Ambienti ordinati, disordinati e creatività

Molti dei miei studenti, in particolare quelli più amichevoli, esprimono sorpresa quando vedono il mio ufficio ovviamente disordinato e mi offrono di aiutare a organizzare il mio ufficio, ma ho sempre resistito al loro aiuto. È interessante notare che, ogni volta che ho preso provvedimenti per organizzare il mio pasticcio di carte per lo più situate su 3 banchi, 1 tavolo e, dentro e sopra 3 librerie e 4 schedari, ho avuto difficoltà a trovare ciò che cercavo. Quindi, sono stato felice di vedere in questo mese di Monitor sulla Psicologia un rapporto su uno studio di Vohs, Redden e Rahinel (2013), che ha scoperto che i partecipanti assegnati a un ambiente disordinato producevano soluzioni più creative di quelle assegnate a un ambiente ordinato. Inoltre, hanno scoperto che i partecipanti assegnati a un ambiente ordinato erano più propensi a (a) scegliere spuntini salutari, (b) donare più denaro, e (c) preferire l'opzione di incremento della salute etichettata come "classica" anziché "nuova", ma i partecipanti all'ambiente disordinato preferivano più probabilmente la "nuova" opzione.

Le scoperte affascinanti di Vohs ed altri sono coerenti con l'idea che gli stimoli ambientali giochino un ruolo importante nel determinare il comportamento. Hanno notato la famosa teoria delle finestre rotte (Wilson & Kelling, 1982) che una finestra rotta non riparata può portare a un effetto domino di conseguenze negative. Le scoperte di Vohs et al. Ricordano il film "White Lotus Rising" di Jean e Jason Boulware. Questo film vincitore di un premio (2013 American Psychological Association Film Festival Award "Miglior cortometraggio documentario") documenta gli sforzi di successo dell'artista e pacifista Indira Freitas Johnson nel frenare la violenza collocando le sculture di Buddha emergenti nei quartieri a basso reddito di Chicago.

Secondo Vohs et al., Gli stimoli ambientali "attivano differenti mentalità, che a loro volta avvantaggiano risultati diversi" (p.1861). Un ambiente ordinato implica atteggiamenti convenzionali o conformi; mentre un ambiente disordinato implica "rottura con la convenzione" (p.1862). Supponendo che la creatività richieda spesso un pensiero non convenzionale, un ambiente disordinato funzionerebbe meglio per promuovere il pensiero divergente e una maggiore assunzione di rischi. Citando Abrahamson e Freedman (2007), Vohs et al. ha osservato che molti individui, in particolare creativi, coltivano ambienti disordinati per facilitare i loro sforzi creativi. Notarono anche la famosa osservazione di Einstein: "'Se una scrivania ingombra è un segno di una mente ingombra, di quello che poi, è una scrivania vuota un segno?' (ad esempio, www.goodreads.com) "(pagina 1866).

I risultati dello studio hanno sollevato diverse domande nella mia mente: ci sono persone nella vita reale che sono disordinate, ma non creative? Ci sono persone nella vita reale che sono pulite e ordinate, ma altamente creative? Gli individui disordinati hanno un'elevata tolleranza per le differenze di pensiero e sono meno preoccupati se qualcuno si adatta alle loro aspettative, dando forse loro la libertà di differire dagli altri e di impostare convenzionalmente modi? È possibile che le persone abitualmente disordinate diventino meno creative nel tempo nello stesso ambiente e abbiano bisogno di spostarsi temporaneamente in un ambiente ordinato per ringiovanire la loro creatività? Dal momento che la creatività richiede non solo la generazione di nuove idee (pensiero divergente), ma la realizzazione di idee attraverso il pensiero logico o convergente, è possibile che la generazione di idee sia più fruttuosa in ambienti disordinati, ma portandoli a uno sviluppo logico e alla conclusione è meglio realizzato in ambienti ordinati? Oppure, un semplice cambiamento da un ambiente di lavoro all'altro potrebbe riavviare la creatività?

La creatività è un incredibile processo cognitivo che può sconcertare anche gli individui più creativi su come sono venuti fuori alcune delle loro idee significative. Un acclamato poeta indiano Mirza Ghalib (1797-1869) notò:

"Queste idee vengono da me dall'ignoto

O Ghalib, il suono prodotto dal graffio della mia penna

La voce è un angelo. "

(Da Dar, 2013, p.2)

Più che probabile, non c'è un modo per essere creativi e forse le persone devono trovare ciò che funziona per loro essere creativi su base regolare. Sospetto che come novità di idee sia fondamentale per il processo creativo, un cambiamento del proprio ambiente, confuso o ordinato, potrebbe essere utile per allontanarsi dai modi di pensare abituali.

In ogni caso, spero che i risultati dello studio contribuiranno a migliorare la mia immagine per i visitatori del mio ufficio come qualcuno che a volte potrebbe essere creativo. Il poster di Einstein, con i suoi capelli arruffati, sulla porta del mio ufficio disordinato, si spera, presenti ulteriori spunti per attivare una forte mentalità creativa, specialmente nei miei studenti che vengono a discutere con me le loro idee di ricerca. Tuttavia, spero che il mio ufficio non crei una mentalità per bramare snack malsani o per intraprendere comportamenti indisciplinati nei miei visitatori o me. Forse ho bisogno di mettere una statua di Buddha su uno dei miei banchi per proiettare segnali di pacificazione per ridurre la probabilità di quest'ultimo comportamento.

Riferimenti

Abrahamson, E., & Freedman, DH (2007). Un disordine perfetto: i benefici nascosti del disordine. New York, NY: Little Brown.

Dar, BA (2013). La poesia, l'arte e la filosofia di Mirza Ghalib. Indian Streams Research Journal, 3 (4), 1-4.

Vohs, KD, Redden, JP & Rahinel, R. (2013). L'ordine fisico produce scelte sane, generosità, convenzionalità, mentre il disordine produce creatività. Scienze psicologiche, 24, 1860-1867, DOI: 10.1177 / 0956797613480186

Wilson, JQ & Kelling, GL & (1992, marzo). Finestre rotte La polizia e la sicurezza del quartiere. The Atlantic Monthly, pp. 29-36, 38.

Solutions Collecting From Web of "Ambienti ordinati, disordinati e creatività"