Amare ciò che odia e odia ciò che ami

Raccontare la tua storia – sembra così semplice. Solo un racconto di fatti e percezioni. Eppure, quello che mi ha insegnato il blog è che è più complicato di così. Il blogging mi ha aiutato in molti modi sorprendenti.

Scrivere dei miei pensieri ed esperienze pubblicamente ha portato a conversazioni, sia pubbliche che private, che hanno portato a realizzazioni profonde per me. Realizzazioni che mi aiutano a capire la mia vita e la mia psiche. In molti modi, mi ha aiutato a vedere la mia vita in modo più chiaro.

By Bill Branson (Photographer) [Public domain or Public domain], via Wikimedia Commons
Fonte: By Bill Branson (Fotografo) [Pubblico dominio o Pubblico dominio], tramite Wikimedia Commons

Un esempio di questo è venuto dopo il mio post di marzo sul dolore della spesa. Ad oggi, è uno dei miei post più popolari, ma gli effetti più interessanti che aveva non erano pubblici, ma privati. È interessante notare che, dopo 20 anni con me, mio ​​marito non conosceva l'estensione di ciò che provava per me al negozio di alimentari. Ha portato a una conversazione interessante.

Quando scrivo delle mie esperienze, sono spesso curioso di sapere quale potrebbe essere la prospettiva di una persona non autistica sull'esperienza. Per quella prospettiva, la prima persona a cui mi rivolgo è mio marito. Quindi, dopo aver scritto il post, gli ho chiesto di leggerlo. La sua risposta immediata fu una battuta di marchio di fabbrica, "andrei solo a Peapod."

Ero divertito ma incuriosito allo stesso tempo. Gli ho chiesto di elaborare. "Non ne avevo idea." Disse. "Se dovessi farlo, non penso che potrei affrontarlo. L'ho detto scherzosamente, ma penso che sarei davvero andato a Peapod. "Abbiamo continuato a discutere aspetti della mia esperienza che non avevo nemmeno pensato di relazionarmi a lui verbalmente. La mia carriera di blogger è stata piena di momenti del genere. Sono doni in sé e per sé, ma non si fermano qui.

Da qualche parte nel mezzo della nostra conversazione un pensiero mi ha colpito – "Perché non vado semplicemente a Peapod?" La risposta arrivò rapidamente, ma era confusa. Nonostante avessi appena scritto un saggio su quanto possa essere dolorosa una shopping experience, quando ho pensato di abbandonare la pratica, ho capito che mi sarebbe mancato. Sembra una strana contraddizione.

Più ci pensavo, più mi rendevo conto di quanto fosse emblematico per la mia vita. Sembra un filo comune che tendo ad amare le cose che odio e odio le cose che amo. La maggior parte delle attività che mi piacciono hanno alcune componenti del dolore e viceversa. E sembra anche che molto abbia a che fare con l'autismo, cioè problemi di socializzazione e sensibilità sensoriale.

Quando si parla di mondo sociale, i miei sentimenti sono stati spesso in conflitto. Ci sono stato molte volte in cui mi sono chiesto se non sono un estroverso nel corpo di un introverso. Tornando ai miei primi ricordi, sono dominati da un interesse per altri esseri umani. Ma lentamente, nel tempo, quei sentimenti si attenuarono, sostituiti da una diffidenza nata dalla consapevolezza di come i miei tentativi di connessione fossero stati ricevuti. Una paura del dolore e del rifiuto.

Di conseguenza, i miei sentimenti si sono solidificati nella consapevolezza che il desiderio di socializzare non è lo stesso di socializzare con successo. Il divario tra i miei sentimenti e le mie capacità è doloroso, uno che nonostante tutto quello che ho imparato e vissuto, non sembra mai andare via completamente. È un vuoto che sotto molti aspetti controlla la mia vita.

All'inizio della nostra relazione, una fonte comune di conflitto tra me e mio marito era il fatto che tendevo ad evitare di andare fuori. L'esperienza di fine settimana suburbana di prendersi cura del cortile era qualcosa che gli piaceva. È stata un'occasione per risolvere le sue frustrazioni della settimana e per connettersi con i vicini. Era frustrante per lui che non potevo o non volevo partecipare.

//www.flickr.com/photos/villoks/484601637/) [CC BY-SA 2.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)], via Wikimedia Commons
Fonte: By Ville Oksanen dalla Finlandia (http://www.flickr.com/photos/villoks/484601637/) [CC BY-SA 2.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)], via Wikimedia Commons

Il mio comportamento avrebbe potuto essere preso in molti modi (e spesso lo era), ma ecco la verità. Per quanto ho trovato delle scuse per non uscire, mi sono anche perso profondamente. I miei ricordi più cari della crescita erano tutti legati all'aria aperta: andare in bicicletta, fare escursioni, connettersi con la natura. Ma il mondo delle lunghe ore in un oscuro spazio di lavoro illuminato artificialmente non ha lasciato molto tempo per quei tipi di attività. Il fine settimana è stata la mia occasione per assecondare il mio amore per l'aria aperta. Allora perché l'ho evitato?

Nei quartieri in cui vivevamo, il lavoro in giardino non era un'attività solitaria. Crescendo, quali cortili avevamo erano spesso schermati dai vicini, o la convenzione sociale semplicemente dettava il fatto che fingevi di non vederci l'un l'altro quando erano in loro. In questi quartieri, tuttavia, non bastava semplicemente uscire e piantare dei fiori. Il rituale conosciuto come "lavorare nel cortile" è venuto con regole confuse e passi dolorosi che sono arrivato a temere con ogni fibra del mio essere.

Senza una comprensione dell'autismo per spiegare tutto questo, mio ​​marito l'ha interpretato come "odio andare fuori". Un sentimento che, quando ha osato pronunciarlo, ha sempre provocato un conflitto. Perché, in fondo, odiavo la restrizione che i miei limiti sociali mi impongono. Non è che odiavo stare all'aria aperta, odiavo stare all'aperto in quel contesto .

Ciò che per lui era, per lui, una facile e piacevole esperienza pomeridiana mi è sembrato molto diverso. Andava fuori, iniziava a tagliare, incontra qualcuno, si ferma e fa una chiacchierata, poi continua a falciare. Lui sapeva sempre cosa dire. Come dirlo. Non l'ho mai fatto. Andando a piantare i fiori sembrava di correre il guanto. Non potrei mai dire quale dei miei vicini mi vedrebbe e cercherà di parlare con me o di cosa proverebbero a parlarmi.

Poiché gran parte del mio discorso sociale dipende dallo scripting, questa mancanza di struttura mi ha lasciato troppo spesso una perdita. Spesso si sentiva come se la gente stesse aspettando tra i cespugli, aspettando di sorprendermi con complicati problemi di calcolo che avrei dovuto risolvere sul momento. Con terribili conseguenze sociali dovrei fallire. E 'stato estenuante.

Lo shopping era simile. Ho molti bei ricordi di shopping nel corso degli anni. Perché, come il lavoro in giardino, lo shopping può essere un rituale sociale. Uno spesso usato in famiglie e gruppi di amici di sesso femminile come opportunità per connettersi. Nel giusto contesto: mi piace. In effetti, nei giorni in cui sono particolarmente solo, a volte mi conforto – se altri trigger non interferiscono. Il contatto superficiale tra commessi di negozio e acquirenti occasionali è uno per il quale ho degli script, e ha poche conseguenze se fallisci.

D'altra parte, alcuni dei miei ricordi più dolorosi sono di shopping. Ricordo, ad esempio, una delle prime stagioni di vacanze dopo che mio padre si era risposato. Era tradizione tra le femmine della famiglia fare una maratona di shopping per tutto il giorno che iniziava nelle prime ore del mattino, il giorno dopo il Ringraziamento e terminava solo quando i negozi chiudevano. Desideroso di "adattarmi" alla mia nuova famiglia, mi sono unito. Era abbastanza traumatico da non ricordare molto, tranne il dolore.

Dolore che scorreva nel mio corpo come se i miei nervi fossero in fiamme. Il dolore non si attenuerebbe. Dolore che non potevo sfuggire – perché nessuno capiva cosa fosse, perché lo sentissi, o che fosse preso sul serio. Ricordo di sentirmi disperata e intrappolata, senza alcun modo di allontanarmi dal dolore o di andarmene. E 'stato straziante – qualcosa che non ho mai fatto di nuovo.

Non era che non apprezzavo la connessione sociale che sarebbe derivata dal partecipare a una delle amate tradizioni sociali della mia nuova famiglia, lo volevo male. Ma il dolore dell'assalto sensoriale mi ha reso cieco a un livello straziante. Solo pensarci mi fa male allo stomaco. Non riesco ancora a essere sicuro di quanto lo abbiano preso personalmente o se lo fanno ancora.

Quando guardo ciò che amo e ciò che odio, trovo che queste dinamiche siano piuttosto tipiche. C'è spesso un mix scomodo tra i due … e questo può essere doloroso e limitante. Nei miei momenti più oscuri, ci sono momenti in cui questa dinamica ha la meglio su di me. Quando temo che la gioia o la felicità pura sia qualcosa che non sentirò mai. Che non posso sfuggire al dolore.

In quei momenti, mi immagino di viaggiare in un paesaggio buio con nient'altro che fango per miglia. Si attacca alle mie gambe, le succhia. Devo lottare per liberarle, finché i miei muscoli non si scuotono per lo sforzo. Per quanto la fatica minacci, non posso fermarmi. Se mi fermo, affonderò e morirò. Ma non c'è un terreno solido da vedere, nessuna opportunità di riposare. Quanto tempo prima che le mie gambe cedano e il fango inizi a vincere?

Ma poi, ci sono i momenti che mi sorprendono. Quando qualcuno, da qualche parte, lo prende. Chi mi dà una roccia su cui sedersi. Rende possibile riposare.

E in quel momento, ho tutta la speranza nel mondo.

//creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)], via Wikimedia Commons
Fonte: El Pollock [CC BY-SA 2.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)], via Wikimedia Commons

Per gli aggiornamenti puoi seguirmi su Facebook o Twitter. Risposta? Mandami un'email.

Cerca il mio libro, vivendo indipendentemente sullo spettro dell'autismo, presso i principali rivenditori.

Solutions Collecting From Web of "Amare ciò che odia e odia ciò che ami"