Alla ricerca di Obi-Wan Kenobi

Quando ero un ragazzino solevo passare una mano davanti a mia sorella di 4 anni e, usando il mio miglior trucco mentale Jedi, dicevo qualcosa del tipo "Questi non sono i giocattoli che stai cercando" e "Muoviti" "Quando è venuta nella mia stanza per giocare. Non è mai sembrato funzionare. Urlando e urlando sempre seguito da "Mamma! …. Papà!" O "Sto raccontando!" Nella mia mente ho preso il terreno più alto prima di recuperare la mia spada laser (un metro a nastro retrattile di Stanley con una clip da cintura). Ok, questa non era la Mos Eisley Cantina su Tatooine, ma penso che tu abbia la foto.

Cosa ricordi di più del personaggio di Obi-Wan Kenobi interpretato da Alec Guinness? Era vecchio e debole, ma stranamente potente (ricorda quella cosa chiamata "la forza?"). Era saggio, gentile, gentile e calmo. Parlava poco, ma quando lo faceva era di solito profondo. Nei film, lo ricordiamo come un vecchio eremita che viveva tra le dune che la gente chiamava "Vecchio Ben". Era un generale in età avanzata da una guerra galattica che un tempo era stato un cavaliere Jedi. Ora un guerriero pacifico, lo ricordiamo come il mentore archetipo che aveva sorvegliato un giovane ragazzo, e quando è cresciuto, ha rivelato la sua identità in modo da poter addestrare il nuovo giovane eroe. È stato perfetto. Era autentico È stato stimolante e ci siamo comperati tutti nel 1977, quando il suo fantasma sussurrò a Luke Skywalker di "lasciar andare" e "fidati del tuo istinto". Era un sentimento condiviso poiché tutti noi abbiamo assistito alla piena fiducia e all'accettazione di Luca in un altro. Dopo aver spento il suo sistema di puntamento e aver sparato con successo i siluri che hanno fatto esplodere la Morte Nera, è stato il culmine simbolico della distruzione – si è ribaltato su se stesso e siamo rimasti a ricordare che "La Forza sarebbe stata con noi … sempre".

I classici modelli di monomyth che si trovano nel personaggio di Obi-Wan Kenobi e, inoltre, la trilogia di Star Wars originale, forniscono tutti un arco mitico di narrazione per il quale possiamo vedere il potere trascendente di mentori e modelli di ruolo situati all'interno del motivo di bene vs male. Come scienziato sociale e fan, sono un entusiasta sostenitore dei suoi eroici archetipi e li trovo attraente per i modi in cui evidenziano elementi mancanti della cultura contemporanea.

Oggi troviamo una generazione più anziana di persone che ha paura del mondo in cui i loro figli e nipoti crescono. Hanno buone ragioni per farlo. Alcuni dei miei precedenti articoli in questa colonna descrivono sia le piattaforme socioeconomiche che quelle criminologiche che sono diventate il nostro nuovo terreno di calpestio. La cosa più preoccupante è che da qualche parte nella nostra inclinazione sociale abbiamo perso il beneficio di veri mentori e modelli di ruolo che sono sempre stati validi collaboratori di una bussola morale necessaria per esistere e prosperare attraverso sfide che durano tutta la vita.

La nostra generazione più giovane sta soffrendo oggi perché molti non conoscono la natura della realtà. Afferrano e si aggrappano all'irreale e spesso si identificano con l'allucinazione socialmente indotta dell'ego. I social media, i videogiochi e la cattiva televisione accoppiati con la copertura senza interruzioni di attori e atleti sportivi che non rappresentano più l'essenza del vero mentorato permeano il nostro tessuto sociale. Se uno toglie contratti e approvazioni (soprattutto per gli atleti professionisti), ne troverai molti che sono meno accessibili al cittadino medio.

Il filosofo Jay Ogilvy descrisse questo slancio postmoderno come una caratteristica principale di una mancanza di scopo trascendente. Ha spiegato che la de-costruzione è la conseguenza di una mancanza di fiducia nel progresso e scarso accesso ai consigli di mentori affidabili quando si tratta di fare delle scelte sui nostri obiettivi. "Gli obiettivi non vengono dati perché nella dimensione storica dell'azione intenzionale né nella dimensione verticale di una scala verso il paradiso si può trovare un obiettivo assolutamente fissato per prendere la mira".

Quando stavi crescendo chi era il tuo eroe, il tuo mentore, il tuo modello di comportamento? Era un membro della famiglia? Un supereroe? Un pompiere? Una star dello sport, del cinema o della televisione? Un insegnante, allenatore o leader religioso? Abbiamo tutti avuto dei mentori in un dominio o in un altro e vivono nelle nostre menti e nei nostri cuori nonostante i nostri migliori sforzi per "crescere" e ridurli a fiabe una volta. Ricorda loro e le loro qualità eroiche. Hanno contribuito a creare chi siamo e hanno il potere di dare forma alle nostre generazioni future. È possibile che il tuo mentore-eroe di un tempo possa anche diventare un tutt'uno con il tuo stesso figlio o figlia, nipote o nipote, amico o vicino di casa. Le loro storie e immagini possono illuminare e ispirare. Insieme al solito discorso sul sesso, la droga e l'alcol, forse ora è il momento migliore per fare un'altra "chiacchierata", offrendogli il tuo eroe. Se non lo fai, qualcun altro e le loro menti formative potrebbero trovare un modello di ruolo fuori posto nelle mani di vignette volgari, stelle del cinema mal regolate o innumerevoli atleti e rockstar che ottengono molta pubblicità e possiedono poca responsabilità morale.

L'idea che la vita si risolva in un bene e un male ben definiti è difficile da vivere e persino più difficile da insegnare. Dato così tanto che è già irreale, abbiamo bisogno di ancoraggi palpabili di dignità per illuminare i nostri percorsi. Dobbiamo celebrare la possibilità di un mondo diverso e migliore in cui la mente umana, come lo fu per Luke Skywalker, può diventare la nave del destino per distruggere il nemico. Attraverso la tutela di un eccellente mentore e un modello di ruolo possiamo raggiungere un potere comune. Chi è il tuo Obi-Wan Kenobi?

© Copyright 2014 di Brian A. Kinnaird

Visita la pagina Web del Dr. Kinnaird The Hero Complex

Riferimenti e letture consigliate:

Campell, J. (1956). L'eroe dai mille volti . Meridiano. New York.

Lawerence, J. & Robert Jewett. (2002). Il mito del supereroe americano . Editrice di Eerdmans.
Michigan.

Ogilvy, J. (1995). Vivere senza meta. Doubleday Press. New York.

Siska, W. (luglio 1977). Una boccata di fantasia fresca. Christian Century, pp. 66, 68.

Solutions Collecting From Web of "Alla ricerca di Obi-Wan Kenobi"