Altri buoni o cattivi: un mal di testa spaccante

Nel post del mio blog dell'8 dicembre, ho descritto ciò che ritengo essere un'assurdità che è stata promulgata dalla professione di salute mentale nei pazienti con disturbo borderline di personalità (BPD). Questi teorici hanno detto al teorico Marsha Linehan di esibire "apparente competenza", con la quale intendeva che sembrano avere certe abilità in alcuni contesti che in realtà non possiedono.

Mi sono chiesto come fossero in grado di dimostrare le competenze attraverso le prestazioni che in realtà mancavano, e ho ritenuto che fosse molto più facile fingere incompetenza che competenza. Forse è l'incompetenza che è più apparente che reale, e agire in questo modo è in realtà una scelta altamente motivata ma ben nascosta di cui anche questi stessi pazienti non sono più consapevoli di aver fatto.

Un'altra idea popolare nel campo dei pazienti con BPD è che si impegnano in qualcosa chiamato splitting . La divisione è l'incapacità di vedere sia il bene che il male in altri individui contemporaneamente. Chiunque abbia trattato un paziente con il disturbo in psicoterapia ha prove del testimone oculare che spesso parlano di altre persone come se fossero, nella loro essenza, o divinità o cumuli completi di letame di cavallo, senza nulla in mezzo.

Il fatto che a volte agiscano in questo modo è un'osservazione estremamente valida, ma è la prova che mancano di abilità cognitive? È un'altra apparente incompetenza? Che cosa significa in realtà questo comportamento?

Prima di tutto, "scindere" gli altri in categorie "tutte buone" e "tutte cattive" era originariamente presunto dagli psicoanalisti come un meccanismo di difesa . Un meccanismo di difesa è una manovra di coping mentale intesa sia per esprimere in parte e, contemporaneamente, per scongiurare qualsiasi sentimento che una persona possa provare, così come qualsiasi impulso di accompagnamento, che trovano inaccettabile in se stessi. Ad esempio, una persona a cui non piace pensare di essere arrabbiato con suo padre potrebbe "tirarlo fuori" su qualcun altro. Questo è un esempio di un meccanismo di difesa chiamato spostamento.

Ogni volta che ci troviamo di fronte a qualcuno che fa qualcosa di atroce o che ci ispira, tutti noi abbiamo la tendenza a "dividere" o pensare alla persona come a tutti o principalmente buona, o tutta o principalmente cattiva. Questo è completamente normale. Molti di noi sentono che i molestatori di bambini, per fare un esempio comune, sono mostri senza qualità redentori. Madre Teresa, d'altra parte, è vista da alcuni come un vero e impeccabile santo.

Cosa succede in una situazione in cui qualcun altro fa qualcosa di meraviglioso un giorno e qualcosa di assolutamente atroce il prossimo, o viceversa? Per esempio, cosa succederebbe se tuo padre ti violentasse un giorno quando avevi tredici anni, e poi ti ha comprato un pony il giorno dopo? (Questo in realtà è successo a un paziente che conosco). Anche i terapeuti hanno difficoltà a mettere insieme qualcosa del genere. Alcuni terapeuti accusano persino i pazienti di fare cose del genere. È sorprendente che i nostri pazienti debbano pensare a queste caratteristiche separatamente per evitare una grave confusione cognitiva?

Seguì uno psicanalista di nome Otto Kernberg. Cominciò a parlare di "spaccare" non come un meccanismo di difesa ma come un deficit . Credeva che i pazienti con BPD letteralmente mancassero la capacità di vedere sia il bene che il male negli altri o se stessi simultaneamente. Secondo la sua teoria, i futuri pazienti con BPD non riuscirono a negoziare uno stadio evolutivo infantile chiamato il riavvicinamento, che, secondo la teoria, ha luogo intorno ai due anni. I "normali" bambini di due anni presumibilmente sviluppano quindi la capacità di integrare immagini buone e cattive.

Il problema con questa formulazione è che gli psicologi sociali hanno effettivamente studiato i bambini per scoprire quando i bambini normali sviluppano questa capacità, invece di limitarsi a teorizzare a riguardo. In realtà, tre diversi studi hanno utilizzato tre metodi completamente diversi [Donaldson, S., & Westerman, M. (1986). Sviluppo della comprensione da parte dei bambini dell'ambivalenza e delle teorie causali delle emozioni. Psicologia dello sviluppo, 22 (5),   655-662; Harter, S. (1986). Processi di sviluppo cognitivo nell'integrazione di concetti riguardanti le emozioni e il sé. Cognizione sociale, 4 (2), 119-151; Selman, Robert. (1980). La crescita della comprensione interpersonale . San Diego: Academic Press] arrivarono tutti alla stessa conclusione.

I bambini normali non iniziano a sviluppare questa capacità fino a quando non raggiungono l'età di circa undici e mezzo. Non sono particolarmente bravi fino a quando non hanno circa quindici anni.

Naturalmente, gli analisti non leggono mai la psicologia sociale, quindi non sono consapevoli che la loro teoria sia una sciocchezza totale. Ignorano anche le prove delle loro stesse osservazioni che dovrebbero indurli a dubitare della veridicità della loro teoria del "deficit dell'ego". Riconosceranno prontamente che i pazienti con BPD sono maestri manipolatori. I pazienti con BPD sanno come dimensionare chiunque in un tempo molto breve, al fine di capire meglio come farlo sentire personalmente indifeso, colpevole o arrabbiato nel trattare con loro. Come potevano farlo così bene se non erano in grado di valutare i punti di forza e di debolezza degli altri contemporaneamente? Questa è una domanda facile a cui rispondere. Non potevano.

Una volta ho detto a un analista che quando uno qualsiasi dei miei pazienti con BPD è dell'umore giusto, è facilmente in grado di elencare i punti buoni e cattivi degli altri allo stesso tempo. Ha risposto che questa osservazione non dimostra che sono realmente in grado di vedere le qualità buone e cattive contemporaneamente! Mi chiedevo: come mai un paziente potrebbe mai provare a questo terapeuta di essere capace di qualcosa?

Un altro punto sulla suddivisione che si applica a tutti, non solo ai pazienti con BPD, è che quando sei assolutamente furioso con qualcun altro, non hai mai voglia di pensare a tutte le loro migliori qualità. Allo stesso modo, se desideri imbucare qualcun altro, sollevare tutti i loro difetti non è nel tuo migliore interesse! Il cielo non voglia che pensiamo che qualcuno dei nostri pazienti sia così intelligente da saperlo.

Secondo me, spaccare è solo qualche volta un meccanismo di difesa, e non è mai un deficit dell'Io. È piuttosto una strategia interpersonale progettata per suscitare reazioni specifiche da altre persone nelle relazioni importanti del paziente. È parte integrante del ruolo di Spoiler .

Solutions Collecting From Web of "Altri buoni o cattivi: un mal di testa spaccante"