Allenare la mente per svalutare la vita degli altri

Ovunque troviamo crimini contro l'umanità, ci sono buone probabilità che troveremo l'ideologia. E non intendo l'ideologia per suggerire l'estremismo, ma semplicemente la presenza di idee che sono usate per giustificare o spiegare il crimine. Se il crimine fosse intenzionale, sia a causa di uno o più perpetratori, sia che fosse accidentale, le idee (che potrebbero essere state presenti prima del crimine) seguiranno sempre rapidamente il crimine per smorzare la coscienza.

Per essere sicuri, una coscienza deve essere presente per poter essere smorzata. Gli psicopatici clinici tra di noi non subiranno una crisi di coscienza se il loro comportamento minaccia il sostentamento degli altri. Le idee possono essere gettate in un'aula di tribunale in difesa delle loro azioni (la prigione è ancora un inconveniente per uno psicopatico), ma non saranno necessarie per impedire alla loro mente di sfuggire al controllo a causa delle potenti azioni riabilitative e talvolta paralizzanti di un coscienza.

Ci possono essere pochi dubbi sul fatto che la nostra capacità di empatia abbia un ruolo nella nostra coscienza, dopotutto, è la nostra empatia che ci permette veramente di sperimentare la spinta a trattare gli altri come vorremmo essere trattati noi stessi (la Regola d'Oro). È davvero uno stato ammirabile dell'umanità che si può assistere al dolore di un altro e quindi sentire la spinta e la motivazione per porre fine a quel dolore, anche se questo di per sé potrebbe diventare parte di un'ideologia che si traduce nell'omicidio sistematico di molte persone per soddisfare il obiettivo di porre fine al dolore e alla sofferenza. E c'è anche il piccolo avvertimento di "sentire" il dolore di un'altra persona con il desiderio di infliggere più dolore, forse per il desiderio sadico di tortura o la convinta convinzione di usare il dolore per ottenere informazioni.

È ampiamente riconosciuto che esiste una doppia componente nell'empatia; emotivo e cognitivo. L'empatia emotiva rappresenta i nostri sentimenti forti quando ricreamo le esperienze emotive degli altri, e il cognitivo è quando usiamo la nostra ragione per capire ciò che qualcuno deve sentire. Questi due lavorano insieme per creare la nostra esperienza empatica e questa esperienza è la porta su come ci percepiremo dopo aver assistito o pensato a un evento emotivamente saliente. Se siamo direttamente coinvolti nell'evento, la nostra coscienza vorrà pesare su come sentirsi, e se nutriamo la nostra pace mentale, dobbiamo attraversare con successo la nostra esperienza empatica dell'evento e trovare una giustificazione personale.

L'unico problema è che possiamo imbrogliare.

Poiché la nostra empatia cognitiva si basa su idee – come qualcun altro ha detto che chiamerebbe un'ambulanza , tutti lo fanno , avrei provocato un incidente se mi fossi fermato , stavano facendo finta in modo da potermi derubare – non solo possiamo recuperare la nostra memoria reale degli eventi, ma possiamo usare la nostra immaginazione per interpretare quegli eventi. Non importa quanto obiettivamente vere o valide queste idee siano per quanto riguarda la nostra coscienza, è solo che le crediamo. E nulla convalida un'idea come altre idee di supporto o l'accordo dell'idea da parte di coloro che amiamo e / o crediamo. Quando la coscienza viene a bussare, è la componente cognitiva della nostra empatia che può inviarla sulla sua strada. E se certe idee vengono annunciate come vere prima di un evento, in particolare un evento criminale, come le donne sono fondamentalmente diverse e quindi devono essere trattate in modo diverso , o mi avrebbero ucciso se non avessi agito , quindi l'impatto inibitorio di un la coscienza prima di un evento criminale e la sua paralizzante influenza dopo un evento, non sarà nemmeno un problema e fornisce una licenza gratuita agli aggressori.

Esperti di psicopatici Robert Hare e Paul Babiak discutono il significato di sociopatico nel loro libro Snakes in Suits . Lo definiscono come una persona che ha un senso morale (a differenza di uno psicopatico), ma la moralità proviene da una sub-cultura. Queste persone hanno un senso di giusto e sbagliato, ma la loro visione del mondo consente moralmente di comportarsi in modo dannoso per gli altri. Tale sottocultura potrebbe essere l'antisemitismo o la supremazia bianca , o qualsiasi serie di credenze che svaluta la vita degli altri (omofobia, misoginia, razzismo, età, ecc.). A volte i sistemi di credenze non sono nemmeno così estremi come potremmo pensare: il nazionalismo, il patriottismo e la religione sono stati tutti usati per svalutare la vita degli altri. Le credenze che alcuni di noi amano, come l'amore per la patria e l'amore per Dio, anche se apparentemente innocue e nobili, potrebbero facilmente essere prese in prestito da nuove idee che supportano la svalutazione della vita degli altri (come coloro che non condividono queste credenze) , tutto per placare le nostre azioni e deviare la nostra coscienza. Il contenuto o la natura delle idee non ha importanza. Se sono abituati a svalutare la vita, stiamo parlando di sociopatia.

Certo, qualcuno che svaluta sistematicamente la vita degli altri non lo vedrebbe come svalutante (come si può svalutare qualcosa che non ha valore per cominciare?). Coloro che riconoscono e sentono di aver svalutato la vita degli altri possono fare ammenda e adattare il loro comportamento futuro, e questo può essere per qualcosa di semplice, come rubare la penna di qualcuno, per negare a una persona i propri diritti umani fondamentali. In quest'ultimo caso, se quei diritti umani non sono nemmeno riconosciuti a causa dell'ideologia di una persona (la forza guida dietro l'empatia cognitiva), un aggressore ha un'arma potente per allontanare la coscienza e perpetuare comportamenti dannosi.

Letture aggiuntive

Hare, RD; Babiak, P. (2007) Snakes in Suits, Harper Business, New York

Pemment, J. (2013) Psychopathy versus Sociopathy: Perché la distinzione è diventata cruciale, Aggression and Violent Behavior, 18 (5), 458-461

Solutions Collecting From Web of "Allenare la mente per svalutare la vita degli altri"