Altre lezioni che ho imparato da mio padre

Mio padre, Boris Nemko

Ho scritto ieri

sulla lezione più importante che ho imparato dal mio papà sopravvissuto all'Olocausto. Ma ho anche imparato altre lezioni da lui e dai molti altri sopravvissuti che ho avuto modo di conoscere.

Dopo la guerra, tutti furono scaricati nel Bronx senza istruzione, senza capacità di parlare inglese, senza soldi, senza famiglia, solo le cicatrici delle torture dell'Olocausto. Tutti finirono con il lavoro da collettiere o con i loro piccoli affari. Eppure ognuno di loro, a detta di tutti, sembrava godersi la vita tanto quanto la maggior parte della gente, e certamente guadagnava almeno una vita modesta per sostenere le proprie famiglie. Lezione appresa: se potessero farlo, non ho mai giustificato lamentarmi.

Da bambina, ricordo che mio padre si svegliava sempre presto, si metteva tranquillamente i vestiti e andava al lavoro. Per arrivare in tempo ad aprire il suo negozio di abbigliamento (una vera microbusiness) alle 8:30, aveva bisogno di lasciare il nostro appartamento alle 7. Dopotutto, doveva prendere l'autobus Q17A per Jamaica Ave. dove ha preso il treno BMT per Elder Ave. L'ultima tappa era una passeggiata di sei isolati, piogge di neve o lucentezza attraverso uno dei quartieri più pericolosi di New York, molti dei quali puzzavano di spazzatura . Lezione appresa: è molto importante lavorare. Niente scuse.

A partire da quando avevo 12 anni, vorrei, in alcuni sabati, dare una mano al negozio di mio padre. Il mio lavoro principale: cercare di dissuadere gli adolescenti dal rubare i vestiti che venivano esposti fuori sui tavoli pieghevoli, una guardia di sicurezza di 12 anni. Non solo ero un gran guardiano che guardava impotente innumerevoli adolescenti che correvano con occhiali da sole, camicie, pantaloni, ecc., Ho ricevuto il corso di addestramento per le relazioni umane più breve del mondo: "Rispetto ma sospetto ".

Nonostante guadagnassi un reddito davvero modesto, mio ​​padre acquistò la mia madre a casa quasi tutto ciò che voleva: molti gioielli e tre (!) Pellicce, ma raramente si comprò molto. Eppure era un uomo soddisfatto. Lezione appresa: La soddisfazione deriva dal successo e dalle relazioni, molto meno dalle "cose".

Mio padre ha continuato a possedere e ad apprezzare il suo piccolo negozio di abbigliamento fino all'età di 80 anni quando ha ricevuto un'offerta per l'acquisto del negozio che non poteva rifiutare. Mio padre amava guidare così, nella sua pensione, ha condotto tutti i suoi amici che non potevano più guidare. Nel suo piccolo cortile, è cresciuto e ha dato via tonnellate di pomodori coltivati ​​in casa. Lezione appresa: restituisci il modo in cui ti viene naturale.

La biografia di Marty Nemko è su Wikipedia.

Solutions Collecting From Web of "Altre lezioni che ho imparato da mio padre"