Alla ricerca di un compagno di anima? Puoi fare meglio.

Olga Sapegina / Shutterstock

Chiedete alle persone le loro speranze romantiche, ciò che desiderano nell'amore, e molti esprimeranno il desiderio di trovare la loro anima gemella , l'unica persona con cui possano intrecciarsi in una perfetta ed eterna unità: due corpi, un'anima. Questa idea infila la storia, dall'antico mito del Simposio di Platone, lungo i palazzi dorati di eroine da favola sempre felici, attraverso gli agitati accoppiamenti di Sex and the City , dentro i desideri della New Age di un milione di poeti su Internet, e sotto il piani aziendali di grandi studi cinematografici di Hollywood che sfornano la roba dei rom.

Tutti stanno cercando "The One".

È un tropo potente. Tuttavia, esaminato alla luce del giorno, ha poco senso.

In primo luogo, le prove disponibili su come effettivamente amiamo lo confuta ripetutamente. Guardati intorno e vedrai quanti di quelli incoronati amorevolmente come "l'unico" si trasformano in oggetti di indifferenza, persino di odio, dopo solo pochi anni di matrimonio. Le persone si sposano "l'una", poi divorziano "l'una", quindi – in modo del tutto incomprensibile, nei termini della propria metafora – trovano un altro "uno" da amare. La maggior parte delle persone che divorziano alla fine si risposano, così come la maggior parte di coloro che hanno perso il loro "uno" precocemente per incidente, malattia o violenza. Ognuno di noi è capace di amare (e di essere amato da) molti più di un "uno".

Un altro problema con la nozione di "uno" è che se c'è una sola persona che si adatta veramente a noi – chi "ci completa", parafrasando quella linea di Tom Cruise che induce in errore – allora la maggior parte di noi dovrebbe finire da sola e senza amore . Statisticamente, le probabilità di trovare la nostra unica persona tra i miliardi di candidati eleggibili sono incredibilmente piccole.

C'è anche qualcosa di tautologico nel modo in cui dovremmo sapere chi è "l'unico":

D: Perché ti senti vivo, libero, te stesso con lui?

A: Perché è lui!

Q: Come sai che è lui?

A: Perché mi sento vivo, libero e io con lui.

Questa è semplicemente una mancanza di spiegazione mascherata da una spiegazione, e ha una qualità fastidiosa e condiscendente. È come se il tuo terapeuta dicesse "Stai respingendo il mio consiglio perché stai negando. So che stai negando perché stai ignorando il mio consiglio. "Questa logica, ovviamente, esclude la possibilità che tu stia rinunciando al consiglio perché il consiglio è negativo. Dovresti licenziare quel terapeuta.

Ora, potresti dire: "Smetti di essere un tale Grinch! Qual è il grosso problema? Le persone possono scegliere le narrazioni e le metafore che soddisfano loro. Stiamo parlando di semplici parole e immagini qui. "Bene, sì e no. Le persone naturalmente sono libere di scegliere come pensano all'amore e alla vita, ma queste scelte non sono banali, non sono come scegliere un gusto per il gelato: possono portare conseguenze significative per vite e relazioni.

Come ho discusso nei post precedenti, le metafore (qui e qui) sono importanti, anche essenziali, nel modo in cui descriviamo e comprendiamo noi stessi e inquadriamo i problemi con cui ci intrecciamo nella nostra vita. Ad esempio, vai con il flusso o stai al suolo? La vita è una "scatola di cioccolatini" Forrest Gumpian? Il tuo lavoro è "un pezzo di torta" o "una zona di guerra?" E che dire dell'amore? È "un muscolo" che cresce sempre più forte e più lo usi?

Le metafore contano e le metafore che usiamo per rappresentare le nostre relazioni intime possono giocare un ruolo importante nel plasmare le nostre percezioni, emozioni e comportamenti legati all'amore.

Questa idea è stata alla base di un recente studio condotto dai ricercatori Spike Lee dell'Università di Toronto e Norbert Schwarz dell'Università della California del Sud, che ha cercato di esplorare gli effetti dell'inquadramento sulla soddisfazione delle relazioni. In una serie di esperimenti, i partecipanti sono stati esposti a due metafore di inquadratura alternate: una metafora dell'anima gemella ("unità") e una metafora del "rapporto come viaggio". A loro è stato poi chiesto di ricordare conflitti e celebrazioni nelle loro relazioni. Infine, ai partecipanti è stato chiesto del loro umore e della soddisfazione della relazione dopo questi ricordi. I risultati hanno rivelato che il framing prompt influenzava le valutazioni dei partecipanti sulle loro relazioni, sebbene solo nella condizione di conflitto.

Nello specifico, i partecipanti a cui è stato chiesto di ricordare i conflitti relazionali hanno valutato la soddisfazione della loro relazione come inferiore se fossero stati esposti alla metafora dell '"anima gemella", rispetto a quelli esposti alla metafora del "viaggio".

"Pensare ai conflitti relazionali fa più male all'unità che al viaggio in mente", affermano i ricercatori, concludendo, "Potrebbe essere romantico per gli amanti pensare di essere fatti l'uno per l'altro, ma si ritorce quando sorgono conflitti e la realtà mette la bolla di perfetta unità. Invece, pensare all'amore come a un viaggio, spesso coinvolgendo colpi di scena ma alla fine spostandosi verso una destinazione, porta via alcune delle ripercussioni dei conflitti relazionali. "

Gli autori propongono inoltre che questi effetti di framing possano aiutare a spiegare perché il numero e la frequenza dei conflitti di relazione non sono buoni predittori di qualità e soddisfazione della relazione. Le persone che inquadrano le loro relazioni come un viaggio possono accettare il conflitto come naturale e inevitabile piuttosto che un segno di guai e insuccessi e possono quindi rimanere imperturbati.

Quindi, la scienza ha usato la metafora dell '"anima gemella"?

Bene, non così rapidamente.

Innanzitutto, mancando di componenti longitudinali e osservazionali, lo studio non ha potuto determinare se gli effetti statistici persistono nel tempo e influenzano la relazione in modo significativo nel futuro. Gli effetti statisticamente significativi non sono sempre significativi nella vita. Se un programma di intervento riduce il numero di tic facciali da una media di 100 tic al minuto a 90 al minuto in un gruppo di pazienti, il risultato potrebbe essere statisticamente significativo (cioè improbabile che sia accaduto per caso), tuttavia potrebbe non costituisce un miglioramento significativo nella vita reale di quei pazienti.

In secondo luogo, gli effetti di "social priming" come quelli studiati qui si sono dimostrati notoriamente difficili da replicare, e l'idea che il priming sottile sia un'influenza importante su come ci muoviamo nel mondo non è stata sufficientemente supportata empiricamente.

Inoltre, le due metafore relazionali incluse nello studio sono solo due fotogrammi di un oceano piuttosto vasto di possibili – e forse comuni – su cui non abbiamo dati; è difficile valutare il significato del confronto tra questi fotogrammi in assenza di contesto. Ad esempio, io scelgo di considerare le nostre relazioni non come "un viaggio" ma come un progetto di "costruzione di ponti", o come "opera d'arte creativa" o come una guerra "noi contro il mondo". Uno (o più ) di queste metafore possono rivelarsi molto più efficaci (o difficili) delle metafore "viaggio" e "anima gemella", rendendo così irrilevanti gli attuali risultati.

Inoltre, lo studio ha esaminato le sue due metafore come fotogrammi separati e opposti. Tuttavia, è molto probabile che le persone nelle loro attuali vite amorose possano combinare queste (e altre) metafore mentre cercano di capire se stesse e le loro relazioni. Non è illogico o improbabile che gli innamorati dica: "La mia anima gemella e io siamo in viaggio". Queste metafore non si escludono a vicenda, e studiarle come tali può equivalere a una distorsione della stessa cosa che gli esperimenti di laboratorio dovrebbero rivelare – il modo in cui sono vissute le nostre vite reali.

Infine, stabilendo che l'anima gemella metafora è meno utile per gestire il conflitto di altri, non necessariamente ne nega il valore. Può rivelarsi prezioso per altri, forse più importanti, usi come sparare alle passioni degli innamorati. E anche se la metafora non fa bene a nulla del genere, potrebbe ancora essere utile nella vita dei suoi aderenti. Dopo tutto, la nostra lealtà e le nostre scelte non sono sempre mezzi per un fine, e non sono misurati solo dai loro risultati, dal loro successo nel contribuire alla nostra efficienza, resilienza, produttività o longevità. A volte accettiamo un'idea perché ci piace: l'efficienza, la produttività e la resilienza sono dannati. A volte accettiamo un'idea e il suo opposto allo stesso tempo, la consistenza è dannata. E a volte ci aggrappiamo ad una nozione cara e anche i fatti sono dannati. Il nostro desiderio di conoscenza fattuale è spesso eguagliato, ed eclissato, dal desiderio di abbracciare il desiderio fantasioso, fluttuare in sogni non plausibili, o essere immersi in una fiammante finzione.

E meno le finzioni sono più abbaglianti di quelle dell'anima gemella.

* Fotografia di Kelly Keeton. Nessuna modifica apportata. Licenza.

Solutions Collecting From Web of "Alla ricerca di un compagno di anima? Puoi fare meglio."