Alcuni pensieri su genetica e educazione

Ogni anno insegnanti di tutto il mondo accolgono nuove classi di bambini. Ogni bambino che vedono davanti a loro è visibilmente unico e li presenterà con sfide diverse man mano che l'anno avanza. Alcuni impareranno facilmente e bene mentre altri troveranno difficile imparare e hanno bisogno di ulteriore supporto. Alcuni, specialmente i più giovani, avranno bisogno degli adulti in classe per aiutarli con la lettura e il numero, altri con concentrazione e tranquillità, e altri ancora con gli amici. I bambini particolarmente vulnerabili possono aver bisogno di aiuto in tutte queste aree. I bambini differiscono ed è quindi importante che le scuole offrano opportunità uguali ma diverse di apprendere e svilupparsi. Gli insegnanti comprendono che molte delle differenze che vedono tra i bambini sono influenzate sia dai geni che dalle esperienze. Lo dico con fiducia perché solo pochi anni fa alcuni ricercatori del TEDS (Early Development Study) di Twins, con sede nel Regno Unito, hanno interrogato esattamente centinaia di insegnanti della scuola primaria e oltre il 90% ha dichiarato di ritenere che la natura avesse almeno un impatto come nutrimento per le differenze tra gli studenti nel modo in cui imparano. Quello che gli insegnanti vedono in classe è esattamente ciò che gli scienziati vedono nei dati. Nessuna controversia lì.

Eppure, quando è riconosciuto pubblicamente che l'affermazione dei bambini a scuola è influenzata dai geni, spesso accade un momento in cui i bambini sono in tumulto. Mettere genetica e educazione nella stessa frase è un tabù moderno. C'è una tendenza per le persone a rabbia rapidamente e per iniziare a gettare accuse e supposizioni che servono solo a rimpiazzare il tumbleweed con una nebbia di paura e odio. Qualcosa di simile a questo è accaduto di recente nel Regno Unito quando un saggio di Dominic Cummings, consigliere speciale del Segretario di Stato per l'educazione del Regno Unito, è trapelato alla stampa. Sebbene solo una parte del saggio di Cummings parlasse di genetica e educazione, questa fu la frazione che catturò l'attenzione dei media e l'interesse pubblico. Era prevedibile che nelle migliaia di commenti che apparvero rapidamente nella stampa vennero bandite parole come "eugenetica".

Ho una certa comprensione per le ansie che stanno alla base di questa reazione. Sappiamo tutti che c'è una sfortunata storia di ricerca genetica usata sia per il male che per il bene. Tuttavia, rende sicuramente ancora più importante discutere obiettivamente le scoperte scientifiche in questo settore e decidere come società come vogliamo usarle. Quando le barriere si alzano alla semplice menzione della parola "genetica", una tale discussione non è possibile. Naturalmente nessuno vuole credere che le abilità e i risultati dei bambini siano determinati dai loro geni, o che le azioni di genitori e insegnanti non contino nulla. E loro non devono. L'evidenza è chiarissima che sebbene i geni siano una grande influenza sulle differenze tra i bambini, non determinano nulla. Accettare l'influenza dei geni non implica accettare il determinismo genetico e farlo in realtà vola di fronte alle prove. La genetica comportamentale riguarda la probabilità e non la profezia. Ci dice molte cose sulle differenze tra i bambini, ma nulla del potenziale di un singolo bambino, o anche l'importanza relativa dei geni e dell'esperienza per quel particolare bambino. Ci dice che entrambi i geni e l'esperienza sono importanti e che la natura e l'educazione lavorano insieme.

Insegnanti e genitori hanno un ruolo vitale da svolgere nel coltivare il potenziale naturale. Pensa, ad esempio, a come i bambini imparano a leggere. Non ha assolutamente senso dire che la lettura è genetica. Se ai bambini non è stato insegnato a leggere ed esposto a molta stampa, semplicemente non imparerebbero, indipendentemente dal loro DNA. Dove entrano in gioco i geni sta influenzando la rapidità e il modo in cui imparano a leggere. I geni sono una parte importante della ragione per cui alcuni bambini sono persi nelle opere di Roald Dahl all'età di 7 anni, mentre altri ancora lottano con frasi semplici. Siamo a una distanza considerevole dal sapere esattamente quali geni (e per quel che riguarda le esperienze) influenzano le differenze individuali nell'apprendimento, ma è probabile che il tempo arrivi. Potremmo persino raggiungere uno stadio in cui siamo in grado di esaminare il rischio genetico per le abilità di apprendimento e le disabilità. Ciò significa che abbiamo bisogno di una seria discussione ora se vogliamo essere pronti a utilizzare le prove e le nuove tecnologie in modo corretto e saggio, al servizio di una buona società, se e quando arriverà quel momento.

Quindi, rimuoviamo il tabù sulla genetica nell'educazione e iniziamo a parlare. Il dibattito dovrebbe riguardare il modo in cui usiamo le prove esistenti per migliorare le nostre scuole e offrire migliori opportunità a tutti i bambini e i giovani, in particolare a coloro che non riescono a prosperare nel sistema attuale. Nel nostro libro, G è per Genes: l'impatto della genetica sull'educazione e il conseguimento , Robert Plomin e io presentiamo alcune delle più interessanti e importanti scoperte genetiche comportamentali riguardanti l'educazione. Copriamo le 3R, la scienza, lo sport, le abilità cognitive, i bisogni educativi speciali e l'ambiente scolastico e spieghiamo cosa significa influenza genetica – e cosa non fa – in ogni caso. Nella parte finale del libro facciamo un salto nel buio e speculiamo su politiche e pratiche educative che potrebbero avere senso alla luce delle prove. Le nostre raccomandazioni provvisorie riguardano argomenti relativi al curriculum, bisogni educativi speciali, attività extra-curriculari, formazione degli insegnanti e dimensione della scuola. Andiamo fino a suggerire che cosa potrebbe sembrare una scuola geneticamente sensibile, non perché lo sappiamo ma perché vogliamo scatenare il dibattito.

La nostra conclusione principale è che un sistema educativo geneticamente sensibile dovrebbe essere interamente dedicato all'apprendimento personalizzato, dando ad ogni bambino esattamente ciò di cui ha bisogno per andare il più lontano possibile nella nostra società. I bambini arrivano in tutte le forme e dimensioni, con ogni sorta di talento e personalità. Pensiamo che potrebbe essere il momento di usare le lezioni di genetica comportamentale per creare un sistema scolastico che celebri e incoraggi questa meravigliosa diversità.

G è per Genes è pubblicato da Wiley Blackwell il 21 novembre 2013.

Questo post è stato adattato da uno scritto per la rivista politica del Regno Unito, The Spectator, pubblicato on-line il 17 ottobre 2013.

Solutions Collecting From Web of "Alcuni pensieri su genetica e educazione"