Alla ricerca di amore in tutti i posti sbagliati

Per me, New York City è un ambiente alieno, anche se ho vissuto lì per 6 anni mentre frequentavo la scuola di specializzazione. È troppo veloce, troppo rumoroso, troppo grande, troppo frenetico, troppo impersonale e troppo strano per me. Alla fine ho imparato a confinare il mio mondo principalmente al Village, dove vivevo e potevo andare a lezione alla New York University. Ho trovato il villaggio un ambiente gestibile, anche se poi, come ora, il villaggio ospitava un cast interessante ed eccentrico di personaggi. Nel complesso, tuttavia, ho trovato a New York un ambiente freddo, sterile e indifferente.

Per fortuna, vivere a Manhattan non mi ha impedito di avere un gatto. Era la mia compagna più affettuosa, la mia cassa di risonanza, quella che era sempre felice di vedermi tornare a casa, colei che portava conforto, gioia e umorismo nella mia vita ogni giorno. Mi è piaciuta la scuola di specializzazione, ma per me è stato un momento stressante come lo è per molte persone. Non so se sarei sopravvissuto con successo senza il mio gatto.

Sono tornato a Manhattan recentemente per tenere un discorso alla 92nd Street Y e per fare alcune riprese per un programma CUNY-TV sul mio libro, The Animal Connection . Per le riprese, il produttore ha scelto la Humane Society di New York alla 59th Street, appena fuori dalla 2nd Avenue. Ho preso un taxi dal mio hotel e ho trovato una strada che suonava con squadre di costruzione, fischietti di polizia, traffico intasato e gente che camminava in modo frenetico in tutte le direzioni: tipica New York, pensai.

L'edificio che ospita la Società Umana è piuttosto anonimo, riconoscibile per lo più da alcune vetrine che custodiscono animali domestici: casse, ciotole, guinzagli e così via. Entrai, salii alcuni gradini di cemento e mi ritrovai nella sala d'aspetto della clinica veterinaria.

La stanza era bloccata. Non ho visto come più persone o animali potrebbero entrare in esso. C'erano probabilmente una dozzina o più di animali con i loro proprietari. Alcuni erano post-chirurgici, indossavano collant "elisabettiani" fatti di plastica per impedir loro di leccare o masticare le loro ferite. Erano entrati per avere dei punti rimossi o per un controllo post-operatorio? Sembravano imbarazzati per indossare le gorgiere. Altri animali sembravano in buona salute e probabilmente erano a caccia di colpi o di sterilizzazione, cosa che la Humane Society incoraggia vivamente. Altri animali sembravano malati e infelici e avevano proprietari preoccupati.

C'erano alcune coppie cliché. Un uomo afroamericano bello e muscoloso teneva il suo bel pitbull muscoloso vicino al suo fianco. Nonostante la museruola sul cane, e lo stereotipo che i pitbull sono viziosi, questo cane non avrebbe potuto essere più calmo o più educato. In un altro angolo, una giovane donna di origini asiatiche stringe tra le braccia il suo scuotente e terrificante Shi Tzu, parlando con dolcezza e baciandolo in cima alla testa. Penso che sia stato difficile essere un piccolo cane in quella folla. Nel mezzo di uno dei banchi che fiancheggiavano la stanza c'era una donna di mezza età e una chiacchierona che chiacchierava con tutti quanti. Aveva un sostanzioso gatto soriano in una portatrice e lei lo accarezzava costantemente infilando alcune dita attraverso i buchi nella portante.

Altri proprietari, con cani meno facilmente riconoscibili come razze particolari, mise le mani sotto i menti dei loro cani, guardarono nei loro occhi e parlarono in modo tranquillo e rassicurante. I gatti si fecero piccoli nei loro portatori, indietreggiando in orrore felino dall'odore e dalla presenza dei cani, anche se nessuno era così scortese da abbaiare. Potrei dire che i gatti desideravano ardentemente di essere da qualche altra parte che in questa sala d'aspetto.

"Giornata intensa," dissi a uno degli agenti.

"No", rispose lei sorridendo. "È sempre così. C'è un'enorme necessità. "

Dovrei dire che la stanza non era particolarmente grande o carina e certamente non era impressionante nell'arredamento o nel design, ma era pulita e dipinta con colori allegri. La sala d'attesa ronzava di preoccupazioni e ansie diverse, eppure ogni proprietario faceva uno sforzo speciale per comunicare e calmare il proprio animale. La maggior parte dei proprietari si era probabilmente assentata dal lavoro per portare il proprio animale domestico e, naturalmente, avrebbe dovuto pagare le bollette per il servizio veterinario. Non sapevo fino a che punto gli animali domestici e i proprietari di animali domestici avessero viaggiato per arrivare alla clinica veterinaria. Il valore della cura dei propri animali domestici era evidente. Ogni singolo proprietario ha mantenuto il contatto fisico con il proprio animale domestico.

L'amore in quella sala d'attesa affollata era palpabile.

Qui, in una città di edifici freddi e grigi, traffico di clacson, scarico di automobili, martelli pneumatici e persone che chiacchierano, gente che cammina veloce, gli animali ei loro proprietari hanno vissuto insieme e prosperano. Tutti devono aver vissuto in appartamenti e pochi di questi appartamenti possono essere stati spaziosi. Ancora meno appartamenti nel quartiere si affacciavano sulla vegetazione più estesa di alcuni alberi o cespugli. Non potevo vedere un parco o una sorta di spazio aperto pubblico vicino.

Mentre ero alla Humane Society, ho incontrato Flops, un cane bianco e nero amichevole, felice e grande che ha partecipato alle nostre riprese. Ho anche incontrato un bellissimo gatto di marmellata arancione diluito (pallido) di cui ho dimenticato il nome, che soffriva di allergie e seguiva una dieta speciale. Era venuto alla Humane Society che aveva bisogno di una casa, ma era stato adottato da uno degli agenti. Ora viveva comodamente negli uffici del secondo piano, supervisionando il lavoro quotidiano con un'aria di superiorità felina.

Non ho osato visitare l'area in cui vivevano gli animali disponibili per l'adozione. Ho difficoltà ad allontanarmi dai gatti che hanno bisogno di case – per non parlare di cani e cavalli – ma ho già due gatti a casa che si sentirebbero profondamente offesi se portassi indietro un altro.

Nonostante le minime sistemazioni per la natura o lo spazio aperto offerte da New York, queste persone e i loro amati animali domestici erano felici. Non avrei dovuto essere sorpreso di trovare l'amore in tutti i posti "sbagliati". Mi ha dato una nuova speranza per la specie umana. Anche negli ambienti urbani, la connessione animale è reale e forte. Abbiamo bisogno di vivere con gli animali perché ci offrono così tanto, non ultimo dei quali è qualcuno da amare.

Nelle epiche parole di Jefferson Airplane, "Non vuoi che qualcuno ami? Non hai bisogno di qualcuno da amare? "Sì, lo facciamo. Dopotutto, gli umani sono animali intensamente sociali.

Se non mi credi, pensa a questo: la peggiore punizione praticata nelle carceri in paesi ragionevolmente civilizzati è l'isolamento. È molto difficile da sopportare, disorientante e crudele. La reclusione solitaria nega al prigioniero una parte essenziale del suo essere. Inoltre, anche la sicurezza degli altri prigionieri e del personale carcerario deve essere presa in considerazione e alle persone pericolose deve essere impedito di danneggiare gli altri. La tortura di isolamento o una tecnica di gestione?

Diamo un'occhiata ad un altro esempio. I bambini cresciuti senza amore e il contatto amoroso crescono ritirati, danneggiati al cervello, emotivamente danneggiati. Neonati e bambini – e ci sono alcuni casi orribili – chi non ha qualcuno con cui parlare non impara la lingua, sebbene la parola (e altre forme di linguaggio) sia una delle caratteristiche distintive della nostra specie. In altre parole, un bambino a cui viene negato il contatto sociale viene derubato di un elemento di vitale importanza dell'essere umano.

Quindi sì, Jefferson Airplane aveva ragione. Vogliamo che qualcuno ami, abbiamo bisogno di qualcuno da amare. Com'è sorprendente che la connessione tra umani e animali sia così profonda, così antica e così profonda che partecipare a una relazione con un'altra specie possa riempire quel vuoto dolorante e mantenerci umani.

Sai qual è la più grande ironia? I soldi POSSONO comprarti amore. Per una cifra modesta, puoi adottare un animale domestico da un rifugio, un centro di soccorso o una società umana e migliorare la tua vita e quella dell'animale domestico.

Solutions Collecting From Web of "Alla ricerca di amore in tutti i posti sbagliati"