Alla ricerca disperata di una traduzione finale

Post scritto da François Grosjean.

L'affare Dominique Strauss-Kahn ha attirato l'attenzione dei media da quando è iniziato il 14 maggio di quest'anno al Sofitel Hotel di New York. Ha attraversato continui colpi di scena, incluso uno che riguarda la traduzione tra due lingue, Fulani (nota anche come Fula) e inglese.

È stato riferito che il 15 maggio la governante dell'hotel ha parlato al telefono con un uomo in una prigione dell'Arizona a Fulani, la loro lingua madre. Presumibilmente, alcune cose sono state dette che la procura crede sollevare domande sulla sua credibilità. L'avvocato della governante ha dichiarato che il suo cliente non era d'accordo con la traduzione presentata sotto forma di un riassunto della conversazione.

Inoltre, sembrerebbe che ci siano stati problemi di interpretazione durante le sessioni di colloquio con i pubblici ministeri nella misura in cui la governante ha detto a un certo punto che la traduzione non era corretta perché l'interprete non era competente nel dialetto di Fulani che lei stessa parlava.

Come una traduzione definitiva è attesa per la telefonata del 15 maggio, vale la pena fare un passo indietro per riflettere sull'arte della traduzione e il suo collegamento al bilinguismo.

Vi è un antico mito secondo cui i bilingui nascono traduttori. Infatti, a parte il linguaggio quotidiano, i bilingui non sono dei buoni traduttori. Perché? Una ragione è che acquisiscono e usano le loro lingue per scopi diversi, in diversi domini della vita, con persone diverse (vedi qui).

A meno che non abbiano domini della vita coperti con due lingue, o abbiano acquisito la lingua che stanno traducendo (la lingua di destinazione) in un modo che pone l'accento sugli equivalenti di traduzione, potrebbe mancare il vocabolario richiesto.

I bilingui potrebbero anche non essere sufficientemente fluenti in una delle lingue coinvolte e potrebbero non avere le varietà stilistiche e le espressioni necessarie per una traduzione di qualità. Inoltre, possono mancare le conoscenze culturali legate a una lingua che faciliterebbe, ad esempio, la loro comprensione del testo o del messaggio originale.

I traduttori devono avere un set completo di equivalenti di traduzione nell'altra lingua (almeno nei domini in questione). Devono anche conoscere le due lingue (o dialetti!) Fluentemente, a tutti i livelli linguistici, e devono evitare tutte le solite trappole di traduzione come falsi amici e traduzioni letterali. Impostare le espressioni può essere un incubo da tradurre per coloro che non sono abbastanza attenti. Quindi, se l'espressione francese "Je me raconte des histoires" è tradotta letteralmente in inglese come "Mi sto raccontando storie", il significato francese non viene trasmesso; avrebbe dovuto essere tradotto come "Sto scherzando".

I traduttori devono esprimere in una lingua, nel modo più fedele possibile, il significato e lo stile del testo in un'altra lingua. Ciò comporta la piena comprensione del testo originale nella "lingua di partenza" e l'acquisizione delle necessarie competenze di trasferimento, nonché le abilità linguistiche, stilistiche e culturali nella lingua di destinazione per produrre una traduzione corretta.

C'è pochissimo spazio per l'intuizione o la creatività del traduttore. Lui o lei deve seguire il testo originale il più vicino possibile e renderlo in prosa corretta nella lingua di destinazione.

I traduttori sono molto "bilingui speciali" e la traduzione è sicuramente un'abilità bilingue difficile. Non stupisce quindi che ci siano scuole specializzate in cui gli studenti imparano a tradurre professionalmente come il Monterey Institute of International Studies in California.

Uno dei requisiti per l'accesso a queste scuole è di avere eccellenti competenze linguistiche in due o più lingue. Una lunga formazione trasforma quindi il bilingue "normale" in un traduttore certificato. È necessario un altro periodo di formazione prolungato per formare un interprete professionista, un argomento che sarà discusso in un prossimo post.

Riferimento

Grosjean, François. Bilingui speciali Capitolo 13 di Grosjean, François (2010). Bilingue: vita e realtà . Cambridge, MA: Harvard University Press.

Post di "Vita come bilingue" per area di contenuti: http://www.francoisgrosjean.ch/blog_en.html

Il sito di François Grosjean: www.francoisgrosjean.ch

Solutions Collecting From Web of "Alla ricerca disperata di una traduzione finale"