Alcune vitamine e minerali possono ridurre la tossicità alcolica

Risultati promettenti per alcune vitamine del gruppo B, vitamina C, magnesio e zinco

Questo post è il sesto di una serie sugli approcci non farmacologici per la gestione dei sintomi correlati all’alcol e all’abuso di droghe e alla sospensione e alla riduzione del rischio di recidiva. I post precedenti hanno commentato l’evidenza di integratori naturali, corrente elettrica debole e consapevolezza per ridurre l’uso di droghe e alcol e trattare i sintomi di astinenza. Questo post è offerto come una rassegna concisa delle prove per alcune vitamine del gruppo B, vitamina C, magnesio e zinco per ridurre la voglia di alcol.

Il consumo cronico porta a carenze in diverse vitamine del gruppo B.

I bevitori cronici sono spesso carenti di diverse vitamine del gruppo B, tra cui tiamina, acido folico, B-6 e B-12 a causa di effetti tossici dell’alcool sul rivestimento mucoso dello stomaco e dell’intestino tenue che interferiscono con il normale assorbimento. Il convenzionale trattamento medico occidentale dell’encefalopatia di Wernicke, una condizione di confusione acuta e delirio a volte visto nell’abuso di alcool pesante cronico, è la somministrazione endovenosa di tiamina seguita da una supplementazione di tiamina orale da 500 mg al giorno.

Alcune vitamine del gruppo B e vitamina C possono ridurre la brama, aumentare la clearance alcolica dal sangue e ridurre la gravità dei postumi di una sbornia

Studi su animali suggeriscono che bassi livelli sierici di tiamina sono associati ad un aumento di desiderio di alcol (Zimatkin 1996). Esistono prove che la vitamina niacina B sotto forma di nicotinamide dosata a 1,25 grammi assunta con un pasto prima di bere può proteggere il fegato dagli effetti tossici acuti dell’alcool in individui che hanno recidivato o non sono in grado di astenersi (Volpi 1997). La niacina sotto forma di acido nicotinico può ridurre il rischio di sviluppare dipendenza da alcol interferendo con la sintesi di una sostanza simile alla morfina che si forma quando l’acetaldeide, un metabolita dell’alcol, si condensa con la dopamina (Davis 1970).

Per le persone che non riescono a smettere di bere, l’assunzione di vitamine antiossidanti vicino al consumo di alcol può ridurre o prevenire i sintomi della sbronza neutralizzando i metaboliti dell’alcool che causano danni ossidativi al corpo e al cervello (Altura 1999, Marotta 2001). I risultati di un piccolo studio aperto che ha arruolato 13 maschi sani suggeriscono che l’assunzione di vitamina C prima di bere può aumentare la velocità con cui l’alcol viene eliminato dal sangue. Prendendo 2 grammi di vitamina C un’ora prima del consumo di alcol aumenta la velocità con cui l’alcol viene eliminato dal sangue e può ridurre gli effetti tossici acuti sul fegato (Chen 1990). Questo significato di questo risultato è limitato dalle piccole dimensioni dello studio e dall’assenza di accecamento e di un gruppo di controllo.

La supplementazione di magnesio e zinco può migliorare i deficit neuropsicologici causati dal consumo cronico

    L’integrazione di magnesio da 500 a 1500 mg al giorno può migliorare i deficit cognitivi associati all’abuso di alcol cronico migliorando il flusso ematico cerebrale, che è spesso ridotto negli alcolisti cronici (Thomson 1988). Le carenze di zinco, rame, manganese e ferro sono comuni negli alcolisti e peggiorano con il loro uso continuato. Il danno diffuso delle cellule nervose che è frequentemente associato all’uso di alcol cronico è probabilmente causato da bassi livelli di zinco nel siero che promuovono una maggiore formazione di radicali liberi dannosi (Menzano 1994).

    Linea di fondo

    La maggior parte dei risultati della ricerca su vitamine del gruppo B, vitamina C e altri integratori per ridurre il consumo di alcolici, controllare la brama e mitigare gli effetti tossici dell’alcool sul corpo e sul cervello provengono da piccoli studi condotti molti anni fa che non sono stati replicati da grandi soggetti controllati con placebo studi. Nonostante la scarsità di prove per questi integratori, selezionare vitamine del gruppo B e vitamina C hanno effetti benefici generali ben stabiliti a molti livelli del corpo e del cervello, non hanno rischi associati e possono attenuare gli effetti tossici dell’abuso di alcol in alcuni casi.

    Chiunque stia lottando con un grave problema di alcol dovrebbe cercare assistenza professionale .

    Tuttavia, i forti bevitori che non sono in grado di smettere di bere o di bere alcolici moderati, possono trarre beneficio dall’integrazione con selezionate vitamine B, vitamina C, magnesio e zinco a causa dei loro effetti neuroprotettivi e antiossidanti sul corpo e sul cervello.

    Riferimenti

    Abuso di alcool e droghe: la soluzione di salute mentale integrativa, J. Lake MD