Alimentazione e Bisogno

Pixabay, Public Domain, Free for Commercial use
Fonte: Pixabay, dominio pubblico, gratuito per uso commerciale

In riconoscimento alla National Eating Disorders Awareness Week 2017

Di Anne Malavé, Ph.D.

Tutti abbiamo bisogno degli altri – per essere "nutriti" dalle nostre relazioni interpersonali. Mangiare cibo è spesso solitario; l'alimentazione è sempre interpersonale. La gente con disturbi alimentari ha difficoltà con il cibo e con le persone.

pazienti

"Sapevo che c'era qualcosa di sbagliato", lamenta Moira * , "ho sempre pensato al cibo tutto il tempo ma non ho mai saputo perché". Moira ha un disturbo da alimentazione incontrollata. Si gira verso il cibo per sintonizzarsi e fuggire dallo stress della vita; questo significa anche allontanarsi da colleghi, compagni di stanza, amici e familiari.

"Mi piace sentirmi irreprensibile ", ha detto Rachel , "quando non ho mangiato e me ne vado fuori sento che i miei piedi non toccano terra". Rachel ha un disturbo alimentare anoressico. Lei vuole essere perfetta. Limita il suo apporto di cibo per sentirsi al sicuro e in controllo, oltre a tamponare contro il mondo esterno e allontanarsi dalle altre persone.

"Alla fine del sesso, invece di avere un orgasmo, vomito sulla donna", ha detto Simon , che ha un disturbo alimentare da bulimia. Simon ha una relazione dolorosa con le donne. Quando cresceva le sue sorelle lo prendevano in giro senza pietà; egli desidera essere amato e anche punire.

Moira, Rachel e Simon hanno tutti problemi con l'alimentazione e il bisogno.

Il problema

I disturbi alimentari hanno più radici. I problemi con altre persone possono essere sia causa che conseguenza dei disturbi alimentari.

Arriviamo in questo mondo che ha bisogno di essere curato da altri e, nello specifico, di essere nutriti da altri. Come animali sociali, continuiamo ad aver bisogno di altre persone per tutta la vita. Nelle giuste circostanze sviluppiamo interdipendenze, che si richiedono reciprocamente e sono necessarie in molti modi, tra cui l'alimentazione e l'alimentazione.

Quando le persone sono ferite a livello emotivo – forse non se ne prendono cura adeguatamente quando crescono – possono sviluppare un'avversione ai rischi necessari per costruire relazioni sane. Un disturbo alimentare può essere come un amico affidabile, sorprendente come potrebbe sembrare. Uno ha "controllo" su di esso ed è sempre lì per te. Confortante, anche se doloroso

Anche se mangiare o controllare il proprio mangiare, non nutre, può fare un buon lavoro creando l'illusione di poter ottenere la connessione di cui uno tanto desidera. Il cibo è sempre lì. È infinitamente affidabile, se divorato voracemente, o consumato in minima parte e con grande moderazione.

Psicoterapia

Le persone con disturbi alimentari tipicamente entrano in psicoterapia per trovare modi per superare i loro sintomi, spesso debilitanti. Una psicoterapia interpersonale, come quella che forniamo al William Alanson White Institute, aiuta le persone a riconoscere che lo sviluppo di relazioni nutrienti con le persone è sia possibile che la soluzione migliore: assistiamo con le sfide e i benefici dell'essere umani.

Moira mi ha inondato di richieste da nutrire. Sentivo che voleva che io fossi come una macchina della Coca-Cola, quindi ogni volta che premeva il pulsante consegnavo lo stesso servizio. Ho cercato di aiutarla a capire che esistono modi più efficaci di connettersi con gli altri.

Rachel parlava come se attraversasse una vasta distanza tra noi. Mi sono mosso verso di lei emotivamente e abbiamo lavorato insieme per aiutarla a sentirsi a proprio agio con la vicinanza.

Simon ha guidato con disprezzo e provocazione. Mi ha fatto sapere quanto poco ha pensato di me e quanto mi ha tenuto in disprezzo. Abbiamo esplorato quanto fosse spaventoso per lui riconoscere la sua dipendenza da me e dagli altri. E 'stato difficile.

terapisti

Ci nutriamo tutti. Tutti abbiamo bisogno di essere necessari. I terapeuti hanno i loro bisogni da nutrire. E questa è una buona cosa. Se i terapeuti non ne avessero bisogno, si rimuoverebbero dal tipo di coinvolgimento profondo richiesto per aiutare le persone ad esplorare e ad accettare le loro vulnerabilità. Ma lavorare con persone con disturbi alimentari significa tollerare la solitudine, la fame e il rifiuto. Tutti i terapeuti devono esaminare se stessi, così come quelli con cui desiderano aiutare.

Moira si sentì frustrata dal fatto che non le avevo fornito le forniture di cui aveva bisogno. Lei mi ha provato a negare i regali e così è andata avanti.

Rachel rimase per anni finché non si spostò attraverso il paese per perseguire una nuova carriera. Con la mia curiosità e la sua volontà, abbiamo creato un forte legame che è stato espresso dal suo impegno con altre persone.

Simon è stato dentro e fuori dal trattamento, come con le maree del suo disturbo. L'ultima volta che l'ho visto aveva "conquistato" le sue altre dipendenze (porno, droghe, alcol e gioco d'azzardo), ma il suo disturbo alimentare era saltato in aria. Ha lasciato a me dei soldi. Non so se tornerà.

Essere umano

Nutrire significa sentire il bisogno di altre persone. Ciò richiede di tollerare la nostra vulnerabilità e sviluppare la capacità di sopportare a volte l'assenza delle cure per le quali desideriamo ardentemente. Essere umani comporta molti rischi perché i nostri bisogni non sempre coincidono: ciò che le persone pensano di volere potrebbe non essere ciò di cui hanno bisogno o ciò che è possibile ottenere in un dato momento. Essere delusi è una parte preziosa dell'essere umano, come lo è la realizzazione, la connessione e il sollievo.

Abbiamo tutti bisogno. E tutti abbiamo bisogno di essere nutriti. La psicoterapia per le persone con disturbi alimentari può essere difficile. La prognosi è scarsa, le prospettive di recupero a lungo termine sono basse e i tassi di recidiva sono elevati. Eppure ci sono profonde soddisfazioni e risultati impressionanti. Ogni tanto sento ancora Rachel, che mi fa sapere che a causa del nostro lavoro insieme i suoi piedi toccano ancora terra.

* Tutte le informazioni identificative sono state camuffate e / o composte per la privacy del paziente.

Anne Malavé, Ph.D. , È uno psicologo clinico-psicoanalista; Laurea, Supervisore e Facoltà; e Steering Committee Membro del servizio di disturbi alimentari, compulsioni e dipendenze presso l'Istituto William Alanson White. Il Dr. Malavé mantiene uno studio privato con uffici a Columbus Circle, New York City e Upper Dutchess County, NY. Lavora con persone con disturbi alimentari, dipendenze e altri problemi. Per maggiori informazioni vedi www.wmhcnyc.org.malav o e-mail Drannemalave@aol.com.

Solutions Collecting From Web of "Alimentazione e Bisogno"