Amare e lasciare andare

Se chiedi alla maggior parte delle persone che si sono laureate al college più di 15 anni fa, quante volte hanno parlato con i loro genitori mentre erano al college, la maggior parte avrebbe detto una volta alla settimana. I bambini in genere effettuavano il check-in con una telefonata la domenica. Con l'aggiunta di telefoni cellulari, sms, Facebook, tweeting e skype, i genitori ora sono in contatto significativamente più frequente con i loro figli al college che mai. Questa comunicazione avvicina le famiglie e quali potrebbero essere le sfide nel facilitare l'indipendenza?

Nel libro, The iConnected Parent: stare vicino ai tuoi figli al college (e oltre) mentre li lascia crescere (Hofer & Moore, Free Press, 2010), gli autori affermano che studenti e genitori stanno comunicando, in media, 13 volte una settimana. Affermano che questo numero varia poco per dimensione o tipo di scuola (pubblica o privata) in cui è stato iscritto il bambino. Questo è un libro utile per i genitori che lottano con il problema di come rimanere vicini e lasciarli andare.

Come per i post precedenti del blog, il Dr. Kennedy e io cerchiamo di capire e trasmettere come le relazioni sono influenzate, negativamente o positivamente, dall'uso della tecnologia. I social media, gli smart phone e altre tecnologie basate sul web si sono evoluti a un ritmo così rapido che stiamo lottando per dare un senso, cognitivamente ed emotivamente, a come integrare questi onnipresenti progressi tecnologici nella nostra vita quotidiana.

Nello scrivere questo blog presumo che molti genitori vogliano rimanere emotivamente connessi ai propri figli quando sono lontani al college, ma allo stesso tempo vogliono anche che i loro figli diventino adulti indipendenti, felici e resilienti. Allora, in che modo la moderna tecnologia delle telecomunicazioni ostacola o promuove questi due obiettivi? E per complicare ulteriormente le cose, il tipo di tecnologia fa la differenza?

In un documento del 2010 della West Virginia University, l'uso della comunicazione elettronica con i genitori da parte degli studenti universitari: collegamenti a solitudine, attaccamento e qualità delle relazioni , gli autori (Gentzler, Oberhauser, Wasterman e Nadorff) hanno intervistato 211 studenti per determinare le differenze nel tipo di tecnologia utilizzata per comunicare a casa e il suo effetto sugli studenti. Gli autori hanno esaminato la frequenza di utilizzo di quattro media da parte degli studenti universitari: telefono, messaggistica di testo, siti di social networking e posta elettronica. Hanno studiato se la frequenza degli studenti di utilizzare queste varie tecnologie fosse associata a livelli di solitudine, attaccamento e qualità del loro rapporto con i genitori. Il loro studio suggerisce che le modalità di comunicazione con i genitori sono differenzialmente correlate alla regolazione e alla qualità della relazione. " In particolare, gli studenti universitari che riferiscono relazioni parentali più sostenute, soddisfacenti ed emotivamente intime parlano più spesso con i loro genitori al telefono. Ma coloro che usano i siti di social networking per comunicare con i genitori riportano alti livelli di solitudine, attaccamento ansioso e conflitto all'interno della relazione genitoriale ".

Una potenziale ipotesi sul motivo per cui è stato utile per gli studenti parlare via telefono piuttosto che su Facebook o SMS è che il telefono fornisce la quantità ottimale di vicinanza che si adatta a un rapporto precedente che gli studenti universitari considerano i telefoni cellulari come strumenti essenziali per rimanere a stretto contatto con i genitori senza violare la loro indipendenza (Chen, Katz. Estendere la famiglia alla vita scolastica: l'uso del telefono cellulare da parte degli studenti.) Tuttavia, è l'azione di "parlare" sui loro telefoni cellulari, non inviare messaggi di testo, e-mail, ecc. . Questo fa la differenza

Così ora che sappiamo che potrebbe essere utile prendere il telefono piuttosto che inseguire i tuoi figli su Facebook, diamo un'occhiata a questo in violazione del loro problema di indipendenza. Sebbene i genitori e gli studenti stiano comunicando in modo molto più significativo rispetto alle generazioni precedenti, la quantità di comunicazione non sembra essere il problema tanto quanto ciò che viene comunicato, ovvero è il problema della quantità rispetto alla qualità.

Sicuramente, ogni autunno ho dei genitori (che hanno appena mandato i loro figli all'università) seduti nel mio ufficio cercando di capire quanto dovrebbero essere coinvolti nella vita dei loro figli. Non molto tempo fa genitori e bambini sopravvissero alla separazione con una telefonata una volta alla settimana sul telefono pubblico nel dormitorio. Al giorno d'oggi, perché ci sono così tante opzioni per rimanere in contatto, sembra che ci sia la pressione per usarle tutte e questo va in entrambe le direzioni. I bambini malati di casa ogni 15 minuti mandano SMS su come sono malati di casa, su come vogliono cambiare dormitorio perché "il loro coinquilino è un maniaco, il loro insegnante li odia chiaramente, non avrebbero dovuto prendere il francese dopotutto" e così via … In questo scenario i genitori vengono risucchiati nel loro vecchio ruolo di problem solving. Inizialmente sono sollevati perché le loro paure di aver perso il loro figlio per sempre erano chiaramente infondate e sono necessari dopotutto! Certamente, ma non necessariamente nel modo in cui i genitori possono pensare.

Poi a volte non è il bambino a raggiungere il problema in modo problematico, è il genitore che vuole conoscere ogni tipo su un foglio, cosa hanno mangiato a pranzo o più scandalosamente, persino a modificare i fogli dei loro figli (grazie ai cambiamenti di traccia). Un mio amico che insegna a UC Santa Cruz dice che sarebbe stato inaudito per un professore ricevere una chiamata o una e-mail dal genitore di uno studente 15 anni fa, ma ora si verifica con regolarità. I genitori invieranno un'e-mail perché sono arrabbiati per un voto su un rapporto cartaceo o finale.

Di fronte a tutti i modi in cui i genitori e gli studenti universitari possono raggiungere istantaneamente l'uno con l'altro, dobbiamo ricordare gli obiettivi importanti: rimanere connessi mentre promuovono la resilienza e la responsabilità. I genitori ricordano che non stai pagando per il college per indebolire la crescita accademica e psicologica, ma piuttosto vuoi incoraggiare i tuoi figli a risolvere i problemi ea sviluppare psicologicamente.

Suggerimenti utili:

1. Consentire loro di contattarti più spesso di quanto tu contatti con loro.

2. Discuti con quale frequenza desideri effettuare il check-in e prova ad attenervisi.

3. Insegnare le abilità di ricerca di aiuto (se chiamano e si lamentano di un professore o di un compagno di stanza non vengono coinvolti nei dettagli, basta chiedere loro quali risorse sono disponibili per lavorare su questi argomenti, ad esempio consulenti, orari d'ufficio, ecc.).

4. Non leggere tutti i post di Facebook e prendere in considerazione l'impostazione di controlli che incoraggino i confini.

5. Rispondi al telefono e inizia una vera conversazione.

6. Scrivi lettere. Gli studenti segnalano che amano ricevere qualcosa nella loro casella di posta quando controllano (qualcosa che accade molto meno in questi giorni).

7. Con ogni interazione chiediti "Sto promuovendo la resilienza e la responsabilità?"

Solutions Collecting From Web of "Amare e lasciare andare"