Alle stelle i suicidi militari Parte II

Il numero schiacciante dei suicidi militari è perplesso. Perché l'anno scorso più soldati americani hanno perso la vita (349) rispetto a quando sono stati uccisi in combattimento (310)?

La prima conclusione è che i suicidi non sembrano essere collegati allo stress da combattimento. La maggior parte delle vittime del suicidio non è mai stata dispiegata. Solo il 47 percento aveva prestato servizio in Iraq / Afghanistan, il 15 percento aveva esperienza di combattimento diretto e solo l'8 percento aveva una storia di schieramenti multipli.

È vero che solo la possibilità di essere schierati all'estero aggiunge ulteriore stress, ma quello dovrebbe essere meno problematico l'anno scorso con la prospettiva di un massiccio dispiegamento apparentemente alle nostre spalle.

Invece, sembra che i problemi personali fossero un problema più grande.

Il rapporto sugli eventi suicidi del DoD del 2011 ha rilevato che il tasso di mortalità per i membri dei servizi divorziati era del 55% più alto rispetto ai membri del servizio sposato. Ha detto che il 47% dei decedenti ha avuto una storia di un matrimonio fallito o di una relazione intima, con oltre la metà di loro che ha subito interruzioni entro un mese prima della loro morte.

Anche i problemi legali erano comuni. Più del 18% si trovava di fronte a procedimenti giudiziari di cui all'articolo 15 e un altro 13% si trovava di fronte a problemi legali civili. Oltre il 21% ha perso il lavoro o è retrocesso.

Un paio di anni fa, il generale Peter Chiarelli, vicepresidente dell'esercito all'epoca, accusava i crescenti suicidi di standard di ritenuta allentati che avevano permesso a 47.000 persone di rimanere nell'esercito nonostante storie di abuso di sostanze, reati minori o cattiva condotta. Ha notato che gli standard di reclutamento allentati hanno anche permesso alle persone "di arruolarsi nell'esercito per ricominciare tutto da capo, e vediamo questo alto tasso di suicidio".

Dal 2009, il Pentagono sta perseguendo un'iniziativa anti-suicidio che sottolinea l'importanza del counseling e dei tentativi di ridurre lo stigma di un soldato che cerca aiuto. Tra le altre cose, ha aumentato i fornitori di assistenza sanitaria comportamentale del 35 per cento negli ultimi tre anni, ha aumentato il numero in un contesto di assistenza primaria e ha incorporato più consulenti nelle unità di prima linea. Ma chiaramente, non è abbastanza.

Un nuovo strumento è contenuto nel National Defense Authorization Act del 2013, che il Presidente Obama ha recentemente firmato. Autorizza i comandanti militari a chiedere ai soldati a rischio sulle armi da fuoco che possiedono in privato e a raccomandare loro di estrarre quelle armi da casa fino a quando il loro umore non si stabilizzi.

L'atto richiede anche al Segretario della Difesa di sviluppare un programma completo di prevenzione del suicidio per l'intero esercito piuttosto che un miscuglio di programmi di servizio individuali.

Queste sono indubbiamente iniziative preziose, ma ripenso alle raccomandazioni che sono uscite dalla Guardia Nazionale del Montana dopo il suicidio di uno dei suoi membri sei anni fa, e penso che alcune di esse potrebbero essere adottate a livello nazionale. Hanno sicuramente servito bene il Montana.

Uno dei passi fondamentali in corso è stato la creazione di un gruppo di risposta alle crisi – in genere un incaricato di alto livello, un sottufficiale, un addetto al personale e un cappellano – che era pronto a verificare eventuali preoccupazioni sulla salute mentale o emotiva di un individuo. Se necessario, la squadra potrebbe immediatamente riferire un soldato in difficoltà alla consulenza.

Un secondo passo fondamentale era la creazione di un sistema di consulenti incorporati, che erano presenti durante le esercitazioni del fine settimana. I soldati potevano fissare appuntamenti per vederli, ma i consiglieri si mescolavano anche con i soldati, osservando quelli che sembravano lottare e parlare con le truppe su come stavano andando i commilitoni.

Entrambi erano molto efficaci. Per coloro che vogliono maggiori informazioni, ho scritto su "il modello del Montana" nel mio libro, "Faces of Combat: PTSD & TBI." Check out: http://facesofcombat.us/

Molti temono anche che i soldati non ricevano l'aiuto di cui hanno bisogno perché temono di essere segnalati per aver visitato i consulenti militari. Nonostante la politica ufficiale, rimane uno stigma tra i soldati che credono che la loro missione sia di fornire aiuto, non di cercarlo. Alcuni suggeriscono che il Pentagono dovrebbe rimborsare i soldati per aver consultato i consulenti privati ​​e civili. Certamente, vale la pena provare.

Infine, c'è un numero speciale di crisi militare: 1-800-273-8255. Per favore, passa a chiunque pensi che possa averne bisogno.

Solutions Collecting From Web of "Alle stelle i suicidi militari Parte II"