Alcune pratiche genitoriali con il tuo adolescente da considerare

Carl Pickhardt Ph.D.
Fonte: Carl Pickhardt Ph.D.

A causa della varietà di culture, circostanze, individui e famiglie, non esiste un insieme di pratiche genitoriali positive per allevare adolescenti che funzionano per tutti in ogni situazione.

Tuttavia, mentre questa diversità è la regola, credo che un obiettivo comune di queste pratiche sia lo stesso: aiutare i genitori a rimanere affettuosamente e influentemente connessi al loro adolescente, mentre l'adolescenza li fa crescere indipendentemente, come dovrebbe fare.

Con la condizione che nessun approccio si adatta a tutti, quanto segue sono alcune pratiche osservate negli anni che possono (o non possono) avere un valore utile. In nessun modo un elenco esauriente, e in nessun ordine particolare, quanto segue sono alcuni che potresti prendere in considerazione.

Usa linguaggio operativo : quando dichiari i tuoi bisogni e desideri, attieniti a parlare di comportamenti o eventi specifici ed evita gli abstract o le generalità. Dicendo al tuo adolescente che non agisce "responsabile", ad esempio, comunica la disapprovazione, ma non specifica esattamente a cosa ti opponi. Meglio "rendere operativa" la comunicazione (vedi Giovanni Narciso, "Dichiarare te stesso") descrivendo ciò che il giovane sta effettivamente facendo o non facendo ciò che ti fa usare quel termine di disapprovazione. Più chiaro per dire: "Quando stipuli un accordo con me, ho bisogno di tenerlo, così come mantengo i miei impegni con te. Considero che onorare gli accordi sia una condotta responsabile, e ho bisogno che parliamo di questo. "

Tratta il conflitto come comunicazione : quando sei in disaccordo con il tuo adolescente, trattalo come un informatore, non come un avversario. Il conflitto non deve essere uno scambio ostile. Invece di rispondere al conflitto come una sfida alla tua autorità, o come una gara per vincere, considerala un'opportunità per capire meglio il pensiero e il sentimento del tuo adolescente e per farti capire meglio. Quindi, con questa comprensione reciproca più completa, cerca di creare una soluzione – forse per fare qualche cambiamento, forse no. "Voglio sentire quello che hai da dire sul problema tra noi, vorrei che tu sentissi quello che ho da dire, e nel prendere la mia decisione rimarrò ferma dove devo, ma sarà flessibile dove posso. ”

Differenze al ponte con interesse : piuttosto che criticare una differenza non familiare nel tuo adolescente, chiedi aiuto per comprenderlo. L'adolescenza è un viaggio nel territorio di vita non familiare in cui il giovane sperimenterà molti nuovi interessi e credenze nel corso della crescita. La maggior parte di questi sarà di prova e non di natura terminale. (Quel tipo di vestito non durerà per sempre.) Ignorare o criticare la differenza la trasforma solo in una barriera che separa la relazione. Meglio renderlo un ponte per connetterti entrambi esprimendo interesse e chiedendo un po 'di educazione. Ora può verificarsi un potente inversione di ruolo. Essere lo studente e il tuo adolescente come insegnante può essere un'esperienza stimolante per l'adolescente. "Questo gioco per computer è totalmente al di fuori della mia esperienza. Sei più esperto qui. Puoi spiegarmi e mostrarmi come si gioca, quindi posso capire meglio? "

Empateticamente correlare : prova a camminare nelle "scarpe dell'esperienza di vita" dell'adolescente sentendo come potrebbe sentirsi. Chiamate questa empatia o sensibilizzazione emotiva o sensibilità, ma l'espressione di questa risposta sentita ai sentimenti dell'adolescente può essere potentemente connettere. Quando il genitore dice: "Se avessi l'esperienza che hai appena descritto, anch'io mi sentirò arrabbiato", l'adolescente si sente accettato, supportato e non solo. Mantenere la sua compagnia emotiva mantiene genitori e adolescenti vicini durante un momento difficile. "Sentivo che mia madre sapeva davvero cosa stavo passando. Era davvero lì per me. "

Significa quello che dici : se vuoi qualcosa dalla tua adolescente abbastanza da chiedere o chiederlo, allora segui con abbastanza supervisione per vedere che viene fatto. Nell'adolescenza c'è spesso più resistenza passiva alle richieste dell'autorità degli adulti. Il giovane spesso scopre che se ritarda il rispetto di una richiesta dei genitori abbastanza a lungo, i genitori possono dimenticare o rinunciare o fare a meno o addirittura fare a se stessi quello che stavano volendo. Quindi, quando i genitori non riescono a perseguire ciò che chiedono, possono minare i loro sforzi. Per l'adolescente, questa incoerenza mostra che a volte significano ciò che dicono e altre volte no. Dato questo doppio messaggio, è probabile che l'adolescente voti per "non farlo". Meglio che l'adolescente si fidi della parola del genitore: "Quando mia madre fa una regola o una richiesta, so che lei intende ciò che dice".

Usa la correzione non valutativa : prendi in considerazione le scelte dell'adolescente per cattiva condotta, ma non giudicare o criticare il loro carattere. Quando la correzione dei genitori è accompagnata da critiche personali, tende a essere disconnessa. "Quando mio padre inizia a rimandarmi, smetto di ascoltare ciò che ha da dire." È meglio che i genitori siano più obiettivi e si concentrino solo sul processo decisionale. "Non siamo d'accordo con la scelta che hai fatto, questo è il motivo per cui, questo è ciò che dobbiamo accadere ora, ed è ciò che speriamo tu apprenda". La correzione che ha un valore educativo duraturo è solitamente critica.

Fai un'audizione : lascia che l'adolescente abbia piena voce in capitolo su ciò che conta per loro, specialmente se in disaccordo o insoddisfazione nei tuoi confronti. Poiché gli adolescenti sono più inclini a essere oppositori dei genitori e perché i genitori sono spesso più inclini ad opporsi ad alcune libertà che l'adolescente vuole, è facile per la frustrazione di entrambe le parti intromettersi. A volte, l'accettazione da parte di adolescenti di un rifiuto o richiesta impopolare dei genitori può essere resa più facile per un giovane se viene fatto un comune compromesso. Quando i genitori permettono rispettosamente all'adolescente di farla dire, è più probabile che gli venga data la loro strada. Così il giovane spiega: "Anche se non ho ottenuto quello che volevo, almeno loro hanno a cuore abbastanza da sentirmi uscire".

Ascoltate al momento : poiché l'autorivelazione adolescenziale dipende dalla prontezza psicologica, fate attenzione quando l'adolescente vuole condividere. L'adolescente che dice "Non ho voglia di parlarne adesso", non sta mentendo. L'apertura a parlare di problemi personali dipende dall'essere nell'umore giusto o in un luogo emotivo, che può rivelarsi un momento negativo o scomodo per il genitore. Quindi, quando l'adolescente è abbastanza stanco a notte fonda per parlare delle difficoltà della sua giornata, il genitore stanco che ha fame di sonno rimane sveglio per ascoltare. Il genitore sa che rimandare l'adolescenza a confidarsi fino a un altro "migliore" tempo significa perdere una comunicazione importante. La misteriosa apertura per la condivisione personale sarà passata. Quindi, quando si tratta di ascoltare, i genitori devono cogliere l'attimo.

Worry Well: usa la preoccupazione costruttiva per aiutare l'adolescente, che è spesso concentrato sul presente, a imparare a pensare al futuro. Sebbene un carico che aumenta man mano che gli adolescenti spingono verso un'esperienza più mondana, la preoccupazione dei genitori può avere un valore preparatorio. Non sta smorzando il piacere degli adolescenti o rovinando il suo futuro per prevedere possibili problemi o pericoli. La preoccupazione dei genitori rallenta il giovane abbastanza a lungo da pensare al di là del potere del piacere immediato di considerare le complicazioni che potrebbero sorgere. La condizione genitoriale sul considerare una nuova libertà deve essere quella prima che venga preso in considerazione il permesso, ci sarà qualche discussione sulle domande "e se?" E "solo supponiamo?". Sono incluse idee per far fronte nel caso in cui si verifichino indesiderati. "Immagina solo che le persone con cui andrai alla festa inizino a diventare veramente ubriachi o alti, come pensi di prenderti cura di te?"

Fornire una struttura familiare : creare un sistema di richieste e limiti che promuova la responsabilità e fornisca sicurezza da cui l'adolescente può dipendere. Solo perché l'adolescente amante della libertà resiste e si risente dei vincoli e delle esigenze della struttura familiare non significa che non abbia bisogno, e nemmeno li voglia. A un'età in cui l'adolescente capisce che i genitori non possono costringerlo o fermarlo senza la sua collaborazione, sa che segue le sue stesse scelte, non i suoi genitori. Questo è il motivo per cui egli protesta le regole della struttura familiare, ma per lo più accetta di andare con loro comunque. Ha più libertà di quanto sappia gestire e sapere. Così i genitori vengono criticati per essere "troppo protettivi" da un adolescente che è segretamente sollevato perché la protezione è lì. Anche i suoi genitori lo sanno: "Il nostro impopolare compito è di dargli una gabbia di regole e restrizioni da far tremare mentre cresce e di lamentarsi per i nostri sforzi".

Support Speaking-Up : dichiarazione parlata di benvenuto (anche argomentazione) perché è auto-espressiva e pratica per dire la propria. L'adolescente che evita di parlare con i genitori è anche improbabile che parli con gli altri adulti, e anche con i pari, incapace di dichiarare i propri desideri, fissare limiti, entrare in disaccordo, difendere le proprie convinzioni personali e promuovere se stessi. I genitori altamente autoritari che si comportano come un bambino e un adolescente dovrebbero essere visti ma non sentiti fare questo giovane senza favore. Alla fine, quando si diplomano, la sua abitudine di chiudersi può impedirle di negoziare la sua strada attraverso il mondo in cui gli adulti devono essere abitualmente affrontati. Parlare è un'abilità socialmente assertiva per tutti gli usi. Proprio come la nostra Costituzione protegge la libertà di parola; a casa con i loro genitori adolescenti dovrebbero incoraggiare liberamente e rispettosamente parlando.

Insegnare la responsabilità : Permetti all'adolescente di capire che quando si tratta di libertà, tutte le scelte arrivano con un bagaglio chiamato "conseguenze". Possedendo quella scelta / connessione, viene insegnata la responsabilità personale. Quando i genitori intervengono tra una povera scelta di adolescenti e una conseguenza infelice, l'apprendimento di una preziosa lezione dalla dura esperienza è perso, forse rimandando quell'educazione fino a un altro giorno, salvando il giovane dall'apprendimento nel modo più duro. Gran parte della preparazione degli adolescenti deriva dall'educazione basata sull'errore, dall'esperienza di prove ed errori. Spesso doloroso da trarre profitto, ci può essere un effetto duraturo positivo. "Ho imparato molto: non lo farò mai più!"

Offri l'autopresentazione : fatti conoscere in modo che l'adolescente possa trarre profitto dalla tua esperienza di vita. Ciò che i genitori fondamentalmente danno al loro adolescente è chi e come sono. Connessioni di similarità possono essere opportunità di auto-rivelazione. "A volte sei come me, penso", ha spiegato un genitore al suo adolescente, "posso facilmente essere frustrato e tentato di dire cose di cui poi mi pento. Ho dovuto lottare con questo. Per quello che valgono, ecco alcune strategie che uso per evitare di farmi scattare. "La condivisione degli eventi può essere un'opportunità di autorivelazione. Quindi, quando un genitore perde un lavoro, descrive ai suoi ragazzi come è successo, la necessità di abbassare le spese di soggiorno e come sta procedendo a cercare una nuova posizione. Ora l'adolescente sta imparando da un genitore come affrontare e recuperare dalla disoccupazione improvvisa, un'esperienza di vita molto comune. Particolarmente potenti possono essere i genitori. Svelare se stessi Errori che hanno fatto crescere. Gli adolescenti possono trarre profitto dalla difficile esperienza dei genitori. "Perché mio padre ha bevuto e guidato all'università e si è fatto male, non ho mai mescolato bere e guidare me stesso."

Modella quello che vuoi : usa il trattamento che offri per incoraggiare il trattamento che desideri dal tuo adolescente. "Sono un venditore", ha spiegato un papà. "Cerco di trattare la mia famiglia con tutta la considerazione e la cortesia che offro ai miei clienti, e poi ancora di più perché la mia famiglia è chi amo". I genitori forniscono modelli primari su come agire nelle relazioni. Ogni interazione che un genitore ha con i suoi adolescenti è un esempio istruttivo di trattamento che si aspetta e incoraggia in cambio. Per il cattivo può essere un genitore che urla all'adolescente di smettere di urlare e incoraggia così il comportamento stesso che vuole fermare. Per influenzare il cambiamento nel comportamento dell'adolescente, a volte basta cambiare il tuo. Per il bene può essere un genitore che è calmo e ragionato in conflitto da cui l'adolescente, quando è in disaccordo, impara ad agire allo stesso modo. Il conflitto può creare somiglianza: in questo caso, l'adolescente arriva a imitare la condotta che sua madre ha mostrato.

Le pratiche genitoriali sono scelte. La genitorialità è un processo molto creativo, improvvisato e intraprendente, mentre gli adulti responsabili si sforzano di mantenere una connessione rilevante con un adolescente in rapida crescita. Questo mi fa sempre ricordare il vecchio slogan di IBM: "il futuro è un obiettivo mobile". Nella genitorialità, così è l'adolescenza, quando i genitori devono costantemente adeguare la propria percezione mentre il processo del cambiamento evolutivo si svolge. È facile per i genitori sentirsi in perdita, bloccati e bloccati, in punti durante questo passaggio complicato, che è ciò che può rendere utili i raduni di supporto dei genitori. Suggerimenti e idee di altri genitori possono ispirare nuovi approcci e rafforzare la risoluzione.

Come esempio finale, considera una pratica che una madre ha contribuito a un recente incontro. In discussione era come rispondere ai persistenti tentativi di ritardo del figlio della sua scuola media- "Lo farò tra un minuto", "Prometto di farlo più tardi", "Mi hai già detto!" Come avrebbe potuto incoraggiare una cooperazione più tempestiva? "Attesa attiva" era la sua soluzione. Lei lo ha descritto così.

"Quando chiedo qualcosa da fare, non concedo più di cinque minuti di ritardo. Quindi, se è scappato con una promessa nella sua stanza e ha chiuso la porta, ho appena bussato ed entrare con un sorriso amichevole sul mio viso e stare proprio accanto a dove è seduto o sdraiato. Non dà il benvenuto alla mia compagnia, ma continuo a dargli il mio sorriso allegro senza dire una parola. "Mamma!" Borbotta. "Che cosa stai facendo qui, perché sei lì a guardarmi in quel modo?" "Sto solo aspettando", sorrido in risposta. "Per cosa?" Chiede. "Perché tu faccia quello che ho chiesto", spiego con voce amichevole. "Ho detto che ci arriverò tra un minuto!" Si lamenta. "Va bene," rispondo. "Aspetterò dovunque tu sia finché non lo farai."

Ora ero curioso. "Questo è tutto? È "l'attesa attiva?" "" Sì "sorrise lei. "E di solito funziona come un incantesimo."

Così ho aggiunto un'altra possibile pratica genitoriale positiva alla mia lista.

Per maggiori informazioni sugli adolescenti genitori, vedere il mio libro, "SOPRAVVIVERE L'ADOLESCENZA DEL TUO BAMBINO (Wiley, 2013). Informazioni su: www.carlpickhardt.com

La voce della prossima settimana: quando i genitori chiamano il loro nome, chiamano il loro ragazzo

Solutions Collecting From Web of "Alcune pratiche genitoriali con il tuo adolescente da considerare"