme. Sono diventato l'unica persona che ha avuto. Perché a quell'età siamo così influenzati dalla pressione dei coetanei, mi sentivo in colpa e talvolta mi imbarazzavo a vederlo. Non aveva altri amici, pranzava da solo, non faceva attività extra-curricolari o andava al campo estivo … niente.

Col passare del tempo, continuammo ad essere buoni amici che potevano parlare di qualsiasi cosa, confidandosi l'un l'altro sulle questioni della crescita, sentendosi diversi e non "normali". Ero l'unica persona con cui potesse parlare. Quando sentivo che la gente faceva commenti su di lui, mi avrebbe rovinato la giornata. Sono stato persino portato alle lacrime da alcune delle cose che la gente diceva di lui.

Ciò che divenne così evidente in lui oltre ai suoi modi era la sua voce. Non è mai cambiato ed è stato estremamente acuto, rendendolo molto impacciato. La gente me lo chiedeva sempre quando non era nei paraggi.

È arrivato ad un punto in cui la gente pensava che fossi gay perché ho passato del tempo con lui. Sebbene lo fossi, ero ancora giovane e confuso e non volevo che nessuno lo sapesse. Non volevo che l'amicizia mi liberasse, anche se lui e io non eravamo mai stati romantici. La ragione per cui mi piaceva così tanto era che ascoltava e analizzava i problemi, dava buoni consigli ed era sempre lì quando avevo bisogno di lui. Certo, ho fatto lo stesso per lui. Era un'amicizia molto speciale, più come un membro della famiglia o un confidente.

Quando ha iniziato il college, ha continuato a lottare per farsi degli amici, anche se non è stato giudicato tanto quanto lui e i suoi compagni hanno maturato. Andava a casa quasi ogni fine settimana. Quando si è laureato, si è trasferito in un'altra città e ci siamo sentiti al telefono tutte le sere. Dopo essere stato lì per alcuni anni, ha iniziato a fare amicizia e ho visto un grande cambiamento in lui. Si sentiva più accettato e libero di essere se stesso. Questo è quando le cose sono cambiate.

Una notte, quando era ubriaco, fece un commento arrabbiato su quanto fosse frustrato che lui e io non uscivamo mai. Ha detto che eravamo un "matrimonio senza sesso". Tutto quello che ho detto è stato: "Non mi sento così su di te e non succederà mai, quindi andiamo avanti." Dopo questo, abbiamo continuato ad essere amici ma il suo entusiasmo perché l'amicizia si indebolì lentamente quando iniziò a fare altri amici. Andò via alla scuola di specializzazione fuori dal paese e si divertì moltissimo. La sua voce alla fine è cambiata all'età di 24 anni e ha avuto il suo primo rapporto.

Abbiamo parlato a malapena quell'anno. Ora è tornato e ci siamo trasferiti entrambi nella stessa città nello stesso momento. Ho difficoltà ad adattarmi perché ho sempre avuto molta ansia e ho combattuto contro la depressione sin dai primi tempi del liceo. Il mio amico conosce entrambe queste cose. Vive con uno dei suoi migliori amici mentre vivo da solo. Lui ha un lavoro e io no. È nella sua seconda relazione, mentre io non ne ho mai avuto uno. Non sembra più preoccuparsi di me e mi sento tradito.

Ora che la sua vita è migliorata, ora che ha avuto una relazione, ogni volta che cerco di contattarlo per qualcuno con cui parlare, per dare consigli, è molto poco brillante, sembra annoiato e annoiato. Mi ha abbandonato alcune volte. Quando l'ho affrontato su questo, si è arrabbiato e non è riuscito a vederlo dal mio punto di vista. Disse a qualcuno alle mie spalle che ero stanco e che se non fossi il suo unico amico, allora probabilmente non avrebbe avuto niente a che fare con me, e che essere lontano mi ha permesso di vedermi come quello che sono.

Mi fa davvero sentire male perché è come se ora non potesse ottenere nulla da me, quindi ha finito con me. Sa che non sarò mai il suo ragazzo e ora mi vede come una competizione. Sono andato alla scuola migliore, ero più normale crescere, ero sempre più bello ecc. Ero l'unica persona che aveva per i primi 20 anni della sua vita. I miei genitori lo trattavano come una famiglia. Ho messo la mia reputazione in gioco quando ero un ragazzino confuso e chiuso. Ero sempre lì per lui, lo sostenevo quando le persone facevano commenti e ridevano di lui. Ora è come se non fosse disposto ad aiutarmi quando sono in una nuova città, ancora in depressione e ansia, cercando di sentirmi come se non fossi qui da solo in questa nuova città.

Ha perso ciò che lo ha reso speciale all'inizio. È difficile perché è stato una parte così grande della mia vita da quando avevo sette anni. È strano quando qualcuno che pensi che sarà sempre lì è ora sparito. Lui sa molto di me; la mia storia passata, i principali eventi della mia vita, i catalizzatori di alcune delle ragioni per cui sono così oggi, gli amici che ho avuto, gli amici che ho perso, i bei tempi, i tempi cattivi, ecc.

Dovrei continuare ad essere amico di lui, anche se non sarà mai un vero amico leale come un tempo? Ho un punto o sto esagerando e mi aspetto troppo? Ha torto in tutto questo? Sono molto confuso e mi chiedo se valga la pena di salvare questa amicizia.

Molte grazie.

Firmato, Henry

RISPOSTA

Caro Henry,

Questo sicuramente sembra un'amicizia molto speciale che ha dato forma a te e al tuo amico in modi fondamentali: questa relazione ha aiutato entrambi ad imparare come navigare crescendo in un mondo eterogeneo di coetanei e genitori che non è sempre stato molto gentile o nutriente.

Ascoltando, accettando ed essendo fidati e leali, sembra che tu abbia svolto un ruolo fondamentale nel permettere al tuo amico di sentirsi a suo agio con la sua sessualità.

Sembra che ti abbia accolto meno, in termini di permetterti di trovare il tuo percorso al tuo ritmo. La sua rabbia era probabilmente una reazione eccessiva alla frustrazione che provava nell'essere incapace di connettersi con te nel modo in cui sperava.

Durante il periodo in cui eri diviso in paesi diversi, è probabile che tu abbia subito importanti cambiamenti nelle tue vite, durante questi anni molto formativi dopo il college. (A proposito, non hai menzionato come sei finito nella stessa città e se è stato casuale o intenzionale.)

È difficile connettersi con nuovi amici o vecchi quando non ti senti bene con te stesso. Dato che stai ancora lottando contro l'ansia e la depressione, è importante per te continuare a ricevere un aiuto professionale. Spero che tu stia ricevendo un supporto psicoterapeutico oltre ai farmaci.

Penso che il modo migliore per salvare questa amicizia sia lavorare su te stesso, creare altre connessioni gratificanti nella tua nuova città e essere meno dipendente dal tuo amico per aiutarti a questo punto. Potrebbe non considerarsi una competizione con te; piuttosto, potrebbe vederti più periferico della sua vita di quanto lo sia per il tuo.

Un ultimo pensiero: potrebbe essere utile scrivere una nota al tuo amico coprendo alcune delle stesse basi che hai coperto nella tua lettera per me, rendendolo notevolmente più breve, comunque. Spiega quanto è importante l'amicizia per te e che ti senti vulnerabile in questo momento. Digli che anche se sai che non può risolvere i tuoi problemi, speri di non aver inavvertitamente creato un cuneo nella tua amicizia. Quindi lascia la palla nel suo campo. Questo può aiutarti a dare un senso di chiusura mentre vai avanti.

Ciò che è successo deve essere deludente, ma il tuo amico potrebbe non avere la capacità di darti ora ciò che gli hai dato allora.

Spero che questo sia un po 'utile.

Cordiali saluti, Irene

Solutions Collecting From Web of "Amicizia: il tempo conta!"