Alleviare la povertà senza dolore

Un altro dicembre è arrivato e finito. Per gli americani, questo è il mese più grande per i contributi di beneficenza, per alleviare la povertà e molte altre cause. La piattaforma di donazione online Network for Good riporta che circa il 30 percento delle donazioni annuali che elabora provengono a dicembre, il 10 percento negli ultimi tre giorni del mese.

La spiegazione standard: la detrazione fiscale. Se sei nella fascia di tassazione del 25% e tu dai $ 100, la donazione ti costa solo $ 75. Ma questa spiegazione insulta la persona comune. Per prima cosa, costa ancora denaro alle persone per donare, solo meno del valore nominale del contributo. E la scadenza fiscale di fine anno ci ricorda che non siamo riusciti a fare la nostra parte quest'anno e offre un obiettivo di azione, una sorta di euristica. È tempo di Natale, questo deve essere il tempo. Potrebbero esserci approcci migliori, ma non c'è motivo di essere cinici riguardo a questo.

Ancora, con i giorni del 2014 che vanno via e anche gennaio è andato, è tempo di pensare a come possiamo fare di più quest'anno.

E ', potresti chiedere? Forse stiamo già facendo abbastanza. (E whaddya significa "noi"?) Il mio nuovo libro, Distant Strangers: Ethics, Psychology, and Global Poverty , sostiene che data l'entità della terribile povertà nel mondo, molti di noi dovrebbero fare di più. Ma riconosce anche che molte persone non sono santi e non lo saranno mai, e che le nostre tendenze auto-sacrificanti sono limitate. Come quadrare questo cerchio? Io sostengo che dobbiamo trovare un modo di sfruttare il nostro potenziale di azione per ridurre la povertà senza fare richieste eccessive sulla virtù della gente comune. Una comprensione della psicologia umana è essenziale.

L'articolo del 1972 del filosofo di Princeton Peter Singer "Carestia, affluenza e moralità" sosteneva in modo sorprendente l'obbligo morale di dare agli altri fino a dare di più avrebbe reso il donatore tanto male quanto i destinatari. Due anni più tardi, nella sua premiata Anarchia, Stato e Utopia , il filosofo libertario Robert Nozick negò efficacemente l'obbligo di aiutare gli altri. Queste posizioni hanno lanciato un dibattito in corso tra i filosofi sulla questione se e quanti individui confortevoli siano moralmente obbligati ad agire per alleviare la povertà. Anche se ho imparato molto da questo dibattito, a un certo punto ho concluso che aveva fatto il suo corso.

Una ragione è che non credo che i concetti di dovere e obbligo individuali, così centrali nella filosofia morale contemporanea, siano molto utili per descrivere o fissare le nostre responsabilità in questo ambito. Questo è in parte a causa del loro carattere sì / no, on / off, che suggerisce una linea luminosa dove nessuno è disponibile. E i principali approcci teorici di oggi – l'utilitarismo, la deontologia kantiana, l'etica della virtù – sono così aperti all'interpretazione da essere compatibili con una moralità molto esigente, uno piuttosto rilassato e tutto ciò che è in mezzo.

Cominciai a pensare che i filosofi stessero facendo la domanda sbagliata. Non abbiamo bisogno di una teoria filosofica elaborata per capire che la disperata situazione delle persone più povere del mondo e l'attuale maldistribuzione della ricchezza sono per una varietà di ragioni repellenti. Quindi, invece di chiedere quanto sia esigente la moralità, dovremmo chiederci come rendere meno difficile la riduzione della povertà. Invece di determinare precisi doveri individuali, dovremmo capire come incanalare le tendenze umane nella direzione di una maggiore generosità. Alcuni sostengono che (come afferma il filosofo della NYU Samuel Scheffler) la moralità richiede ciò che richiede – e se non rispettiamo le sue richieste è il nostro fallimento, non quello di Morality. Non sono d'accordo. Credo che quando abbiamo motivo di pensare che queste "deficienze" siano quasi impossibili da sradicare, abbiamo bisogno di aggirarle. Quindi non è solo irrealistico, ma irragionevole aspettarsi troppo dai comuni mortali. La moralità è per il mondo in cui viviamo prendendo gli esseri umani come sono o possono diventare.

Una parte cruciale della soluzione è cambiare l'attenzione dai singoli doveri al comportamento dei gruppi. Per una serie di ragioni, agire insieme con gli altri richiede meno degli individui psichicamente e materialmente che agire da soli.

Facciamo e sentiamo ciò che gli altri intorno a noi fanno e sentiamo, e giudichiamo il nostro stesso livello di benessere e privazione guardando intorno a noi. Hai bisogno di un'auto quando la maggior parte degli altri nella tua comunità guida auto, minando così il sistema di trasporto pubblico. Vuoi dei nuovi splendidi gadget non solo perché sono belli (come spesso sono), ma perché i tuoi amici li hanno. Anche le nostre aspettative passate contano. Ti senti stretto in un appartamento con due camere da letto perché hai sempre vissuto in una grande casa; se avessi sempre vissuto in un appartamento con una camera da letto, il tuo nuovo sarebbe stato spazioso.

Un'altra ragione centrale riguarda lo stato. Molte persone pensano erroneamente solo alla ricerca di uno status insensato quando considerano il motivo per cui facciamo come fanno gli altri – e di solito non approvano. Ma come Adam Smith spiegò famoso in The Wealth of Nations , le preoccupazioni sullo status non indicano sempre la vanità: è il rispetto di sé, non la vanità, che richiede che abbiamo certe cose che gli altri intorno a noi hanno. Ai tempi di Smith si trattava di scarpe di cuoio e camicie di lino per chiunque fosse apparso in pubblico. Oggi è l'ultimo iThing.

Il punto di Smith era psicologico: il rispetto di sé è tanto un bisogno umano quanto cibo e acqua. Ma il livello di consumo di cui abbiamo bisogno per il rispetto di noi viene dall'esterno, non dall'interno.

La deprivazione, in altre parole, è spesso relativa. Dal significato della deprivazione relativa, catturato in questi esempi, ne consegue che se possiamo indurre un cambiamento collettivo possiamo evitare di fare richieste eccessive sulla volontà e sul carattere umani individuali; fare di più per gli altri non si sentirà come sacrificio di sé. Economisti come Richard Easterlin hanno dimostrato che il consumo a cricchetto non aumenta la felicità (vedi, ad esempio, qui e qui). Robert Frank ha reso popolari queste idee in opere come Scegliere lo stagno giusto e la febbre di lusso . Un corollario è che il consumo collettivo di cricchetti nei paesi ricchi – importante, ad esempio, per rallentare il cambiamento climatico – non deve costituire un'ammaccatura significativa per il benessere delle persone.

Concepire il luogo di responsabilità per alleviare la povertà come residente nel gruppo piuttosto che nell'individuo ha senso per molti motivi. La povertà globale non può essere districata dalle caratteristiche strutturali profonde delle istituzioni. Le persone confortevoli partecipano a queste istituzioni come piccoli elementi in una rete complessa. Agendo da soli, raramente possono fare grandi differenze – e questo può fallibilmente far sentire futile l'azione individuale.

Prestare attenzione alla psicologia umana indica come ridurre la povertà senza fare richieste onerose ai comuni mortali. Nei prossimi post esplorerò esempi di questo approccio.

Solutions Collecting From Web of "Alleviare la povertà senza dolore"