Altre riflessioni sulla 2a Conferenza mondiale sull'educazione artistica: verso la sinergia creativa

Traditional Korean dance at the Seoul Conference.

Danza tradizionale coreana alla conferenza di Seoul.

Abbiamo chiuso il nostro precedente post sulla 2a Conferenza mondiale sull'educazione artistica di Seoul, in Corea, sollevando la questione se tradizione e innovazione come punti focali dell'educazione artistica possano andare oltre la mera convivenza per in realtà sinergizzare nella produzione un significativo progresso culturale ed economico. Nella mente di insegnare artisti, artisti-attivisti e funzionari governativi, la creatività è in contrasto con la tradizione quando si tratta del ruolo delle arti globali?

Diamo un'occhiata prima all'educazione artistica come mezzo per promuovere una cittadinanza creativamente capace. Nel 2006, a Lisbona, l'UNESCO ha tenuto la sua prima conferenza sull'educazione artistica, culminata nella Road Map for Arts Education. Secondo questa road map, "le società del 21 ° secolo richiedono sempre più forza lavoro creativa, flessibile, adattabile e innovativa e i sistemi educativi devono evolversi con queste mutevoli condizioni. L'educazione artistica fornisce agli studenti queste abilità, consentendo loro di esprimersi, valutare criticamente il mondo che li circonda e impegnarsi attivamente nei vari aspetti dell'esistenza umana "( Road Map 2006 ).

I relatori principali * alla 1a Conferenza di educazione artistica UNESCO a Lisbona, nel 2006, hanno affrontato questo problema sottolineando l'impatto emotivo e morale delle arti sullo sviluppo cognitivo. Così abbiamo fatto, come keynote al 2 °, sostenendo che oltre al loro valore intrinseco, le arti hanno davvero un valore utilitaristico dell'applicazione diretta ai bisogni creativi della 21a scienza e tecnologia. Abbiamo offerto un riassunto delle nostre osservazioni in un post precedente (e il testo del nostro intervento è disponibile qui). Basti dire che la nostra linea di fondo è che l'educazione artistica dalla scuola materna all'università può essere la migliore speranza del mondo moderno per esercitare precisamente quelle abilità immaginative e cognitive necessarie all'invenzione creativa in tutti i campi dello sforzo.

Chiaramente, non stiamo parlando solo di creatività artistica qui. Le arti possono fornire una formazione precoce e pronta solo a quel tipo di processo di risoluzione dei problemi e di scoperta che può manifestarsi come strumento creativo nella scienza, negli affari, nella politica e nell'agenzia di cambiamento sociale. I nostri studi sui vincitori del premio Nobel nelle categorie scienze, letteratura, economia e pace mostrano tutti la stessa cosa: gli individui creativi sono molto più propensi dei professionisti medi nel loro campo a praticare una o più delle arti. Inoltre, questi innovatori spesso scrivono o parlano di quanto sia importante la loro vocazione artistica per aiutarli a comprendere il processo creativo, a gestire problemi ambigui e a coltivare gli strumenti mentali e mentali che consentono loro di esplorare molteplici soluzioni. Queste sono lezioni preziose che le arti insegnano indipendentemente dal fatto che le lezioni siano applicate all'interno dell'arte o meno.

Molti degli artisti e degli educatori presenti alla conferenza hanno applicato la loro creatività anche al di fuori dell'arte, per affrontare i problemi della riparazione politica e sociale. Per questi partecipanti, qualsiasi attenzione alle arti e ai mestieri tradizionali aveva un duplice scopo: volevano preservare la diversità culturale, sì, ma più di questo, per riparare la società e le comunità in crisi. Nelle aree urbane, in particolare, le dislocazioni politiche ed economiche, così come lo scioglimento delle strutture familiari, hanno portato ad un aumento della criminalità e della guerra delle bande, alla violenza domestica e domestica. L'educazione artistica in tali contesti offre un potente strumento per reclamare bambini e giovani dalle strade, riducendo i tassi di recidività del carcere e rivitalizzando le popolazioni povere ed emarginate.

Per esempio, Dani Lyndersay, professore presso l'Università delle Indie Occidentali, ha parlato di un recente programma artistico che consente agli studenti e agli altri membri della comunità di sbloccare ricordi ed esperienze del movimento Black Power degli anni '70. In un mix di lingue, forme musicali ed enactment storici, i partecipanti hanno imparato una parte della loro storia che era stata dimenticata "per assumersi la responsabilità di domani." In Medio Oriente, i programmi di arte teatrale come l'Ashtar Theatre mirano allo stesso modo ad aiutare i giovani immaginano possibilità alternative all'interno di paradigmi politici regnanti migliorando il dialogo "intorno a questioni controverse, tabù e argomenti non detti" e coltivando il tipo di trasformazione in cui "gli oppressi devono rendersi conto che lui / lei ha un ruolo nel rompere il circolo vizioso di oppressione "( Atti della 2a Conferenza mondiale sull'educazione artistica ).

Riteniamo significativo che in questi e in molti altri programmi sociali la tradizione e l'innovazione coesistano già e per uno scopo. Questi tipi di programmi sono esempi preminenti di mettere le arti, etniche o meno, a un uso creativo. Le arti sono utili. Hanno utilità oltre l'arte stessa. Sembra un gioco da ragazzi, pensiamo, che educatori di artisti, attivisti di artisti e ministri delle arti sarebbero saliti sul carro delle arti per la creatività in tutti i campi di attività. Dal momento che stanno già usando l'arte funzionalmente per fissare la società, perché non usare l'arte anche a livello funzionale per migliorare le capacità cognitive e il potenziale creativo?

Alcuni oratori hanno capito questo punto. Michael Wimmer di EDUCULT in Austria, ha proposto che l'arte è una forma di ricerca di valore tanto quanto la ricerca scientifica o la ricerca sull'educazione. Sosteneva che i metodi qualitativi delle arti valevano tanto quanto i metodi quantitativi delle scienze, e sinergici con essi; la società farebbe bene a imparare a usare questi metodi artistici in modo esplicito.

Nel suo discorso, Christina Hong d'Australia ha anche sostenuto che l'educazione artistica diventerà universale solo quando i sostenitori delle arti abbandonano "l'arte per l'arte" – un approccio esclusivo che non è riuscito a migliorare il finanziamento o l'accesso all'istruzione artistica di qualità in qualsiasi parte del mondo. Il crescente bisogno economico di una forza lavoro creativa è, a suo avviso, forzare un cambio di paradigma in quello che la società ha bisogno delle arti, e quindi nuove opportunità per la difesa delle arti. "L'educazione artistica per oggi deve essere diversa dall'educazione artistica del passato", ha detto, "perché la porta obiettivo è cambiata … i programmi di educazione artistica devono evolversi per comprendere non solo lo sviluppo dei modi di conoscenza delle arti, ma anche lo sviluppo delle capacità e delle disposizioni dell'impresa creativa e delle abitudini mentali correlate "( Atti ).

"We are the future", un manifesto di educazione artistica UNESCO.

Non potremmo essere più d'accordo. L'utilità creativa delle arti al di là delle arti può fornire proprio quell'argomento per l'educazione artistica capace di attrarre i poteri economici e politici. Per il bene di un'economia innovativa, potrebbero benissimo fornire i finanziamenti necessari per insegnare le arti, non solo per se stessi, ma nell'interesse della società nel suo insieme, come una sorta di alfabetizzazione creativa e creativa che nessun cittadino può fare senza. Quando le persone iniziano a valutare le arti non solo per ragioni sociali e culturali, ma come una delle migliori fonti di competenze creative per tutte le discipline, la tradizione e l'innovazione, passato e futuro, sinergizzeranno un presente nuovo e integrato.

Il divario tra tradizione e innovazione è falso, crediamo. Restate sintonizzati per il nostro prossimo post su alcune delle sintesi che vediamo colmare il divario tra usi tradizionali, sociali e creativi per le arti.

© 2010 Robert e Michele Root-Bernstein

Note e riferimenti

Relatori principali per la 1a Conferenza mondiale sull'educazione artistica dell'UNESCO, tenutasi a Lisbona nel marzo 2006, sono stati Antonio Damasio e Sir Ken Robinson. Un riepilogo dei loro discorsi è disponibile @ http://www.google.com/url?sa=t&source=web&cd=1&ved=0CBIQFjAA&url=http%3A….

Road Map, Lisbona 2006 @ http://portal.unesco.org/culture/en/files/40000/12581058115Road_Map_for_…

Il nostro discorso, Arts at the Center, @
http://www.unesco.org/culture/en/artseducation/pdf/fullpresentationrootb…

Solutions Collecting From Web of "Altre riflessioni sulla 2a Conferenza mondiale sull'educazione artistica: verso la sinergia creativa"