Alla ricerca di Whitopia: la sfortunata errata direzione di un viaggio nel bianco

Rich Benjamin, un giornalista afroamericano (sì, la sua razza conta) ha trascorso più di due anni (2007-2009) attraversando il paese, percorrendo circa 27.000 miglia per documentare l'ultima manifestazione del "volo bianco" – la migrazione dei residenti bianchi da città e periferie integrate a enclaves claustrate, razzialmente omogenee che Benjamin chiama "Whitopias". Secondo un recente articolo di Time, tali comunità sono cresciute al triplo del tasso medio della città americana negli ultimi anni, fornendo ulteriori prove del fatto che siamo lontani anzi da una società post-razziale. Benjamin, che ha un dottorato di ricerca nella letteratura di Stanford, ha raccontato il suo lungo viaggio in un nuovo libro Searching for Whitopia: Un viaggio improbabile nel cuore dell'America bianca.

Benjamin's è un progetto utile. Gli atteggiamenti bianchi nei confronti delle persone di colore stanno diventando meno esplicitamente odiosi (nella natura del Klan) e sempre più evitanti, proprio come suggerisce Benjamin. Le tendenze migratorie come questa dovrebbero essere documentate e discusse, e non vedo l'ora di vedere il libro di Benjamin, che è stato appena pubblicato questo mese. Ma dopo aver letto l'intervista sul tempo , ho alcune serie preoccupazioni riguardo all'interpretazione di Benjamin delle sue interviste e osservazioni, nonché sull'impatto complessivo di questo progetto.

Nell'intervista [disponibile qui], Benjamin ha detto che è stato "colto alla sprovvista da quanto è stata piacevole un'esperienza (trascorrere del tempo in queste comunità bianche) e menzionato" il calore personale che mi ha accolto in molti casi. "Era anche sorpreso da quanto gli piacesse giocare a golf, spiegando

Sento che i campi da golf sono l'emblema seducente di Whitopia e non pensavo di poter ottenere l'essenza del posto senza imparare me stesso. Quello che pensavo fosse un lavoro ingrato si è rivelato un lavoro d'amore.

E poi ha detto questo sul suo periodo con un gruppo separatista bianco in Idaho:

Mi sono appena imbattuto in esso. C'è una setta religiosa chiamata Christian Identity, che è un braccio religioso della nazione ariana. Quando ero nel nord dell'Idaho mi sono seduto in un ritiro di tre giorni, e ho avuto alcune conversazioni affascinanti. Era solo un'esperienza bizzarra … Erano curiosi e scioccati di aver trovato un uomo di colore nei loro locali. Molti membri della chiesa si sono impegnati a spiegarmi la differenza tra la supremazia bianca e il separatismo bianco. Dissero: "Non pensiamo che siamo migliori di te, vogliamo solo essere separati da te".

Questo è tutto. Non c'era "ma" o "comunque" o alcun tentativo di disfare o analizzare questa esperienza oltre etichettandola come "bizzarra". Quando raggiunsi la fine dell'intervista, mi sentivo praticamente caldo e confuso riguardo alle persone della Christian Identity. D'altra parte, ero abbastanza livido con Benjamin!

Sono contento che gli sia piaciuto il golf e che i separatisti bianchi fossero gentili con lui. È certamente meglio dell'alternativa di essere fisicamente attaccato o insultato, ma dottor Benjamin, sei stato usato.

In questi giorni, i separatisti bianchi e i supremacisti bianchi hanno un problema di pubbliche relazioni. Il loro sistema di credenze e la visione del mondo in generale sono stati presi di mira da una maggioranza bianca che preferirebbe di gran lunga non vedere la razza e, quindi, non doversene occupare politicamente e interpersonalmente. Questa ideologia razziale dominante, il daltonismo, disprezza la retorica della supremazia e del separatismo bianchi, perché entrambi sono vivamente in grado di ricordare che il razzismo è vivo e vegeto. Di conseguenza, l'America (Bianca) mainstream si è stigmatizzata e altrimenti ha reso la vita scomoda per i suprematisti e separatisti bianchi, a cui non piacerebbe niente di meglio che vedere il loro "stile di vita" riguadagnare il suo precedente status di legittima legittimità.

Dato questo contesto sociopolitico, la comparsa a sorpresa di Rich Benjamin in una riunione separatista bianca ha presentato al gruppo un'occasione unica per provare a rimodellare l'opinione pubblica. Questo potenziale guadagno di essere "gentile" per Benjamin ha superato di gran lunga tutte le altre considerazioni, specialmente dal momento che Benjamin non avrebbe mai realmente, sai, trasferirsi nel quartiere. Dopotutto, presenterebbe alcune difficoltà per un gruppo separatista bianco.

Benjamin, naturalmente, non aveva intenzione di restare. Voleva solo visitare un incantesimo per scrivere il suo libro, un libro che i membri della chiesa di Christian Identity vedevano chiaramente come qualcosa che potesse dare loro legittimità dominante e l'opportunità di dire, perfettamente in coscienza, "Vedi, anche gli afroamericani dicono che siamo carini ". Benjamin consegnato! Grande tempo!

E la cosiddetta distinzione tra supremazia bianca e separatismo bianco che i membri della chiesa dell'identità cristiana "si sono impegnati a fare"? Benjamin sembra accettare questa distinzione al valore nominale. Non dovrebbe. Nella misura in cui vi è alcuna differenza, è uno di strategia (e forse espediente politico) non valori o credenze. Per la maggior parte, sebbene il loro linguaggio sia talvolta più sottile, i separatisti bianchi parlano delle differenze tra bianchi e non bianchi nello stesso modo gerarchico dei bianchi suprematisti.

Apparentemente Benjamin non ne ha avuto un assaggio durante la sua visita. Prendo in parola che tutti erano gentili, ma cosa pensi che sia successo dopo che la sua "bella" visita è finita? Il razzismo più esplicito di questi tempi avviene a porte chiuse quando non c'è pericolo di essere ascoltati. Non ero lì, e questo è ovviamente solo un'ipotesi, ma la mia ipotesi è che stanno ancora ridendo e parlando della sua visita. E uno non ha bisogno di un dottorato di ricerca in letteratura per immaginare le scelte di parole specifiche che sono probabilmente utilizzate.

Solutions Collecting From Web of "Alla ricerca di Whitopia: la sfortunata errata direzione di un viaggio nel bianco"